ADSL in mano a 585mila italiani

Telecom Italia promette l'estensione della copertura ADSL, già attiva a macchia di leopardo in 1.300 comuni. E lancia un ADSL che si paga per minuto di connessione. Fastweb intanto rilancia la propria versione dell'ADSL

ADSL in mano a 585mila italianiRoma - Si avvicinano rapidamente alle 600mila unità gli utenti italiani di connettività ADSL. Ad affermarlo è stato ieri l'amministratore delegato di Telecom Italia Riccardo Ruggiero, secondo cui entro il 2004 è realistico prevede che il numero di utenti salga a quota 1,4 milioni.

Secondo Ruggiero molto si deve, com'è ovvio, al procedere della copertura territoriale dei servizi ADSL. Sebbene in molte città gli utenti riscontrino una disponibilità del servizio "a macchia di leopardo", con l'esclusione di certe zone, Ruggiero ha tenuto a sottolineare che già oggi "con le 2.100 nuove centrali in tecnologia ADSL già predisposte, il servizio copre oltre 1.300 comuni, corrispondenti al 74 per cento degli utenti di Internet". Ruggiero ha anche affermato che la copertura continuerà ad aumentare e coinvolgerà prossimamente altri 150 comuni italiani.

Le parole di Ruggiero hanno accompagnato ieri il lancio della nuova offerta ADSL di Telecom Italia rivolta esplicitamente alle famiglie. Si tratta di "Alice Time", una soluzione che punta su un prezzo di connessione definito "più basso della telefonata urbana".
Le tariffe di Alice Time, infatti, sono calcolate sul tempo di connessione, che costa 1,50 eurocentesimi al minuto, Iva inclusa. Un tipo di tariffazione, dunque, che si slega dal tradizionale tipo di accesso "flat" ADSL che non prevede calcolo dei minuti ma canone mensile che copre l'intera connettività. Segno, evidentemente, che nonostante le perenni proteste per i "costi al minuto" Telecom ha individuato una nuova possibile nicchia di mercato.

Alice Time sarà disponibile a partire dal 17 ottobre e prevede due opzioni. La prima è un accesso ADSL con canone di 12,95 euro al mese (Iva inclusa) ma senza modem. La seconda prevede il kit autoinstallante con modem e filtri e canone a 15,95 euro. Il tutto con una banda potenziale, ma non garantita, da 256 Kbps in downstream e 128 in upstream.

La banda potenziale passa invece a 640/128 Kbps con "Alice 640", che prevede un canone mensile e nessun addebito al minuto. Il canone, senza modem, è di 49,95 euro al mese, Iva inclusa e di 52,95 euro con modem e kit auto-installante.
Una terza offerta, "Alice Mega", porta la banda potenziale a 1028/256 Kbps in cambio di un canone mensile da 59,95 euro, Iva inclusa. L'opzione modem più kit costa invece 62,95 euro, sempre Iva inclusa.

Fino a fine anno per le nuove offerte Telecom non si paga l'attivazione ma si può scegliere di pagare 89,95 euro qualora si richiedesse l'installazione a domicilio da parte di un tecnico.

Ma ieri c'è stato anche il rilancio da parte di Fastweb dell'offerta ADSL a 2 megabit e di una nuova formulazione ADSL. Ecco i dettagli.
TAG: adsl
139 Commenti alla Notizia ADSL in mano a 585mila italiani
Ordina
  • Ci sarebbe da protestare secondo me si ma non per avere adsl che fra un po' di anni arrivera' ovunque ma del costo SPROPOSITATO rispetto all'utente che non e' ancora raggiunto.
    Nel 2002 se non si ha ADSL, non si hanno flat e se ci sono sono sicuramente o inevitabilmente diventeranno delle bufale, le chiamate a tempo costano il doppio delle chiamate vocali secondo me e' su questo che il popolo non ADSL dovrebbe battersi e in maniera dura... contro la padrona delle TELECOMunicazioni!!
    non+autenticato
  • Ho attivato da circa 1 mese fastweb adsl, e posso assicurare che la velocità effettivamente è notevole.
    Anche il servizio tecnico è preparato e gentile.
    non+autenticato
  • ...scusate, magari è un idea assurda, ma un sito autorevole come Punto Informatico non potrebbe dedicare una parte ad una raccolta di firme da produrre a telecom italia per almeno far vedere a quei malandrini che c'è qualcuno che vorrebbe utilizzare questo prodotto di mamma telecom anche se, potendo, preferirebbe tagliarsi i cavi del modem per dispetto ....
    non+autenticato
  • Vivo nel Veneto e precisamente sulla costa adriatica nel comune di Caorle che vive per l' 80% di turismo. Ho constatato che Telecom ha attivato le centraline adsl nei cinque comuni adiacenti il nostro.
    Noi abbiamo bisogno di avere contatti con l'estero, comunichiamo con i nostri clienti via mail, offriamo i nostri servizi via internet e siamo costretti a utilizzare le linee analogiche ancora a 56k, vergognosamente lente.
    Domandando a Telecom quando avranno intenzione di attivare anche la ns centralina, abbiamo ricevuto come risposta "...non lo sappiamo, quando il fornitore avrà la disponibilità..."
    Non credo sia un giusto per noi che abbiamo bisogno della rete per lavorare.
    non+autenticato
  • Siccome è un oltre un anno che stiamo aspettando la cablatura della nostra centrale locale abbiamo deciso un gruppo di cittadini di sottoscrivere una serie di contratti ALICE da inviare poi a Telecom Italia che ad ogni nostra interrogazione sul "quando" ci ha sempre risposto che non c'era richiesta.
    Ora la richiesta arrivera' e saranno diversi a sottoscriverla in questo "quartiere" di 5000 abitanti; vediamo adesso quale sara' la risposta dell' Azienda.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 46 discussioni)