Dario Bonacina

Quando il cellulare un telecomando

Akoo International reinventa il juke-box: sfruttando televisori e megaschermi installati nei locali pubblici. Con un SMS possibile selezionare il videoclip del cantante preferito, tra una schermata pubblicitaria e l'altra

Roma - A volte può capitare di guardare la TV, di essere soprappensiero e di cercare di cambiare canale con il cellulare anziché con il telecomando. Qualcuno negli USA può farlo davvero: basta che si trovi in uno dei locali pubblici che fanno parte del network sviluppato da Akoo International, un'azienda che vuole inserire nei dispositivi mobili funzionalità di telecomando per selezionare contenuti ad-supported dagli schermi delle TV. Un concetto che ricorda da vicino IrRemote, il software recensito da PI Download.

L'idea di Akoo si basa sul network m-Venue, una piattaforma studiata per essere compatibile con Microsoft Windows Mobile, iPhone e Safari. Il sistema permette ad un utente di selezionare un contenuto audio o video da fruire all'interno di un locale (bar, ristorante, sala d'attesa della stazione o dell'aeroporto), un po' come se si trovasse di fronte ad un juke box. L'avventore può scegliere un brano o una clip da un elenco e spedire un messaggio contenente il codice relativo alla propria scelta per goderselo sullo schermo che ha di fronte, condividendolo con i clienti che si trovano nello stesso locale.

Come riporta il New York Times, tra un contenuto e l'altro è previsto che gli schermi Akoo mostrino immagini o brevi clip pubblicitarie. L'utente che fruisce di questo servizio (senza costi, oltre a quello del messaggio inviato) potrà ricevere messaggi con informazioni promozionali e coupon offerti dagli inserzionisti.
Ad esempio, un cliente del ristorante John Barleycorn di Chicago (aderente al network m-Venue) può inviare un SMS con il codice corrispondente al video di una canzone di Gwen Stefani e ricevere un messaggio che recita qualcosa come: "Grazie! Il video di Gwen Stefani sarà trasmesso tra poco. Mostra questo SMS e potrai avere qualunque antipasto ad un dollaro".

Per il servizio, Akoo ha siglato partnership con Universal Music Group, Sony BMG Music Entertainment e Fashion TV, che le hanno consentito di comporre un catalogo con oltre 2 milioni di contenuti. La scelta appare dunque ampia. Chi avesse appetito è avvisato.

Dario Bonacina
2 Commenti alla Notizia Quando il cellulare un telecomando
Ordina