Italia: poca banda larga, tanti cellulari

Il rapporto della Commissione Europea sulle TLC delinea le condizioni del mercato del Belpaese. La penetrazione della banda larga č ancora sotto la media. I cellulari, invece, abbondano: e sorpassano la rete fissa

Roma - Concorrenza in aumento, sviluppo di offerte convergenti e prezzi in calo, almeno su alcuni servizi. Questi gli highlight che caratterizzano il mercato delle TLC in Italia, secondo quanto riportato dal rapporto della Commissione europea sulle TLC che sarà presentato oggi da Viviane Reding, commissario per la società dell'informazione e i media.

Nel Belpaese il media preferito è rappresentato dal mercato della telefonia mobile, definito il più ampio dell'Unione Europea e uno dei più importanti del mondo. Il tasso di penetrazione, calcolando il numero di SIM card attive, è infatti giunto a quota 152%: in pratica ogni italiano, mediamente, possiede un telefonino e mezzo. Mercato grande ma anche vivace, stando a quanto rilevato sul fronte della number portability: dal 2002 ad oggi, le utenze migrate da un gestore ad un altro sono circa 14 milioni.

Osservando i dati del 2006 (quelli definitivi del 2007 non sono ancora disponibili), emerge che il mercato italiano delle TLC ha generato un fatturato pari a 41,3 miliardi di euro, con predominanza del mobile (ricavi per 21,7 miliardi, contro i 19,5 registrati nel mondo wired), settore in cui i principali attori si chiamano TIM (che ha una quota di mercato del 41,1%) e Vodafone (36,8%). Questi, con i player minori si stanno impegnando - rileva la Commissione - all'introduzione di "servizi avanzati" come la TV mobile.
Come visto sopra, i ricavi del mobile hanno già superato quelli del fisso: in calo "principalmente per i benefici del mobile e della banda larga". Una risorsa, quella della banda larga, che nello scorso anno ha toccato 9,6 milioni di utenti, registrando un tasso di penetrazione pari al 16,2%: un valore in crescita, ma ancora inferiore alla media UE che si attesta al 18,2.
4 Commenti alla Notizia Italia: poca banda larga, tanti cellulari
Ordina
  • Il predominio della telefonia mobile rispetto al mondo wired, non sarà la conseguenza del fatto che usare un cellulare è più semplice e alla portata di tutti che usare un pc?

    L'ignoranza informatica italiana è nota a tutti.
  • Io credo che in merito alla banda larga oltre al problema della diffusione e' evidente quello della qualita',in italia ad oggi non si puo' certo dire che esista un servizio di banda larga di qualita',questo e' sicuramente dovuto in parte alla rete telecom italia che versa in uno stato penoso a dir poco ma anche ai vari presunti competitor affaciatisi sul mercato con prepotenza ma privi di ogni minima struttura,altri vincolati a dir loro al ruolo predominante di telecom,comunque nessuno di questi,telecom compresa e' in condizione di offrire un servizio di qualita'.
    non+autenticato
  • mi hai tolto le parole dalle dita
    > rete telecom italia che versa in uno stato penoso a dir
    > poco

    e' come nei paesi del terzo mondo. la rette fissa fa schifo (ehm... diciamo che non c'e') e quindi vai di cellulare
    solo che le tariffe "eteree" del terzo mondo si dice siano molto piu' basse
    non+autenticato
  • Che la rete sia obsoleta e che la stessa Telecom negli ultimi 15/20 anni abbia fatto nulla per aggiornarla, questo è un dato di fatto.
    Di conseguenza il serviizo è quello che .