126 città europee sfidano i cracker

Così si presenta il mega-convegno di Siena in cui sono convocate le città del Vecchio Continente più impegnate sul fronte della sicurezza digitale. Ecco di cosa si tratta

Roma - Sono 126 le "città digitali" europee che si riuniscono dal 2 al 4 dicembre (Park Hotel Villa Gori) a Siena, città coordinatrice della rete Telecities italiana, per discutere sulla sicurezza delle transazioni in rete. Si tratta di un importante convegno internazionale con cui si intende gettare le basi per progettare nuove e più efficaci strategie di difesa contro cracker, virus e - si legge in una nota - "qualsiasi altra minaccia all'integrità di documenti, transazioni finanziarie e della privacy".

Degli ambiziosi obiettivi di Telecities saranno complici i rappresentanti di città come Vienna, Barcellona, Helsinki, Nizza, Praga, Londra, Berlino e, per quanto riguarda l'Italia, Roma, Napoli, Milano, Bari, Bologna e Venezia.

Secondo gli organizzatori del convegno, nel rapporto telematico tra cittadini e amministrazione la questione sicurezza rimane centrale e resta forte la "diffidenza da parte degli utenti della rete nei confronti dei servizi erogati on-line".
Al centro dell'attenzione, le preoccupazioni dei cittadini sull'uso illegale dei dati personali. Ed è proprio di questo, delle tecnologie e delle strategie per tutti i temi che vanno dall'autenticazione dell'identità alle transazioni sicure, alla protezione delle informazioni personali che si occuperà da lunedì 2 dicembre la tre giorni di studio.

Qualche altra informazione è disponibile sul sito dell'associazione, qui.
TAG: italia
1 Commenti alla Notizia 126 città europee sfidano i cracker
Ordina