CD universale via Panasonic e Microsoft

Le due aziende hanno annunciato una nuova tecnologia con cui sperano di standardizzare il modo in cui i contenuti vengono archiviati su di un CD e riprodotti da PC e altri dispositivi. Compatibilità firmata Microsoft

Redmond (USA) - Al già affollato settore dei formati CD va ora ad aggiungersi HighM.A.T. (High-performance Media Access Technology), una tecnologia sviluppata da Microsoft e Panasonic che promette di migliorare il metodo di archiviazione, organizzazione e riproduzione dei più comuni contenuti digitali, fra cui immagini, musica e video.

Microsoft ha spiegato che la tecnologia HighM.A.T., già disponibile su licenza, può essere utilizzata in congiunzione con i tradizionali supporti CD-R/RW ed è pienamente compatibile con gli attuali lettori di CD-ROM. L'obiettivo di Microsoft e Panasonic è quello di creare un nuovo formato standard di registrazione su CD che, oltre a migliorare le prestazioni di lettura e l'organizzazione dei contenuti, possa migliorare l'interoperabilità fra il mondo dei PC e quello dei più comuni dispositivi elettronici di consumo, come lettori di CD, autoradio e set-top box.

"Ci è sempre più chiaro che PC e prodotti elettronici di consumo continueranno a lavorare in modo sempre più stretto nel futuro. La tecnologia HighM.A.T. stabilirà un nuovo standard per lo scambio di media digitali fra questi dispositivi e renderà più facile riprodurre musica, foto e raccolte di video, sui prodotti AV di consumo" ha affermato Fumio Ohtsubo, managing director di Matsushita Electric (Panasonic).
Il formato HighM.A.T. prevede l'adozione di una speciale struttura delle directory per ogni tipo di file archiviato e l'adozione di un unico file contenente tutte le informazioni necessarie ai lettori di CD per comprendere l'organizzazione delle directory e la natura dei file che vi sono archiviati: in base a queste informazioni, ogni dispositivo saprà in anticipo quali contenuti potrà riprodurre e con quale software, con la possibilità di accedere direttamente a playlist e anteprime. La nuova organizzazione dei file, secondo Microsoft, potrà poi migliorare drasticamente i tempi d'accesso ai contenuti e facilitare la navigazione fra essi.

Inizialmente la tecnologia HighM.A.T. fu sviluppata per risolvere le difficoltà legate alla visualizzazione e all'indicizzazione delle centinaia di immagini registrabili su di un singolo CD. Le attuali specifiche della tecnologia di Microsoft e Panasonic prevedono il supporto dei file WMA (Windows Media Audio), MP3, JPEG, WMV (Windows Media Video) e MPEG-4.

Microsoft assicura che i CD creati utilizzando la tecnologia HighM.A.T. saranno compatibili con gli attuali dispositivi che riproducono i CD-R: il neo formato è infatti conforme al file-system standard ISO 9660 Joliet.

Il primo prodotto di Microsoft a supportare il nuovo formato sarà l'imminente Windows Media Player 9 e le future versioni di Windows Movie Maker. Panasonic supporterà invece HighM.A.T. in tutti i modelli di lettori CD e DVD a partire dal 2003.

Il primo appoggio esterno alla nuova tecnologia è arrivato da Fujifilm, che ha annunciato il supporto di HighM.A.T. in alcuni prodotti futuri.
TAG: mercato
14 Commenti alla Notizia CD universale via Panasonic e Microsoft
Ordina

  • Paroloni, paroloni !!!

    Si tratta di un file che descrive il contenuto del CD !
    Magari e` pure in XML !

    E hanno anche il coraggio di brevettare una cacchiata del genere !

    Sarebbe un po` come brevettare le playlist degli mp3 (m3u) !!!

    Come al solito alla micro$oft si puo` solo dire...

    ... BUFFONI !!!!

    A laura` barbun !
    non+autenticato
  • "L'obiettivo di Microsoft e Panasonic è quello di creare un nuovo formato standard di registrazione su CD ......."

    Perchè? Le specifiche ISO non bastano?
    Fanno schifo?
    Non servono più?
    Sono superate?

    Cosa?
    non+autenticato
  • No, è che non ci sono brevetti su cui lucrare ed avere il controllo del mercato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giudice
    > Perchè? Le specifiche ISO non bastano?
    > Fanno schifo?
    > Non servono più?
    > Sono superate?
    >
    > Cosa?

    La mia idea (pessimista) e' che questo "file indice", oltre a specificare dove sono archiviate le informazioni, rendera' molto piu' semplice proteggere le stesse, magari "informando" il dispositivo dell'eventuale copyright sul contenuto e impedendo l'accesso in determinati casi.
    Esempio: "Questo CD contiene un catalogo di foto di proprieta' di xyz. Se possiedi l'autorizzazione allora ti permetto di vederle, altrimenti puoi sempre acquistarla (come aggiornamento del firmware o simili) al sito www.etc.etc...".

    Insomma, ci provano sempre... Triste

    bye, Andrea
    non+autenticato


  • - Scritto da: Kappei
    > - Scritto da: Giudice
    > > Perchè? Le specifiche ISO non bastano?
    > > Fanno schifo?
    > > Non servono più?
    > > Sono superate?
    > >
    > > Cosa?
    >
    > La mia idea (pessimista) e' che questo "file
    > indice", oltre a specificare dove sono
    > archiviate le informazioni, rendera' molto
    > piu' semplice proteggere le stesse, magari
    > "informando" il dispositivo dell'eventuale
    > copyright sul contenuto e impedendo
    > l'accesso in determinati casi.
    > Esempio: "Questo CD contiene un catalogo di
    > foto di proprieta' di xyz. Se possiedi
    > l'autorizzazione allora ti permetto di
    > vederle, altrimenti puoi sempre acquistarla
    > (come aggiornamento del firmware o simili)
    > al sito www.etc.etc...".
    >
    > Insomma, ci provano sempre... Triste
    >
    > bye, Andrea

    Ma quanto dici, in realta' e' gia' possibile con la tecnologia di oggi?
    Non so quanti anni tu possa avere, ma ricordo bene che circa 6/7 anni fa (allora andavano di moda i 486) uscironi nelle edicole un paio di CD contenenti vario materiale (ma principalmente font per DTP e utylity grafiche) che potevano esesere installate ed dseguite solo previo acquisto (per telefono) del relativo "codicillo" da fornire in pasto al programma di installazione.

    Comunque, se ben ricordo, nonostante il boom iniziale dovuto alla novita', il metodo non ebbe grande successo sul medio e lungo periodo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: luckyboy
    > Non so quanti anni tu possa avere, ma
    > ricordo bene che circa 6/7 anni fa (allora
    > andavano di moda i 486) uscironi nelle
    > edicole un paio di CD contenenti vario
    > materiale (ma principalmente font per DTP e
    > utylity grafiche) che potevano esesere
    > installate ed dseguite solo previo acquisto
    > (per telefono) del relativo "codicillo" da
    > fornire in pasto al programma di
    > installazione.

    Non stavo parlando di questo. L'idea di una protezione tramite password e' vecchissima e "facilmente" superabile (illegalmente, chiaro).
    L'autorizzazione di cui parlo io e' una cosa tra il CD e il dispositivo (che non e' necessariamente un PC...), piu' in stile "Palladium" anche se infinitamente meno invasivo (probabilmente M$ sta cercando di operare un passaggio "graduale").
    Se un lettore di foto "da tavolo" viene progettato per usare questo file indice per sapere dove sono le foto, e questo prima di dirglielo vuole sapere se l'apparecchio possiede l'autorizzazione (tramite firmware, rom, schede esterne... non mi importa COME), e' evidente che la cosa diventa piu' complicata da superare.

    bye, Andrea
    non+autenticato
  • Ogni tanto (mooolto raramente) mi chiedo perchè odio M$.....

    Puntuale arriva la risposta....

    P.S. Mi raccomando Win-Maniacs: tutti pronti ad aggiornare !!!
    non+autenticato
  • certo... sono loro i campioni di compatibilita'...
    non+autenticato


  • - Scritto da: munehiro
    > certo... sono loro i campioni di
    > compatibilita'...

    No? E chi sarebbero secondo te?
    non+autenticato
  • a mo avresti il coraggio di dire che la M$ si e' sempre fatta paladina del interoperabilita'????
    hai veramente la accia come il culo, sei senza ritegno!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Alberto
    > - Scritto da: munehiro
    > > certo... sono loro i campioni di
    > > compatibilita'...
    > No? E chi sarebbero secondo te?


    da che microsoft è microsoft non ha fatto altro che modificare i linguaggi standard in modo che solo windows riuscisse a codificarle bene, a discapito dei suoi concorrenti... basta pensare a linguaggi come il Java infatti più volte la microsoft è stata processata per aver modificato il linguaggio multipiattaforma della SUN, ecco perchè esistono javascript mal fatti che creano problemi nelle altre piattaforme e negli altri browser...

    e parliamo della stessa microsoft che si mette a modificare i codici html... gli actionscript di flash... e tanto tanto ancora... solo per il gusto di danneggiare piattaforme come quella di apple o piattaforme Linux-like... e danneggiare browser come mozzilla, netscape, opera, etc...etc...

    bha... alla microsoft la parola "compatibilità" e "multipiattaforma" non sanno manco che significa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto
    >
    >
    > - Scritto da: munehiro
    > > certo... sono loro i campioni di
    > > compatibilita'...
    >
    > No? E chi sarebbero secondo te?

    Un branco di ladri e delinquenti che cercano in tutti i modi di spremere i poveri utenti ignari dei loschi affari che portano avanti per conquistare il monopolio su tutte le piattaforme dove centra la parola "digitale" rubando utenti alla concorrenza regalando i propri prodotti concorrenti e qualitativamente pessimi grazie ai monopoli gia` acquisiti...hanf hanf hanf !
    non+autenticato
  • un nome una garanzia.

    - Scritto da: munehiro
    > certo... sono loro i campioni di
    > compatibilita'...
    non+autenticato