Liguria, banda larga per tutti

Lo promettono le autorità regionali e il ministro alle Comunicazioni: sul piatto 16 milioni di euro e un impegno di due anni. Nella regione mai più utenti e comuni senza broad band

Genova - Viste le recenti vicende politiche, il Governo non potrà neppure tentare di rispettare le sue promesse, quelle di un paese interamente coperto dalla banda larga entro la fine della legislatura, eppure qualche ultimo passo in clima elettorale viene fatto. Ieri a Genova le autorità liguri hanno firmato un protocollo di intesa con il ministero delle Comunicazioni per coprire la Liguria entro due anni con la banda larga.

In particolare nell'accordo di programma firmato dal presidente della Regione Claudio Burlando e dal ministro in carica delle TLC Paolo Gentiloni si parla di un investimento di 16 milioni di euro, 10 dei quali arriveranno da Roma, gli altri saranno invece stanziati proprio dalla Regione.

"Con l'accordo di oggi - ha dichiarato il Ministro - il Governo e la Regione si impegnano a portare tra circa due anni collegamenti a Internet veloce in tutta la Regione". Si parla, in particolare, di una copertura al 99 per cento. Oggi la situazione non è delle più allegre: sono 99 i comuni liguri che non dispongono di banda larga, comuni nei quali vive digital divisa il 5 per cento della popolazione regionale.
Non si parla peraltro di una banda larga ultraveloce, ma si punta comunque ad attivare sistemi xDSL con banda da 2.048 kilobit al secondo in download e 512 in upload, molto più, comunque, di quanto oggi disponibile in molte aree.

La Liguria è una delle regioni più "complicate" dal punto di vista delle infrastrutture di rete per le sue particolarissime caratteristiche orografiche e non è un caso che nel programma di investimento si parli sì di fibra ottica ma non si escluda la realizzazione di sistemi wireless. Nei giorni in cui si svolge la gara per l'assegnazione delle licenze WiMax il pensiero corre inevitabilmente alle molte potenzialità di questa tecnologia, potenzialità che certo non interessano la sola Liguria ma che possono rivelarsi particolarmente significative proprio in aree del territorio come quello ligure. A questo proposito Gentiloni ha sottolineato che cavo e fibra sono essenziali ma che "le lacune più difficili da colmare" richiederanno senz'altro l'intervento del wireless.

"È un obiettivo di assoluto rilievo - ha anche affermato Gentiloni - perché nel 900 non essere nella rete idrica o nella rete elettrica significava essere esclusi dallo sviluppo economico. Oggi non avere accesso alla banda larga, a Internet veloce, vuol dire rischiare di essere esclusi dallo sviluppo".
32 Commenti alla Notizia Liguria, banda larga per tutti
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)