Privacy, attenzione ai ricorsi al Garante

Non possono essere autenticati da un praticante

Roma - Il Garante per la Privacy ha spiegato nelle scorse ore che i ricorsi con firma autenticata da praticante e non da avvocato iscritto all'albo non possono essere accettati e devono essere ripresentati.

Il Garante ha spiegato che rimane sempre possibile effettuare segnalazioni, quesiti, reclami e ricorsi ai propri uffici ma per quanto riguarda questi ultimi, a causa delle implicazioni che possono avere sul piano civile, sono necessarie alcune garanzie formali. Tra queste l'autenticazione della firma, che non è necessaria se il ricorso viene firmato dinanzi ad un funzionario del Garante o da un procuratore speciale delegato.

Il sito del Garante è qui
TAG: privacy
7 Commenti alla Notizia Privacy, attenzione ai ricorsi al Garante
Ordina