Microsoft spara topi e tastiere dal dente blu

Il big di Redmond presenta una tastiera e un mouse in grado di connettersi al PC via Bluetooth attraverso un ricevitore che può anche servire per creare piccole personal area network

Redmond (USA) - Com'era stato annunciato lo scorso marzo, Microsoft ha iniziato la commercializzazione di nuovi prodotti basati sulla tecnologia wireless Bluetooth, la stessa per cui il big di Redmond ha recentemente incluso il supporto in Windows XP.

Per 159$ Microsoft offre una soluzione wireless integrata chiamata Wireless Optical Desktop for Bluetooth che include tastiera, mouse e un cosiddetto "transponder", un dispositivo che si connette ad un PC o ad un notebook e che è in grado di ricevere e inviare dati a uno o più device Bluetooth. Per 84.95$ si può invece portare a casa il solo IntelliMouse Explorer più il transponder. I prezzi in euro non sono ancora noti, ma non dovrebbero distaccarsi molto da quelli in dollari.

Microsoft ha spiegato che queste sue prime periferiche Bluetooth funzionano solo sotto Windows XP, hanno un raggio d'azione di oltre 9 metri e possono essere utilizzate in congiunzione con altre tecnologie wireless. Il nuovo mouse Bluetooth si avvale della tecnologia ottica già adottata da Microsoft negli attuali modelli di punta.
Il transponder si collega ad una porta USB del PC e può essere utilizzato, oltre che per connettere il mouse e la tastiera forniti in bundle, come un hub per personal area network al quale connettere fino a sette dispositivi Bluetooth, fra cui stampanti, telefoni cellulari, computer hand held e macchine fotografiche digitali.

L'azienda ha sottolineato come l'arrivo di Bluetooth non significhi la fine degli attuali dispositivi wireless con tecnologia tradizionale a 27 MHz: questi continueranno ad essere commercializzati come alternativa a basso costo dei prodotti basati su Bluetooth.

"Bluetooth è la tecnologia ideale per rimpiazzare i cavi", ha affermato Darrell West, direttore al marketing della divisione Hardware di Microsoft. "Questa tecnologia consentirà ai consumatori di connettere automaticamente, senza fili, i loro dispositivi Bluetooth ai propri PC".

Mike Foley, wireless architect presso Microsoft, ha affermato che nei prossimi mesi si assisterà ad un vero e proprio boom di dispositivi Bluetooth, e questo anche grazie al grande lavoro portato avanti nell'ultimo anno dall'industria per correggere tutti i principali problemi che affliggevano la prima versione dello standard.
TAG: hw
17 Commenti alla Notizia Microsoft spara topi e tastiere dal dente blu
Ordina
  • Mi vanno bene le connessioni di rete wireless (gran comodità entrare in un ufficio col portatile ed essere già in rete), ma ora...
    monitor, mouse, tastiere.... ma le periferiche senza fili esistono già da anni, e funzionano benissimo!!!
    Tutte queste cavolate mi sembrano solo tentativi di creare "nuove" tecnologie, farcele comprare perchè "sono troppo fiche" e ovviamente triplicare il prezzo!
    Mi tengo il mio topo logitech col suo bel filo pagato 7 euro e vaff... anche a bluetooth!
    non+autenticato
  • scrivete che MS commercializza BT e pochi giorni fa scrivete che BT non è sicura e ci vogliono spiare.... quindi due+due hihihihihi

    non utilizzerò mai BT

    ciao
    Davide
    non+autenticato


  • - Scritto da: dege
    > scrivete che MS commercializza BT e pochi
    > giorni fa scrivete che BT non è sicura e ci
    > vogliono spiare.... quindi due+due
    > hihihihihi
    >
    > non utilizzerò mai BT
    >
    > ciao
    > Davide

    ma secondo te interessa a qualcuno il pensiero di uno che scrive "hihihihihi" ?!?!

    mah
    non+autenticato
  • Ma è chiaro no? continuiamo a spedire in tutto l'etere qualsiasi fatto nostro. Comodità contro privacy: un confronto perso in partenza.
    Il cavo è l'unica cosa che ti garantisce l'integrità del transito di informazioni da una parte all'altra.
    Con bluetooth e 802.11b la variabile terza dimensione ha aumentato al cubo i potenziali impiccioni. Ma l'uomo è debole, e gli pesa il culo a passare un cavo dalla parte all'altra...
    non+autenticato
  • ma te sei schizzato... ma dai come puoi fare un ragionamento cosi... ti metti allo stesso livello di chi spara cavolate dai...

    questa techologia porta tutti più avanti in fatto di connessioni. Poi veramente tu pensi di avere un vicino che sniffa e codifica ogni bit che viene inviato?? pensa e rifletti.

    Andrea
    non+autenticato
  • E chi è il vicino che ti spia ? quello vicino a te o quello che riesce ad avvicinarti senza che tu possa vederlo ? l'etere rende tutto molto più semplice..per i nostri "vicini"
    Ciao
    non+autenticato
  • Prova a cercare su internet qualcosa sul wardriving, e fatti un'idea. Il fatto e' che reti wireless sono molto piu' vulnerabili di reti hardwired, e questo, specie in ambito aziendale, di sicuro non e' una bella cosa. Purtroppo, al giorno d'oggi, si tende ad usare qualcosa perche' e' figo e non perche' serve veramente (ah, il culto delle perline!). Non dico che questa tecnologia non sia utile e positiva, ma troppo spesso si tralasciano i lati negativi
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ombra
    > Il cavo è l'unica cosa che ti garantisce
    > l'integrità del transito di informazioni da
    > una parte all'altra.

    Beh, a voler essere pignoli, da questo punto di vista e' molto meglio la fibra ottica Occhiolino))))
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ombra

    > Ma è chiaro no? continuiamo a spedire in
    > tutto l'etere qualsiasi fatto nostro.

    Che bello, gli utenti di PI sono diventati paranoici e sostenitori di cause inutili almeno quanto i redattori.

    Primo: la connessione puo' tranquillamente sfruttare un canale criptato.

    Secondo: una connessione fisica non protetta puo' essere intercettata con altrettanta semplicita'. Quelli che parlano dell'insicurezza dell'802.11 rispetto all'Ethernet non sanno nemmeno di cosa stiano parlando.

    Terzo: non lo vuoi? Non lo compri.
    non+autenticato
  • Parole sante! Ma vallo a dire a quelli che si chiedono cosa cacchio significano i segni di gesso sui muri... indicano, per chi non lo sapesse, la posizione di reti wireless sfruttabili da non autorizzati. Colpa del pressappochismo dilagante nel mondo dell'IT del giorno d'oggi piu' che della tecnologia, ma spesso nessuno si cura di evidenziare i potenziali difetti di una nuova "moda"
    non+autenticato
  • Beh... diciamo che il wireless rende piu' facile e comodo ad un WarDriver l'allacciamento alla LAN aziendale e l'intercettamento dei dati. La loro decofrazione, se criptati, e' un'altro paio di maniche.

    - Scritto da: Co.Bra.
    > Parole sante! Ma vallo a dire a quelli che
    > si chiedono cosa cacchio significano i segni
    > di gesso sui muri... indicano, per chi non
    > lo sapesse, la posizione di reti wireless
    > sfruttabili da non autorizzati. Colpa del
    > pressappochismo dilagante nel mondo dell'IT
    > del giorno d'oggi piu' che della tecnologia,
    > ma spesso nessuno si cura di evidenziare i
    > potenziali difetti di una nuova "moda"
    non+autenticato


  • - Scritto da: Volta&Gabbana
    > Beh... diciamo che il wireless rende piu'
    > facile e comodo ad un WarDriver
    > l'allacciamento alla LAN aziendale e
    > l'intercettamento dei dati. La loro
    > decofrazione, se criptati, e' un'altro paio
    > di maniche.
    Ovvio. Ma e' qui che salta fuori il discorso sul pressappochismo: quanti amministratori si preoccupano in effetti di criptare le comunicazioni wireless? E quanti amministratori improvvisati neppure sanno che esiste la possibilita' di accesso alla rete da parte di un WarDriver?
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ombra
    > Ma è chiaro no? continuiamo a spedire in
    > tutto l'etere qualsiasi fatto nostro.
    > Comodità contro privacy: un confronto perso
    > in partenza.
    > Il cavo è l'unica cosa che ti garantisce
    > l'integrità del transito di informazioni da
    > una parte all'altra.

    bravo bravo piccione che ti credi che tutto viaggi su un cavo, probabilmente i dati che scambi
    con la tua banca usano un ponte radio.
    Inoltre pensi che un cavo sia sicuro, ma alle estremita ci pensi, da una parte ci sei tu ma dall'altra, eheheheheh.


    > Con bluetooth e 802.11b la variabile terza
    > dimensione ha aumentato al cubo i potenziali
    > impiccioni. Ma l'uomo è debole, e gli pesa
    > il culo a passare un cavo dalla parte
    > all'altra...

    non+autenticato
  • perplessità sulle affermazioni di Dall'altra parte

    La tua risposta mi da spunto per una quantità di riflessioni...
    ma te ne citerò solo un paio:

    la mia banca userà anche ponti radio per far transitare dati riguardanti i miei soldi a tuo dire, ma non credo che si affidi certo a reti 802.11b, altrimenti sai che pletora di antenne che spuntano dalle macchine ferme sotto al ponte radio di una banca.
    Ma questo è altro; direi piu che altro che è piu facile controllare le due estremità di un cavo, puttosto che un'area tridimensionale di proporzioni ben più vaste.
    E poi il mio era un giudizio generico, dettato dal gran parlare che si fa delle wlan bucate attualmente esistenti, ovviamente per un pressappochismo nella loro progettazione/gestione; quello è solo colpa degli admin, e per quanto mi riguarda una connessione tra due punti wireless sotto wep a 128 bit e tramite vpn o altro metodo di crittazione in aggiunta garantirebbe un margine di sicurezza ben piu elevato. E a quanto pare molti filantropi che offrono al popolo assetato connessione e dati "allo scoperto" non sembrano pensarla allo stesso modo.

                             )(

    non+autenticato