Bugbear s'infila nel Parlamento australiano

Imbarazzo per gli amministratori della sicurezza del network istituzionale. Un verme infetta il tempio dei Canguri. E fa danni. Parlano i responsabili

Roma - Gli esperti della sicurezza dei network parlamentari australiani sono in queste ore nel mirino dei media locali: per ben due volte in questo mese, l'ultima ieri, hanno consentito al worm Bugbear di infilarsi in computer che dovrebbero essere tra i più protetti.

Il celebre verme che da qualche settimana scala la classifica dei worm più attivi, e di cui Punto Informatico si è già occupato, a quanto pare era stato completamente distrutto dai computer del Dipartimento stenografico del Parlamento. Ieri notte, però, è entrato nuovamente nei sistemi parlamentari attraverso una connessione remota, autorizzata ma evidentemente infetta.

Il responsabile dei sistemi, John Templeton, ha spiegato che "si tratta di un sistema molto complesso al quale sono in molti a collegarsi da remoto". Come a dire, dunque, che non tutti i laptop in possesso di parlamentari e funzionari possono essere sottoposti a controllo e prevenzione antivirus.
"Il Senato - ha concluso Templeton - è lo snodo di una rete che include 250 uffici elettorali e sistemi di accesso remoto per senatori, funzionari e per i loro staff". Sono ben 3.500 gli utenti complessivamente autorizzati ad interagire con il sistema. Va detto che a gestire questa messe di utenti non sono solo i servizi parlamentari di Templeton, che se ne occupano solo per il network interno, ma anche l'Amministrazione generale, che ha in carico la rete esterna e gli accessi da remoto.

L'epidemia, che era scattata due settimane fa, era stata debellata in un paio di giorni ma in quest'ultima occasione i responsabili IT sostengono di essere riusciti a "far fuori" Bugbear in una 50ina di minuti.
10 Commenti alla Notizia Bugbear s'infila nel Parlamento australiano
Ordina
  • attraverso una connessione remota, autorizzata ma evidentemente infetta.


    me chiedo come fa una connessione ad essere infetta, a PI l'ardua sentenza.
    non+autenticato
  • i bug ci sono in tutti i sistemi operativi, quindi sarà perchè i sistemi microsoft sono i più diffusi.

    Si soprattuto sui server, già dev'essere sicuramente così.

    Infatti sono certo che se freebsd fosse diffusa SUI SERVER quanto win, queste cose che succedono tutti i giorni ai server microsoft continuerebbero a succedere... già, soprattutto... quanti worm poi tutti i giorni si sentono che possono attaccare freebsd, solo che questo giornale non li nomina, ma ce ne sono a bizeffe.

    Peccato, dannati cracker e scrittori di worm, che mettono in cattiva luce la povera microsoft!

    Già, sarà sicuramente così. Non è microsoft che produce sistemi operativi insicuri apposta per vendere la prossima edizione.

    No, dai che dubbi che mi faccio venire, non può essere così.

    Dai su, diciamocelo, MICROSOFT PRODUCE SISTEMI OPERATIVI SICURI, ed è solo UNA COINCIDENZA che i siti che vanno giù abbiano SO microsoft
    non+autenticato
  • ... e ovviamente arrivi alle solite, banali, scontate, inutili conclusioni:

    Winzoz => bugs => sito down

    Fatti una lettura, va, che si parla di virus e stampanti... A bocca apertaDD

    http://www.zdnet.com.au/newstech/security/story/0,...

    Io sogno il giorno in cui tutti avremo un Linux/FreBSD sulle scrivanie (non solo i server, troppo comodo...), allora si che ne avrai da sudare di camicie per star dietro agli utonti...
    Fatti i muscoli, che arrivera' il vostro turno!!
    Ciao!
    non+autenticato
  • Non ho capito se hai preso sul serio il mio post o no, ovviamente era ironicoSorride Io credo in desktop bsd/debian.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Microsoft rulez
    > Non ho capito se hai preso sul serio il mio
    > post o no, ovviamente era ironicoSorride Io
    > credo in desktop bsd/debian.


    Bravo, credici, credici pure. Io vorrei sapere come diavolo fa l'italiano medio a non saper nemmeno installare un mouse sotto windows, e poi aver la pretesa di far girare linsux senza fare danni.
    Ma se la gente si trova in difficoltà con windows, quanto sangue sputerà per ricompilare kernel e puttanate varie?
    Regà, che palle con sti pinguini...
    non+autenticato


  • - Scritto da: qweasdzxc
    > fa piu o meno cosi guarda...
    > http://www.linuxworld.com/site-stories/2002/1

    E' un falso.
    6 reboot non li fai con windows XP.
    Se ne e' discusso anche su icod, cerca su google.

    Saluti.
    non+autenticato
  • > E' un falso.

    eh ti pareva che non fosse falso...

    > Se ne e' discusso anche su icod, cerca su
    > google.

    su icod non ho visto niente ultimamente, forse ti riferisci al vecchio confronto con win2000 versione fornita da sony...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Microsoft rulez
    > i bug ci sono in tutti i sistemi operativi,
    > quindi sarà perchè i sistemi microsoft sono
    > i più diffusi.
    >
    > Si soprattuto sui server, già dev'essere
    > sicuramente così.
    >
    > Infatti sono certo che se freebsd fosse
    > diffusa SUI SERVER quanto win, queste cose
    > che succedono tutti i giorni ai server
    > microsoft continuerebbero a succedere...
    > già, soprattutto... quanti worm poi tutti i
    > giorni si sentono che possono attaccare
    > freebsd, solo che questo giornale non li
    > nomina, ma ce ne sono a bizeffe.
    >
    > Peccato, dannati cracker e scrittori di
    > worm, che mettono in cattiva luce la povera
    > microsoft!
    >
    > Già, sarà sicuramente così. Non è microsoft
    > che produce sistemi operativi insicuri
    > apposta per vendere la prossima edizione.
    >
    > No, dai che dubbi che mi faccio venire, non
    > può essere così.
    >
    > Dai su, diciamocelo, MICROSOFT PRODUCE
    > SISTEMI OPERATIVI SICURI, ed è solo UNA
    > COINCIDENZA che i siti che vanno giù abbiano
    > SO microsoft

    la coencidenza è dovuta alla marea di utonti cliccatutto che vi lavorano, per loro arrivera palladium io come amministratore di rete lo aspetto con gioia.
    non+autenticato


  • - Scritto da: wpalladium
    >
    >
    > la coencidenza è dovuta alla marea di utonti
    > cliccatutto che vi lavorano, per loro
    > arrivera palladium io come amministratore di
    > rete lo aspetto con gioia.

    1) gli utonti cliccatutto in un sistema *NIX hanno ben poco da cliccare (multiutenza, proprietari e permessi sui file ti dicono nulla??)

    2) palladium più che una limitazione ai "tuoi" utenti è, in generale, una limitazione della "tua" libertà.. ed il peggio è che viene imposta non da un organismo addetto o riconosciuto.. ma da un'azienda!! l'utonto sembri tu..

    3) ma che razza di amministratore di rete sei??

    non+autenticato