Intel prepara la sfida a Radeon e GeForce

Intel ha confermato che la sua prima GPU IA-32, Larrabee, debutterà inizialmente sulle soluzioni grafiche di tipo discreto, ovvero le tradizionali schede grafiche per PC. Presto un prototipo

Roma - È ormai noto da tempo come Intel stia sviluppando un chip grafico basato sull'architettura standard delle proprie CPU, l'IA-32. All'IDF di Shanghai il chipmaker non ha fornito molti altri dettagli su questa GPU, ma in compenso ha confermato che tale chip - noto in codice come Larrabee - debutterà dapprima sulle schede grafiche, e solo in seguito verrà utilizzato all'interno di soluzioni GPGPU (General Purpose GPU).

A rivelarlo è stato Pat Gelsinger, senior vice president e general manager del Digital Enterprise Group di Intel, che in una intervista ha anche detto che Intel è pronta a mostrare un prototipo di Larrabee già nel corso dell'anno.

Gelsinger ha specificato che Intel non produrrà da sé le schede grafiche basate sulle proprie GPU, ma si limiterà, come fa AMD, a fornire alle terze parti un design di riferimento. Le prime schede con il chip Larrabee-1 saranno inizialmente indirizzate ai PC da gioco e alle workstation, e rivaleggeranno dunque in modo diretto con le soluzioni basate sui chip di Nvidia e ATI/AMD.
Il dirigente di Intel ha fatto sapere che i driver e i tool di sviluppo per Larrabee supporteranno sia le librerie DirectX che quelle OpenGL, ma non ha specificato quali versioni: se il chipmaker ambisce realmente a sfidare le schede grafiche dedicate agli appassionati di giochi, il supporto alla tecnologia DirectX 10 appare ormai obbligatorio.

Gelsinger ha infine sottolineato che Larrabee sarà un chip IA-32 a tutti gli effetti, e condividerà con le proprie CPU il modello di gestione della memoria e degli interrupt.

Va ricordato come oggi Intel possieda già oltre il 50% del mercato dei chipset con grafica integrata. Gli osservatori fanno però notare che il settore della grafica integrata è molto differente, sia per tecnologia che per marketing, da quello delle schede grafiche PCI Express: dominare nel primo non significa necessariamente riuscire a penetrare nel secondo. Certo è che le risorse economiche e tecniche di Intel sono enormi, questo anche se confrontate con quelle di Nvidia e AMD messe insieme.

I vendor di schede grafiche sembrano aver accolto la notizia con un certo entusiasmo: secondo alcuni portavoce dell'industria, l'ingresso di Intel nel settore dei chip grafici discreti non può che accrescere la competizione e, di conseguenza, accelerare l'evoluzione tecnologica riducendo nel contempo i prezzi delle schede video.
19 Commenti alla Notizia Intel prepara la sfida a Radeon e GeForce
Ordina
  • Se il supporto a linux fosse come quello dei chip grafici integrati intel sarebbe la panacea di molti mali!
  • quotissimo!! Speriamo bene!
    non+autenticato
  • - Scritto da: rayman2
    > Se il supporto a linux fosse come quello dei chip
    > grafici integrati intel sarebbe la panacea di
    > molti
    > mali!

    beh visto che Intel è al terzo posto tra i contributor del kernel linux, come minimo c'è da aspettarsi che usciranno prima i driver per Linux e poi quelli per Windows
    non+autenticato
  • esattamente!Occhiolino
    non+autenticato
  • Le intel sono le schede con i driver migliori per Linux..

    Poi ora che le schede video si buttano sulle computazioni fisiche e l'hardware programmabile beh... ci sarà da divertirsiA bocca aperta

    Che la guerra cominci!!A bocca aperta
  • Le schede grafiche Intel hanno i driver "migliori" per Linux perchè non hanno proprio nulla da "driverare", l'hardware e la capacità delle schede video Intel sono assolutamente ridicole a confronto con quanto offerto da AMD/Ati e Nvidia anche in fascia bassissima.
    non+autenticato
  • si è vero ma le periferiche intel in genere hanno un ottimo supporto Linux..
    i driver sono GPL e inclusi nel kernel... (vedi schede wireless)

    il senso del mio commento era: Intel ha sempre avuto una politica Linux-friendly.. quindi suppongo che anche con schede grafiche più complesse continuerebbe questa politica
  • E il famoso duopolio Wintel secondo te sparirebbe nel nulla per colpa di una GPU!?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno
    > E il famoso duopolio Wintel secondo te sparirebbe
    > nel nulla per colpa di una
    > GPU!?

    beh veramente molti osservatori americani parlano di Lintel, visto che Intel è al terzo posto tra i contributor di Linux

    Intel negli ultimi anni ha fornito ingegneri, codice e quattrini alla comunità Linux, ed in questo è seconda solo a IBM

    ah già IBM, l'altro alleato storico di MS

    che strano eh, mi sa che Bill sta sulle scatole a parecchia gente
    non+autenticato
  • - Scritto da: pabloski
    > beh veramente molti osservatori americani parlano
    > di Lintel, visto che Intel è al terzo posto tra i
    > contributor di
    > Linux
    >
    > Intel negli ultimi anni ha fornito ingegneri,
    > codice e quattrini alla comunità Linux, ed in
    > questo è seconda solo a
    > IBM
    >
    > ah già IBM, l'altro alleato storico di MS
    >
    > che strano eh, mi sa che Bill sta sulle scatole a
    > parecchia gente

    Certo, il supporto a Linux è dato da questa grandissime aziende perché credono fortemente nella filosofia del software libero, nella fratellanza e nella pace fra i popoli.

    Ma come si fa a non rendersi conto che supportano Linux solo perché è il miglior modo di mettere i bastoni fra le ruote a Microsoft? E questo non certo perché "sta sulle scatole"... si chiama "concorrenza", e io aggiungerei "concorrenza sleale".
  • Perché sleale?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Athlon64
    > Ma come si fa a non rendersi conto che supportano
    > Linux solo perché è il miglior modo di mettere i
    > bastoni fra le ruote a Microsoft?

    Lo sappiamo, lo sappiamo...

    > E questo non
    > certo perché "sta sulle scatole"... si chiama
    > "concorrenza", e io aggiungerei "concorrenza
    > sleale".

    Ma come? I winari dicono sempre che linux è un esperimento inconcludente e adesso diventa concorrenza sleale?

    La vera concorrenza sleale l'ha sempre fatta MS, fin dai tempi in cui c'era Netscape che ambiva a diventare un browser multipiattaforma.
    Sappiamo tutti che fine gli ha fatto fare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: danieleMM
    > Le intel sono le schede con i driver migliori per
    > Linux..

    Mai avuto problemi con i driver nVidia, che sono tra le cose più facili da installare sotto Linux.
    non+autenticato
  • si ma sono chiusi a differenza di quelli intel (di schede grafiche e non)
  • - Scritto da: danieleMM
    > si ma sono chiusi a differenza di quelli intel
    > (di schede grafiche e
    > non)

    Dunque? Capisco il rispetto della GPL, l'ideologia open e tutto il resto.
    Capisco anche il fatto che a causa di questa incompatibilità di licenza non sia possibile integrare i driver nel kernel (niente supporto 3D su NVidia funzionante out of the box), anche se la soluzione di Ubuntu in tal senso sembra l'uovo di colombo.
    Ma l'evoluzione e la diffusione di GNU/Linux in ambito desktop deve passare anche attraverso alcuni compromessi. Ci sono molti problemi di driver su Linux (si ora solo Linux trattandosi del kernel), anche a causa di politiche commerciali e accordi sottobanco, la presenza di un driver supportato e ben funzionante secondo me va oltre l'avere un sistema interamente open.
    Libertà di scelta significa anche questo, non certo imporre la GPL.
    Se le aziende hanno intenzione di investire su GNU/Linux è un bene. In questo senso la GPL non deve rappresentare un ostacolo ed al momento attuale nulla vieta l'esistenza di driver chiusi in ambito linux.
    Se non sei disposto a tale compromesso hai comunque la possibilità di scegliere HW supportato in maniera Open.