Il kamasutra del flip

Sony Ericsson brevetta un flip staccabile e orientabile per i cellulari. Per un utilizzo più versatile. Ma la soluzione suscita qualche perplessità

Roma - Sembra che il flip sia l'ultima ossessione dei produttori di telefonini e smartphone. Dopo il brevetto depositato da Apple, pare che anche Sony Ericsson abbia intenzione di sbizzarrirsi sullo stesso tema, avendo anch'essa depositato un brevetto per un flip... girevole.

Sony Ericsson vuole un flip metti e togliIl brevetto, riferisce Gadgetell, si chiama Portable electronic device with multiple input interfaces. Si tratta in pratica di un flip orientabile, che può dare al telefonino tre differenti tipi di interfaccia, in funzione di come l'accessorio viene "agganciato" al cellulare.

Il telefonino previsto dal brevetto prevede un "corpo" principale e un flip che può cambiare posizione: applicato su un lato permette di utilizzare determinate funzioni (ad esempio composizione numeri telefonici, accesso all'agenda), attaccandolo ad un altro lato consente di controllarne altre (radio, lettore MP3 con la scelta dei brani da ascoltare). Una terza possibilità è quella di non utilizzare il flip, usando direttamente i comandi presenti sul telefonino.
Lo scopo di Sony Ericsson sembra quello di fornire un'interfaccia semplice per le varie funzionalità presenti su telefonini e smartphone, sempre più accessoriati. Molte altre aziende hanno risolto il problema proponendo, invece di tasti e tastini dedicati, una interfaccia specifica che può cambiare in funzione della applicazione prescelta (telefono, agenda, player multimediale, browser, eccetera).

Senza contare i rischi di smarrimento o danneggiamento legati ad un flip orientabile e staccabile: se non venisse trattato con la dovuta attenzione, alcune funzionalità dell'apparecchio potrebbero risultare addirittura inutilizzabili.