A-Mobile, il telefonino secondo Auchan

L'esordio del nuovo operatore mobile alternativo si contraddistingue per l'offerta di ricariche telefoniche. Legate ai punti accumulati per la spesa

Roma - Ecco la vera offerta di telefonia mobile "da supermercato". La propone A-Mobile, ossia Auchan Mobile, operatore nato dall'accordo siglato tra Auchan e Wind e appena sbarcato sul mercato italiano. Ancora non si è arrivati ad offrire una SIM ogni due detersivi o in abbinamento alla carne in scatola, ma il modello di business proposto dal nuovo gestore alternativo include, tra l'altro, una soluzione tipica della grande distribuzione: un bonus - in questo caso rappresentato da ricariche telefoniche - legato ai punti accumulati ad ogni spesa effettuata nei punti vendita della catena.

Chi più spende al supermercato, più parla al telefono: l'offerta prevede infatti la possibilità di accumulare credito per ricaricare il proprio telefonino, acquistando determinati prodotti evidenziati dal logo A-Mobile (sono circa 5mila) negli ipermercati Auchan presenti in Italia e, presto, anche negli altri negozi del gruppo legati ai marchi Sma, Cityper e Simply. Le ricariche possono avere importo di 5 centesimi (ottenibili acquistando una confezione di pasta), ma anche di 50 (per chi acquista un elettrodomestico) o 100 euro (per chi aderisce all'offerta SKY, in promozione entro il 26 aprile).

Per ricaricare la SIM Auchan Mobile in maniera più tradizionale, ossia acquistando il credito, si compra una ricarica del valore desiderato presso un Ipermercato Auchan, oppure - spiega l'operatore - una ricarica Wind, reperibile presso bar, tabaccai, edicole e rivenditori autorizzati Wind, presso gli sportelli bancomat delle banche abilitate, sul sito www.wind.it, oppure direttamente dal telefonino, con addebito sul conto corrente bancario.
Le tariffe sono specificate in questo documento. Volendo citare, a titolo di esempio, i servizi più utilizzati, per quanto riguarda il traffico voce sulle chiamate nazionali si applica la tariffa chiamata "10tondo", cioè un costo di 10 centesimi di euro al minuto, con tariffazione a scatti di 5 centesimi, di durata pari a 30 secondi, a cui va aggiunto uno scatto alla risposta di 15 centesimi. Ogni SMS costa 10 centesimi.

Il funzionamento del modello di business è ora alla prova del mercato. E non è detto che presto non venga imitato dagli altri operatori mobili alternativi legati al mondo della GDO, come UNOMobile, CoopVoce e Conad InSIM.