Dario Bonacina

Cellulari in volo, semaforo verde dalla UE

La Commissione dice sì alle telefonate a bordo degli aeromobili europei. E vara una regolamentazione unica per tutti gli operatori e le compagnie aeree

Roma - Ancora vietati dalle compagnie aeree USA, i cellulari stanno invece per ricevere il benvenuto a bordo dei velivoli europei. Proprio con questo scopo, la Commissione Europea ha adottato questa settimana una serie di misure per garantire una regolamentazione alle comunicazioni mobili sugli aerei in volo nei cieli del vecchio continente. Per conversazioni telefoniche sicure e nel rispetto delle esigenze di tutti i passeggeri, privacy inclusa.

I sistemi adottati dalle compagnie aeree prevedono che i cellulari dei passeggeri si aggancino in roaming al network mobile della "cella" presente sull'aereo, collegata alla rete presente a terra via satellite. In questo modo, sul velivolo non sarà necessario mantenere un livello della potenza di trasmissione elevato e ciò andrà a beneficio della sicurezza delle apparecchiature presenti sull'aeromobile.

La nuova regolamentazione ha infatti lo scopo di armonizzare le condizioni che consentiranno di utilizzare gli apparecchi in volo. Agli stati dell'Unione verranno dati sei mesi di tempo per mettere in atto le nuove regole, anche se Martin Selmayr, portavoce UE, ha precisato che "il servizio potrà essere proposto già da qui a qualche settimana".
"L'azione della Commissione - ha spiegato Viviane Reding, commissario europeo per la società dell'informazione e i media - è motivata dal fatto che i servizi di telecomunicazione paneuropei, come la telefonia mobile a bordo degli aeromobili, richiedono uno sportello normativo unico per poter funzionare in tutto il territorio della UE. Per attuare questo nuovo servizio occorreva adottare una decisione normativa valida per tutto lo spazio aereo europeo".

Inizialmente saranno idonei a funzionare con i sistemi aeromobili solamente gli apparecchi GSM di seconda generazione. Telefonate ed SMS potranno viaggiare solamente quando il velivolo raggiungerà l'altitudine di crociera (3.000 metri), mentre durante le fasi critiche del volo - decollo e atterraggio - dovranno rimanere spenti e in caso di emergenza (come ad esempio in presenza di turbolenze), il personale di bordo potrà disporre la sospensione del servizio.

I costi del servizio di comunicazione saranno stabiliti dall'operatore attivo a bordo, ma niente paura, assicura Reding: "Ci attendiamo ora che le offerte tariffarie degli operatori siano trasparenti e innovative. I servizi di telefonia mobile a bordo possono essere molto interessanti, specialmente per chi viaggia per lavoro e ha l'esigenza di comunicare ovunque si trovi e ovunque vada. Ma se gli utenti riceveranno bollette astronomiche, il servizio non decollerà".

E per quanto riguarda il rispetto di privacy e il diritto al relax, il Commissario UE ha fatto sapere di aver esortato compagnie ed operatori a creare "le condizioni necessarie affinché chi utilizza questi servizi di comunicazione non disturbi gli altri passeggeri". A questo proposito va precisato che non tutte le compagnie aeree sono favorevoli all'utilizzo dei cellulari in volo: Brussels Airlines, tramite un proprio portavoce, alla notizia del nuovo provvedimento UE ha sottolineato il proprio scetticismo: "Non è così divertente sentire qualcuno che telefona a quaranta centimetri dalle vostre orecchie" ha spiegato un portavoce.

Dario Bonacina
16 Commenti alla Notizia Cellulari in volo, semaforo verde dalla UE
Ordina
  • Buon giorno
    Sono salito sul aereo dimenticando di spegnere il telefono
    durante il volo in quota squilla il telefono con grande imbarazzo prendo il telefono e spengo.
    una volta atterrato mi hanno bloccato in aereo volendomi fare un multa di € 6000,00 dopo varie discussioni mi hanno fatto una multa di € 3000,00.
    Vorrei sapere se tutto questo e giusto e se esiste una legge che consente in italia essendo stato un volo Nazionale Milano - Catania Multe di questo tipo
    saluti Daniele
    non+autenticato
  • Tutti bravi a giudicare gli altri, chi ascolta la musica ad alto volume, chi parla, chi ha la soneria. E dire che basterebbe un "mi scusi, potrebbe cortesemente abbassare il volume? Grazie"...e invece l'italiano medio preferisce arrabbiarsi senza neanche far sapere al terzo il disturbo arrecato....scegliatevi tutti quanti...per poter usufruire di un diritto tal volta basta chiedere. Quanto all'aereo non c'e neanche bisogno di dire che sarà obbligatorio il silenzioso, e se qualcuno parlerà troppo ad alta voce, be, o si trovera il coraggio di dirlo ad una hostess, oppure perche non provate a rilassarvi anche voi con un po di musica??? Isola da tutto, ed è piacevole. Inoltre come accusare chi chiama una mamma un po troppo apprensiva, o chi, come mia sorella, lavora ad esempio per un ONG, e deve far sapere dov è e quando atterra, eventuali ritardi o altro poiche la destinazione di terra è una zona di guerra è c'e una scorta ad aspettare.....non pensate agli altri, giudicando sempre tutto e tutti...pensate nel vostro piccolo che sarebbe gia abbastanza...io ancora non ho mai trovato una persona che non sia stata disposta a farmi il favore di abbassare o chiudere addirittura la propria telefonata di fronte ad una mia cortese richiesta....e non sono poi cosi attraente da poter colpire in questo modo qualcuno.

    Cominciate a mettere un po da parte la costante "critica" all'italiana, e imparate un po di cortesia e saper vivere...i maleducati ci sono, ma forse è piu efficace farli sentire da soli, che non criticarli in silenzion sperando che qualcuno si accorga che siamo "molestati" da qualcosa.
    non+autenticato
  • mi sembra che i problemi li crei tu.
    tanta polemica per nulla. se i maleducati ci sono, ed e' normale per motivi statistici, occorre contenerli non "farsi sentire"... e idee come quella dei cellulari in volo non contribuiscono all'obiettivo.
    grazie e saluti
    non+autenticato
  • Spero impongano almeno la modalità silenziosa, vietando la suoneria.Immaginatevi in un volo notturno, oltre al vociferare, sentire squilli da da ogni parte! Dovrebbero consentire unicamente la comunicazione tramite "SMS"; sarebbe più che sufficiente!
    non+autenticato
  • Come se gli aerei non fossero già pieni di gente che chiacchera, gente che deve far saper a tutti che sta per vomitare, gente che sparge i suoi germi con colpi di tosse da far temere un'esplosione a bordo (e senza mettere la mano davanti alla bocca), bambini che strillano e piangono, gente con le cuffiette a volume tale da far contenti gli otorinolaringoiatri...
    E non è che i motori siano proprio silenziosissimi. Insomma, se volete stare tranquilli, gli aerei non sono esattamente il posto più adatto. Se ci mettiamo i telefonini non farà molta differenza. Mi preoccupano di più quelli che il telefonino lo usano mentre guidano. Ho anche visto gente sbracciarsi e tirare pugni al cruscotto...
  • basta portarsi dietro un jammer portatile e nessuno stressa piùA bocca aperta

    apparte questo, mi sono sempre chiesto se fosse vero che cellulari lettori cd ecc ecc potessero davvero disturbare le strumentazioni di bordo..
    voglio dire, ci sono aereoporti con vicino antenne gsm o linne dell'alta tensione, se un aereo è messo a rischio da cellulare, cosa accade quando passa vicino a un'antenna??

    bye albe
    non+autenticato
  • - Scritto da: albe

    >
    > apparte questo, mi sono sempre chiesto se fosse
    > vero che cellulari lettori cd ecc ecc potessero
    > davvero disturbare le strumentazioni di
    > bordo..

    Fino a quando non avevano il modo per guadagnarci cercavano di spaventarti. Ora hanno visto il buziness... e il pericolo è scomparso.
    Il vero motivo x cui andavano tenuti spenti i telefoni è che la rete di terra veniva disturbata arrivando il segnale a più celle non adiacenti... Ora ti creano una microcella nel velivolo ed il problema è risolto.

    Per i CD me lo sono chiesto anche io !!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)