TelePA nel mirino delle polemiche

Il servizio di informazione online della Pubblica Amministrazione, attivo da qualche tempo, è già sotto accusa: la fruizione possibile solo con software proprietari

Roma - Serviva un canale televisivo diffuso via internet per informare operatori della Pubblica Amministrazione e cittadini su quanto avviene nel mondo della PA? Secondo quelli di TelePA la risposta è senz'altro affermativa, anche se è condita da polemiche che non sembrano destinate a ridursi dopo ormai molti giorni dall'annuncio del lancio della webtv.

Su mailing list di settore e in alcune lettere giunte alla redazione di Punto Informatico qualcuno mette in discussione la scelta di consentire la visualizzazione del telegiornale via web soltanto a chi dispone di Windows Media Player, il riproduttore multimediale Microsoft basato su tecnologie proprietarie.

La scelta appare in controtendenza se si considerano le ormai numerose iniziative in sede europea ed italiana in favore dell'adozione di software open source proprio in ambito istituzionale e, nello specifico, proprio in quello della Pubblica Amministrazione. A questo proposito basta leggersi le linee guida del ministero all'Innovazione per comprendere la difficoltà di molti a digerire la scelta di TelePA.
Secondo alcune indiscrezioni, la scelta di adottare Windows Media Player sarebbe stata resa necessaria dal desiderio dei creatori di TelePA di presentare il progetto in occasione del recente ComPA, la fiera dedicata all'ICT nella PA. Altri sostengono che a TelePA si sta lavorando per consentire la fruizione del canale webtv anche con altri sistemi, anche open source, e che è solo una questione di tempo.
TAG: italia
11 Commenti alla Notizia TelePA nel mirino delle polemiche
Ordina
  • Le leggi dello Stato che trattano della comunicazione con il Cittadino (a partire dalla legge Bassanini) garantiscono a TUTTI i cittadini l'accesso alle informazioni pubbliche.

    Basta questo riferimento a mettere fuori legge qualunque discriminazione o atto discriminatorio che ESCLUDA una parte della Cittadinanza dalla comunicazione ai Cittadini (TUTTI) da parte dell'Amministrazione Pubblica.

    Se usa uno strumento di comunicazione ESCLUDE una parte della cittadinanza (per scelta commerciale del produttore di quel software che tende a penalizzare le piattaforme "nemiche"), lo Stato commette una grave infrazione alle SUE STESSE LEGGI in quanto esse obbligano lo Stato a prendere TUTTE le misure per poter raggiungere TUTTI i cittadini, indipendentemente dalle loro condizioni.

    Tra l'altro, dal momento che non esiste un riconoscimento ufficiale di nessuna piattaforma desktop standard (che costringa un utente a comunicare con le Amministrazioni pubbliche in modo univoco), questo Stato, in base ai riferimenti giuridici di cui sopra, NON PUO' contraddire sé stesso e obbligare una parte della cittadinanza (e dei contribuenti) a utilizzare una piattaforma invece che un'altra.

    Questo è uno stato LAICO non soltanto in fatto di religione, ma anche in fatto di uso di strumentazione informatica.






    non+autenticato


  • - Scritto da: zap
    > Le leggi dello Stato che trattano della
    > comunicazione con il Cittadino (a partire
    > dalla legge Bassanini) garantiscono a TUTTI
    > i cittadini l'accesso alle informazioni
    > pubbliche.
    >
    > Basta questo riferimento a mettere fuori
    > legge qualunque discriminazione o atto
    > discriminatorio che ESCLUDA una parte della
    > Cittadinanza dalla comunicazione ai
    > Cittadini (TUTTI) da parte
    > dell'Amministrazione Pubblica.
    >
    > Se usa uno strumento di comunicazione

    che

    > ESCLUDE una parte della cittadinanza (per
    > scelta commerciale del produttore di quel
    > software che tende a penalizzare le
    > piattaforme "nemiche"), lo Stato commette
    > una grave infrazione alle SUE STESSE LEGGI
    > in quanto esse obbligano lo Stato a prendere
    > TUTTE le misure per poter raggiungere TUTTI
    > i cittadini, indipendentemente dalle loro
    > condizioni.
    >
    > Tra l'altro, dal momento che non esiste un
    > riconoscimento ufficiale di nessuna
    > piattaforma desktop standard (che costringa
    > un utente a comunicare con le
    > Amministrazioni pubbliche in modo univoco),
    > questo Stato, in base ai riferimenti
    > giuridici di cui sopra, NON PUO' contraddire
    > sé stesso e obbligare una parte della
    > cittadinanza (e dei contribuenti) a
    > utilizzare una piattaforma invece che
    > un'altra.
    >
    > Questo è uno stato LAICO non soltanto in
    > fatto di religione, ma anche in fatto di uso
    > di strumentazione informatica.

    non+autenticato
  • Sentite....
    L'altro giorno, qui su PI, abbiamo visto le statistiche aggiornate su browser e sistemi operativi.

    Ditemi PERCHE io devo pagare "il divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere sto sito NON col MediaPlayer...

    Sapete che le cose COSTANO?
    Un formato costa X, creare 2 formati costa 2*X...
    Costa perche la gente che lavora va pagata, le macchine vanno pagate...

    Quindi X/90% dei visitatori fa una "cifra a testa"
    X/10% dei visitatori FA UNA CIFRA CHE NON VOGLIO PAGAREEEEE!!!!
    Perche questo e' un sito dello stato e LE PAGO ANCHE IO STE VOSTRE CAZZATEEEEEE!!!!!!!

    Non riuscite a verere i filmati?
    E CHI SE NE FREGA!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tizio
    > Sentite....
    > L'altro giorno, qui su PI, abbiamo visto le
    > statistiche aggiornate su browser e sistemi
    > operativi.

    Che contano, in termini di PA, come il due di coppe a briscola quando comanda bastoni.

    > Ditemi PERCHE io devo pagare "il
    > divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere
    > sto sito NON col MediaPlayer...

    Dimmi perchè io sono *costretto* a comprare un sistema operativo (200$) per usufruire del
    servizio, e magari anche l'hardware adatto.

    > Sapete che le cose COSTANO?
    > Un formato costa X, creare 2 formati costa
    > 2*X...
    > Costa perche la gente che lavora va pagata,
    > le macchine vanno pagate...

    Cstroneria...
    - crearlo SOLO in formato per WinMediaPlayer costa X

    - Crearlo SOLO in mpg o in un formato libero (fruibile anche da chi usa WinMediaPlayer) costa sempre "X" così lo può vedere anche chi non ha
    MediaPlayer.


    >
    > Quindi X/90% dei visitatori fa una "cifra a
    > testa"
    > X/10% dei visitatori FA UNA CIFRA CHE NON
    > VOGLIO PAGAREEEEE!!!!

    Allora dammi i 200$ per un sistema operativo che userei solo per quella webtv, e sotto proxy+firewall dalla mia fida Debian.


    > Perche questo e' un sito dello stato e LE
    > PAGO ANCHE IO STE VOSTRE CAZZATEEEEEE!!!!!!!

    Anche io pago le tasse e ho diritto ad accedere
    al servizio senza pagare 200$ di sistema operativo; se pago in parte il servizio "ESIGO" di poterne usufruire senza essere vincolato ad una piattaforma o ad un fornitore che domattina può svegliarsi e pretendere 200$ per il solo Window Media Player.

    Se ci pensi, il mercato Business non necessita di WMP, e se uno lo vuole a casa.. basta col tutto gratis, che se lo compri!
    Bastano una piccola modifica all'EULA e un service pack...

    Anzi, estendiamo un po' il ragionamento pacco che continuano a fare i winari incalliti:

    Indirettamente pago anche i danni di chi non ha voglia di informarsi e si becca virus tutti i giorni perchè "GuardaFuoriEspressamente" è "bellino", "standard de facto" e "manda le e-mail animate con i cricetini che cantano".

    Visto che non voglio pagare i danni causati da quella gente, allora o "non pago le tasse" o chiedo che Outlook in una qualsiasi versione sia espressamente dichiarato fuori legge, e che venga inibito l'uso della rete a chi venga pescato ad utilizzare Outlook o IExplorer (i bachi i OE, di solito, sono bachi di Exploder).

    Eccheddiavolo.. sono stufo di subire down della rete e traffico interno causati da IE+OE..
    "Il buco con il browser intorno".

    > Non riuscite a verere i filmati?
    > E CHI SE NE FREGA!!!!!

    Non vuoi scaricarti un microscopico player gratuito per un formato fruibile a tutti?
    E CHI SE NE FREGA!

    Saluti,
        Ryo Takatsuki
    non+autenticato

  • > - Crearlo SOLO in mpg o in un formato libero
    > (fruibile anche da chi usa WinMediaPlayer)
    > costa sempre "X" così lo può vedere anche
    > chi non ha
    > MediaPlayer.

    Mpg via streaming?
    non+autenticato


  • - Scritto da: m@rco
    >   
    > > - Crearlo SOLO in mpg o in un formato
    > libero
    > > (fruibile anche da chi usa WinMediaPlayer)
    > > costa sempre "X" così lo può vedere anche
    > > chi non ha
    > > MediaPlayer.
    >
    > Mpg via streaming?

    non sono molto pratico di queste cose ma credo che sia + adatto realplayer, c'è pure per linux.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Tizio
    > Sentite....
    > L'altro giorno, qui su PI, abbiamo visto le
    > statistiche aggiornate su browser e sistemi
    > operativi.

    Certo, Linux sta al 3.9%, Mac al 3.6%, Win al 90%

    > Ditemi PERCHE io devo pagare "il
    > divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere
    > sto sito NON col MediaPlayer...

    3.9% di qualche milione fa un sacco di gente, ma se
    anche fossero solo 4 persone il punto è che usare
    formati aperti non costa nulla.
    Invece usare formati chiusi OBBLIGA milioni di
    persone a COMPRARE del software che COSTA un
    milione di volte il pacco di soldi che avrà
    pagato lo stato direttamente.
    Soprattutto quel pacco di soldi se ne va fuori
    europa e non genera alcun indotto nè investimento
    sul nostro territorio, quindi ci costa ancora di
    più.

    > Sapete che le cose COSTANO?
    > Un formato costa X, creare 2 formati costa
    > 2*X...

    certo, se TelePA avesse usato un solo formato
    aperto avrebbe speso 1*X e ora non saremmo qui
    a discutere (e scommetto che avrebbe speso pure
    meno che con Microsoft).

    > Costa perche la gente che lavora va pagata,
    > le macchine vanno pagate...

    la gente e le macchine non costano di più o di
    meno a seconda che un formato sia aperto o no.

    > Quindi X/90% dei visitatori fa una "cifra a
    > testa"
    > X/10% dei visitatori FA UNA CIFRA CHE NON
    > VOGLIO PAGAREEEEE!!!!
    > Perche questo e' un sito dello stato e LE
    > PAGO ANCHE IO STE VOSTRE CAZZATEEEEEE!!!!!!!

    ehi Tizio, io pago le tasse esattamente come te
    quindi vedi di darti una calmata... oppure no, tanto
    usare questo tono dimostra ai lettori il tuo grado
    di intelligenzaOcchiolino
    non+autenticato


  • - Scritto da: Tizio
    > Ditemi PERCHE io devo pagare "il
    > divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere
    > sto sito NON col MediaPlayer...

    Forse perchè anche i 4 scemi pagano le tasse? Forse perchè non sono solo in 4? Se cerchi sprechi nella PA cercali altrove, razza di decerebrato.

    Non lo sai che esistono formati che tutti possono vedere e che funzionano indipendentemente dal OS? Battiti perchè vengano usati quelli, leso che non sei altro.


    non+autenticato


  • - Scritto da: Tizio
    > Sentite....
    > L'altro giorno, qui su PI, abbiamo visto le
    > statistiche aggiornate su browser e sistemi
    > operativi.
    >
    > Ditemi PERCHE io devo pagare "il
    > divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere
    > sto sito NON col MediaPlayer...

    Perche quei "4 scemi" come dici tu, magari non hanno i soldi per permettersi un S.o da 200? + strumenti per la scrittura 300? + cazzatine varie ed eventuali, e optano per un software libero che tutto compreso gli costa 50?. (non so se te lo hanno detto , ma in italia ci sono anche le persone che stentano a vivere).....certo se invece ti copi il software diventa più semplice ...ma illegale!!!! con i rispettivi paragoni se non hai soldi puoi anche svaligiare una banca,,, ma c'è anche chi cerca di avere una vita dignitosa con quello che ha:

    > Sapete che le cose COSTANO?
    > Un formato costa X, creare 2 formati costa
    > 2*X...
    > Costa perche la gente che lavora va pagata,
    > le macchine vanno pagate...

    Creare un filmato in un Formato X non propietario , costa come farne uno propietario ....la differenza è che con il primo lo puoi vedere sul 100% dei pc d'italia ...l'altro con il 90% ...

    > Quindi X/90% dei visitatori fa una "cifra a
    > testa"
    > X/10% dei visitatori FA UNA CIFRA CHE NON
    > VOGLIO PAGAREEEEE!!!!
    > Perche questo e' un sito dello stato e LE
    > PAGO ANCHE IO STE VOSTRE CAZZATEEEEEE!!!!!!!

    Guarda che anche il 10% che rimane fuori le paga le tasse come fai tu (o almeno si spera)

    > Non riuscite a verere i filmati?
    > E CHI SE NE FREGA!!!!!

    Vuoi spendere 500 ? invece che 50? per essere più comodo CHI SE NE FREGA....

    In più un parere professionale :
    lavoro per la P.A da oltre 3 anni e di cose ne ho viste questi problemi li sentiamo molto....cerchiamo di creare siti con software liberi o per lo meno con software che diano la possibilità di essere visti non solo da I.E , ma anche da Mozzilla ecc.. , la microsoft cerca sempre di lusingare la P.A cercando di semplificargli la vita (magari spendi meno oggi ....poi qundo non ne puoi fare a meno ti Frego ....un pò con "SPACCIATORI")e spesso ci riesce. Io non sono contro la Microsoft in questo caso (sono persino certificato MS) ma in questo caso chi ha sbagliato è la P.A che non ha pensato da subito a questo Problema.
    Ciao a tutti


    non+autenticato


  • - Scritto da: Tizio
    > Sentite....
    > L'altro giorno, qui su PI, abbiamo visto le
    > statistiche aggiornate su browser e sistemi
    > operativi.
    >
    > Ditemi PERCHE io devo pagare "il
    > divertimento" di 4 scemi che vogliono vedere
    > sto sito NON col MediaPlayer...

    Mah....

    Io di scemo ne vedo uno solo....
    non+autenticato