Supporto Microsoft, ecco cosa cambia

L'azienda annuncia una nuova politica che descrive con più chiarezza i parametri e la precisa durata del supporto garantito ai prodotti

Milano - Microsoft ha deciso di fare maggiore chiarezza sui termini del ciclo di vita del supporto ai propri prodotti rilasciando una nuova "Product Support Lifecycle Policy". L'obiettivo dichiarato è quello di standardizzare le strategie di supporto di tutte le linee di prodotto attualmente in vendita, oppure disponibili attraverso i programmi di volume licensing e dei prodotti di prossimo rilascio.

La nuova politica, che Microsoft sostiene di aver sviluppato sulla base dei suggerimenti ricevuti da clienti, analisti e partner, traccia in modo più chiaro rispetto al passato le diverse fasi di supporto dei prodotti nel corso degli anni. Questo, secondo il big di Redmond, permetterà alle aziende di "pianificare le implementazioni, prevedere i costi, tenere sotto controllo gli acquisti e stabilire gli investimenti futuri".

"Per le aziende poter disporre di indicazioni trasparenti e comprensibili in merito ai cicli di vita del supporto è essenziale per predisporre le spese future e gli aggiornamenti in ambito IT", ha dichiarato Steve Kleynhans, Vice President di Meta Group.
Per i prodotti software business e di sviluppo la nuova politica prevede un supporto per cinque anni a partire dalla data di disponibilità del prodotto, con la possibilità di estendere il periodo a ulteriori due anni.

Anche i prodotti consumer e hardware godono di un periodo di supporto di almeno cinque anni dalla data di rilascio. Per i prodotti consumer che prevedono l?annuale rilascio della nuova release (come per esempio Microsoft Encarta), viene garantito un supporto di tre anni.

Tutti i prodotti vengono inoltre coperti, per un periodo di otto anni, dal servizio di supporto di self-help online. Questo tipo di supporto prevede la continuazione, da parte di Microsoft, del rilascio di articoli tecnici (Knowledge Base), FAQ, strumenti per la risoluzione dei problemi e altre risorse relative ad un prodotto, che gli utenti possono consultare senza contattare direttamente Microsoft.

Microsoft precisa che al momento sono esclusi dal suo Product Support Lifecycle Policy i giochi per Xbox.

Il colosso del software ha poi esteso il supporto ai service pack rilasciati durante gli ultimi 12 mesi dal rilascio dell'ultimo service pack: oggi l'azienda forniva assistenza solo per il service pack corrente. Questo, sottolinea Microsoft, permetterà ai clienti di richiedere hotfix per i service pack correnti o per quelli immediatamente precedenti.

Per comprendere a fondo tutti i cambiamenti apportati dalla nuova Support Lifecycle Policy Microsoft ha pubblicato sul proprio sito una raccolta di materiale informativo accessibile da qui.
TAG: microsoft
6 Commenti alla Notizia Supporto Microsoft, ecco cosa cambia
Ordina