Dario Bonacina

Elitel, speranze per i clienti business

La clientela affari dell'operatore viene acquisita dall'operatore genovese Plexia. Ancora nessuna novità per la clientela consumer

Roma - Si evolve la difficile situazione di Elitel: proprio ieri, Plexia - operatore con sede a Genova - ha reso noto di averne rilevato il business commerciale: 20 mila clienti affari (per un valore di 10 milioni di fatturato) migreranno quindi nella clientela business di Plexia.

Per i clienti business il passaggio offrirà la possibilità di avere un nuovo interlocutore, instaurando un nuovo rapporto. Che, spiega l'azienda, consentirà agli utenti di vedere garantita "la continuità dei servizi sottoscritti" nonché la proposta di "nuove soluzioni in risposta alle crescenti esigenze del mercato".

Questo, dunque, è quello che accadrà ai clienti business rimasti dopo i "black-out" della scorsa estate e dei mesi scorsi, originati - come noto - dal distacco delle linee operato da Telecom Italia in seguito all'appesantirsi della posizione debitoria dell'operatore (oltre 100 milioni di euro a luglio 2007) e ad alcuni traslochi (di linee e di apparati) operati dalla stessa Elitel.
Nessun aggiornamento, invece, per quanto riguarda l'utenza consumer, il cui destino appare tuttora incerto. La notizia dell'acquisizione della clientela da parte di Plexia giunge a qualche ora di distanza da un comunicato sindacale diffuso dalla FIOM-CGIL, in cui si dà conto della situazione di Elitel Srl per quanto attiene ad aspetti di tipo societario e occupazionale. Situazione che purtroppo si rivela essere ancora lontana da una concreta definizione.

Da un incontro con il liquidatore di Elitel srl è infatti emerso che dal Tribunale di Roma non sono ancora pervenute notizie in merito all'approvazione del progetto di concordato preventivo per Elitel Telecom SpA, e che nelle prossime settimane verrà definitivamente presentato al Tribunale di Milano il progetto di concordato preventivo per Elitel srl.

Le conseguenze e le prospettive future di tutte le società del gruppo, si legge ancora nella nota diffusa dalle rappresentanze sindacali, saranno oggetto di un incontro - previsto a breve termine - con il Ministero dello Sviluppo Economico. La situazione appare ad oggi tutt'altro che facile: Elitel fa parte del gruppo ViveLaVie, che dalla scorsa settimana - in base ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Milano a seguito di un ricorso presentato in base all'art. 2409 del Codice Civile - risulta essere sottoposta all'attività di controllo di un amministratore giudiziario, finalizzata a chiarire determinati episodi di gestione della Società.

Dario Bonacina
5 Commenti alla Notizia Elitel, speranze per i clienti business
Ordina
  • Paradossalmente io utente privato di Elitel telefono ancora senza problemi (tranne la qualitá) MA NON POSSO RICEVERE.
    Non ho mai capito perché a me hanno tagliato la linea in entrata e non uscita (che sono quelle che costano)
    Il mondo é avvolte indecifrabile.
  • Io che un vecchio account lombardiacom posso mandare mail e non ricerverle.

    Mah!
  • Ma perchè, hanno ancora dei clienti? e sti poveraggi con cosa hanno telefonato da luglio 2007??? Con i piccioni viaggiatori gentilmente concessi in affitto da Elitel??? Non credo proprio, invece credo che sia stato ceduto un semplice database di nominativi di utenze affari che oramai sono migrate presso altri gestori, questi poveri clienti si vedranno di nuovo riportare le linee presso un gestore che certo non ha il nome di Plexia in quanto non presente nella lista dei gestori ufficiali presenti sulla lista del ministero delle Comunicazioni. In effetti plexia attualmente fornisce servizi xdsl compresa fonia voip, immagino con che qualità. Io mi auguro solo che questa volta qualcuno si incazzi sul serio e li denunci non solo per attivazione servizi mai richiesti ma per torture psicofisiche aggravate e reiterate chiedendo dei danni stratosferici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Renee

    > mi auguro solo che questa volta qualcuno si
    > incazzi sul serio e li denunci non solo per
    > attivazione servizi mai richiesti ma per torture
    > psicofisiche aggravate e reiterate chiedendo dei
    > danni stratosferici.

    Infatti accadra'(e' accaduto ed accade) proprio questo. I loro ex clienti hanno sulle loro teste la cosidetta spada di Democle, potrebbero trovarsi staccati dall'attuale gestore in qualsiasi momento. Coloro che hanno inviato formale disdetta possono essere al riparo, ma potenzialmente esposti.
    Accade solo in Italia.
    non+autenticato
  • Nella mia azienda hanno osato chiamare per farsi pagare una fattura insoluta relativa al periodo del blackout. Non vi dico il vaffa che si sono presi dal direttore... Sorride
    non+autenticato