luigi76

Office spera nei vantaggi genuini

Nuova iniziativa di Microsoft Italia e dei suoi partner per aggredire la pirateria e l'underlicensing della suite per l'ufficio: il sistema di autenticazione volontario, per mettersi in regola con gli euro e i click

Milano - Quattro Office su dieci installati sui PC degli italiani sono contraffatti. In molti casi, gli stessi utenti non ne sono consapevoli. Lo ha affermato Microsoft Italia a proposito della sua suite per l'ufficio, in occasione della presentazione di Office Genuine Advantage.

L'iniziativa, che ricorda evidentemente quelle già realizzate nel recente passato per i prodotti dell'azienda, "permetterà agli utenti - ha dichiarato l'azienda - di verificare l'autenticità della propria licenza di Office". Uno strumento che è stata anche l'occasione per rilanciare la battaglia antipirateria alla quale partecipano partner di Microsoft come Esprinet e Datamatic, che hanno lamentato le distorsioni provocate dalle contraffazioni al mercato della distribuzione.

Attraverso Microsoft Update, dunque, il big di Redmond conferma l'attivazione del sistema di quelle che vengono definite autenticazioni volontarie di Office Genuine Advantage (OGA). L'utente riceve un invito sull'area di notifica della barra delle applicazioni per scaricare e installare gli aggiornamenti ed è libero di accettare o meno; nel primo caso può scegliere tra installazione rapida e installazione personalizzata.
Entrambe le opzioni hanno come risultato il download e l'installazione dello strumento di notifica OGA. Una volta scaricato e installato, l'applicativo verifica automaticamente l'autenticità del software Office presente sul computer e avvisa l'utente se la versione in uso non è originale. In quest'ultimo caso, due volte al giorno (nel momento in cui si usa per la prima volta un applicativo Office e due ore dopo) per 14 giorni apparirà sul desktop un messaggio che invita a installare software originale. Dal quindicesimo al trentesimo giorno questo avviso è sostituito da una finestra di dialogo che ripete la stessa comunicazione. Successivamente viene inserita una scheda nella barra multifunzione di Office 2007. Si tratta della prima scheda visualizzata a ogni avvio di un'applicazione di Office.

Cosa succede se un utente scopre di avere in uso un software contraffatto, che gli è stato venduto come valido? "╚ sufficiente che ci comunichi il problema e ci fornisca le prove d'acquisto: ci impegniamo a sostituirlo gratuitamente con uno originale", spiega a Punto Informatico Marco Ornago, al quale riportano tutte le attività per valorizzare il Software Originale Microsoft in Italia. "Dal canto nostro, ci rivarremo sul venditore". E se l'utente si rifiuta di comprare un nuovo prodotto? "Non abbiamo previsto blocchi, se non per quanto riguarda il download delle funzionalità avanzate", aggiunge Ornago. "Il nostro intento non è di bloccare le macchine non in regola, ma di sensibilizzare gli utenti finali al problema della contraffazione".

Mettersi in regola, ripete Microsoft, come già BSA, significa contribuire a ridurre il tasso di pirateria per attivare un circolo economico virtuoso. "Secondo una ricerca IDC - precisa Ornago - in Italia la pirateria di software comporta una perdita di circa 900 milioni di euro. Basterebbe riuscire a ridurla del 10 per cento per creare 6.200 nuovi posti di lavoro".
59 Commenti alla Notizia Office spera nei vantaggi genuini
Ordina
  • "Secondo una ricerca IDC - precisa Ornago - in Italia la pirateria di software comporta una perdita di circa 900 milioni di euro. Basterebbe riuscire a ridurla del 10 per cento per creare 6.200 nuovi posti di lavoro".

    Negli USA?
    non+autenticato
  • A mio fratello avevo fatto conoscere fin da subito OpenOffice, che ha sempre usato senza lamentarsi fino a che non ha cambiato fidanzata.

    Quest'ultima, winara incallina, gli menava tutti i giorni che OpenOffice non aveva questo e non aveva quello (in realtà doveva avere solo la voglia di imparare dove si trovavano le sue "icone") ma con i mesi è riuscito a convincerlo di disinstallare OpenOffice e installare Office pirata!!
    Mio fratello è un agente e deve solo ricevere qualche foglio di excel e powerpoint! Per anni non si era mai lamentato di niente...
    Gli avevo anche proposto le versioni reader ma niente... Le porcherie si fanno bene oppure non si fanno.
    Cose dell'altro mondo.

    L'ignoranza della gente e il marketing insistente è la chiave del successo di MS.

    A parte questo, credo proprio che 4-5 fumetti al giorno non saranno sufficienti per far scucire 600 euro in word e excel... La MS dovrebbe sconfiggere la pirateria dando i due prodotti a prezzi umani.

    Tanto tra un po' di tempo nel mulo si troverà l'office craccato che non rompe le balle e la gente non si accorgerà neppure della differenza.
    non+autenticato
  • Perchè disinstallare OpenOffice?
    Per installare Office mica bisogna disinstallare OpenOffice.
    non+autenticato
  • Come i prodotti Microsoft si son sempre diffusi grazie la pirateria, e adesso Microsoft vuole segarsi le gambe da sola?

    Condivido la scelta di Microsoft di combattere la pirateria, anche se questa scelta di ridurre o eliminare il sofware contraffatto, sarà un arma ha doppio taglio.

    Molte utenti Windows creandono che Wndows stesso sia gratis.
    Se Microsoft combatte la pirateria, cosa che reputo giustissima, si avrà una rieqiulibrio della diffusione dei S.O molto consistente, per non parlare del mercato dei software per l'uffucio, per Open Office questa scelta di Microsoft è come "la manna dal cielo".

    Chi l'avrebbe mai detto che scelte di MS, avrebbero aiutato l'OpenSource a diffondersi!?
  • Non lo faranno mai...

    STOP PIRATERIA = FAILURE OF M$
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Come i prodotti Microsoft si son sempre diffusi
    > grazie la pirateria, e adesso Microsoft vuole
    > segarsi le gambe da
    > sola?
    >

    La strategia è sempre la stessa: lucchetto minuscolo, che salterà alla prossima release su emule.

    La politica commerciale è rendere meno facile la pirateria fai-da-te per quelli che hanno i soldi ma non li vogliono tirare fuori.

    Tanto quando ci lavori con office prima o poi crolli, è la legge dei grandi numeri.
    non+autenticato
  • lo uso per il mio lavoro quotidianamente da anni; nessun problema.Ovviamente non ho da convertire complessi fogli di calcolo o terribili collegamenti a db, ma per quello che mi serve (video scrittura e presentazioni per insegnare) va alla grande! si tratta proprio dello strumento che fa per me ed il mio budget, altro non mi serve (o mi costa troppo).Per quanto riguarda il resto del mondo, che come me non ha pretese tecniche evolute, il file filtrato nel formato ms non dà alun problema
    non+autenticato
  • Questa iniziativa farà crescere OpenOffice più della pubblicità o del passaparola che viene fatto in rete. Questo è comunque un bene perché un po' di concorrenza fa bene a tutti (MS per prima).
    Forse contribuirà anche a rendere i computer meno sicuri, chissà quanti bloccheranno gli aggiornamenti automatici per evitare la "verifica di genuinità" che magari non sarà solo volontaria (ho la sensazione che sotto sotto qualche controllo all'insaputa dell'utente MS lo faccia ugualmente).
    non+autenticato
  • Openoffice dà problemi di compatibilità con i file di office, per esempio il mio curriculum aperto con openoffice ha ad alcune parti una dormattazione sbagliata sugli elenchi puntati e sulle linee
    non+autenticato
  • Si, anche io ho qualche problemino, ma immagino che portare da un formato binario come il .doc non sia tutto semplice. Forse ora che .doc è stato infilato in OOXML, che è diventato standard (anche se ancora non capisco come), ci sarà una attenzione ancora maggiore sulla trasformazione dei formati.

    Certo che se MS desse una mano sarebbe meglio, ma queste sono cose che non rientrano nel suo DNA, sono sempre gli altri che devono adeguarsi e lo scherzetto che ha fatto ISO non aiuterà in tal senso.
    non+autenticato
  • sono sicuro che ms farà di tutto per creare problemi nella conversione perfetta di file office, altrimenti rischierebbe di perdere una gran fetta di mercato
    non+autenticato
  • - Scritto da: lol

    > Openoffice dà problemi di compatibilità con i
    > file di office, per esempio il mio curriculum
    > aperto con openoffice ha ad alcune parti una
    > dormattazione sbagliata sugli elenchi puntati e
    > sulle
    > linee

    Me lo mandi?
    FDG
    11017
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)