UK, le donne ICT guadagnano meno

Lo dicono le ultime rilevazioni locali: nel mondo dell'informatica e delle telecomunicazioni le paghe migliori vanno agli uomini sempre e comunque, in tutte le fasce di età

Roma - Le difficoltà dell'affermazione delle donne nel mondo del lavoro, persino nei settori più innovativi dell'economia britannica, vengono confermate in queste ore da uno studio, secondo cui nel Regno Unito gli stipendi ICT migliori vanno ai maschietti.

the netAd affermarlo è eSkills UK che secondo le anticipazioni rilascerà a marzo un rapporto esplosivo. Numeri dai quali emerge come i salari delle donne nell'ICT siano tendenzialmente del 20 per cento più bassi rispetto a quelli degli uomini.

In particolare, le donne nel settore delle TLC guadagnano mediamente poco meno di 31mila sterline l'anno contro le quasi 39mila degli uomini. Una differenza non secondaria che si riscontra in tutte le fasce d'età e che parrebbe penalizzare ancora di più le donne non più giovanissime. Sopra i 50 anni, infatti, la forbice si allarga: gli uomini guadagnano mediamente più di 40mila sterline contro le 25mila scarse delle controparti femminili.
A testimoniare una situazione di sbilanciamento nei salari, che è anche una spia accesa sulle difficoltà di aggiornamento ed innovazione dell'intero sistema socio-economico, anche il fatto che le donne laureate nel settore guadagnino mediamente meno persino degli uomini che laureati non sono.

In attesa di conoscere nel dettaglio i dati di eSkills, gli osservatori del mercato si dividono tra coloro che attribuiscono la differenza nei salari ai ruoli diversi che tradizionalmente uomini e donne assumono all'interno delle organizzazioni industriali e nelle corporation, e quelli che invece parlano esplicitamente di discriminazione, perché le donne verrebbero pagate meno rispetto a colleghi maschi che occupano una posizione lavorativa equivalente.

ZDNet ricorda come già l'anno scorso il papà del Web, Tim Berners-Lee, avesse dichiarato che spesso le donne nell'IT vengono dissuase dall'impegnarsi in comparti molto tecnici. A suo dire esiste una cultura generale dell'IT ostile alle donne, a causa soprattutto di una deteriore geekness declinata quasi interamente al maschile. Una declinazione che Berners-Lee non esita a definire "stupida".
29 Commenti alla Notizia UK, le donne ICT guadagnano meno
Ordina
  • Impressionante e deprimente.
    non+autenticato
  • Quoto a pieno...
    ... aprite un pò la mente e gli occhi, invece di continuare a pensare con stereotipi vecchi di secoli.


    Una ragazza programmatrice.
    non+autenticato
  • Come no! Nel 2008 c'è ancora chi porta avanti questi concetti edulcorati, quando ormai s'è già capito come gira. Il potere è potere e, che sia uomo o donna, chi ce l'ha lo usa. Fatevi li caXXi vostri, sbattetevene delle donne, non opprimetele, ma lasciatele al loro destino, perchè il giorno che avranno più potere dell'uomo, si comporteranno esattamente come fa ora l'uomo nei loro confronti. Donne e uomini non sono fatti per lavorare insieme, mettetevi il cuore in pace.

           /)/)
         ( '.')
       o(_('')('')
    non+autenticato
  • Lavorava su un server nella sala server di una primaria banca lombarda.
    Incredibile.
    Mai più rivista una ragazza sistemista.

    Qualche ragazza programmatrice. Però come già detto le donne non hanno passione per l'informatica. Il loro cervello è diverso dal nostro. Che male c'è? Siamo specializzati perché è evolutivamente vantaggioso essere specializzati così che ognuno sappia fare al meglio il proprio invece che fare entrambi solo sufficientemente le stesse cose.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ics ipsilon zeta
    > Qualche ragazza programmatrice. Però come già
    > detto le donne non hanno passione per
    > l'informatica. Il loro cervello è diverso dal
    > nostro. Che male c'è? Siamo specializzati perché
    > è evolutivamente vantaggioso essere specializzati
    > così che ognuno sappia fare al meglio il proprio
    > invece che fare entrambi solo sufficientemente le
    > stesse
    > cose.

    Cazzata, è un imprinting della società. Non è l'evoluzione che ha reso gli uomini più interessati all'informatica.

    La specializzazione tra nei maschi e nelle femmine, semmai, c'è su altre cose.

    Un documento interessante sull'argomento.

    http://deepwave.altervista.org/howto/encourage_wom...
  • Vedo che molti uomini pensano che le donne e l'informatica non siano compatibili, bhe ragazzi durante la seconda gurra mondiale basta pensare che c'erano molte donne che svolgevano proprio questo lavoro e il xche e molto chiaro, basta pensare che il primo programatore di software e proprio una DONNA si avete capito bene una DONNA ( Augusta Ada Byron )http://www.women.it/cms/index.php?option=com_conte...

    io penso che e vero che le donne in generale si interessano meno alla tecnologia, ma penso piu per un concetto imposto dalla nostra societa...
    non+autenticato
  • Ma scrivi con una tastiera estera, o ti hanno rubato i tasti delle vocali accentate?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Llovewomen
    > Vedo che molti uomini pensano che le donne e
    > l'informatica non siano compatibili,

    Mah... ogni volta si finisce col mettere le cose su questo piano... davvero triste. Io non credo (e come me penso molti) che una donna sia per natura meno portata per l'informatica. Come penso che gli uomini non siano meno portati delle donne a stirare le camicie.

    Però siamo onesti... se prendi 100 uomini e 100 donne e li metti a stirare camicie, secondo te quanto ci mettono i primi e quanto le seconde? Quanto le stirano bene i primi e quanto le seconde?

    Come detto prima, questo non credo per nulla dipenda da abilità innate. Però se devi fotografare una situazione di fatto non puoi mica dire che gli uomini (in media) stirano le camicie altrettanto bene ed in fretta delle donne.

    Poi ci sarà quel qualcuno che ha avuto la madre accorta (o che si è dovuto arrangiare perché single per anni) che magari stira benone.

    Lo stesso vale per il settore informatico. Le donne non sono inferiori agli uomini*, ma allo stato attuale delle cose mediamente sono meno preparate.

    * Picola parentesi: tendenzialmente le donne hanno minore variabilità nell'intelligenza, percui è più difficile trovare una donna scema, ma al tempo stesso è più difficile trovare una donna geniale. Per gli uomini vale il contrario. Quindi ci sono si più uomini scemi che donne sceme, ma anche più geni uomini che donne. E spesso sono i geni a far fare grossi salti avanti alla scienza ed alla tecnologia.
  • - Scritto da: Llovewomen
    > Vedo che molti uomini pensano che le donne e
    > l'informatica non siano compatibili, bhe ragazzi
    > durante la seconda gurra mondiale basta pensare
    > che c'erano molte donne che svolgevano proprio
    > questo lavoro e il xche e molto chiaro, basta
    > pensare che il primo programatore di software e
    > proprio una DONNA si avete capito bene una DONNA
    > ( Augusta Ada Byron
    > )http://www.women.it/cms/index.php?option=com_cont
    >
    > io penso che e vero che le donne in generale si
    > interessano meno alla tecnologia, ma penso piu
    > per un concetto imposto dalla nostra
    > societa...


    e per restare ai giorni nostri, i lavori della liskov su oop e affidabilità di sistemi in parte compromessi e i talk della rutkowska sull'analisi forense
    non+autenticato
  • l'ennesima prova di quanto occorra un sindacato di categoria per gli informatici

    certamente online e i linuxgroup come territoriale

    e scappare all'estero serve solo a trovare altri problemi
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)