Gaia Bottà

La macchina della verità è uno strumento di tortura

La risonanza magnetica applicata agli interrogatori restituisce risultati oggettivi, ma sono insondabili le motivazioni che innescano le reazioni fotografate dal macchinario

Roma - Mental detector per gli inganni e risonanze magnetiche per discernere nel cervello dei sospetti verità e menzogne sono strumenti inefficaci e fallibili, sono strumenti di tortura. A rinfocolare le braci del dibattito alimentato dalle associazioni per i diritti civili è un docente della Penn State University: gli scanner cerebrali che le agenzie investigative americane ritengono risolutivi nell'ambito degli interrogatori sono inaffidabili, possono far sfociare gli interrogatori nella violenza.

La macchina della verità è uno strumento di tortura - risonanza magneticaGli strumenti tecnologici come le macchine della verità basate sulla risonanza magnetica funzionale si propongono come metodi oggettivi per discernere onestà da menzogne. Per questo motivo negli States la Defense Academy for Credibility Assessment (DACA) spinge sulla ricerca perché diventino parte integrante del circuito della giustizia pubblica. Ma anche l'ambito commerciale si sta popolando di attori.

Basando l'interrogatorio sull'osservazione delle modifiche che avvengono nel cervello quando l'interrogato reagisce a stimoli quali domande, affermazioni o immagini, si ritiene che la risonanza magnetica funzionale sia in grado di individuare la verità a monte delle risposte offerte dal sospetto: le reazioni del corpo sono inequivocabili e non c'è modo per l'interrogato di controllare pressione sanguigna nel proprio cervello, monitorata dal macchinario. Per questo motivo si ritiene che la risonanza magnetica sia depositaria della verità, sia lo strumento che renderà obsoleti gli interrogatori tradizionali.
"Non sono aspettative fondate - ha spiegato Jonathan Marks, docente presso la Penn State - e l'accettazione acritica della risonanza magnetica funzionale come strumento per gli interrogatori è rischiosa, sia per l'incolumità dell'interrogato, sia per il corretto dipanarsi delle indagini". Se infatti la risonanza magnetica non può mentire, come non mentono le reazioni che avvengono nel sistema nervoso dell'interrogato, le interpretazioni che vengono date alle immagini restituite dall'esame possono essere insignificanti, fuorvianti.

"Ci sono un'infinità di motivazioni per cui un individuo possa riconoscere un nome che gli viene proposto, o possa attivare delle risposte cognitive ad un'immagine che gli viene mostrata": potrebbe fare appello a reminiscenze che provengono dalla propria infanzia, potrebbe riconoscere nell'immagine di un ricercato i tratti somatici di un conoscente. Ma non solo: lo stress potrebbe scatenare delle reazioni imprevedibili nel sistema nervoso del soggetto, reazioni riscontrate dall'esame, che potrebbero essere interpretate come ammissioni di colpa da coloro che presiedono all'interrogatorio, spinti ad indagare con più veemenza.

Marks ha inoltre spiegato che i test condotti sulle macchine della verità, e che sembrano provarne l'efficacia, sono stati effettuati su un campione di persone consapevoli di ciò che li aspettava, nel contesto di un'indagine scientifica. Sono test che richiedono tempo e addestramento per calibrare un'interpretazione personalizzata su ciascuno dei soggetti esaminati. Nulla a che vedere, evidentemente, con un interrogatorio circostanziato ad un individuo sottoposto ad angherie psicologiche o, nel migliore dei casi, spaventato dal fatto che a decidere del proprio futuro sarà un macchinario che sonda l'insondabile.

Gaia Bottà

(Fonte immagine)
76 Commenti alla Notizia La macchina della verità è uno strumento di tortura
Ordina
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > Anche se funzionasse al 100%, non potrebbe sapere
    > a quale domanda sto
    > rispondendo!
    >
    > Basta concentrarsi su domande diverse ed ignorare
    > completamente quella
    > posta.
    >
    > Detective: "sei innocente?"
    >
    > Inputato: mmmhhh... miss Italia mi chiede se
    > voglio trombare... (si ripete a mente 10 volte la
    > domanda)...
    > "certo che sì!"
    >
    > Macchina della verità: "dice il vero"

    Bello e facile a parole, peccato che quasi nessuno sia in grado di alterare le proprie funzionalità metaboliche e di controllarle al punto tale da rendere incosistenti i dati risultanti da una macchina della verità.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Non sono sicuro ma credo che la macchina analizzi anche se hai recepito la domanda...
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: pibedeoro
    > > Non sono sicuro ma credo che la macchina
    > analizzi
    > > anche se hai recepito la
    > > domanda...
    >
    > roftl?

    hai grugnito?
  • contenuto non disponibile
  • Per come la vedo io, se non si riesce a collegare domanda e risposta il test perde di significato.
    La macchina analizza gli impulsi elettrici prodotti dal cervello, quindi (suppongo, perche' della materia so poco o niente) che questi segnali vengano analizzati anche mentre vien posta la domanda, per capire se l'uditore l'ha ascoltata (si fa una verifica del tipo domanda x = impulso y).
    Verificato questo, penso che poche persone siano in grado di eludere la domanda e sostituirla con un'altra riuscendo a pensare solo a quest'ultima.

    Non sono affatto sicuro che sia cosi' veramente, ho solo fatto deduzioni su quella che potrebbe essere una logica di funzionamento.
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > Se parti dal presupposto che la macchina sia
    > perfetta... vabbè... è ovvio che a quel punto
    > supponi che tutte le problematiche annesse siano
    > superate.
    > Ma il fatto che sia perfetta non è dato, anzi,
    > l'articolo parla di problematiche molto più
    > semplici del non aver sentito/capito esattamente
    > la domanda (intenzionalmente o
    > meno)

    Chiaro, non voglio banalizzare la cosa, la mia osservazione era per dire che non credo sia cosi' facile eludere la domanda. Prescindendo dalle altre problematiche.
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: chojin
    >
    > > Bello e facile a parole
    >
    > guarda che se uno si concentra su un pensiero, la
    > domanda dell'investigatore, nemmeno la sente.
    >
    > E questo è un dato di fatto

    Ma certo, come no... infatti se sei stato arrestato e sei sotto interrogatorio in uno stanzino con tre agenti davanti, e' un gioco da ragazzi far credere a se stessi (convincendosi) di essere davanti invece a una fotomodella seminuda che ci prova con te... Rotola dal ridere

    Che dire, avanti con la prossima scemenza...
    non+autenticato
  • In Italia possiamo dire tranquillamente la verità, In Italia non ne abbiamo bisogno di queste macchine, se vuoi uccidere qualcuno basta mettersi ubriaco al volante e investirlo, al massimo ti fai qualche mese di domiciliari (magari in un residence al mare)!
    Oppure incontri un giudice che si dimentica di scrivere le motivazioni della sentenza... et volià!!!!
    Che bisogno abbiamo di dire bugie???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chattambulo
    > In Italia possiamo dire tranquillamente la
    > verità, In Italia non ne abbiamo bisogno di
    > queste macchine, se vuoi uccidere qualcuno basta
    > mettersi ubriaco al volante e investirlo, al
    > massimo ti fai qualche mese di domiciliari
    > (magari in un residence al
    > mare)!
    > Oppure incontri un giudice che si dimentica di
    > scrivere le motivazioni della sentenza... et
    > volià!!!!
    > Che bisogno abbiamo di dire bugie???

    AnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiatoAnnoiato
    non+autenticato
  • - Scritto da: Chattambulo
    > In Italia possiamo dire tranquillamente la
    > verità, In Italia non ne abbiamo bisogno di
    > queste macchine, se vuoi uccidere qualcuno basta
    > mettersi ubriaco al volante e investirlo, al
    > massimo ti fai qualche mese di domiciliari
    > (magari in un residence al
    > mare)!
    > Oppure incontri un giudice che si dimentica di
    > scrivere le motivazioni della sentenza... et
    > volià!!!!
    > Che bisogno abbiamo di dire bugie???
    O meglio ancora basta salire al governo e farsi una legge per non essere condannati. Ha già funzionato in passato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Proprio Lui
    > - Scritto da: Chattambulo
    > > In Italia possiamo dire tranquillamente la
    > > verità, In Italia non ne abbiamo bisogno di
    > > queste macchine, se vuoi uccidere qualcuno basta
    > > mettersi ubriaco al volante e investirlo, al
    > > massimo ti fai qualche mese di domiciliari
    > > (magari in un residence al
    > > mare)!
    > > Oppure incontri un giudice che si dimentica di
    > > scrivere le motivazioni della sentenza... et
    > > volià!!!!
    > > Che bisogno abbiamo di dire bugie???
    > O meglio ancora basta salire al governo e farsi
    > una legge per non essere condannati. Ha già
    > funzionato in
    > passato.

    Già, infatti D'Alema,Veltroni e compagnia bella hanno messo a tacere l'inchiesta Unipol/Coop chiedendo la testa del magistrato che ha osato toccarli alla velocità della luce...
    non+autenticato
  • > Già, infatti D'Alema,Veltroni e compagnia bella
    > hanno messo a tacere l'inchiesta Unipol/Coop
    > chiedendo la testa del magistrato che ha osato
    > toccarli alla velocità della
    > luce...

    con un grande maestro come berlusconi, perche' non imparare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lepaca
    > > Già, infatti D'Alema,Veltroni e compagnia bella
    > > hanno messo a tacere l'inchiesta Unipol/Coop
    > > chiedendo la testa del magistrato che ha osato
    > > toccarli alla velocità della
    > > luce...
    >
    > con un grande maestro come berlusconi, perche'
    > non
    > imparare?

    Ma come, i portatori della morale, la grande sinistra.. ora impara dal male assoluto Berlusconi a fare ciò che dicono lui faccia e sia tanto sbagliato fare? Ehhh! Che patetico discorso contorto per nascondere l'unica palese verità, che la sinistra e la magistratura sono una cosa sola.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > Già, infatti D'Alema,Veltroni e compagnia bella
    > hanno messo a tacere l'inchiesta Unipol/Coop
    > chiedendo la testa del magistrato che ha osato
    > toccarli alla velocità della luce...

    Sei male informato. Inchiesta archiviata, posizioni assolutive. E senza leggi create ad hoc, pensa un po'.
  • - Scritto da: www.aleksfalcone.org
    > - Scritto da: chojin
    > > Già, infatti D'Alema,Veltroni e compagnia bella
    > > hanno messo a tacere l'inchiesta Unipol/Coop
    > > chiedendo la testa del magistrato che ha osato
    > > toccarli alla velocità della luce...
    >
    > Sei male informato. Inchiesta archiviata,
    > posizioni assolutive. E senza leggi create ad
    > hoc, pensa un
    > po'.

    Certo, non hanno bisogno di aprire bocca, la sinistra e la magistratura sono una cosa unica ed indissolubile.. la tanto decantata "autonomia" questo è. Ti pare che possano condannare se stessi ?
    non+autenticato
  • ... Tipo Leon Kowalski: "senti che ti dico di mia madre"?
    non+autenticato
  • Ave.

    I CIARLATANI imbonitori cercano di fare disinformazione.

    Non esiste nessuna macchina che faccia quello che dicono: loro "sperano" che lo faccia, ma in realtà non lo fa.

    NON ESISTE UNA MACCHINA DELLA VERITA'!

    Altrimenti i Tribunali chiuderebbero tutti ed i processi durerebbero poche ore.

    Ovviamente c'è sempre qualche POLLO che crede che gli asini volino.....

    A presto.
    Nilok
    http://informati.blog.tiscali.it/
    http://it.youtube.com/Nilok1959
    Nilok
    1925
  • - Scritto da: Nilok
    > Ave.
    >
    > I CIARLATANI imbonitori cercano di fare
    > disinformazione.
    >
    > Non esiste nessuna macchina che faccia quello che
    > dicono: loro "sperano" che lo faccia, ma in
    > realtà non lo
    > fa.
    >
    > NON ESISTE UNA MACCHINA DELLA VERITA'!
    >
    > Altrimenti i Tribunali chiuderebbero tutti ed i
    > processi durerebbero poche
    > ore.
    >
    > Ovviamente c'è sempre qualche POLLO che crede che
    > gli asini
    > volino.....
    >
    > A presto.
    > Nilok
    > http://informati.blog.tiscali.it/
    > http://it.youtube.com/Nilok1959

    Eh, già... quindi tu stai vedendo gli asini volanti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin
    > Eh, già... quindi tu stai vedendo gli asini
    > volanti...

    hai voglia.. a frotte ne vede Occhiolino
    non+autenticato
  • prima di postare bla bla
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nilok
    > Te ti conosco...

    Nicola!
  • - Scritto da: Nilok
    > Te ti conosco...

    e noi conosciamo te nicola loconte...
  • - Scritto da: Nilok
    > Tu sei uno di quelli...

    E tu sei uno di quegli altri. Che è peggio!
  • Allora neanche i vostri barattoli...
    non+autenticato
  • Che non siano perfetti al 100% è un conto, ma che nel 90% dei casi diano un risultato corretto è certo perchè altrimenti i servizi segreti di tutto il mondo non li avrebbero usati se così non fosse..
    non+autenticato
  • E a te t andrebbe bene d esser in quel 10% condannato ingiustamente? Chiaramente sai che il tuo sacrificio è servito per incriminare l'altro 90%... e per lasciare libero di reiterare il reato il 10%.
    Complimenti!
    Meglio un colpevole libero, che un innocente condannato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: I bischero
    > E a te t andrebbe bene d esser in quel 10%
    > condannato ingiustamente? Chiaramente sai che il
    > tuo sacrificio è servito per incriminare l'altro
    > 90%... e per lasciare libero di reiterare il
    > reato il
    > 10%.
    > Complimenti!
    > Meglio un colpevole libero, che un innocente
    > condannato.

    Ma sì, liberali tutti i criminali.. eh! Bello come funziona oggi la giustizia in Italia,no? Se uno tocca le cosce ad una ragazza in auto viene arrestato come maniaco sessuale mentre se decide di pugnalarla, stuprarla o ucciderla in vario modo può essere certo di diventare una star televisiva e di fare anche nessun giorno di carcere..ehh!
    Bella l' Italia con questa magistratura, vero ? Qui i pazzi ed i criminali in genere ci sguazzano.
    non+autenticato
  • e cosa c'entrerebbe questo, con la macchina della verita'?
    non+autenticato
  • risponde a quello che libererebbe tutti. troppo libertine le leggi cavolo! Se non vuoi parlare allora finisci in galera con la pena massima! se dici le balle? pena massima! e vedi che alla gente passa questa moda!
    non+autenticato
  • - Scritto da: mah
    > risponde a quello che libererebbe tutti.

    Nessuno ha detto una cosa del genere.

    > troppo libertine le leggi

    E' meglio che cerchi 'libertino' sul vocabolario, così la frase fa sorridere.

    > Se non vuoi parlare allora finisci in galera con la
    > pena massima!
    > se dici le balle? pena massima!

    Quindi sei per un regime totalitario? Niente diritti civili? Mi sembra peggio dell'anarchia.
  • - Scritto da: chojin
    > Ma sì, liberali tutti i criminali..

    E perché?
    I criminali vanno puniti. Ma nel dubbio non vanno puniti gli innocenti. O no?
    Accetteresti di essere condannato ingiustamente se fosse il prezzo per aver messo in pratica ciò che proponi?

    > Bella l' Italia con questa magistratura, vero?

    Se tu fossi obbiettivo sapresti che i magistrati italiani lavorano, e bene, nonostante le condizioni impossibili. Non possono decidere fuori dalla legge, e finché a legiferare ci saranno imprenditori pregiudicati e loro amici mafiosi... ma questo è un altro discorso.
  • - Scritto da: chojin
    > perchè altrimenti i servizi segreti di
    > tutto il mondo non li avrebbero usati se così non fosse..

    Chi ti ha riferito questa sciocchezza?
  • Forse qualcuno con una memoria un po' storica dovrebbe ricordare a questa gente che le precedente versioni della "macchina della verità" spaziavano dalle bastonate ai palmi dei piedi, alla rete del letto elettrificata...
    Di sto passo sarà considerato "tortura" perfino il tedio imposto dall'agente di polizia che chiederà al sospetto di dire la verità senza utilizzare strumenti di alcun tipo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Overture
    > Forse qualcuno con una memoria un po' storica
    > dovrebbe ricordare a questa gente che le
    > precedente versioni della "macchina della verità"
    > spaziavano dalle bastonate ai palmi dei piedi,
    > alla rete del letto elettrificata...

    E allora?

    > chiederà al sospetto di dire la verità senza
    > utilizzare strumenti di alcun tipo...

    Vuoi la verità o la confessione a tutti i costi? E se credi che sia la stessa cosa, dovresti studiare un po' di storia.
  • E allora se tornassero certi metodi te finiresti in prima fila, non perchè frega a qualcuno che te dica la verità ma per verificare le vecchie tesi dell'800 se un buon elettroshock ti fa tornare tra i furbi.
    non+autenticato