Luca Annunziata

XO guadagna audio e megahertz

Un progetto per creare musica libera su laptop di OLPC mette a disposizione migliaia di tracce libere e software. Nel frattempo, i geek sono al lavoro per clockare il notebook verde

Roma - Ci sono 8,5 gigabyte di sample audio, in licenza Creative Commons, a disposizione di tutti. E una versione di Csound, tool di sintesi e manipolazione di effetti audio, personalizzata per l'XO. A quanto pare OLPC fa davvero sul serio per stimolare l'inclinazione musicale dei bambini di tutto il mondo, e mette a loro disposizione quasi tutto quello che è necessario per trasformarli in musicisti in erba.

XO guadagna audio e megahertzIl progetto è stato portato avanti grazie al contributo di alcuni istituti, quali il Berklee College of Music, aziende note nel campo dell'audio come Avid Technology, e con il supporto di alcuni nomi noti nel campo della musica elettronica: tra tutti spicca il nome di BT, al secolo Brian Wayne Transeau, celeberrimo creatore di colonne sonore per il cinema e di brani di musica trance e progressive nonché ex-alunno del Berklee.

"One Laptop per Child ha spinto i musicisti a donare la loro collezione audio ai bambini del mondo" ha detto il dottor Richard Boulanger, professore di musica al Berklee e tra gli organizzatori dell'iniziativa: "Fornendo un accesso alle risorse per suonare, mixare, trasformare, imitare e creare suoni, effetti, musica e audio art, questa donazione permetterà ai ragazzi che possiedono un XO la possibilità di imparare qualcosa della musica, di se stessi e del mondo".
I campioni audio, come detto, sono tutti rilasciati con licenza CC. Non solo dunque è possibile utilizzarli liberamente, ma è possibile anche realizzare opere derivate purché vengano dichiarate le fonti in modo esplicito: non è neppure necessario possedere un XO per scaricare i sample.

Il punto, tuttavia, non è semplicemente mettere a disposizione dei ragazzi un po' di musica o un software. Il punto, secondo Peter Kirn di Create Digital Music, è l'opportunità che un progetto come questo offre alla comunità: "OLPC è riuscita a catturare la fantasia di tutti, spingendo ad immaginare cosa sarà il futuro dei computer e il loro ruolo per la popolazione del pianeta". Ma soprattutto, secondo Kirn, il merito di XO è anche aver dato modo di creare un ambiente stabile per lo sviluppo di Linux: "Ho i miei dubbi sul progetto OLPC in se stesso, ma l'idea di creare musica open va oltre il solo hardware".

Ma se è l'hardware quello che interessa del laptop verde, ecco affacciarsi la possibilità di spremere fino all'ultimo cavallo megahertz dalla piattaforma basata sul processore AMD Geode: quelli di One Laptop Per Child News hanno scovato un metodo per portare la CPU dai 433MHz di base a 566MHz, garantendo anche un boost alle memorie che passano da 166 a 233MHz. Il guadagno in frequenza, pari a circa il 30 per cento, sembrerebbe garantire un miglioramento generale del funzionamento del computer, senza comprometterne la stabilità o la durata della batteria.

Per pompare la macchina basta accedere al bios, il cosiddetto open firmware prompt: si schiaccia un bottone all'avvio, si inseriscono una serie di stringhe e si modifica il clock attraverso una serie di codici esadecimali elencati in questa guida. Perché funzioni, è necessario essere in possesso di una developer key per l'XO, oppure procedere a rimuovere i blocchi di sicurezza sul proprio laptop OLPC.

Luca Annunziata

(fonte immagine)
16 Commenti alla Notizia XO guadagna audio e megahertz
Ordina