Gaia Bottà

USA, camionisti in sciopero online

Si organizzano su Facebook e MySpace, coordinano le proteste sui forum, sensibilizzano i concittadini attraverso YouTube. I camionisti in rete contro il prezzo del carburante

Roma - Sono tanti, sono arrabbiati, sono equipaggiati di mezzi per coordinarsi in rete. Sono i camionisti indipendenti degli States: sfrecciano sulle highway a bordo di bolidi dalle mille cromature, lamentano prezzi del carburante divenuti intollerabili e stanno organizzando uno sciopero attraverso i social network, attraverso gli strumenti della rete.

Camionisti in scioperoL'opera di coordinamento muove dai forum: innumerevoli i thread dedicati all'organizzazione del dissenso, innumerevoli le voci di solidarietà che si levano dalla platea dei netizen americani. La causa dei camionisti indipendenti si dirama anche dai profili di MySpace e di Facebook, rimbalza su Digg e sui blog.

Anche YouTube è affollata di video che inneggiano alla manifestazione del dissenso: i camionisti invitano ad incrociare le braccia, a parcheggiare i bolidi e a non fare alcun tipo di rifornimento di carburante.
I numeri? C'è chi segnala che, nonostante la diffusione virale della protesta, siano ancora troppo bassi per cambiare qualcosa. (G.B.)

(fonte immagine)
3 Commenti alla Notizia USA, camionisti in sciopero online
Ordina