Luca Annunziata

Pisa, 36 ore in diretta per iPhone

Un gruppo di studenti di informatica si lancia nella programmazione del melafonino. Un giorno e mezzo filato davanti al computer: tutto in streaming online. E per il futuro, chissÓ

Roma - Si chiamano Leonardo Fiorini, Luca Bartoletti, Stefano Aru e Antonio Malara, studiano Informatica all'Università di Pisa e dalle 9 di sabato mattina fino alle 20 di domenica saranno impegnati nel primo "reality show per soli nerd" (così lo chiamano loro): 36hoursdeveloping. Una maratona di 36 ore filate, in diretta online sotto l'occhio vigile e inclemente di tre webcam, per realizzare un'applicazione per iPhone partendo da zero.

Stefano Aru, Leonardo Fiorini, Luca Bartoletti, Antonio Malara detto Willy: i protagonisti di 36hoursdeveloping"╚ un'idea nata per gioco - spiega Stefano a Punto Informatico - parlavamo spesso di extreme programming e alla fine abbiamo deciso di prendere la questione sul serio e provare a buttarci sullo sviluppo per un tempo serrato, tutti in una stanza". Da tempo progettavano lo sviluppo di un videogame, anche per console portatile, ma dopo aver visto cosa è in grado di fare il melafonino si sono detti: perché no? E invece di fare le cose semplici, prendendosi mesi di tempo per dare corpo ai loro pensieri, hanno pensato ad una sfida.

Piano piano la cosa ha preso piede, è arrivato anche il supporto di uno sponsor - un rivenditore toscano del marchio di Cupertino - e la faccenda si è fatta più seria. La scelta della piattaforma da utilizzare, comunque, non è caduta subito su iPhone: "Avevamo pensato anche ad XNA di Microsoft per la console Xbox, o comunque ad una applicazione ludica per PSP - chiarisce Luca - ma al di là dei marchi a noi interessava molto questa faccenda dello sviluppo casalingo, come si diceva una volta in cantina: negli Stati Uniti va forte e anche in Europa sta prendendo piede, mentre in Italia non ha ancora molto successo".
La decisione di utilizzare l'iPhone è arrivata dopo il lancio dell'SDK: "Realizzare un gioco ormai costa più di un film - prosegue Luca - ma a volte i prodotti più semplici riescono a raggiungere molte più persone. Vedere come Apple aveva pensato l'SDK, il meccanismo di distribuzione attraverso iTunes Store, ci ha convinto a fare un tentativo".

Il programma beta per lo sviluppo delle applicazioni per iPhone, però, è riservato ai programmatori USA, e quindi non sarà possibile per i quattro ragazzi italiani sfruttare fino in fondo le capacità del telefono: "Non potremo usare gli accelerometri - racconta Antonio - perché mancando la chiave per sbloccare l'SDK ci dovremo limitare alle prove sull'emulatore che non li prevede. Ci arrangeremo col touch, e stiamo pensando ad una grafica a metà strada tra il 3D e il 2D".

Il logo di 36hoursdevelopingIn futuro forse sarà possibile entrare nel programma di sviluppo ufficiale per il melafonino, i ragazzi ci sperano, e anche per questo non hanno ancora deciso cosa faranno di quanto scriveranno sabato e domenica: "Siamo indecisi se rilasciare tutto con una licenza open source - continua Antonio - oppure se tenerlo, rifinirlo e magari provare a commercializzarlo. Decideremo alla fine, a seconda di come andrà".

Comunque vada, i ragazzi sono contenti di come sta procedendo il lavoro: "All'inizio in facoltà ci prendevano per matti - conclude divertito Antonio - ma ora ci supportano: siamo rimasti sorpresi dall'attenzione attorno a questa idea. Ci hanno contattato in molti per saperne di più, e se la cosa avrà successo ci sarà sicuramente spazio per altre iniziative del genere". Esami permettendo, naturalmente.

a cura di Luca Annunziata
92 Commenti alla Notizia Pisa, 36 ore in diretta per iPhone
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)