MonoDevelop 1.0 al traguardo

L'ambiente di sviluppo open source per Mono ha raggiunto la maturità, portando su Linux e Mac OS X tutto il necessario per scrivere rapidamente applicazioni desktop e web-based compatibili col MS.NET Framework

Roma - A quasi quattro anni di distanza dal rilascio di Mono 1.0, celebre implementazione open source del MS.NET Framework, il progetto coordinato da Novell ha partorito la versione 1.0 di MonoDevelop, un ambiente di sviluppo integrato (IDE) realizzato principalmente per scrivere applicazioni in C# e altri linguaggi MS.NET.

Originariamente sviluppato come "porting" di SharpDevelop, un IDE per Windows basato sulle librerie GTK#, MonoDevelop si è successivamente evoluto in un software autonomo facente parte del progetto Mono. L'ambiente di sviluppo include caratteristiche avanzate come tool per il project management, un designer di interfacce grafiche utente (Stetic), un sistema per il testing delle applicazioni e un'architettura estensibile che permette di aggiungere nuove funzionalità all'IDE per mezzo di add-in.

Come si è detto, MonoDevelop supporta diversi linguaggi di programmazione, tra i quali C#, VB.NET e C/C++, per i quali fornisce funzionalità quali autocompletamento del codice, notifica passiva degli errori, indentazione automatica e varie funzionalità di navigazione tra il codice. Il supporto a Boo e Java può essere aggiunto mediante specifici plug-in.
MonoDevelopMonoDevelop può essere utilizzato per scrivere applicazioni desktop e web-based (ASP.NET) su Linux e Mac OS X, semplificando altresì il porting verso queste due piattaforme delle applicazioni MS.NET create con Visual Studio. L'IDE permette di creare differenti tipi di eseguibili e librerie, e contiene template sia per la realizzazione di programmi eseguibili da console che per applicazioni grafiche basate su GTK#. L'ambiente permette di utilizzare varie versioni del runtime di Mono, quali la 1.1, la 2.0 e il neonato Moonlight.

Gli sviluppatori intendono rilasciare una nuova release di MonoDevelop ogni circa sei mesi, implementando mano a mano un crescente numero di funzionalità: tra quelle già in programma vi sono il supporto a WinForms e alla tecnologia Silverlight. Per maggiori dettagli si vedano le note di rilascio e questo post apparso sul blog di Miguel de Icaza, capo sviluppatore di Mono.
59 Commenti alla Notizia MonoDevelop 1.0 al traguardo
Ordina
  • Io ho utilizzato MonoDevelop un paio di mesi alla fine dell'anno scorso, e sono rimasto male impressionato dalla pochezza e limitatezza dello strumento.
    Non ha intellisense (bisogna ricordare a memoria ogni key), e soprattutto non ha un debug degno di nota.
    Deprimente e sconcertante dover debuggare una web application tramite label nella pagina aspx.
    L'unica cosa lieta è che la sua leggerezza.
    In quanto a stabilità mi è crashato ben più di una volta, e quindi chi vuole ne tragga le sue conclusioni.

    Luigi
  • - Scritto da: Ciupaz
    > Io ho utilizzato MonoDevelop un paio di mesi alla
    > fine dell'anno scorso, e sono rimasto male
    > impressionato dalla pochezza e limitatezza dello
    > strumento.
    ergo 6 mesi di sviluppo
    mica male considerando la velocità di cambiamento dei software opensorcio

    > Non ha intellisense (bisogna ricordare a memoria
    > ogni key), e soprattutto non ha un debug degno di
    > nota.
    forse perchè hai il salame sugli occhi, è dalla 0.10 mi pare che ci sia
    che vuole dire degno di nota? se non argomentiamo chiudiamo la ciabatta

    > Deprimente e sconcertante dover debuggare una web
    > application tramite label nella pagina
    > aspx.
    fin lì sei arrivato a provarlo? complimenti!
    però devi usare l'italiano per spiegare una cosa altrimenti se usi una lingua a noi sconosciuta buonanotte che capiremo

    > L'unica cosa lieta è che la sua leggerezza.
    > In quanto a stabilità mi è crashato ben più di
    > una volta, e quindi chi vuole ne tragga le sue
    > conclusioni.
    >
    > Luigi
    chi ha mai detto che doveva essere stabile monodevelop?
    era una beta fino a poco tempo fa!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: gino quello vero
    > - Scritto da: Ciupaz
    > > Io ho utilizzato MonoDevelop un paio di mesi
    > alla
    > > fine dell'anno scorso, e sono rimasto male
    > > impressionato dalla pochezza e limitatezza dello
    > > strumento.
    > ergo 6 mesi di sviluppo
    > mica male considerando la velocità di cambiamento
    > dei software
    > opensorcio
    >
    > > Non ha intellisense (bisogna ricordare a memoria
    > > ogni key), e soprattutto non ha un debug degno
    > di
    > > nota.
    > forse perchè hai il salame sugli occhi, è dalla
    > 0.10 mi pare che ci
    > sia
    > che vuole dire degno di nota? se non argomentiamo
    > chiudiamo la
    > ciabatta

    "Degno di nota" means "breakpoint" e (bella) compagnia seguendo.
    Le fette di salame preferisco mangiarle (a parte che non mi sembra un bel modo di approcciare le persone che non conosci, ma è un parere personale).



    >
    > > Deprimente e sconcertante dover debuggare una
    > web
    > > application tramite label nella pagina
    > > aspx.
    > fin lì sei arrivato a provarlo? complimenti!
    > però devi usare l'italiano per spiegare una cosa
    > altrimenti se usi una lingua a noi sconosciuta
    > buonanotte che
    > capiremo

    Non mi sembra di aver parlato in bergamasco.
    Sì sono arrivato fin lì, un semplice sito web ASP.NET - C# (scusa se scrivo sigle, magari non li capisci), dove il codice da 200 righe passava ad 800 per tutte le label che mi stampavano i valori delle variabili.
    Se tu conosci un metodo migliore, perchè non lo dici?
    Chissà mai che imparo qualcosa anche da Gino (ma solo quello vero).

    >
    > > L'unica cosa lieta è che la sua leggerezza.
    > > In quanto a stabilità mi è crashato ben più di
    > > una volta, e quindi chi vuole ne tragga le sue
    > > conclusioni.
    > >
    > > Luigi
    > chi ha mai detto che doveva essere stabile
    > monodevelop?
    > era una beta fino a poco tempo fa!!


    Complimenti per la Beta, probabilmente non era stata nemmeno testata prima di mettere online il link per il download.
    See you.
  • - Scritto da: Ciupaz
    > - Scritto da: gino quello vero
    > > - Scritto da: Ciupaz
    > > > Io ho utilizzato MonoDevelop un paio di mesi
    > > alla
    > > > fine dell'anno scorso, e sono rimasto male
    > > > impressionato dalla pochezza e limitatezza
    > dello
    > > > strumento.
    > > ergo 6 mesi di sviluppo
    > > mica male considerando la velocità di
    > cambiamento
    > > dei software
    > > opensorcio
    > >
    > > > Non ha intellisense (bisogna ricordare a
    > memoria
    > > > ogni key), e soprattutto non ha un debug degno
    > > di
    > > > nota.
    > > forse perchè hai il salame sugli occhi, è dalla
    > > 0.10 mi pare che ci
    > > sia
    > > che vuole dire degno di nota? se non
    > argomentiamo
    > > chiudiamo la
    > > ciabatta
    >
    > "Degno di nota" means "breakpoint" e (bella)
    > compagnia
    > seguendo.
    > Le fette di salame preferisco mangiarle (a parte
    > che non mi sembra un bel modo di approcciare le
    > persone che non conosci, ma è un parere
    > personale).
    >
    >
    se non scrivi nulla io come faccio a sapere le tue argomentazioni?


    >
    >
    > >
    > > > Deprimente e sconcertante dover debuggare una
    > > web
    > > > application tramite label nella pagina
    > > > aspx.
    > > fin lì sei arrivato a provarlo? complimenti!
    > > però devi usare l'italiano per spiegare una cosa
    > > altrimenti se usi una lingua a noi sconosciuta
    > > buonanotte che
    > > capiremo
    >
    > Non mi sembra di aver parlato in bergamasco.
    > Sì sono arrivato fin lì, un semplice sito web
    > ASP.NET - C# (scusa se scrivo sigle, magari non
    > li capisci), dove il codice da 200 righe passava
    > ad 800 per tutte le label che mi stampavano i
    > valori delle variabili.
    >
    così è un po' più italiano o meglio non è un riassunto della tua mente, che io non posso leggereA bocca aperta
    e le sigle le capisco benissimo fidati -.-


    > Se tu conosci un metodo migliore, perchè non lo
    > dici?
    > Chissà mai che imparo qualcosa anche da Gino (ma
    > solo quello vero).
    >
    >
    sottile vena di presa x il didietro?

    > >
    > > > L'unica cosa lieta è che la sua leggerezza.
    > > > In quanto a stabilità mi è crashato ben più di
    > > > una volta, e quindi chi vuole ne tragga le sue
    > > > conclusioni.
    > > >
    > > > Luigi
    > > chi ha mai detto che doveva essere stabile
    > > monodevelop?
    > > era una beta fino a poco tempo fa!!
    >
    >
    > Complimenti per la Beta, probabilmente non era
    > stata nemmeno testata prima di mettere online il
    > link per il download.
    >
    > See you.
    se sul sito c'è scritto che è una beta e tu la provi non puoi lamentarti che non è stata testata e ha bug
    è normale visto che è una beta!!!
    la beta può essere piena zeppa di bug, serve proprio a quello il rilascio beta sai?per correggerli
    non+autenticato
  • naturalmente non è paragonabile a visual studio che è una suite molto piu' complessa e completa..
    ma fa comunque il suo lavoro..
    e tanto per la cronaca l'autocompletamento (l'intellisense di vs) c'è da tantissimo tempo..forse l'avevi disabilitato
  • C'è anche l'ottimo SharpDevelop.
    non+autenticato
  • Certo che è deprimente se confrontato con Visual Studio !!!

    Non c'è nulla da fare, l'importante è farsene una ragione
    non+autenticato
  • e usa quello che te oare qua si parla di mono non di vs -.-
    non+autenticato
  • Veramente si parla di MonoDevelop che è un IDE "alternativo" multipiattaforma e direi che il confronto con Visual Studio è d'obbligo almeno per quanto riguarda la piattaforma Windows.

    E ti assicuro che ha ragione.

    Io utilizzo MonoDevelop per uso personale e Visual Studio al lavoro e ti assicuro che non c'è storia...
    non+autenticato
  • La M$ fa bene a spingere il progetto Mono anche perché è un modo per generare nel tempo sotto Linux, anche se limitatamente, una ennesima dipendenza dalle proprie infrastrutture.

    Ma non capirei mai uno Sviluppatore di Open Source che spenda un minuto su di un progetto del genere.

    Mi ricorda tanto un film che ho visto da ragazzo, "Il Ponte su fiume KWay" chi capisce la metafora buon per lui.
  • a me sembra che questo progetto vada in direzione esattamente opposta, ovvero quello di incoraggiare lo sgancio di mono dalle librerie winforms e simili, incoraggiando lo sviluppo su GTK# che nulla ha a che vedere con MS.
    Poi io lavoro in altra tecnologia quindi per il momento non ne ho proprio bisogno in ogni caso.
  • Non sono d'accordo. Chi ha * gia' * un prodotto sviluppato in .net ora ha uno strumento MOLTO interessante per poter fornire il suo programma anche a chi non usa windows.

    Certo, dal punto di vista di chi crea una *nuova* applicazione forse monodevelop non e' la scelta migliore (secondo me) ma ricordati che MOLTE persone imparano a progarmmare su microsoft e ci vivono. Io personalmente ho imparato con l'ide Borland C++ e switchare a un compilatore ANSI come gcc e' stato un po' faticoso, cosi' sicuramente agevoli il passaggio di programmatori che hanno imparato su winz.
    non+autenticato
  • Windows Presentation Foundation,
    incluso nel .NET FRAMEWORK 3.0

    ECCEZIONALI.

    Il rendering di TUTTE le applicazioni WPF
    viene effettuato tramite DirectX.

    Il motivo è semplice:
    in WPF le unità di misura sono FISICHE.
    Non si ragiona in pixel, ma in POLLICI.

    L'applicazione verrà renderizzata in ogni sistema con le stesse dimensioni fisiche (o volendo con uno ZOOM totale a piacere),
    se il DPI dello schermo è molto alto si useranno molti pixel, se è basso meno pixel, questo vale anche per le immagini che vengono automaticamente riscalate, per questo motivo servono le DirectX.

    Tutto questo non è possibile con le WINDOWS FORMS,
    e neanche con GTK e QT.

    .NET FRAMEWORK 3 required, ma finalmente risolto il problema dei font con DPI non standard, che chiunque abbia programmato interfacce grafiche sapra' essere una seccatura.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MAH
    > Windows Presentation Foundation,
    > incluso nel .NET FRAMEWORK 3.0
    >
    mono non lo implementa ancora

    > ECCEZIONALI.
    >
    è appena uscito, vedremo quel che capiterà

    > Il rendering di TUTTE le applicazioni WPF
    > viene effettuato tramite DirectX.
    molto brutta come cosa visto che mono non può e no ndeve implementare le chiamate a directx ma ad opengl

    >
    > Il motivo è semplice:
    > in WPF le unità di misura sono FISICHE.
    > Non si ragiona in pixel, ma in POLLICI.
    >
    male lo stesso
    si dovrebbe ragionare in percentuale

    > L'applicazione verrà renderizzata in ogni sistema
    > con le stesse dimensioni fisiche (o volendo con
    > uno ZOOM totale a
    > piacere),
    > se il DPI dello schermo è molto alto si useranno
    > molti pixel, se è basso meno pixel, questo vale
    > anche per le immagini che vengono automaticamente
    > riscalate, per questo motivo servono le
    > DirectX.
    benissimo
    su schermi come quello dell'eee non si capirà un accidenti


    >
    > Tutto questo non è possibile con le WINDOWS FORMS,
    > e neanche con GTK e QT.
    >
    fonti?

    > .NET FRAMEWORK 3 required, ma finalmente risolto
    > il problema dei font con DPI non standard, che
    > chiunque abbia programmato interfacce grafiche
    > sapra' essere una
    > seccatura.
    appunto perchè è richiesto il .net3 wpf per ora su mono bisogna scordarselo
    non+autenticato
  • > > Il motivo è semplice:
    > > in WPF le unità di misura sono FISICHE.
    > > Non si ragiona in pixel, ma in POLLICI.
    > >
    > male lo stesso
    > si dovrebbe ragionare in percentuale

    E' chiaro che ci debba essere una dimensione "di riferimento" (quella corrispondente a uno zoom 100%) mica puo' essere tutto relativo.
    E' esattamente come vorresti tu, meditaOcchiolino

    > > Tutto questo non è possibile con le WINDOWS
    > FORMS,
    > > e neanche con GTK e QT.
    > >
    > fonti?

    "PRO WPF" di Matther MacDonald spiega bene le differenze tra Windows Forms e WPF.

    Per quanto riguarda QT e GTK non sapreiOcchiolino
    pero' un punto chiave della tecnologia è appunto l'interfacciamento all'hardware,
    e non mi sembra che QT e GTK, JAVA siano "OPENGL required".
    non+autenticato
  • bella come cosa che sia dipendente da un certo tipo di hardware -.-
    non+autenticato
  • Senza dubbio.

    Ma dire che WPF è una merda perchè richiede DirectX,
    mi sembra un po' troppo limitanteCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • quale parte di:

    "
    molto brutta come cosa visto che mono non può e non deve implementare le chiamate a directx ma ad opengl
    "

    significa che wpf fa schifo?
    io ho solo detto che wpf in mono non potrà mai andare nativamente se lavora con chiamate alle directx visto che linux, bsd e mac osx fanno largo uso soprattutto di opengl
    non+autenticato
  • Sono d'accordo con te, sarà pure una tecnologia interessante, ma l'essere legata solo a Windows obbliga a cestinarla qualsiasi sviluppatore che vuole essere indipendente dalla piattaforma e che lavora in ambiti dove ci deve essere continuità e longevità delle applicazioni (ambito bancario per esempio, e in alcune P.A.).

    Il futuro non è Windows-only, anzi ha proprio rotto er ca%%o questa azienda e i suoi sistemi fuori standard e che obbligano ad aggiornamenti periodici...
    non+autenticato
  • C'è molta gente che la pensa esattamente come te, che urla: lunga vita a visual studio. E non lo fa perkè sono fanatici, Visual Studio grazie a mono sarà anche su Linux e su Mac ed è Open Source come credo piaccia a te.
    Questo porta solo vantaggi su Linux, potrete disporre anche voi uno strumento molto potente, forse la migliore tecnologia esistente su Windows.
    In quanto te Iroby, visto che sei un Macaco, dovresti porima provarle certe cose, prova Visual Studio, la versione Express è gratuita, Ms non si prende un euro, e poi parli.
    Ovviamente la prova deve essere significativa, non di 15 minuti. Non capisco che problema hai, con Ms anche questa volta, evidentemente non sai che dire. Posso solo dirti che su Mac queste cose ve le sognate, regalate migliaia di euro alla apple anche per l'hardware, per cosa?
    Se Microsoft è il male, Apple è peggio. Brevetta qualunque cosa commestibile, obbliga gli utenti ad usare il proprio os solo sul proprio hardware, questo è il male!
    non+autenticato
  • - Scritto da: .net
    > C'è molta gente che la pensa esattamente come te,
    > che urla: lunga vita a visual studio. E non lo fa
    > perkè sono fanatici, Visual Studio grazie a mono
    > sarà anche su Linux e su Mac ed è Open Source
    > come credo piaccia a te.
    >
    > Questo porta solo vantaggi su Linux, potrete
    > disporre anche voi uno strumento molto potente,
    > forse la migliore tecnologia esistente su
    > Windows.
    >
    > In quanto te Iroby, visto che sei un Macaco,
    > dovresti porima provarle certe cose, prova Visual
    > Studio, la versione Express è gratuita, Ms non si
    > prende un euro, e poi parli.
    >
    > Ovviamente la prova deve essere significativa,
    > non di 15 minuti. Non capisco che problema hai,
    > con Ms anche questa volta, evidentemente non sai
    > che dire. Posso solo dirti che su Mac queste cose
    > ve le sognate, regalate migliaia di euro alla
    > apple anche per l'hardware, per cosa?
    >
    > Se Microsoft è il male, Apple è peggio. Brevetta
    > qualunque cosa commestibile, obbliga gli utenti
    > ad usare il proprio os solo sul proprio hardware,
    > questo è il
    > male!
    No, il male è obbligarti a pagare la licenza di Windows ogni volta che cambi il pc, il notebook, il telefono, le mutande e il rotolo della carta igienica.
    Altro che "posizione dominante": questo è "pizzo"!
    non+autenticato
  • - Scritto da: MAH

    > e non mi sembra che QT e GTK, JAVA siano "OPENGL
    > required".

    Ti posso rispondere su QT: OpenGL enabled. Ovvero, puoi usare OpenGL o no, in modo trasparente.
    FDG
    11001
  • > > Il rendering di TUTTE le applicazioni WPF
    > > viene effettuato tramite DirectX.
    > molto brutta come cosa visto che mono non può e
    > no ndeve implementare le chiamate a directx ma ad
    > opengl
    Ehm... Mai sentito parlare di "astrazione"? WPF offre una astrazione del concetto di "finestra" ed è indipendente dalla tecnologia utilizzata per il rendering. Win usa DirectX, ma una eventuale implementazione di WPF in Mono potrebbe utilizzare OpenGL senza alcun problema...
    non+autenticato
  • e se ho svuluppato una Soluzione su win la posso aprire con monodevelop?
  • se è framework .net 1 o 2 hai quasi la sicurezza che vadano

    naturalmente niente librerie windows
    non+autenticato
  • ma che pallozze!!!
    solo a pagamento strafuturonico?
    non+autenticato
  • su windows,
    1 c'è sharpdevelop
    2 monodevelop è opensorcio, se ti va puoi riportarlo
    non+autenticato
  • ci sono le versioni Express
    non+autenticato
  • di monodevelop? geniaccio, stiamo parlando di un prodotto opensorcio, niente versioni ridotte!
    non+autenticato
  • Ci sono le versioni Express di Visual Studio.
    Gratuite e migliori 1000 volte rispetto a monodevelop
    non+autenticato
  • eccheccavolo c'entra?

    stiamo parlando di monodevelop, mica facendo pubblicità a visualstudio!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)