Il futuro di Blu è un'Arancia

Le azioni dell'operatore passano interamente a TIM, a Wind il marchio e altri asset, anche Vodafone Omnitel e H3G interessati dallo spezzatino. La lacrimuccia del management. Nessun licenziato dopo lo smembramento

Il futuro di Blu è un'AranciaRoma - Da poche ore la società Blu, il quarto operatore di telefonia mobile GSM italiano, ha cessato la propria attività in seguito al trasferimento nelle mani di Telecom Italia Mobile (TIM) dell'intero pacchetto azionario. Una manovra attesa da tempo dopo l'ok delle autorità antitrust europee ed italiane all'operazione di "smembramento" di Blu.

Lo smantellamento dell'azienda non comporterà perdite di posti di lavoro per i dipendenti che saranno reinseriti negli organici degli altri operatori (la stessa TIM, Vodafone Omnitel, Wind e H3G), tutti interessati in modo diverso allo spezzatino. 730 dipendenti andranno a TIM, 700 a Wind, 100 ad H3G e i rimanenti a Vodafone Omnitel.

Allo stesso modo gli attuali clienti Blu non subiranno alcuna interruzione del servizio grazie ad una intesa sul roaming tra TIM e Wind che consente agli utenti di usare l'infrastruttura TIM per le proprie chiamate. "A seguito dell'acquisizione - specifica una nota Wind - i clienti di Blu verranno progressivamente trasferiti sulla rete Wind senza alcun inconveniente in termini di continuità del servizio. Il trasferimento sulla rete di Wind permetterà peraltro ai clienti di mantenere il proprio attuale numero di cellulare Blu, nonché il credito residuo della propria carta prepagata. In aggiunta a questo, i clienti Blu beneficeranno di speciali offerte promozionali di benvenuto da parte di Wind. Le modalità operative per la migrazione saranno concordate nei dettagli con l'Autorità delle Comunicazioni e comunicate nei prossimi giorni con una campagna di informazione a livello nazionale indirizzata ai clienti Blu".
A TIM passano dunque le azioni Blu per un controvalore di 18 milioni di euro mentre Wind acquisisce 1,9 milioni di clienti, marchio e stazioni radio base (per un totale di circa 150 milioni di euro), ad H3G vanno 875 siti di trasmissione che utilizzerà per il suo UMTS per il quale ha varato il nuovo marchio "3", e a Vodafone Omnitel come a Wind e a TIM vanno pacchetti dei 15 megahertz di frequenze di cui disponeva Blu.

"Blu cessa la sua attività come operatore rinunciando alla propria licenza mobile e restituendo i 15 MHz, sui quali ha finora operato, al Ministero delle Comunicazioni - si specifica in una nota diffusa da TIM - che ha riassegnato tale porzione di spettro, diviso in tre blocchi da 5 MHz, a TIM, Vodafone Omnitel S.p.A. e Wind, per la durata delle rispettive licenze".

Ma oltre ai numeri ieri ha dominato anche la commozione nel management di Blu. "Lavorare con voi - ha dichiarato l'amministratore delegato di Blu Enrico Casini annunciando le novità ai dipendenti - per me è stato un privilegio. La notte scorsa si è conclusa l'avventura di Blu. Il processo di cessione dell'azienda, che considero un ottimo risultato e del quale sono estremamente soddisfatto, non sarebbe stato possibile senza la resistenza emotiva e la condotta esemplare di tutti voi. Ora è tempo di pensare ad altro. Spegniamo subito l'eco dell'amarezza e seguiamo la linea dell'ottimismo per affrontare con grinta i nostri nuovi percorsi professionali. Noi ci meritiamo il meglio".
37 Commenti alla Notizia Il futuro di Blu è un'Arancia
Ordina
  • Poveri ragazzi, quelli di Blu, tante risorse e tante idee nuove e innovative. Al contrio dei loro managers che hanno solo fatto il loro comodo e adesso si godranno la vendita delle azioni. Blu e' nata nel 2000 per morire nel 2002, ma che razza di gente e' questa che ha distrutto un patrimonio delle telecomunicazioni?
    I servizi di Blu erano favolosi i prezzi concorrenziali senza parlare del portale innovativo che solo delle menti geniali potevano pensare e realizzare. Sicuramente le migliaia di giovani gia' licienziati o assorbiti da tim o wind dovranno ringraziare piccole aziende come:
    Autostrade S.p.a
    Mediaset
    Banca nazionale del lavoro
    British telecom
    Italgas

    non+autenticato
  • Cosa significa che a TIM vanno le azioni di blu mentre i clienti li prende WIND?????
    In pratica TIM diventa azionaria di WIND per un controvalore pari ai clienti di BLU, oppure TIM è proprietaria di BLU senza clienti (??) o cos'altro?

    Grazie a chiunque sciolga questa mia curiosità...Sorride
    non+autenticato
  • Blu inizialmente è stata acquistata da Tim (100% delle Azioni) che è stato praticamente un passamano da Benetton a Benetton.
    Poi l'azienda verrà scorporata in tanti pezzettini (asset) che verranno rivenduti a Wind (marchio, clienti, negozi, qualche dipendente, un call center...) a Tre (antenne), a Tim (le cose rimanenti)

    Inutile dire che tutto questo andrà a vantaggio per Tim ed è stata Tim grazie al governo a distruggere Blu per vari Motivi:
    - 5mhz di frequenza
    - un rivale in meno
    - caso benetton

    Ciao

    Un SODDIFATTISSIMO utente Blu dal 1999 che conosce molte cose...
    non+autenticato
  • La cara banca che di iniziative come questa e' piena tira indietro tutti i suoi investimenti e come dice ermonnezza il Manager cascano sempre in piedi e sono ottimisti. Per loro si tratta di andare a fare qualcos'altro, per la gente che sta sotto di loro si tratta di sorbire le loro cazzate e cercarsi qualcosa di meglio da fare.
    E' tutta una questione politica, uccidiamoli questi dirigenti.
    non+autenticato
  • Questi "manager" che hanno lo sguardo sempre rivolto al futuro, sono sempre soddisfatti, ringraziano sempre i collaboratori ma alla fine sono sempre quelli che cascano in piedi, io li premierei con una interminabile sequenza di ZAMPATE IN CULO!
    non+autenticato
  • Ve lo ricordate a che cosa e' servita Blu, vero? Ha partecipato all'asta per le concessioni italiane Umts benche' non ne avesse le caratteristiche necessarie ma e' stata ammessa ugualmente con la losca complicita' del governo comunista col suo presidente del consiglio cattocomunista Mortadella. Iniziata l'asta Umts Blu si e' tirata fuori. Essendo il numero delle concessioni uguali al numero dei partecipanti all'asta meno uno, di fatto asta non e' piu' stata, tutti gli altri operatori hanno preso la loro concessione pagando una cifra ridicolmente bassa se comparata alle cifre raggiunte in aste in altri stati europei. Tutti soldi sottratti che non sono andati allo stato, quindi, tutti soldi che lo stato dovra' trovare in altri modi ai danni dei cittadini. Insomma una enorme truffa ai danni dei cittadini con il beneplacido dei comunisti che al governo non hanno fatto altro per 5 anni che regalare decine di migliaia di miliardi alla grande industria e alla grande finanza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Schifato
    > Ve lo ricordate a che cosa e' servita Blu,
    > vero? Ha partecipato all'asta per le
    > concessioni italiane Umts benche' non ne
    > avesse le caratteristiche necessarie ma e'
    > stata ammessa ugualmente con la losca
    > complicita' del governo comunista col suo
    > presidente del consiglio cattocomunista
    > Mortadella. Iniziata l'asta Umts Blu si e'
    > tirata fuori. Essendo il numero delle
    > concessioni uguali al numero dei
    > partecipanti all'asta meno uno, di fatto
    > asta non e' piu' stata, tutti gli altri
    > operatori hanno preso la loro concessione
    > pagando una cifra ridicolmente bassa se
    > comparata alle cifre raggiunte in aste in
    > altri stati europei. Tutti soldi sottratti
    > che non sono andati allo stato, quindi,
    > tutti soldi che lo stato dovra' trovare in
    > altri modi ai danni dei cittadini. Insomma
    > una enorme truffa ai danni dei cittadini con
    > il beneplacido dei comunisti che al governo
    > non hanno fatto altro per 5 anni che
    > regalare decine di migliaia di miliardi alla
    > grande industria e alla grande finanza.

    Tutto potrebbe essere vero...ma, se non erro, alla presentazione degli azionisti di maggioranza c'erano anche Galliani e/o Confalonieri, che di comunista forse hanno solo le mutande rosse di capodanno...

    Che i suddetti abbiano voluto fare un favore ad un Governo di sinistra lo trovo alquanto "fantapolitico"...Sorride
    non+autenticato

  • >Insomma
    > una enorme truffa ai danni dei cittadini con
    > il beneplacido dei comunisti che al governo
    > non hanno fatto altro per 5 anni che
    > regalare decine di migliaia di miliardi alla
    > grande industria e alla grande finanza.
    che l'ulivo abbia fatto cio e' vero ma che siano comunisti..ho molto da ridire..anzi nell'ulivo
    personaggi come D'Alema e Rutelli son considerabili di DESTRA


    OpenTrozky(versione libertaria di OpenCurcio)
    non+autenticato

  • > che non sono andati allo stato, quindi,
    > tutti soldi che lo stato dovra' trovare in
    > altri modi ai danni dei cittadini. Insomma
    > una enorme truffa ai danni dei cittadini con
    > il beneplacido dei comunisti che al governo
    > non hanno fatto altro per 5 anni che
    > regalare decine di migliaia di miliardi alla
    > grande industria e alla grande finanza.

    Ma in blu non c'era anche Mediaset?
    Chi e' il padrone di Mediaset?
    E' comunista? non mi risulta....


    non+autenticato


  • - Scritto da: Schifato
    > Ve lo ricordate a che cosa e' servita Blu,
    > vero? Ha partecipato all'asta per le
    > concessioni italiane Umts benche' non ne
    > avesse le caratteristiche necessarie ma e'
    > stata ammessa ugualmente con la losca
    > complicita' del governo comunista col suo
    > presidente del consiglio cattocomunista
    > Mortadella. Iniziata l'asta Umts Blu si e'
    > tirata fuori. .......

    > .....pagando una cifra ridicolmente bassa se
    > comparata alle cifre raggiunte in aste in
    > altri stati europei.

    La cronaca di ieri non e' il tuo forte.

    L'asta UMTS venne gestita dal Governo Amato, Prodi era gia' Presidente della Commissione Europea e quindi ...

    Va detto, oltre tutto, che il Governo Amato avvio' una procedura per trattenere la caparra versata da BLU per partecipare all'asta, mi pare che la cosa fu cassata dalla Magistratura perche' non conforme alle regole d'asta.
    I soci di Blu avevano pensieri e disponibilta' finanziarie differenti.

    Negli Stati Europei dove le Societa' hanno versato enormi cifre, esempio Germania, ora il Governo interviene con finanziamenti e favori vari...

    Se poi per te la propaganda elettorale della CdL e' la VERITA' rilevata in cielo ed in terra...

    Ognuno crede a cio' che vuole credere.

    Saluti, Oscar.

    non+autenticato
  • Ma hai Letto cosa hai scritto?????
    leggi la compagine societaria di blu, invece di "berti" tutte le c.... della propaganda della Cdl....
    se poi prima di aprire la bocca accendessi il cervello e seguissi quello che è successo e tutta la storia di Blu, ti renderesti conto che blu è servita ma per tutt'altra cosa, quando per motivi di ordine finanziario hanno deciso di non partecipare alla gara UTMS, i soci hanno cominciato a litigare.................
    chi ci ha guadagnato??????
    Berlusconi!!! che ha venduto a caro prezzo la sua quota a BT sfruttando un accordo firmato all'atto costitutivo di Blu proprio tra berluska e bt....
    chi ci ha guadagnato?????
    tronchetti provera!!!! che ha comprato TIM-SEAT>>>> LA7 , vendendone un bel pezzettino a chi???? berluska!!!!
    Smetto Perchè mi viene la NAUSEA..........
    non+autenticato


  • - Scritto da: Schifato
    > Ve lo ricordate a che cosa e' servita Blu,
    > vero? Ha partecipato all'asta per le
    > concessioni italiane Umts benche' non ne
    > avesse le caratteristiche necessarie ma e'
    > stata ammessa ugualmente con la losca
    > complicita' del governo comunista col suo
    > presidente del consiglio cattocomunista
    > Mortadella. Iniziata l'asta Umts Blu si e'
    > tirata fuori. Essendo il numero delle
    > concessioni uguali al numero dei
    > partecipanti all'asta meno uno, di fatto
    > asta non e' piu' stata, tutti gli altri
    > operatori hanno preso la loro concessione
    > pagando una cifra ridicolmente bassa se
    > comparata alle cifre raggiunte in aste in
    > altri stati europei. Tutti soldi sottratti
    > che non sono andati allo stato, quindi,
    > tutti soldi che lo stato dovra' trovare in
    > altri modi ai danni dei cittadini. Insomma
    > una enorme truffa ai danni dei cittadini con
    > il beneplacido dei comunisti che al governo
    > non hanno fatto altro per 5 anni che
    > regalare decine di migliaia di miliardi alla
    > grande industria e alla grande finanza.

    Smetti di dire c*gate, che:
    1) nell'azionariato di Blu c'era Mediaset!
    2) I soldi sborsati per l'asta, gli operatori difficilmente li rivedranno indietro. Cosa vuoi??? Che avessero sborsato ancora più miliardi per entrare accedere ad una tecnologia merd*sa come l'UMTS? Tu sei scem*!
    non+autenticato
  • Ne ho sentinte di fesserie nella mia vita, ma questa è davvero grossa!

    Spero per te che TU non creda a quello che hai scritto, altrimenti non posso che dispiacermi per te: apri gli occhi nella vita e pensa con la TUA testa.
    non+autenticato
  • ahahhahahahha Adesso capisco xche' hai quel nick !
    xche' chiunque clikka i tuoi post deve rimanere schifato da cio' che legge e tu, diciamo cosi', lo metti in guardia !!!! Ma guarda un po' che magari diventi anche una brava persona !
    Sei semplicemente vergognoso, come del resto tutti quelli come te che non capendoci nulla ne di telefonia, ne di politica, ne tantomeno di come gira il mondo (ed i soldi...) si nascondo dietro a "i co"mm"unisti ru"bb"ano tutto !!! tutta colpa "delli co"mm"unisti !!!"

    ahahahahahahah.... sei semplicemente pietoso...
    Andrea
    non+autenticato
  • Posta sulla mail giusta se vuoi farti capire.

    Saluti Oscar.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Schifato
    > Ve lo ricordate a che cosa e' servita Blu,
    > vero? Ha partecipato all'asta per le
    > concessioni italiane Umts benche' non ne
    > avesse le caratteristiche necessarie ma e'
    > stata ammessa ugualmente con la losca
    > complicita' del governo comunista col suo
    > presidente del consiglio cattocomunista
    > Mortadella. Iniziata l'asta Umts Blu si e'
    > tirata fuori. Essendo il numero delle
    > concessioni uguali al numero dei
    > partecipanti all'asta meno uno, di fatto
    > asta non e' piu' stata, tutti gli altri
    > operatori hanno preso la loro concessione
    > pagando una cifra ridicolmente bassa se
    > comparata alle cifre raggiunte in aste in
    > altri stati europei. Tutti soldi sottratti

    10.000 miliardi di lire di base d'asta per delle semplici concessioni sul piano di assegnazione delle frequenze (quindi in sostanza una carta bollata) non mi sembrano "bruscolini".
    Che poi in Germania ad esempio si siano raggiunti i 90.000 miliardi circa non mi fa pensare che lì sia stato meglio visto che se il cash flow delle società attive nell'UMTS non sarà in grado di far recuperare tale cifra a medio termine si troveranno di fronte al falimento dell'intero progetto UMTS (Iridium insegna).

    > che non sono andati allo stato, quindi,
    > tutti soldi che lo stato dovra' trovare in
    > altri modi ai danni dei cittadini. Insomma

    Inizino a far pagare le concessioni di frequenze a TV e radio private che fino ad ora non pagano un solo euro.
    Ah già, ma per far ciò bisognerebbe prima varare il piano nazionale di assegnazione delle frequenze, previsto dalla legge Mammì del 1990, e mai attuato per via dell'opposizione di chi ha interesse a continuare a non pagare e a a tenere 3 reti nazionali via etere in barba alle sentenze della Corte Costituzionale n.112 del 1993 e n.420 del 5/12/1994...

    > una enorme truffa ai danni dei cittadini con
    > il beneplacido dei comunisti che al governo
    > non hanno fatto altro per 5 anni che
    > regalare decine di migliaia di miliardi alla
    > grande industria e alla grande finanza.

    Che sinistra e grande finanza vadano a braccetto da sempre è noto ma evita se puoi di usare appellativi come "comunista", "fascista" e "nazista" se non altro per rispetto alle centinaia di milioni di persone che sono morte a causa di tali regimi totalitari.

    E comunque per ritornare a Blu va ricordata un po' la storia della telefonia di questi ultimi anni.
    Una volta finito il monopolio Telecom in molti hanno voluto buttarsi nella molto appetibile torta del mercato delle telecomunicazioni.
    Però per creare una società di telefonia mobile in poco tempo occorrevano infrastrutture su cavo già pronte (anche una telefonata tramite cellulare è bene ricordare che ha bisogno di essere instradata via cavo dalla cella ricevente alla prima dorsale di telefonia fissa) e così si è pensato di sfruttare le reti di telecomunicazioni esistenti.
    Ecco che l'allora Olivetti-Infostrada-Omnitel ad esempio ha acquistato dalle Ferrovie dello Stato la rete di telecomunicazioni che correva di fianco ai binari del treno (in realtà poi ne ha sfruttato solo le canaline) mentre Enel ha utilizzato la sua rete presente parallelamente a quella delle corrente elettrica.
    Rimaneva ancora una rete già esistente da sfruttare che era quella di Autostrade S.p.A. che correva lungo le carreggiate stradali e che è stata quindi messa a disposizione del consorzio Blu (e del quale Autostrade S.p.A. è appunto un azionista di riferimento).
    Quel che è mancato a tale società è stato il capitale necessario a creare una rete di antenne terrestri da affiancare alla rete via cavo per via del mancato apporto in tal senso di alcuni soci (in primis Mediaset) che erano entrati in tale consorzio solo per motivi speculativi e che quindi non volevano mettere mano al portafoglio.
    Definire quindi Blu una società di comodo creata FIN DALL'INIZIO solo ai fini di ridurre al minimo il prezzo d'asta delle concessioni UMTS è un affermazione un po' grossolana.
    Per far ciò sarebbe bastata una "scatola vuota" con una capitalizzazione ai minimi termini e non ci si sarebbe impegnati tanto a cercare (e pagare) una struttura di rete, come quella di Autostrade S.p.A. che ne supportasse i servizi.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)