Innovazione tecnologica, per vederci di più

La Quinta edizione del Premio Internazionale ONCE chiama a raccolta e alla competizione sviluppatori e tecnologi di tutta Europa. Lo promuove in Italia l'Unione Italiana Ciechi. Il countdown è iniziato

Roma - Scade il prossimo 5 settembre il termine ultimo per la presentazione dei progetti legati all'innovazione tecnologica pensata a favore di non vedenti ed ipovedenti nell'ambito del Premio ONCE 2008, giunto ormai alla sua quinta edizione. Lo ha ricordato nelle scorse ore l'Unione Italiana Ciechi. "Lo scopo di questa iniziativa - spiega la UIC - è quello di incoraggiare la promozione e la realizzazione di progetti di ricerca in ambito tecnico-scientifico che consentano a coloro che soffrono di problemi di vista di superare vincoli e limitazioni".

L'Unione è partner ufficiale del Premio, una competizione internazionale rivolta agli sviluppatori che mette in palio 240mila euro in un unico premio, che sarà assegnato a progetti di ricerca nelle aree dell'Ingegneria, dell'Intelligenza Artificiale, dell'Informatica, delle Telecomunicazioni e, ancora, delle Micro-tecnologie e della Nano-elettronica.

Un incentivo, dunque, per accelerare la ricerca su un fronte così importante dell'innovazione, dove l'avvento delle nuove tecnologie può trasformare la qualità della vita di molte persone.
Tutti i particolari relativi alla partecipazione al Premio ONCE sono disponibili, ricorda UIC, sul sito dedicato alla competizione. I progetti di ricerca vanno inviati in spagnolo o in inglese alla Segreteria del Premio ONCE (Calle José Ortega y Gasset, 18 - 28600 Madrid - Spagna), come detto entro il prossimo 5 settembre.

A giudicare i progetti sarà una giuria composta da illustri cattedratici spagnoli.