Alfonso Maruccia

YouTube, da portale a servizio

Il portale video espande il proprio cuore tecnologico agli utenti e ai webmaster. Rilasciate le nuove API, YouTube diventa portabile e personalizzabile all'estremo

Roma - Metti un pezzo di YouTube in ogni sito. Sembra questo il nuovo messaggio scaturito dall'ex-garage di GoogleTube, che vuole trasformare il punto di riferimento del video social networking da canale di accesso ai contenuti a vera e propria piattaforma condivisa e condivisibile su tutto il web. YouTube fino ad ora ha sparato fuori video, in futuro vuole offrire servizi e tecnologie di accesso che ne facciano, idealmente, l'ossatura distribuita di una miriade senza fine di siti, blog e utenti.

La novità è tutta nella nuova versione delle cosiddette "YouTube APIs and Tools", un set di strumenti di sviluppo grazie ai quali gli admin di qualsiasi sito web - dal mega-contenitore di news all'ultimo scalcinato diario di bordo personale - potranno raggiungere e personalizzare ancora più a fondo l'infrastruttura di streaming video di GoogleTube.

Il familiare lettore multimediale in flash potrà essere ridimensionato, embeddato, personalizzato secondo le più svariate esigenze, eliminando all'occorrenza qualsiasi riferimento al brand "YouTube" o alla GUI di controllo classica. Le nuove librerie di programmazione avranno altresì il compito di interfacciare i visitatori direttamente con le strutture dati dei server Google, semplificando enormemente la possibilità per i suddetti di inviare i video a YouTube direttamente dal software o dai siti predisposti.
E ancora tag, commenti, risposte a video già inseriti, le nuove API permetteranno di personalizzare e interagire praticamente con qualsiasi metadato e contenuto attualmente raggiungibile dalla pagina principale del portale video. YouTube si appresta a conoscere una evoluzione tecnologica che, come osservano in tanti mira a rendere ancora più distribuita e indispensabile una delle risorse web già più usate e abusate nei quattro angoli del mondo.

Il tutto, com'è tradizione di BigG, in maniera assolutamente gratuita. Ci penserà poi l'advertising, che ha cominciato a fare capolino anche su YouTube, a trasformare questo enorme patrimonio di link, banda e accessi in qualcosa di profittevole per Mountain View.

Qualche esempio di servizi web YouTube-centrici? Lo YouTube blog ne elenca di fascinosi: "Electronic Arts permetterà ai giocatori di catturare video di fantastiche creature user-generated dal loro gioco di prossima uscita, Spore, e pubblicarli direttamente su YouTube. L'Università di Berkeley, California, sta distribuendo contenuti educativi gratuiti nel mondo, migliorando il proprio sistema di lezioni open source per pubblicare automaticamente i video su YouTube". E questo è solo l'inizio.

Alfonso Maruccia
21 Commenti alla Notizia YouTube, da portale a servizio
Ordina