DownloadMobile/ Trio telecomandato

Il cellulare diventa un Telecomando per il computer, con un gestore di messaggi evoluto e un lucchetto su misura

Sistema Operativo:Java
Lingua:Non in italiano
Prezzo:9$ in prova gratuita
Dimensione:12 KB
Click:1.885
Commenti:Leggi | Scrivi (1)
Feed:Xml
downloadScarica dal sito originale
Le presentazioni in PowerPoint sono un ricordo indimenticabile per chiunque abbia frequentato l'università. I computer dei professori attaccati a proiettori (spesso afflitti da chissà quali problemi) con un'infinità di slide da mostrare.

WMouseXP è un programma che aiuta sia chi vuole usare il pc per lavoro (come, appunto, i docenti universitari) sia chi per comodità (o pigrizia?) vorrebbe un telecomando per utilizzare il proprio computer come riproduttore multimediale senza alzarsi dalla poltrona.

Ciò che fa questo programma è effettuare un collegamento via bluetooth tra pc e telefonino (che come requisito deve solamente essere java, la lista dei cellulari compatibili è visibile nel sito del produttore) e permettere al proprio dispositivo di diventare una sorta di mouse, con tanto di controllo del puntatore tramite joystick.

Oltra a questo sono disponibili alcuni tasti di esecuzione rapida (come l'accesso immediato a "risorse del computer", al riproduttore multimediale, o addirittura l'avvio della presentazione in PowerPoint) e altri dedicati al volume, all'esecuzione/pausa della musica e al passaggio al brano successivo/precedente.

Il funzionamento di WMouseXP è molto semplice: dopo aver scaricato il programma per pc (sempre dallo stesso sito) è necessario avviare sia l'applicazione del telefono che quella per computer per poter effettuare il collegamento.

Durante i test il programma si è rivelato essere ottimo sia come velocità del puntatore che come reattività ai comandi, senza un accenno di lag.

WMouseXP è disponibile gratuitamente in versione demo, che consiste in un limite di collegamento tra cellulare e computer di soli 3 minuti. Considerando l'apparecchiatura che il programma va a sostituire, i dollari richiesti non sembrano poi molti.(L.Saccomani)