Sony investe 20mln di dollari in Palm

Con questa somma la multinazionale entra nella quota di capitale di PalmSource e dà a Palm nuove forze da spendere nella battaglia contro i Pocket PC

Tokyo (Giappone)- Nella battaglia che la vede difendersi dalla minacciosa avanzata dei Pocket PC, Palm può ora contare su di un potente alleato, Sony. Il colosso giapponese ha infatti annunciato di aver stretto con Palm una partnership strategica che la vedrà versare sul conto di PalmSource, l'unità operativa di Palm che si occupa di dare a terzi in licenza Palm OS, 20 milioni di dollari in cambio del 6% della quota azionaria della società.

Palm considera l'accordo come la dimostrazione che la divisione della società in due unità operative autonome sia stata un'ottima idea, tanto che l'azienda sta ora spingendo affinché, nel giro di pochi mesi, PalmSource perda definitivamente i connotati di sussidiaria e diventi una società in tutto e per tutto indipendente da Palm.

Sony, già licenziataria di Palm OS, sistema operativo che impiega nei suoi PDA Clie, potrà sfruttare questo accordo per espandere il proprio business e instaurare con Palm un rapporto di collaborazione tecnica che la porti a partecipare in modo diretto allo sviluppo delle prossime versioni di Palm OS.
Per Palm l'arrivo di Sony rappresenta, secondo alcuni analisti, un'opportunità unica per dare nuovo impulso alla propria attività e spingere l'acceleratore nello sviluppo di Palm OS, un sistema operativo che, sebbene con l'arrivo della versione 5 abbia colmato molta parte di quel gap che lo separava da Windows Pocket PC 2002, a parere di molti deve ancora fare qualche passo avanti in alcuni settori, quali il multimedia.

In passato Palm aveva già annunciato l'intenzione di trovare un socio di minoranza che potesse dare maggiore solidità al suo business: Sony, per molti osservatori, appare il partner ideale.

Nel giorno dell'annuncio le azioni di Palm sono salite di circa il 10%, questo a testimonianza - secondo gli osservatori del mercato - dell'entusiasmo con cui gli investitori hanno accolto la notizia.