AMD saggia i 45 nanometri

Presentati due prototipi di processore a 45 nanometri, destinati a succedere all'attuale generazione di processori Opteron e Phenom. I due chip sono già in prova presso diversi partner del chipmaker

Hannover, Germania (CeBIT 2008) - AMD muove i suoi primi passi nell'era dei circuiti a 45 nanometri, una tecnologia che ha utilizzato per costruire due prototipi di processore quad-core, Shanghai e Deneb, rispettivamente pensati per i server (Opteron) e i PC desktop (Phenom).

Single 45nm Quad Core DieIl chipmaker di Sunnyvale non ha ancora svelato le date di lancio delle due famiglie di CPU, ma il periodo approssimativo del debutto di Shanghai è stato confermato per la seconda metà dell'anno. Intel, come noto, ha introdotto i suoi primi chip a 45 nm lo scorso autunno, e all'inizio dell'anno ne ha commercializzati altri 16 modelli.

I due processori a 45 nm di AMD sono stati prodotti nell'impianto Fab 36 di Dresda, in Germania, su wafer da 300 millimetri. La fabbrica è stata da poco riconvertita al processo produttivo immersion lithography, che può essere impiegato per stampare pattern di circuiti con dimensioni inferiori a 45 nm. Tale tecnologia è stata sviluppata da AMD in collaborazione con IBM insieme ai transistor con gate metallici ad alta costante k (HK+MG), gli stessi utilizzati da Intel nei propri chip a 45 nm. A differenza di quanto riportato da alcune fonti, però, i primi processori a 45 nm di AMD non si avvarranno di quest'ultima innovazione: secondo quanto affermato da un portavoce del chipmaker, i transistor HK+MG saranno introdotti solo in un secondo momento.
AMD afferma che i benefici apportati dalla tecnologia HK+MG, relativi alla minore dispersione di corrente, sono in gran parte già garantiti dalla propria tecnologia strained silicon e da quella silicon-on-insulator di Big Blue. Ciò non toglie che i transistor con gate metallici rappresentino una tappa praticamente obbligata nello sviluppo di circuiti più piccoli, come quelli a 32 nm.

45nm Quad Core WaferDi Shanghai, ossia l'Opteron di prossima generazione, sono già trapelati alcuni dettagli tecnici, il più importante dei quali è rappresentato dall'inclusione di una cache L3 da 6 MB: si tratta di un grande passo in avanti rispetto ai 2 MB attualmente inclusi in Barcelona, soprattutto considerando che questa cache è condivisa da quattro core.

AMD ha anche promesso di ridurre la latenza della cache L3, una miglioria che nel 2009 dovrebbe affiancarsi alla tecnologia G3MX, che permetterà di incrementare significativamente la quantità di memoria gestibile dal processore e, nell'ugual tempo, aumentare la velocità dell'interfaccia con la memoria. Una soluzione a cui Intel dovrebbe rispondere con la propria tecnologia QuickPath, una connessione point-to-point che aggirerà finalmente i limiti dell'attuale front-side bus.
10 Commenti alla Notizia AMD saggia i 45 nanometri
Ordina
  • Finalmente AMD si mette in grado di impensierire Intel. D'altro canto, se ha IBM alle spalle...
    non+autenticato
  • - Scritto da: rockroll
    > Finalmente AMD si mette in grado di impensierire
    > Intel. D'altro canto, se ha IBM alle
    > spalle...

    Credo che ormai Intel abbia troppo vantaggio davanti alla Amd,ma come la storia ha + volte dimostrato, i sorpassi possono sempre accadere..vedremoOcchiolino
    LROBY
    lroby
    5311
  • CREDO che siano scelte di mercato diverse, io vedo AMD un po' più "pianificatrice" rispetto a Intel, e più orientata a sviluppare l'architettura logica interna ille CPU che a pompare il clock, al contrario di Intel... sono convinto che alle frequenze raggiunte da Intel gli AMD sarebbero più veloci, perchè sono sviluppati meglio come logica IMHO:
  • non dimentichiamoci che gli AMD sono delle macchine RISC con un "convertitore" di istruzioni CISC in RISC: questo permette di avere un core piu' lento ma con prestazioni che eguagliano le cpu di riferimento di intel.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > non dimentichiamoci che gli AMD sono delle
    > macchine RISC con un "convertitore" di istruzioni
    > CISC in RISC: questo permette di avere un core
    > piu' lento ma con prestazioni che eguagliano le
    > cpu di riferimento di
    > intel.

    C'è una cosa che potrebbe tornare a vantaggio di AMD in futuro: AMD, IBM, Toshiba, TI e UMC iniziano a usare la litografia a immersione già per il processo a 45nm, mentre intel lo farà a partire dal processo a 32nm, quindi la parte di ritardo accumulata da aMD ascrivibile a questa nuova tecnologia potrebbe a sua volta affliggere intel in questo delicato passaggio che per quest'ultima avverrà passando dai 45nm ai 32nm.
    non+autenticato
  • Non dimentichiamo anche che quasi certamente il grande balzo compiuto da intel passando dai P4 ai Core Duo e Core 2 Duo non è estraneo all'acquisizione di tecnologie del defunto Alpha, che infine intel sarà riuscita in parte ad adattare alle sue architetture: però il cassetto dei progetti di alpha al momento dell'abbandono si spingeva al più ad abbozzare vagamente le tecnologie per il 2010 e più in concreto a progetti per diversi anni prima, l'ultima vera evoluzione di Alpha praticamente pronta e ritirata prima del lancio (escludendo il ritirato EV79, ultima irrealizzata evoluzione di EV7) fu l'EV8, prevista per il 2003 e mai commercializzata, quindi qualsiasi apporto intel possa aver avuto da quelle tecnologie adattandole agli x86 e Itanium andrà a breve ad esaurire il proprio potenziale innovativo rispetto ai concorrenti, che come intel in passato saranno stati, escluso Power di IBM, anni indietro rispetto ad Alpha, ma dalla sua "morte" non se ne sono stati certo con le mani in mano.
    Per dare un idea, il primo Athlon, che nel '99 fece il clamoroso sorpasso ai danni di intel, era un progetto guidato da un ingegnere del team che aveva sviluppato Alpha alla DEC e Athlon stesso utilizzava su licenza tecnologia EV6, la versione di Alpha del '98: grazie anche a queste due cose (il primo grande impulso prestazionale, però, dal punto di vista architetturale AMD lo ebbe al tempo del k6 con l'acquisizione di NexGen, mentre prima Motorola, poi sempre di più IBM hanno fornito collaborazione preziosa per il processo produttivo, va riconosciuto), Athlon riusci a superare il Pentium 4 per ben 6 anni.
    non+autenticato
  • Da quanto ne so io, le architetture Core e Core Duo di intel sono il frutto di un lavoro interno degli ingegneri del centro di ricerca in Israele. Non mi risultano acquisizioni da parte di Intel, o forse me ne dimentico. Hai una fonte che confermi l'acquisizione di Alpha?

    Per quanto riguarda il primo athlon, quello che viene da Alpha è solo il bus, che è stato il primo a sfruttare il doppio fronte per la trasmissione dati in ambito desktop (DDR, per gli amici).

    Infine tutti i processori dal Pentium Pro in poi hanno un core Risc, ma accettano codice CISC che viene poi convertito in una o più microistruzioni RISC per essere mandato in esecuzione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paolo Sabatino
    > Da quanto ne so io, le architetture Core e Core
    > Duo di intel sono il frutto di un lavoro interno
    > degli ingegneri del centro di ricerca in Israele.
    > Non mi risultano acquisizioni da parte di Intel,
    > o forse me ne dimentico. Hai una fonte che
    > confermi l'acquisizione di
    > Alpha?

    http://en.wikipedia.org/wiki/DEC_Alpha

    >
    > Per quanto riguarda il primo athlon, quello che
    > viene da Alpha è solo il bus, che è stato il
    > primo a sfruttare il doppio fronte per la
    > trasmissione dati in ambito desktop (DDR, per gli
    > amici).
    >
    > Infine tutti i processori dal Pentium Pro in poi
    > hanno un core Risc, ma accettano codice CISC che
    > viene poi convertito in una o più microistruzioni
    > RISC per essere mandato in
    > esecuzione.

    Occhio che questo non vale per il Pentium 4, che usava l'architettura NetBurst differente e molto meno efficiente, se non per il marketing, sia della precedente che della successiva, mentre Core, almeno in parte riesuma la vecchia architettura dei Pentium M, Petium III, insomma riconducibile a Pentium Pro e quindi, sì, con tecnologie RISC.

    Sul fatto che le tecnologie Alpha siano finite nei progetti intel successivi ad Itanium 2 e Pentium 4 mi baso sul buon senso, dubito fortemente che intel le abbia acquistate per dimenticarle in un cassetto.
    Quando Intel ha convinto Compaq ad abbandonare Alpha, con un bluff clamoroso che aveva convinto i manager Compaq (quello stesso anno fagocitata poi da HP) che Itanium avrebbe stracciato Alpha, ha acquistato in blocco la proprietà intellettuale del progetto defunto. Per farne cosa? Il primo Itanium, un fiasco clamoroso, era basato su idee intel e altre tecnologie fornite da HP, basate sul suo PA-Risc, Itanium 2, rilasciato nel 2002 è anch'esso basato su PA-Risc e ovviamente non può contenere parti di alpha, l'acquisizione era troppo recente, anche il Pentium 4 per motivi cronologici non può contenere idee prese da Alpha, è abbastanza ovvio che quello che di Alpha poteva essere adattato ad altre architetture non sia stato gettato via e sia finito in progetti successivi.
    Un ultimo ragionamento.
    Athlon, sappiamo che AMD non se l'è visto piovere dal cielo, ci ha messo del suo certamente, le esperienze passate sul RISC di AMD erano senz'altro più soddisfacenti del disastroso i860 di intel, però sappiamo anche, come ho già scritto, che il grande balzo di Athlon è stato consentito anche da collaborazioni, acquisizioni, fusioni, assunzioni di personaggi chiave provenienti da progetti molto più avanzati di quanto AMD stesse facendo prima del k6 e dell'Athlon (il k5 non poteva avere altre ambizioni che la fascia bassa, il k6 era già migliore, col k6-II e k6-III AMD iniziò davvero a ridurre le distanze dalla fascia alta intel, con Athlon avvenne il sorpasso, ma le cose sono chiare, non c'è niente di piovuto dal cielo).
    E se passiamo ad esaminare Core e Core 2 dovremmo invece credere che di punto in bianco intel ha fatto un analogo balzo in avanti senza un minimo di rinnovamento delle idee su cui s'era infognata col Pentium 4? Anche se intel è grande il triplo di AMD, il fatto che per oltre 6 anni si sia ostinata a costruire una specie di stufa e poi di punto in bianco abbia avuto un miglioramento drastico dà da pensare.
    Core è sì un ritorno ai vecchi PIII per certi aspetti, ma è ovvio che non è solo quello.
    non+autenticato
  • MI sembra di aver letto su TOM HW che forse IBM potrebbe acquisire AMD, cosi da poter rientrare nel mercato consumer e poter fronteggiare Intel, c'era anche la possibilità di essere aquisita da NVidia ma non aveva abbastanza reddito.
    Voi che ne pensate?