Alfonso Maruccia

Audeo trasforma i pensieri in suoni

Nuova dimostrazione di una tecnologia in grado di trasformare i pensieri in parole. All'orizzonte chiamate vocali senza voce e la possibilitÓ di riacquistare la parola per chi l'ha persa

Roma - Ben presto, le macchine saranno in grado di arrivare al pensiero umano: una delle tecnologie sci-fi più inverosimili diventa un'applicazione concreta, o almeno qualcosa che gli si avvicina molto, in una nuova dimostrazione delle capacità di Audeo, il collare sviluppato da Ambient grazie al quale chi lo indossa è in grado di parlare senza emettere alcun suono.



Indossato all'altezza della laringe, il dispositivo si incarica di intercettare i segnali nervosi provenienti dal cervello e di decodificarli sotto forma di parole, esprimibili poi attraverso una voce di sintesi. Audeo, che già era stato impiegato come meccanismo di controllo di una sedia a rotelle automatizzata, ritrasmette i segnali nervosi a un computer via wireless, ed è poi la componente software creata dalla società a rendere il tutto sotto forma di suoni comprensibili.
Ambient ha mostrato Audeo all'opera nell'ambito di una conferenza organizzata dallo storico chipmaker Texas Instruments, e il NewScientist mette a disposizione del pubblico anche un video dell'evento - riprodotto qui sopra.

Secondo quanto sostiene Michael Callahan, co-fondatore della società produttrice, Audeo permette di differenziare le situazioni in cui una persona vuole parlare in maniera silenziosa o normale, di parlare per mezzo della propria laringe mentre si inviano comandi al collare e via di questo passo. Attualmente il sistema è in grado di "intercettare" solo 150 parole e frasi, ma entro i prossimi mesi si spera di metterne in commercio una versione basata non sulle "keyword" grammaticali bensì sui fonemi.

Questa nuova edizione dovrebbe essere più lenta da utilizzare, ma permetterà altresì di esprimere parole e concetti senza limitazione alcuna. Al contrario di quanto potrebbe sembrare, ad ogni modo, Audeo non è attualmente in grado di "leggere" nel pensiero e nei segnali nervosi le parole da sintetizzare a mò di software di riconoscimento vocale: in tal senso l'utilizzatore è obbligato a pensare di "dire" quelle parole perché il sistema funzioni adeguatamente. Audeo sfrutta insomma "un livello al di sopra del pensiero" per fare il proprio lavoro di conversione.

Non si è ancora arrivati al punto di leggere nel pensiero, ma tutto lascia intendere che anche questo traguardo, una volta impensabile, sarà presto alla portata della conoscenza scientifica: aumentano le applicazioni tecnologiche in grado di interpretare i segni distintivi della cognizione umana, e c'è chi come i ricercatori dell'Università di Berkeley, California, è già in grado di decodificare con una risonanza magnetica cerebrale le immagini che una persona ha davanti agli occhi al momento. Seguendo lo stesso principio, i ricercatori si aspettano di poter un giorno ricostruire anche "il contenuto visivo dei sogni".

Alfonso Maruccia
21 Commenti alla Notizia Audeo trasforma i pensieri in suoni
Ordina
  • Ave.

    Certo, è una forma preistorica di interpretazione di segnali elettromagnetici.
    E' una tecnologia che, quando sarà evoluta, potrà essere molto utile, sopratutto ai diversamente abili.
    Per quanto riguarda il "leggere il pensiero altrui"... è una bella favoletta che serve a raccogliere fondi.

    A presto
    Nilok
    Nilok
    1925
  • Beata IGNORANZA...


    - Scritto da: Nilok
    > Ave.
    >
    > Certo, è una forma preistorica di interpretazione
    > di segnali
    > elettromagnetici.
    > E' una tecnologia che, quando sarà evoluta, potrà
    > essere molto utile, sopratutto ai diversamente
    > abili.
    > Per quanto riguarda il "leggere il pensiero
    > altrui"... è una bella favoletta che serve a
    > raccogliere
    > fondi.
    >
    > A presto
    > Nilok
    non+autenticato
  • ...non parliamo già troppo così? Occhiolino
    Scherzi a parte, ne capisco l'utilità 'terapeutica' (anche se l'implementazione non la vedo così semplice), però tra carrozzine che girano da sole ed evitano gli ostacoli e macchine che traducono i tuoi pensieri in parole (costringiamo i nostri politici ad indossarle ai comizi!) mi chiedo se non stiamo correndo un po' troppo... voi che ne dite?

    http://menteindisordine.wordpress.com/
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alex Supertramp
    > (costringiamo i nostri politici ad indossarle ai
    > comizi!)
    cavolo affrettiamoci a perfezionarle!!!!!!
    Rotola dal ridere
  • Dall'anno 2025, alla nascita ci verrà impiantato a tutti un chip nella laringe, così potremo comandare tutto col pensiero, atrofizzando i nostri arti, e assoggettandoci alle macchine che per quel momento dovrebbero aver sviluppato una certa intelligenza... matrix non e' poi così lontana, forse a mio nipote farò lo stesso effetto che fa a me l'homo australopitecus.
    non+autenticato
  • matrix non e' affatto lontana.

    ma non saranno le macchine a imbrigliarci: sara' l'uomo a rinunciare allo sbattimento fisico per vivere nel mondo delle sensazioni (un po' come il tipo brutto e cattivo che dopo esser stato liberato decide di voler tornare dentro).
    1016
  • - Scritto da: Alex Supertramp
    > ...non parliamo già troppo così? Occhiolino
    > Scherzi a parte, ne capisco l'utilità
    > 'terapeutica' (anche se l'implementazione non la
    > vedo così semplice), però tra carrozzine che
    > girano da sole ed evitano gli ostacoli e macchine
    > che traducono i tuoi pensieri in parole
    > (costringiamo i nostri politici ad indossarle ai
    > comizi!) mi chiedo se non stiamo correndo un po'
    > troppo... voi che ne
    > dite?

    No.
    Non stiamo correndo troppo. Troppo poco mi dirai: a quest'ora dovevamo gia' avere colonie stabili in L4 e L5, sulla luna e la missione per marte doveva essere stata archiviata da tempo, mentre quella per essere giove in preparazione da tempo.
    Dovevamo avere gia' le centrali a fusione nucleare e la clonazione avrebbe dovuto gia' da tempo fornire organi di ricambio a buon mercato per tutti.

    Invece abbiamo sistemi di spionaggio avanzatissimi ad ogni livello, telecamere ovunque, terrorismo che mi sa sempre piu' essere pilotato da altri, petrolio a 110$ al barile, inquinamento galoppante, effetto serra sempre piu' marcato... ecc... ecc... ecc...

    No, non stiamo correndo troppo.

    GT
  • > clonazione avrebbe dovuto gia' da
    > tempo fornire organi di ricambio a buon mercato
    > per
    > tutti.

    Orribile
    non+autenticato
  • Come al solito l'etica va a farsi benedire. Non so quanti di quelli che frequentano questo gruppo abbiano sentito parlare di BIOETICA....immagino quasi nessuno visti i commenti.
    Quando Nobel scoprì la TNT (potente esplosivo) si rese subito conto dei poteri deleteri di questo composto e promosse la creazione del premio Nobel da dedicare a tutti coloro che si fossero impegnati nella pace.
    Quando fu scoperta l'energia atomica, invece, tutti ritennero che sarebbe stata la panacea che avrebbe risolto tutti i mali dell'Umanità riguardo l'energia e nessuno si era posto il problema dell'arma di distruzione (vedi Hiroshima e Nagasaki).
    Così se compro un auto per accompagnare i disabili in un paese di montagna (vedi per esempio un SUV) e poi vado in città ad ammazzare i pedoni si ottiene lo stesso risultato.
    La tecnologia DEVE andare avanti, ma supportata da una coscienza etica, un confronto con l'uomo e non con il mero guadagno.
    Riguardo l'AUDEO ho già contattato l'azienda produttrice, e sicuramente proporrò l'acquisto a miei conoscenti colpiti da tumori vari e ormai tracheostomizzai, pertanto incapaci di emettere suoni con la bocca (non riescono nemmeno a fischiare in quanto l'aria entra ed esce da un foro praticato alla gola...dove prima dell'intervento c'era il pomo d'adamo!)
    Spero essere stato esaustivo. Ciao
  • Che è quel link li sotto ? Pubblicita' anche sul forum ?
    non+autenticato
  • Insisti con i commenti non pensati come nel caso della carrozzina.
    Tu puoi parlare. Hai mai pensato a chi non lo puo' più fare?
    non+autenticato
  • penso che la speranza di poter dar la parola a chi non può parlare sarebbe già da solo un ottimo motivo
    Akiro
    1904
  • sarebbe bellissimo!!! xD mi sono sempre chiesto cosa abbia sognato quando mi sveglio! Oppure quando fai dei sogni strani e nn te li ricordi... O anche quando sogni... ehm... beh quelli è meglio non salvarliCon la lingua fuori
  • - Scritto da: kattle87
    > sarebbe bellissimo!!! xD mi sono sempre chiesto
    > cosa abbia sognato quando mi sveglio! Oppure
    > quando fai dei sogni strani e nn te li ricordi...
    > O anche quando sogni... ehm... beh quelli è
    > meglio non salvarli
    >Con la lingua fuori

    Il problema è che i tuoi sogni, se fai una buona dormita, si cancellano perchè non vanno mai a finire nella memoria a lungo termine ma rimangono sempre in quella breve.

    Certo che questo mi sembra veramente troppo rispetto a quanto sono arrivati oggi.
    Non viene spiegato bene il funzionamento di questo apparecchio ma secondo me la prima volta che lo indossi va "istruito". Si dovrà leggere una tabella con parole comuni (tipo "ciao", "arrivederci" ecc...) e registrare (o "campionare") i segnali di tutti i nervi.

    Credo quindi che siamo ancora distanti da Batman contro l'enigmista (quello che succhiava le menti dei cittadini di gotham grazie a un apparecchio di sua invenzione posto sopra il televisore).

    Inoltre quella dimostrazione non dimostra niente: chi mi garantisce che quella voce non fosse stata registrata prima?
    Se fossi un ente pubblico io starei attento a fare grandi acquisti... non è detto che sia una fregatura, ma se funziona come ho scritto sopra sarà poco affidabile.
    non+autenticato
  • Si potranno captare al massimo i segnali in ingresso e in uscita dalle nostre 'interfacce i/o' costituite da quelle aree sensoriali e motorie della corteccia che ci legano ai sensi e a tutto il resto del corpo.

    Ma il pensiero profondo, le idee, i sentimenti e i sogni, (ammesso che non vadano oltre a questo universo materiale) sono tutte informazioni che in una rete neuronale, proprio per la sua intrinseca architettura di funzionamento, non sono geometricamente strutturate (come per es. le celle di una memoria ram) e di conseguenza sono impossibili da captare in modo ordinato e da ricostruire matematicamente in un qualche pattern intelleggibile.

    Consoliamoci rivedendo questo bellissimo film di fantascienza, la lettura del pensiero non sarà mai realizzabile...Occhiolino

    http://www.imdb.com/title/tt0085271/

    non+autenticato
  • - Scritto da: Brainstorm
    > Ma il pensiero profondo, le idee, i sentimenti e
    > i sogni, (ammesso che non vadano oltre a questo
    > universo materiale) sono tutte informazioni che
    > in una rete neuronale, proprio per la sua
    > intrinseca architettura di funzionamento, non
    > sono geometricamente strutturate (come per es. le
    > celle di una memoria ram) e di conseguenza sono
    > impossibili da captare in modo ordinato e da
    > ricostruire matematicamente in un qualche pattern
    > intelleggibile.

    A meno che... sia lo stesso proprietario del cervello ad attivare quel pattern! E se si trovasse il modo di intercettare quel filo che ci si crea quando ricordiamo?

    No io non credo che sarà impossibile per sempre, forse ci arriveremo tra 200 anni su per giu...
    non+autenticato
  • - Scritto da: kattle87
    > sarebbe bellissimo!!! xD mi sono sempre chiesto
    > cosa abbia sognato quando mi sveglio! Oppure
    > quando fai dei sogni strani e nn te li ricordi...
    > O anche quando sogni... ehm... beh quelli è
    > meglio non salvarli
    >Con la lingua fuori

    Vedere "Paprika" di Satoshi KonSorride
    Funz
    12980
  • me lo consigli? perchè c'ho la possibilità di vedermelo ad un cineforum tra qualche giorno!
    PS: ci porto anche la mia fidanzata?Con la lingua fuori
  • - Scritto da: kattle87
    > me lo consigli? perchè c'ho la possibilità di
    > vedermelo ad un cineforum tra qualche
    > giorno!
    > PS: ci porto anche la mia fidanzata?Con la lingua fuori

    Non so se sono in tempoSorride

    Comunque sì, te lo consiglio, specie se vi piace l'animazione giapponese.
    Chi non conosce gli anime forse resterà un pò spiazzato dalla mole di riferimenti alla cultura giapponese (tradizionale e pop) che sono stati infilati in questa sarabanda di filmSorride
    Un difetto è imho la trama un po' prevedibile, ma è uno spettacolo per gli occhi, purtroppo non sono riuscito a vederlo al cinema.

    Consiglio anche tutte le altre opere di Kon: Perfect blue (thriller un pò fortino, forse non fidanzata-proof), Tokyo Godfathers (vai sul sicuro), Millennium Actress (dovrebbe uscire tra poco), e la serie TV Paranoia Agent
    Funz
    12980
  • io tengo un diario.
    quando mi sveglio alla mattina, o in seguito allo shock nel sogno stesso, prendo la penna e me lo scrivo.
    e' uno sbattimento perche' sei ancora li tutto intrimonito.. pero' funziona.
    e' primitivo come metodo ma allo stesso tempo molto riservato.. c'e' da vedere se vuoi davvero ricordare cio' che hai sognato. : )
    1016