Gaia Bottà

Su eBay Italia si abbatterà una class action

Ritardi nei trasferimenti di denaro, mancata trasparenza: Telefono Antiplagio minaccia la class action contro eBay e contro PayPal. Mentre una petizione chiede al sito d'aste di ripristinare il doppio feedback, migliorato

Roma - Fuoco e fiamme su eBay, gli utenti minacciano boicottaggi e class action, reclamano i propri diritti. Non piace la stretta relazione che intercorre tra eBay e PayPal, imposta agli utenti, non piace il fatto che le transazioni PayPal sfuggano al controllo e si completino in maniera poco trasparente, non piacciono le nuove regole che governano il mercato delle aste.

È il momento di una class action: questa la minaccia che giunge da Telefono Anti eBay divisione dedicata ad eBay di Telefono Antiplagio. Nel mirino dei consumatori ci sono le pratiche commerciali di PayPal, nel mirino c'è il comportamento di eBay, piattaforma attraverso la quale si perpetrano truffe di cui all'azienda, poiché guadagna una commissione, le associazioni attribuiscono una responsabilità. L'occasione per imbracciare le armi legali è offerta dai ritardi denunciati da molti utenti PayPal: i trasferimenti di denaro dal conto PayPal a PostePay stanno impiegando fino a trenta giorni. PayPal si era giustificata con gli utenti via email, ora le rassicurazioni su forum di eBay: il "disguido tecnico" che ha causato i ritardi nei trasferimenti di fondi dal conto PayPal alla prepagata è stato risolto.

Ma Telefono Anti eBay coglie l'occasione per fare riferimento ad una questione di natura strutturale: PayPal "nel 2007 ha gestito oltre 14 miliardi di dollari, contribuendo al bilancio di eBay per 563 milioni netti. Ovviamente su ogni passaggio di denaro PayPal matura interessi, che aumentano a dismisura soprattutto quando il denaro, anziché transitare, si ferma: più la sosta è lunga, più soldi incamera PayPal. La conseguenza è che trattenere somme per miliardi di euro o di dollari fa pensare a speculazioni finanziarie, volte a compensare la crisi in atto e/o far crescere le quotazioni in Borsa."
Ma non è tutto: eBay e la sua controllata PayPal, spiegano da Telefono Anti eBay, non rendono conto ad alcuna autorità del denaro movimentato, in virtù della natura stessa di PayPal. "PayPal in pratica è un circuito immateriale, impalpabile che prende i soldi dalle carte di credito e li trasferisce ad altri conti elettronici, senza che avvenga una reale movimentazione. Il denaro da cartaceo viene trasformato in elettronico e, una volta che entra in PayPal, rimane elettronico, non torna più in forma cartacea, se non al di sopra di certe soglie. I soldi, quindi, si perdono nei circuiti automatici e nessuno risponde a chi protesta, nessuno sa a chi bisogna appellarsi per riottenerli."

Queste le motivazioni per cui Telefono Anti eBay insieme a EuropeanConsumers.it si scaglierà contro PayPal. Ma non verrà risparmiata nemmeno eBay: a loro dire vi si perpetrano abusi per i quali "eBay fa da tramite, dietro compenso". eBay è già stata contattata da Punto Informatico e contiamo di poter pubblicare nelle prossime ore un commento dell'azienda su queste stesse pagine.

Il disappunto degli eBayers si muove anche su altri fronti: le recenti modifiche al regolamento previste dall'azienda non convincono gli utenti, che minacciano scioperi e boicottaggi. Al centro dell'attenzione dell'utenza italiana c'è la rivoluzione nel sistema di attribuzione del feedback, strumento di valutazione che a partire dal mese di maggio potrà essere impugnato dai soli buyer.

A questo proposito è stata indetta una petizione nel quale si propone a eBay una soluzione più equa ed efficace: il sistema di feedback bilaterale è lo strumento che garantisce agli utenti di valutare l'affidabilità della controparte e l'appetibilità di acquisti e vendite.

È vero che esiste un meccanismo di ricatti e di estorsioni di feedback, è vero che il feedback è merce di scambio fra coloro che concludono un affare, si ammette nel testo della petizione. Ma è a portata di mano una soluzione che non snaturi il sistema di feedback a doppio binario: "L'utente partecipe di una transazione, sia esso acquirente o venditore, deve poter rilasciare un feeedback positivo, neutro o negativo non visibile alla controparte fintantoché anch'essa non ha votato, oppure non siano scaduti i termini per farlo".

La risposta di eBay sul fronte dello scontento per le più recenti modifiche al regolamento? Una concessione che riguarderà esclusivamente alcune categorie di seller americani, gli unici, per ora, investiti dal terremoto delle tariffe: i prezzi per pubblicare delle inserzioni verranno dimezzati per i venditori di musica, libri, film e videogame. Per quanto riguarda la possibilità di giudicare gli utenti, nessun cedimento: l'unica merce di scambio su eBay saranno prodotti e denari.

Gaia Bottà
72 Commenti alla Notizia Su eBay Italia si abbatterà una class action
Ordina
  • Anch'io ho segnalato gli abusi PayPal a striscia e mi manda Rai3...ma per ora tutto tace.
    Ho avuto il conto bloccato per quasi due mesi senza una chiara motivazione e senza mai una risposta da un responsabile con nome,cognome e mansione.
    Una serie di mail preconfezionate tutte uguali firmate da nomi propri fittizzi sempre diversi.
    Un fantasma insomma....
    Possibile che con tante proteste nessuno indaghi?
    non+autenticato
  • finalmente uniamoci contro questi truffatori siamo migliaia anche a me quei truffatori di paypal senza motivo e senza alcuna autorita mi hanno letteralmente sequestrato il mio denaro sul conto pay pal per 180 giorni (6 mesi)e ho letto su parecchi blog che moltissime persone sono nella mia stessa condizione e a moltissima gente ha gia superato i 180 giorni di questo sequestro truffaldino e ancora attendono i loro soldi, non sono un esperto ma secondo me tutto cio E APPROPRIAZIONE INDEBITA TRUFFA SPECULAZIONE E VIOLENZA PRIVATA, e incredibile che le nostre forze dellordine e a questo punto lo stato sia al servizio di questa gente e allucinate io proprio oggi non sapendo dove sbattere la testa ho inviato una mail a jimmi ghione e a moreno morelli due inviati di striscia la notizia denunciate anche voi questi ladri, denaro sequestrato per 6 mesi per centinaia e centinaia di conti quanti interessi prendono fraudolentemente e con la truffa questi schifosi.
    non+autenticato
  • Hai avuto indietro i soldi o ancora no? Comme e finita il tutto?


    - Scritto da: Emiliano Arduini
    > finalmente uniamoci contro questi truffatori
    > siamo migliaia anche a me quei truffatori di
    > paypal senza motivo e senza alcuna autorita mi
    > hanno letteralmente sequestrato il mio denaro sul
    > conto pay pal per 180 giorni (6 mesi)e ho letto
    > su parecchi blog che moltissime persone sono
    > nella mia stessa condizione e a moltissima gente
    > ha gia superato i 180 giorni di questo sequestro
    > truffaldino e ancora attendono i loro soldi, non
    > sono un esperto ma secondo me tutto cio E
    > APPROPRIAZIONE INDEBITA TRUFFA SPECULAZIONE E
    > VIOLENZA PRIVATA, e incredibile che le nostre
    > forze dellordine e a questo punto lo stato sia al
    > servizio di questa gente e allucinate io proprio
    > oggi non sapendo dove sbattere la testa ho
    > inviato una mail a jimmi ghione e a moreno
    > morelli due inviati di striscia la notizia
    > denunciate anche voi questi ladri, denaro
    > sequestrato per 6 mesi per centinaia e centinaia
    > di conti quanti interessi prendono
    > fraudolentemente e con la truffa questi
    > schifosi.
    non+autenticato
  • COME VENDITORE LE ALTE TARIFFE DI EBAY + LE COMMISSIONI DI PAYPAL TI TOLGONO UNA BUONA FETTA DI MARGINI E DI GUADAGNI!!!
    ALLA FINE,CI VAI SOLO A RIMETTERE DEI SOLDI!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fadda
    > COME VENDITORE LE ALTE TARIFFE DI EBAY + LE
    > COMMISSIONI DI PAYPAL TI TOLGONO UNA BUONA FETTA
    > DI MARGINI E DI
    > GUADAGNI!!!
    > ALLA FINE,CI VAI SOLO A RIMETTERE DEI SOLDI!!

    Infatti,sono perfettamente d'accordo;tra l'altro se ci si rivolge all'assistenza(le rare volte che non rispondono con un messaggio preimpostato) sono di un'arroganza unica!
    non+autenticato
  • Qui c'è un sacco di gente che pretende di aver tutte le ragioni senza sapere di cosa parla.

    Postepay, Kalibra, Krystal etc etc sono tutte carte di credito prepagate ed in quanto tali mezzi di PAGAMENTO.
    Se sono mezzi di PAGAMENTO perchè si vogliono usare come mezzi di INCASSO? Non si puo' punto e basta.
    Il fatto che ci si possano "caricare dentro" dei soldi non significa che le si possono usare per incassare.

    Qualcuno ha scritto che non si puo' pagare ebay con paypal.. ma cosa?? Si puo' tranquillamente.. anzi è pure ampiamente pubblicizzato.

    Nessuno inoltre vieta di usare le prepagate per PAGARE. Le collegate a Paypal e via.

    Sarà forse che per i venditori è più comodo far accollare 1€ di commissione al compratore per la 'ricarica' anziché pagare le dovute commissioni?
    Per farvi un paragone di esempio, un esercente che accetta pagamenti con carte di credito ha il DIVIETO ASSOLUTO di applicare dei sovrapprezzi se si paga con carta. Chi lo fa rischia grosso.

    Altra cosa.
    Paypal da la possibilità di riversare il contenuto del conto paypal su un cc bancario. Gratis per importi superiori a 100€ e con 1€ di commissione per importi inferiori. Recentemente è stata data pure la possibilità di riversare il contenuto del conto paypal su carte prepagate collegate a paypal stesso.

    Ma dico io.. dopo tutto questo.. pensate ancora di avere le vostre ragioni?
    Si?
    E allora scusate.. ma chi vi obbliga a acquistare e vendere su ebay?
    Ebay è uan società che offre un servizio ed impone delle regole che per usare il servizio devono essere acettate.

    Ma se in un ristorante c'è scritto che non sono accettate carte di credito.. voi entrate, mangiate e poi date in escandescenze perchè volete pagare con carta.. oppure evitate di entrare? Oppure ancora entrate già sapendo che dovrete pagare con un metodo alternativo (e quindi senza aver poi diritto a lamentarsi)?

    Bisognerebbe imparare ad informarsi e ragionare un minimo prima di parlare/scrivere.

    E parlo da utente ebay che acquista, qualche volta vende ed usa paypal per pagare ed incassare.
    Ci sono le commissioni, certo. Ma nessuno mi obbliga ad usare tutto il sistema.
    non+autenticato
  • Sei l'unico a pensarla cosi tra migliaia di persone in tutto il mondo...Chi sei realmente?

    www.warmingpaypal.com
    non+autenticato
  • ma quante cavolate dici?? qui si sta parlando della lentezza che paypal ci mette a pagare..punto!! che ragioni può avere paypal se accetta pagamenti in meno di 1 secondo ma paga in 10/15/20/30 giorni??? cosa hai nella testa?? un criceto??
    e ovvio che chi usa la postpay usa una carta di credito/debito..non servi tu per dirci come funziona!!
    Grazie comunque per le lezioni!! cercheremo di tenere bene a mente che facciamo male a sottolineare che è un nostro diritto poter avere i nostri soldi....ovviamente tu dici di aver usato paypal...come ti è andata?? Bene suppongo...se no saresti qui a lamentarti come fanno tutte le persone normali...dai smetto qui che mi sembra di parlare con un bambino...
    non+autenticato
  • Al posto di pagare con carte varie basterebbe poter pagare in contrassegno per far svanire ogni truffa: se arriva la merce ed è quella richiesta si paga altrimenti...
    Ma poi chi ci guadagna se non il vettore? (che prende un tot per il contrassegno).
    non+autenticato
  • Anche io la pensavo così fino ad un po' di tempo fa, ma:
    1) non puoi aprire il pacco prima di aver pagato il contrassegno - questa regola vale con qualsiasi vettore: poste, corrieri privati, ecc. (quindi finchè non paghi non sai se il prodotto è conforme). Questo svantaggia l'acquirente, che una volta pagato non ha speranza di rivedere mai più i suoi soldi se nel pacco c'è un mattone.

    2) i tempi di emissione e incasso sono lunghi, quindi il venditore i suoi soldi li rivede molto dopo aver venduto la merce. Svantaggio per il venditore.

    3) se l'acquirente non ritira il pacco il venditore ci perde la spedizione (che nessuno gli rimborsa) oltre alle commissioni di ebay (che forse riesce a farsi rimborsare).
    Altro svantaggio per il venditore.

    Certamente che il contrassegno conviene al vettore...ma venditore e acquirente non sono il vettore!
    non+autenticato
  • > Al posto di pagare con carte varie basterebbe
    > poter pagare in contrassegno per far svanire ogni
    > truffa: se arriva la merce ed è quella richiesta
    > si paga
    > altrimenti...
    > Ma poi chi ci guadagna se non il vettore? (che
    > prende un tot per il
    > contrassegno).

    Infatti nessuno vieta di pagare in contrassegno. Dipende solo dai venditori.
    Personalmente, con tutti gli altri sistemi di pagamento che esistono, il metodo del contrassegno è anacronistico e troppo dispendioso.
    non+autenticato
  • E bravo c'e' chi consegna e si dimentica di far pagare in contrassegno,e praticamente tu venditore senza merce e senza incasso.E' piu' volte capitato!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)