markvp

Le Olimpiadi saranno online, grazie ai cinesi

Si sta formando una cordata per iniettare nella manifestazione sportiva pių importante del mondo quel tocco duepuntozero che mancava. Rischi? Tanti, ma si procede lo stesso

Roma - La data delle prossime Olimpiadi si avvicina e CCTV, la TV di stato cinese, non vuole farsi trovare impreparata: si sta perciò alleando con Tudou.com e con MySpace China per presentare le Olimpiadi in modalità interattiva sul Web.

I potenti mezzi di rete dei giganti alleati non faranno mancare l'offerta di eventi olimpici in streaming video, la cui visione sarà però limitata al territorio cinese. Saranno disponibili anche i profili degli atleti e delle personalità, attraverso i quali gli utenti potranno interagire con loro, nei limiti di quanto raccomandato dal governo.

Nel nuovo scenario, MySpace darà impulso nel paese al proprio giovane business e conferirà quel tocco innovativo a cui l'utenza locale oggi rinuncia con sempre maggiore difficoltà. Tudou, un sito di video sharing valutato da Nielsen NetRatings come una delle realtà in crescita più rapida nell'arco del 2007, contribuirà portando ulteriore utenza e offrendo tanta visibilità all'iniziativa.
"Vogliamo fare pieno uso di tutte le funzioni di interattività di Internet", ha detto Wang Wenbin, manager di CCTV, in una cerimonia in cui è stata annunciata l'apertura del sito ufficiale, battezzato My Olimpics.

C'è però una perplessità, fa notare il Wall Street Journal, a cui occorre ancora dare una risposta: come potranno CCTV e Tudou applicare i loro diritti, al pari dei canali TV tradizionali, per tutelarsi dal rischio di illecite diffusioni in rete degli eventi al di fuori del loro controllo? La natura "sparsa" e internazionale, che di Internet è essenza nativa, rende molto difficoltoso attuare un simile proposito e fa tornare alla mente i numerosi episodi in cui dalla Cina si sono originate trasmissioni considerate illegittime altrove, spesso anche integrali, di canali TV, spettacoli ed eventi.

"In questa fase, nessuno sa chi si occuperà di fare in modo che tutti i video in circolazione siano legali", dice Christopher Stokes, CEO di NetResult, azienda inglese specializzata nel supportare le società sportive nella tutela dei propri diritti.

La speranza è che l'indotto pubblicitario - per le dimensioni che promette di avere - abbia forza propulsiva sufficiente a creare un margine sufficiente a controbattere le perdite causate da eventuali abusi: secondo iResearch, benché si attesti attualmente su valori dell'ordine del 2 per cento, la pubblicità online in Cina è al momento uno dei segmenti in crescita più rapida.

Quella della trasmissione online delle Olimpiadi appare, dunque, una innovazione appetitosa, destinata ad aprire la strada ad un vasto panorama di opportunità sotto il profilo pubblicitario e non solo. Tuttavia ci sarà da fare i conti con gli scossoni che il progetto assesterà al tradizionale monopolio TV, che da sempre ha caratterizzato la ripresa di eventi sportivi di grande rilievo.

Marco Valerio Principato
40 Commenti alla Notizia Le Olimpiadi saranno online, grazie ai cinesi
Ordina
  • ...con le olimpiadi di Torino 2006: ci sono passate sotto il naso e nessuno s'è accorto di qualcosa...
    non+autenticato
  • io ho conosciuto sia quelli del F.Gong che F.Dafa
    a HongKong e sono dei vermi prezzolati da washington e da Soros.

    (chi ha orecchie per intendere intenda...)
    non+autenticato
  • Possibile che tu conosca tutti quelli che sono prezzolati dalla CIA da Washington, dai nazisti e dai Marziani?
    Non sarai mica un funzionario del Ministero della Verita'?
    non+autenticato
  • Viene da chiedersi che lavoro faccia questo qui, per avere tutto sto tempo di girare un paese di 1 miliardo e più di persone a conoscere chiunque è pagato da chi, chi tradisce la propria moglie, chi si scaccola il naso ecc..
    non+autenticato
  • Guarda caro Detrattore cioè che dici è abbastanza disgustoso. Non puoi estendere i tuoi giudizi personali su milioni di membri del falun, dopo averne conosciuti alcuni che non hanno riscontrato la tua approvazione. E' un atteggiamento ottuso. D'altronde è anche ottuso questo tuo atteggiamento anti - americano, perché se non fosse stato per loro l'Italia sarebbe sotto i nazi - fascisti e la Cina di mao non si sarebbe mai aggiudicata la sua indipendenza dato che se hanno raggiunto l'autonomia è stato solo grazie all'intervento americano in chiave anti-giapponese. Oltretutto forse lo ignori, ma gli americani e mao erano alleati nella secaonda guerra mondiale. Gli americani lavoravano ed armavano i maoisti, combattevano nei cieli gli americani, e per terra le truppe cinesi, tanto che nello yunnan, vi è un aeroporto dedicato alle truppe americane !!! Infine gli americani hanno aperto la burma road per permettere agli alleati di foraggiare i maoisti nella lotta contro i giapponesi. La lunga marcia, entrata nella mitologia comunista sarebbe stata poco più di una scampagnata faticosa in giro per la Cina senza il supporto americano. Oltretutto non vedo perché te la prendi con George Soros (che fra parentesi non è americano ma ungherese) che sovvenziona movimenti umanitari in tutto il mondo e non è presente in Cina. Sono d'accordo con te quando dici che c'è sostanzialmente disinformazione sulla Cina ma non riesco a seguirti quando difendi il regime di Pechino a spada tratta che perseguita un movimento religioso. Io vivo in Cina come te, e le mie sensazioni sono molto diverse dalle tue. Ma mi sembri un po' accecato dall'ideologia.
    non+autenticato
  • se la pensi cosi' e' perche' non hai mai avuto diretto contatto
    con i burattini del f.gong e f.dafa.

    io ho centinaia di foto in merito e materiale didattico da loro
    cortesamente donatomi.

    il loro presunto leader "H.Wu" vive a washington pagato da Soros
    che e' poi lo sponsor di tutta la baracca tramite una delle sue ONG
    di facciata.

    gran parte dei loro attivisti non ha MAI messo piede in cina,
    a partire da quelli italioti, lo dico perche' li ho conosciuti.

    milioni di membri ? a me risulta siano quattro gatti.

    nei loro libercoli incitano all'america come culla di civilta'
    e liberta', scusa devo trattenere il vomito...

    a HK puoi vedere le loro pagliacciate ogni 2-3 mesi,
    fanno una sorta di sfilata vestiti di giallo con tamburi
    e volantini sempre uguali da anni (gran fantasia..)


    ---------------------

    maoisti : spiacente ma la manchuria e' stata liberata
    dai carroarmati RUSSI.

    gli americani foraggiavo il Kuomintang, non certo i maoisti
    se non per vie traverse ma solo in chiave anti-giapponese, cosa
    da non confondere.

    se e' per questo era alleati anche coi russi, ma non vedo
    il nesso logico.. i maoisti hanno fatto quasi 30 anni di guerra
    civile, non si sarebbero certo fermati li', in un modo o nell'altro
    parte della cina sarebbe diventata comunista.

    la lunga marcia e' roba del 1934, e ripeto, all'epoca gli americani
    erano alleati al Kuomintang, fai ovviamente confusione e pretendi
    pure di aver ragione...

    leggi per esempio il libro "my father" della figlia di Deng Xiaoping,
    o molti altri libri in merito.

    ----------

    Soros e' ebreo e ha il doppio passaporto israele e americano.

    fondazioni umanitarie ? povero illuso.

    -----------

    regime : beh se la pensi cosi' mi chiedo cosa ci stai a fare in cina...
    sara' pur vero che abitando a pechino si vedono le cose diversamente
    che abitando a WuHan o Urumqi ma .. bohh .. de gustibus.

    io non difendo certo lo sfruttamento dei NongMin o la miseria nera
    che vedi nella cina rurale ehhh dico solo che il governo e' BEN conscio
    di questo e non ne ha mai fatto mistero, neppure la XinHua nega che
    ci siano enormi problemi in moltissimi campi.

    io do' solo pane al pane e mi incazzo a leggere menzogne quotidiane
    della stampa imperialista su un paese che si fa un mazzo cosi' e che
    e' basato su solidi principi morali ed etici, cosa che non si puo'
    certo dire della controparte occidentale.
    non+autenticato
  • Guarda Detrattore,
    anch'io ho gli occhi e vedo una campagna anti - cina, ma non la definirei mai imperialista, mi fa troppo marxista - leninista che vuole vendermi il suo opuscolo la domenica mattina per intenderci, prima del testimone di geova e dopo il rappresentante di tappeti. Oltretutto non è una campagna per conquistare economicamente la Cina, ma è una campagna per boicottare la Cina, quindi semmai è il contrario.
    Se ti da fastidio la propaganda però, coerentemente con il tuo discorso, dovresti anche incazzarti col doppio pesismo della stampa cinese, che non è certo un esempio di buon giornalismo. Oltretutto, se ci pensi ben bene, non ha senso parlare di imperialismo, giacché sono tantissime le multinazionali americani, francesi, tedesche, giappo, coreane che investono in Cina, hanno interessi in Cina e non hanno, a parer mio, intenzione di cavalcare una campagna anti - cinese. L'unico imperialismo che vedo semmai, è quello di Pechino, che si comporta da vero e proprio impero cinese, nella sua accezione più classica. Poi sono d'accordo con te che nella vita di tutti i giorni i cittadini cinesi sono abbastanza liberi, a meno che non comincino ad interessarsi di politica.
    Io in Cina ci sto perché mi piace abbastanza, mi trovo abbastanza bene, riesco a fare i miei affari ed ho un discreto margine di libertà per attuare i mei progetti (cosa ahimè, non possibile in italia, a meno che non si sia figli di questo o quello o non si sia miliardari - che è la stessa cosa)
    non+autenticato
  • Quando dici che Soros e' ebreo, ti riferisci alla religione o alla razza?
    I tuoi modi di parlare mi ricordano qualcuno che abbiamo gia' eliminato una volta
    non+autenticato
  • ora è chiaro a cosa sono dovuti i recenti sabotaggi dei cavi Internet sottomarini: sono p tentativi che stanno facendo i cinesi per isolare la lore rete internet dal resto del mondo, visto che non c'è altro sistema efficace per confinare le proprie trasmissioni sportive su WEB nell'ambito nazionale...
    non+autenticato
  • visto che vi sentite tanto super partes e liberali, quando avro' tempo vi scrivero' un nutrito articolo sulla armonizzazione dei contenuti online in cina e i filtri web applicati nel regno di mezzo.

    logico che al 99% non sara' mai pubblicato (nessun problema, lo riciclero' altrove) ma se veramente credete in quello che scrivete sarebbe un modo per dimostrare la vostra coerenza e credibilita' professionale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > visto che vi sentite tanto super partes e
    > liberali,

    Questa e' una tua lettura e visione delle cose (che è tua, non proiettarla sul prossimo).
    Ed inoltre mi sembra ovvio visto che mi firmo e parlo al singolare che parlo a mio nome, come sempre.

    > quando avro' tempo vi scrivero' un
    > nutrito articolo sulla armonizzazione dei
    > contenuti online in cina e i filtri web applicati
    > nel regno di
    > mezzo.

    Bene, sembra interessante.

    > logico che al 99% non sara' mai pubblicato

    il vittimismo non paga, e di nuovo vuoi pensare con la testa degli altri.

    > (nessun problema, lo riciclero' altrove) ma se
    > veramente credete in quello che scrivete sarebbe
    > un modo per dimostrare la vostra coerenza e
    > credibilita'
    > professionale.


    E qui, scusami, sbagli ancora IMHO. Se pensi che qualcuno debba dimostrare qualcosa, che tu non vedi. Un po come il marito che chiede la prova d'amore alla moglie, ma è malfidato in partenza, e lei innamorata.

    Se già in partenza pensi che serva un tuo articolo (già pronto per il riciclo...) per dare credibilità a PI (ai tuoi occhi?)... beh forse, credo, mi sembra, dicono, non è proprio un buon punto di partenza per esporre il Tuo punto di vista.

    l'indirizzo della Redazione è comunque in tutte le pagine di PI!Occhiolino

    Ma se ti serve solo per far pace con la tua polemica faziosa, tienitelo. IMHO.

    Luca\S

    ps - ma che fai... scrivi anche articoli per difendere la pena di morte sui siti e giornali schierati contro, per ridargli una credibilita'? ?Deluso O anche quella fa sentire tutti felici e contenti, te compreso? Funzionasse come deterrente beh,.. dopo tanti anni non dovrebbero esserci piu reati!Triste non ci sarebbe neanche un esecuzione, ma di fatto non si sa neanche quante e perche'. Che in Cina ci sia un Regime e Censura non è una opinione. E negarlo non è
    un'opinione. E' un offesa anche a chi paga, quel Regime.

    Parliamo di censura e web, meglio. Perche' non puoi difendere l'indifendibile, altrimenti come fai a parlare di coerenza e credibilità?

    ao. Tu non solo giustifichi la pena di morte (uh! e' solo per reati gravi, e ne sei anche sicuro! Sei il solo al mondo), ma non ti rendi neanche conto della gravità di certe cose. Capita.

    Le cose grandi si vedono bene solo da lontano. (Mao)

    pps - da settembre comunque non sparano piu in testa a chi ruba molti soldi. Altri reati, si, cribbio. Che svolta democratica !A bocca aperta Ah gia' solo quelli "gravi". Gravi per chi? Non je la fo proprio a reggere e confrontarmi con chi ha un concetto dell'esistenza propria, ed altrui, basata sulla violenza. Sorry. Nessun reato contro l'opinione, i beni materiali o la persona giustifica un esecuzione. Punto. ANCHE questo fa della cina un regime. E ridi pure che noi votiamo per finta, ma almeno non mi sparano perche' sono Io.

    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/0...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 febbraio 2008 09.55
    -----------------------------------------------------------
  • @schiavoni :

    beh abbiamo indubbiamente una visione geopolitica quasi opposta, ma questo e' solo un tuo problema.

    io sono per il "chi sbaglia paga".
    nessuno ti obbliga a rubare o uccidere, ne' a pretendere di farla franca.

    sui metodi se ne puo' certamente discutere.

    ma se viene a mancare lo stato di diritto si finisce come da voi in europa dove uno zingaro ubriaco che investe e uccide ragazzi fuori dalla discoteca non si fa un giorno di galera e viene invitato ai talk show e l'ex presidente del consiglio abolisce il falso in bilancio per non finire in galera.

    se possibile, io parlerei piu' di doveri che di diritti.

    -------------------

    articolo su "the great firewall of china" :

    nessun problema, se vi piace ben venga, e non chiedo un solo euro in cambio, lo faccio solo per soddisfare il mio narcisismo e perche' la propaganda anti-cinese ha raggiunto limiti che manco Goebbels...




    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > @schiavoni :
    >
    > beh abbiamo indubbiamente una visione geopolitica
    > quasi opposta, ma questo e' solo un tuo
    > problema.
    >
    > io sono per il "chi sbaglia paga".
    > nessuno ti obbliga a rubare o uccidere, ne' a
    > pretendere di farla
    > franca.


    Io resterei in tema, e questo e' un giornale "informatico" indipendente.

    Sicuramente pende piu', ovviamente, dalla parte di EFF piuttosto che del regime cinese. Tu vedi questa come una scelta politica o "anticinese".

    Io la vedo come una scelta coerente e seria, e portata avanti a caro prezzo, in nome di tutte le libertà di espressione in Rete. Di questo parla PI, in fondo.

    Poi se i pirati informatici invece di chiuderli in galera vengono fucilati questo fa parte delle notizie informatiche, e ogni giornale da una sua versione dei fatti (o non ne parla affatto, mentre PI parla delle censure web cinesi dal 1996, tra i pochi a farlo).

    Non e' questione di geopolitiche personali mie e tue, in fondo. Il fatto che tu poi giustifichi l'omicidio di stato (di partito) poi è sinceramente un problema della tua coscienza ed anima, e qui non siamo in chiesaOcchiolino

    Il fatto che tu ti senta libero, e non ti ponga minimamente il problema delle liberta' altrui (visto che sai che ci sono persone non libere quanto te, ma te ne freghi) gia' fornisce un quadro della tua visione che non meriterebbe altri commentiDeluso

    Lascerei perdere i discorsi politici, se per te l'astio o la rivalsa (persino contro il tibet o il dalai lama) sono "giusti" elementi del potere di uno stato (ops, di un partito) siamo veramente distanti.

    saluti dalla barbarica italia.

    Luca\S
  • mah non direi che PI e' tanto indipendente, nei fatti
    ha concretamente una sua inclinazione politica, e per
    quel che riguarda la cina e' spesso e volentieri
    anti-cinesi in maniera piu' che gratuita.

    nel momento che PI si immischia di politica non e'
    piu' solo un giornale "informatico" ma ben di piu'.

    confondi chiaramente l'anarchia del web con "liberta'
    di espressione".

    esistono leggi in tutte le nazioni, e pure in italia
    molti siti vengono chiusi per tali leggi.

    non ricordo articoli di PI a difesa di pedofili o
    siti di puttanieri per esempio, ma ricordo benissimo
    articoli di PI blaterare di censura se la cina
    impone regole a difesa della morale comune sulla
    programmazione tv in prima serata e negli ads televisivi
    (es : niente tette e culi nelle pubblicita' TV).

    pirateria : e' un furto, punto.

    tu lo vedi come qualcosa di "romantico", io lo
    vedo solo per quello che e', ne riparleremo quando
    dopo mesi di lavoro avrai fatto un software
    e il giorno dopo te lo vedi piratato o peggio
    vedrai i siti di "tracker" di bittorrent fare
    anche vari soldi $$ in advertising a scrocco
    grazie al tuo lavoro.

    non vorrei poi insistere su cose non informatiche
    ma visto che lo chiedi :

    omicidio di stato : nel momento che esiste
    lo stato di diritto, chi commette un omicidio
    andra' in qualche modo punito da qualcuno, e questo
    qualcuno e' lo stato ergo la polizia, l'esercito etc.

    quidni, certo, omicidio di stato, ma e' una questione
    di forma, perche' senza lo stato sarebbero le vittime
    a farsi giustizia da soli il che e' ben peggio, fidati.

    liberta' : devi avere un concetto tutto tuo evidentemente.
    qui la gente e' piu' libera degli hippies nel '68, l'unica
    cosa vietata e' farsi i cazzi della politica.

    partito : trattandosi di quasi 100 milioni di persone e' ben piu'
    di un partito se permetti ma un vero monolito statale.

    (il che ha pro e contro ma e' un altro discorso)

    "persino su tibet e d.lama" : beh non e' un argomento da niente,
    con chiunque io apra bocca compresi i miei stessi familiari
    mi viene rinfacciata questa solfa che hanno sentito in tv e persino
    nei sussidiari delle scuole elementari.

    la cina NON perseguita i Lama attuali, perseguita solo il D.Lama.
    se vieni a pechino c'e' tanto di Lama Temple, nota attrazione
    turistica tra l'altro, chiunque puo' entrare parlare coi monaci
    e professare la sua eventuale fede buddhista.

    il buddhismo e' la seconda religione in cina, e' solo il d.lama
    a essere bandito per motivi di alto tradimento e ti risparmio
    il resto dei capi di accusa.

    non vedo il problema, forse che in italia non e' vietato per
    legge il fascismo ? e se uno fosse fascista deve andare in galera
    per motivi di opinione come han fatto con Irving e molti altri ?

    tipico doppiopesismo di chi parla di cose sentite dire.
    e in risposta a un altro lettore, mi spiace ma i libri di Terzani
    sono un bel po' obsoleti, la cina del 1983 non esiste piu', sorry.




    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • Premessa; quando in italia viene chiuso un sito per censura PI ne parla, sempre, e spesso per primo. Quindi non e' una politica anti-cinese (e due) ma pro-EFF e anti-censura casomai. Una scelta politica, sicuramente. Tutti siamo politica, e l'interazione tra noi lo e'.

    Ma come ti ho gia' scritto, visto che hai tanta cura e che certe parole non ti piacciono, devi ricominciare da capo a partire dal nickname.

    Sai cosa significa? Che o sei un troll che sta scherzando (e lo spero, visti i contenuti) o stai mentendo.

    http://www.demauroparavia.it/32210

    detrattore : "chi danneggia con calunnia la reputazione di altri". Un reato che in certi paesi.. ma che te lo dico a fare.

    questo comunque, ripeto se vuoi più "ufficialmente", non e' il posto giusto per comizi politici. E' il forum di un giornale informatico.

    Abbastanza libero da consentire a detrattori e calunniatori di scrivere, pensa tu.

    Luca\S

    ps - fascisti in italia, e altro?
    Sai come la penso? No. quindi non mettermi in testa pensieri tuoi, o pregiudizi. E' una violenza anche questa.
    Io sono contrario alla chiusura di qualsiasi sito, anche dei siti nazifascisti, sono contrario al divieto di riformare il partito fascista (se la gente lo vuole perche' negarglielo? espatrio).

    Tu mi parli da un paese dove persino la bibbia era censurata e vietata. Figuriamoci che effetto gli fa internet, perche' qui di QUESTO si parla. Il resto e' OT.

    A me la bibbia non fa paura, solo i regimi (e due) hanno paura delle parole. almeno pensaci su un nanosecondo, se proprio non vuoi pensare a chi viene ammazzato per 10 euro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 febbraio 2008 15.52
    -----------------------------------------------------------
  • mah guarda, ti ringrazio per questa succosa
    discussione ma penso che non ci siano i presupposti
    minimi per uno scambio produttivo di opinioni.

    il fatto che tu creda che la bibbia e' vietata
    in cina e' la prova lampante che purtroppo non
    hai le capacita' analitiche per analizzare un argomento
    complesso come la cina, la cultura cinese, e l'influenza
    che ha la cina nel mondo attuale e in geopolitica.

    o semplicemente come fanno tutti, te ne fotti e/o
    sei in malafede.

    politica : spiacente ma se la discussione finisce
    sempre in politica e' solo per colpa di PI che
    volutamente la butta in politica !

    se fai un articolo e riempi di parole come "regime"
    "censura" "diritti umani" se permetti e' roba estremamente
    politica, non puoi lamentarti che io casco in politica
    e che questo e' nelle tue parole "solo un forum informatico".

    no, non puo' essere solo informatico se la terminologia
    che usi e' politica.

    se vuoi che sia informatico scrivi un articolo neutro
    come faresti per qualunque altro paese al mondo.

    infatti non mi sembra che ci siano miei interventi
    su articoli dove non tiri in ballo la politica cinese.

    e io non sono certo uno che lavora per il controspionaggio
    o altro, sono solo un italiano in cina che si e' rotto
    i coglioni di leggere cazzate sulla cina scritte ogni santo
    giorno sui media di tutto il mondo.

    questa tua sulla bibbia bannata mi mancava ma per dire
    persino mia madre e' convinta che in cina sia normale
    che rapiscano a caso degli stranieri e mille altre
    cazzate che non sto manco a elencare, altri pensano
    che qui ci siano i poliziotti a ogni metro, che gli
    stranieri siano filmati da telecamere etc etc

    quasi nessuno mi crede quando faccio presente
    che abitare a pechino e' come abitare in una
    qualunque normale metropoli dell'asia.

    gli hanno insegnato che la cina e' il male
    assoluto e da li' non si schioderanno MAI.

    e tu li segui a ruota, non sei neppure
    sfiorato dal minimo dubbio, non lasci neppure
    il beneficio del dubbio.

    vabbe', mi sta bene che PI per scelta editoriale
    sia anti-censura, ma gli articoli sulla censura
    cinese mi sembra vadano ben oltre la critica alla censura,
    mi sembra al contrario che usino la scusa della
    censura per spalare merda sull'intera cina e su tutti
    i suoi valori.

    o vuoi perfino sostenere che i vostri sono articoli equilibrati ??

    spalate letame su tutto e tutti e la gente dovrebbe star zitta ?
    guarda che io ti rispondo per pietas critiana, sei tu che
    rimane ignorante non io che in cina la "censura" la vivo
    e la tocco con mano e mi tocca usare proxy e altro per
    vedere dei cazzo di links.

    il mio nickname e' perfettamente in linea : non so voi, ma
    io reputo che faccia meglio una critica intelligente che
    decine di complimenti scritti dai vostri lettori 13enni
    brufolosi e sfigati.

    lungi da me "calunniare", io accuso direttamente PI
    per quello che e', non c'e' nulla da inventare ne'
    bisogno di girare intorno ai discorsi.

    mi sta benissimo che PI sia libero abbastanza da consentire
    la pubblicazione dei miei libelli, ma e' ovvio che lo
    vedi come una scelta forzata se poi lo devi ribadire ogni volta.

    botte piena e moglie ubriaca ? mi spiace, ma finche'
    scrivete roba schifosamente di parte a qualcuno stara'
    sul cazzo e non penso di essere l'unico.

    l'informazione ha come scopo primario INFORMARE,
    non de-formare, correggimi se sbaglio.

    de-formare e' quello che PI fa spesso e volentieri
    quando si parla di cina, ergo, evitiamo di cambiare
    le carte in tavola.

    p.s.
    puoi comprare liberamente la bibbia, il corano, il talmud
    in qualunque bookstore di pechino, sia in cinese che in inglese
    e altri dialetti.

    non so dove hai sentito sta panzana, forse nei libri di Terzani
    degli anni '80, ma i tempi sono molto cambiati da allora, la
    cina di terzani NON esiste piu' ma a voi fa sempre comodo
    rivangarla ...

    d'altronde che altre scuse trovare per difendere un occidente
    indifendibile ?

    quanto ai blog politici e di news devono essere registrati al ministero
    dell'informazione, tutto il resto e' free e ci sono milioni
    di blogs su ogni possibile argomento.

    fossi in te prima di parlare di fantomatici regimi darei
    un occhio al "regime democratico" in cui l'occidente e' costretto
    a vivere da 60 anni.

    buon pro ti faccia.




    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > mah guarda, ti ringrazio per questa succosa
    > discussione ma penso che non ci siano i
    > presupposti
    > minimi per uno scambio produttivo di opinioni.
    >
    > il fatto che tu creda che la bibbia e' vietata

    ecco il Detrattore.
    non l ho mai scritto.

    la Bibbia ERA vietata, ho scritto e so, e dico, anche perchè ahime non sono piu un 13enne brufoloso.

    Ma tu - detrattore - usi la calunnia.
    questo fai, questo dice il tuo nick anche se non l hai ancora capito (pazienza), e questa è la mia ultima risposta, anche perche' il giornale poi parla da solo, non ha bisogno di difese, o prove.Occhiolino

    Luca\S

    ps - parlare di censura e' gia' politica, lo siamo gia io e te che pariamo, politica. IMHO. Per quel che mi riguarda il Regime cinese smettera' di esser tale, magari cambiando governo, con elezioni, e trasparenza. E' la mancata trasparenza, ed informazione, che crea le favole sulla Cina. Non viceversa, su.
  • e vabbe'.

    io non ho altro da aggiungere.
    non+autenticato
  • >perche' la propaganda anti-cinese ha raggiunto limiti che
    >manco Goebbels...

    Invece voi Gobbels l'avete surclassato da un pezzo.
    nodata
    2289
  • ma e' possibile che se si parla di china e' solo riguardo a fantomatiche censure o liberta' limitate ?

    Tudou ha piu' di 100 milioni di iscritti, alla faccia di Youtube et similia, ed e' il portale di video sharing piu' grande dell'Asia.

    dentro c'e' di tutto, comprese anche tette e culi, chiaro che se qualcuno uploada pornografia o video taroccati con Mao in mutande o Deng Xiaoping che fa il saluto romano o il D.Lama che inneggia a una invasione americana del tibet o i taiwanesi che incitano all'indipendenza ovviamente vengono rimossi.

    per tutto il resto non vedo alcun problema.

    MySpace.cn : l'hanno lanciato l'anno scorso ma ci sono gia' decine e decine di altri siti uguali in cinesi che sono anche molto meglio, ricordiamo che qui MySpace, Youtube, e molti altri brands sono DEL TUTTO sconosciuti.

    Baidu.com ha il 60% del mercato motori-di-ricerca, Yahoo e' il sito piu' usato in assoluto, poi Sina.com, Sohu.com, e mille altri sconosiuti in occidente ma che qui hanno decine di milioni di utenti.

    Chi se ne frega di quello che dice il NYT ?
    forse che loro hanno avuto la liberta' di criticare le fantomatiche atomiche di saddam quando sapevano benissimo che era un falso ?

    almeno i cinesi non giocano a fare i moralisti, ci sono delle leggi, vanno rispettate, punto.

    ci sono anche numerosi forums di expats che sono vergognosamente critici della cina, e nessuno li ha mai toccati, controllate pure.



    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > ma e' possibile che se si parla di china e' solo
    > riguardo a fantomatiche censure o liberta'
    > limitate
    > ?
    >

    http://punto-informatico.it/cerca.aspx?s=cina%20ci...

    su 300 articoli vedi tuOcchiolino


    >chiaro che se qualcuno uploada pornografia
    > o video taroccati con Mao in mutande o Deng
    > Xiaoping che fa il saluto romano o il D.Lama che
    > inneggia a una invasione americana del tibet o i
    > taiwanesi che incitano all'indipendenza
    > ovviamente vengono
    > rimossi.

    ah gia, ovviamente.

    Liberta' di espressione cribbio in cina,

    non parliamo di politica su, siamo in campagna elettorale

    Sai tipo.. votazioni?

    gliel hai gia' raccontata ai cinesi la Favola Occidentale delle Votazioni? In altri mondi, digli, votano.


    > almeno i cinesi non giocano a fare i moralisti,
    > ci sono delle leggi, vanno rispettate,
    > punto.

    no, non giocano. Fanno direttamente le esecuzioni capitali,

    su,

    per favore, ancora tu.
    ;D

    Luca\S

    ps - Ice One, rapper romano (doc)
    "saro' la voce del bambino che hai seviziato
    saro' la rabbia del negro che hai bruciato
    saro' la disperazione del malato emarginato
    saro' lo sdegno dell'ebreo che hai insultato
    saro' le lacrime dell'operaio licenziato
    saro' il sangue della donna che hai violentato
    saro' le parole dell'uomo che non hai mai ascoltato
    saro' il nemico che tu hai voluto"

    aggiungo: sarò il sito che hai censurato.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 febbraio 2008 01.45
    -----------------------------------------------------------
  • non capisco questa difficolta', evidentemente
    per voi oramai un dogma, di anche solo immaginare
    che in altri paesi esistano valori e tipi di governo
    diversa dalla fantomatica democrazia.

    in cina la liberta' di parola e' molto alta, a patto
    che non si rompa i coglioni al governo.

    certo, tu la vedi come censura, ma critiche sul governo a parte
    tutto il resto e' largamente tollerato ehh

    nessuno sente il bisogno di votazioni o elezioni, fidati,
    e i cinesi si fanno delle gran risate a leggere
    di quanti soldi e tempo vengono buttati alle
    ortiche con le elezioni fantoccio in occidente.

    la cina e' COMUNISTA, quindi non ha alcun senso
    fare queste battutine su elezioni etc, il sistema
    attuale e' un "socialismo di mercato", NON e'
    basato sulla democrazia rappresentativa, punto.

    e comunque tutto il partito e' frutto di elezioni INTERNE
    e meritocrazia, non credere che Hu Jintao sia
    li' per motivi di anzianita' o per tangenti,
    e' un ingegnere meccanico figlio di contadini
    e si e' messo in politica quando aveva quasi 40 anni.

    esecuzioni capitali : qui c'e' la pena di morte
    per reati gravi come in giappone, USA, singapore,
    e molti altri paesi.

    se ai cinesi va bene cosi' avranno i loro buoni
    motivi, voi in italia invece andate avanti a indulti
    perche' le carceri scoppiano.

    ci sono membri del partito che sono stati fucilati
    per corruzione, altri che hanno preso l'ergastolo (l'ex
    sindaco di Shanghai ad esempio).

    converrai con me che questi metodi andrebbero applicati
    anche per l'attuale classe italiota che da 60 ruba
    sul lavoro del suo stesso popolo.

    perche' l'alternativa e' quella che piace a voi buonisti,
    dove a pagare e a prendersela in culo e' sempre il cittadino
    che pero' (hahaha) ha l'illuminato diritto di votare tra
    un mortadella a sinistra o un salame a destra...

    spero tu un giorno viva in cina per qualche mese
    cosi' ti renderai conto della realta'.


    Il Detrattore,
    Pechino
    non+autenticato
  • La Cina è COMUNISTA, quindi non ha alcun senso parlare di votazioni... ecc. ecc.

    Che altro dire?
    non+autenticato
  • Che è una dittatura...
    nodata
    2289
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > non capisco questa difficolta', evidentemente

    e io non capisco e non capiro' mai come fai tu a confondere Democrazia e Regime e anche ad andare OT sempre cosi.

    Io in cina? Da turista, forse.

    Ma purtroppo e' un posto dove non posso liberamente esercitare almeno una decina degli aspetti del mio essere e carattere, e dove quindi non posso Essere ed Esistere per quel che sono.

    te pare poco ? Ti sembrera' incredibile, e strano, ma persino in Italia ci si sente piu' liberi di quel miliardo di persone delle quali - mi sembra - non conosci la Storia recente al punto da definirli tutti allegri e contenti di non andare a votare, e di farsi ammazzare dallo Stato. Ops, dal Partito.

    la tua critica era su PI, tanto per cambiare (chissa' se tanta polemica sarebbe accettata da un quotidiano cinese, da parte di un lettore..). Ti ho mandato un link a 300 articoli. Se sono "tutti" contro il Regime Cinese, allora ok.

    Ma per te sembra persino un offesa definire un regime come tale. e allora.. ok, teniamoci il Detrattore che ad ogni articolo sulla cina, o quasi, ci fa sognare questo

    Paradiso delle Libertà.


    Luca\S

    ps - un'altra canzone, siamo nel periodo Sanremo qui

    "Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,
    io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!
    Io frocio, io perchè canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,
    io solo qui alle quattro del mattino, l'angoscia e un po' di vino, voglia di bestemmiare!"
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 febbraio 2008 09.20
    -----------------------------------------------------------
  • @Schiavoni

    ripeto che non capisco cos'e' esattamente che non
    puoi fare in cina da turista o da residente.

    come straniero non puoi entrare nel partito comunista,
    questo e' assodato.

    e non puoi avere cariche governative/regionali/comunali/etc

    a parte la politica, sei libero di fare tutto.
    guarda che qui c'e' molta piu' liberta' su tantissime
    cose, le leggi sono molte ma se pochi le rispettano...

    sei ovviamente offuscato da quello che senti dire in TV.

    e prima che da residente anche da turista ho fatto tutto
    quello che facevo altrove e piu', perche' con gli stranieri
    chiudono anche un occhio.

    "regime" : certo, se permetti e' un aggettivo che e' tutto fuorche'
    un complimento.

    basterebbe chiamarlo per quello che e' : "governo socialista".

    critiche in cina : basta che ti legge ad esempio il forum
    del China Daily in inglese e ci sono critiche anti-cinesi
    di ogni tipo : http://bbs.chinadaily.com.cn/index.php

    come anche ShanghaiExpat, TheBeijinger, e mille altri
    blogs e bbs anglofone (ti risparmio quelle in cinese
    visto che non penso tu sia sinofilo).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > @Schiavoni
    >
    > ripeto che non capisco cos'e' esattamente che non
    > puoi fare in cina da turista o da residente.


    Devi toglierti le alghe fritte dagli occhi. Per farti tutti gli esempio non mi bastano 7000 caratteri de sto forum !Occhiolino
    e lo sai, se le togli.

    Luca\S

    ps - regime non e' un insulto, e' una parola
    http://www.demauroparavia.it/92257

    e chi ha paura delle parole e del libero pensiero?
    i regimi.

    "Internet non piace ai dittatori. E già questo è un motivo per farcelo piacere" (Rodotà, dieci anni fa)
  • mah io rimango molto perplesso.

    come puoi giudicare in maniera poi cosi' categorica e inappellabile un paese di 1.3 miliardi di persone in cui non hai MAI messo piede e di cui il poco che sai lo avrai sentito dire da emilio fede o bruno vespa nei loro ennesimi servizi pseudo-giornalistici sulla fantomatica censura cinese e campi di tortura.

    contento te...

    io non spreco piu' fiato su sta cosa.
    a pechino ci abito e se permetti ne sapro' qualcosa di piu' di chi sta in italia, ma evidentemente la vera rivoluzione culturale l'hanno fatta in occidente dopo il 1945 e orwellicamente le vittime sono i piu' strenui difensori dei loro burattinai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Il Detrattore
    > mah io rimango molto perplesso.
    >
    > come puoi giudicare in maniera poi cosi'
    > categorica e inappellabile un paese di 1.3
    > miliardi di persone in cui non hai MAI messo
    > piede e di cui il poco che sai lo avrai sentito
    > dire da emilio fede o bruno vespa nei loro
    > ennesimi servizi pseudo-giornalistici sulla
    > fantomatica censura cinese e campi di
    > tortura.
    >
    > contento te...
    >
    > io non spreco piu' fiato su sta cosa.
    > a pechino ci abito e se permetti ne sapro'
    > qualcosa di piu' di chi sta in italia, ma
    > evidentemente la vera rivoluzione culturale
    > l'hanno fatta in occidente dopo il 1945 e
    > orwellicamente le vittime sono i piu' strenui
    > difensori dei loro
    > burattinai.


    facci capire, se uno e' critico nei confronti della cina per forza e' uno che vede fede o vespa... il tuo atteggiamento spesso è semplicione e persino fascistoide quando scrivi che "questi all'asilo gli hanno insegnato"... preoccupati degli asili cinesi e spiegami come mai sono gli unici che in italia non si integrano mai con gli altri... parlo dei cinesi in italia e quei pochi che parlano della cina - visto che ne sono scappati - ne parlano in modo molto diverso da te...

    in tanti abiamo senso critico, non tutti........................


    in cina censurano internet e questo basta ed avanza per fare della cina qualcosa di negativo almeno su questa community e per chi vuole una rete libera .... ... ma questo non ti ci entra nella capa......
    non+autenticato
  • Qualcuno ha detto laogai?
    non+autenticato