Luca Annunziata

Apple si svena per i DVD

Su iTunes i film saranno subito disponibili. Con somma gioia dei produttori, che vedono crescere i loro margini. Per riuscirci Cupertino deve vendere in perdita

Roma - Se venisse confermato, accadrebbe per la prima volta: il prezzo pagato da Apple per avere sulla propria piattaforma di vendita i film in contemporanea all'uscita in DVD sarà dover vendere sottocosto. Per ogni film in prima visione Apple intascherà dall'acquirente 14,99 dollari, contro i 16 che dovrà versare alla major hollywoodiana di turno: un dollaro che vuol dire poco o vuol dire tanto, ma che segna quasi sicuramente l'inizio di un nuovo mercato nell'intrattenimento domestico.

L'accordo siglato la scorso venerdì con 20th Century Fox, Walt Disney Studios, Paramount Pictures, Universal Studios Home Entertainment, Sony Pictures Entertainment, Lionsgate, Image Entertainment e First Look Studios dovrebbe, nelle intenzioni di Jobs, rimescolare le carte: rendendo disponibile da subito l'acquisto dei film, in contemporanea all'uscita nei negozi, i consumatori potrebbero iniziare ad utilizzare sempre più spesso iTunes per le proprie spese. All'appello manca solo MGM, che per la rete sembra abbia altri programmi, ma che in caso di successo clamoroso di iTunes potrebbe sempre tornare sui suoi passi.

Acquistare un film nella stessa qualità del DVD senza dover uscire di casa, scaricarlo ed iniziare a vederlo in pochi minuti: non si tratta di una prima assoluta per questo modello di business, ma la popolarità di iTunes potrebbe fare la differenza. Se l'affare dovesse guadagnare importanza e i volumi dovessero crescere, per Apple diventerebbe molto più facile rinegoziare condizioni più agevoli: nell'acquisto online sparisce la necessità della stampa del supporto, e i profitti per le major salgono drasticamente dal 20-30 al 60-70 per cento. E al diavolo la guerra sui formati.
Fino ad oggi Steve Jobs, però, ne aveva fatto quasi un punto d'onore: con iTunes si fanno soldi o al massimo si va in pareggio, non bisogna rimetterci neppure un nichelino. Invece, sembrerebbe proprio che in questo caso Apple sia stata costretta ad accettare condizioni economiche difficili, pur di competere e rilanciare il proprio maxi-store di contenuti audio e video. Sebbene la sezione musicale, infatti, continui a mietere un record dopo l'altro, a Cupertino vige il massimo riserbo sui numeri del settore video: una situazione che ha condotto gli analisti a ritenere che fino ad oggi, tra vendita e noleggi, Apple non abbia ottenuto il successo sperato.

Nel complesso, quindi, a Cupertino tentano di fare le cose in grande: hanno AppleTV che è un vero e proprio set-top-box che consente il noleggio, e ora anche l'acquisto, dei film in contemporanea ai negozi fisici. Hanno iTunes e l'intero ecosistema iPod+iPhone per la vendita e la fruizione di contenuti audio e video a casa e in movimento. Non resta che sperare di riuscire a replicare il successo ottenuto nel campo musicale anche nel video, sperando che i vari Hulu e Comes with Music non guastino la festa.

Luca Annunziata
43 Commenti alla Notizia Apple si svena per i DVD
Ordina
  • "Apple (APPL) is paying $16 to the studios for each new release"

    Source ?
    non+autenticato
  • L'articolo dice che si vende il film, ma su iTunes, finora, si è venduta solo una sorta di "licenza di fruizione", tra l'altro non replicabile (la musica è scaricabile una sola volta...).

    In questo caso, il film sarebbe liberamente masterizzabile, copiabile e backuppabile, o si tratta della solita "paghi, compri, ma l'oggetto resta mio"?

    E se al 99% del download salta la corrente, lo devo pagare di nuovo? O, come fanno tutte le librerie on line, una volta acquistato il contenuto lo posso riscaricare all'infinito?

    A pensar male si farà peccato, ma io vedo l'ennesima fregatura per il consumatore...

    Occhiolino
    non+autenticato
  • Non voglio entrare nello spcifico dei filmati perché non è argomento che mi interessa, però tutta la musica comprata su iTunes la puoi masterizzare infinite volte, ascoltare su 5 computer contemporaneamente (abilitando/disabilitando i PC nuovi/vecchi) e su tutti gli iPod (o AppleTV) che vuoi. La musica EMI è senza DRM (l'unica che ha concesso questa cosa ad Apple). Inoltre se hai problemi durante il download, puoi tranquillamente riprenderlo (mi è successo più volte) e sei problemi più in generale, puoi segnalare la cosa e spesso ti permettono di riscaricare (resta beninteso che il backup è compito tuo...).
    Pensa male quanto vuoi, ma perlomeno non dare info errate
    non+autenticato
  • I drm di Apple sono talmente blandi che chi ha necessità di violarli lo fa solo per il gusto di farlo o perché vuole alimentare il circuito di pirateria.

    La musica coi drm può essere ascoltata su 5 diversi computer (win e mac) per volta: chi mai tiene in casa più di 5 computer e chi mai ha bisogno di sentire la stessa musica su più di 5 computer contemporaneamente?????

    Nota che se si cambia computer 5 volte, basta deautorizzare i vecchi computer e autorizzare quelli nuovi. Non c'è alcun problema sotto questo punto di vista.
    non+autenticato
  • ...a chi dice che Apple ci mangia i soldi su 'sta cosa... ora vediamo se capite con chi prendervela
    non+autenticato
  • - Scritto da: ricorsivo
    > ...a chi dice che Apple ci mangia i soldi su 'sta
    > cosa... ora vediamo se capite con chi
    > prendervela

    beh anche sulla musica non ci faceva grandi margini....ha avuto fortunatamente il peso per tenere a freno l'ingordigia delle majors grazie alle sue quote di mercato.
    gli unici che probabilmente non avevano capito il potenziale del mercato online erano proprio quelli delle majors.
    non+autenticato
  • AppleTv è venduta sottocosto, ad un prezzo inferiore a quello europeo (indipendentemente dal cambio).

    Si diceva che ad Apple convenisse vendere a basso prezzo AppleTv proprio perché avrebbe guadagnato dalla vendita dei film.

    Ora leggo che ci perde 1 $ vendendo i film!


    Da dove caspita guadagna allora??
    non+autenticato
  • Pensa di guadagnarli in futuro quando si troverà con il coltello dalla parte del manico ed imporrà lei i prezzi alle major del cinema, come ha potuto fare con la musica.
    Poi se tutto questo accadrà è da vedere....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giordano
    > AppleTv è venduta sottocosto, ad un prezzo
    > inferiore a quello europeo (indipendentemente dal
    > cambio).
    >
    > Si diceva che ad Apple convenisse vendere a basso
    > prezzo AppleTv proprio perché avrebbe guadagnato
    > dalla vendita dei
    > film.
    >
    > Ora leggo che ci perde 1 $ vendendo i film!
    >
    >
    > Da dove caspita guadagna allora??

    Se effettivamente è come dici, già un bel guadagno sarebbe la fidelizzazione del cliente.
    Sai cosa vuol dire per un’azienda come Apple fornire un dispositivo che soddisfa il cliente? Quanti utenti soddisfatti da iPod si sono interessati agli altri prodotti della mela?
    Teo_
    2645
  • - Scritto da: Giordano
    > AppleTv è venduta sottocosto, ad un prezzo
    > inferiore a quello europeo (indipendentemente dal
    > cambio).
    >
    > Si diceva che ad Apple convenisse vendere a basso
    > prezzo AppleTv proprio perché avrebbe guadagnato
    > dalla vendita dei
    > film.
    >


    bah per quanto ne so io l'AppleTV tirava talmente poco che l'unica opzione per non farlo diventare definitivamente un bidone era quella di abbassarne il prezzo.

    che poi ora abbiano deciso di adottare la stessa strategia usata con la musica appare evidente.
    c'è da chiedersi se l'appletv riesca a giocare lo stesso ruolo che ha avuto l'ipod.


    > Ora leggo che ci perde 1 $ vendendo i film!
    >
    >
    > Da dove caspita guadagna allora??
    non+autenticato
  • Il problema di AppleTV è che essendo così limitata molti non sanno che farsene.
    E' il solito problema di apple. Vende un prodotto con potenzialità elevate ma castrato in partenza.
    Boh, incomprensibile...
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > Il problema di AppleTV è che essendo così
    > limitata molti non sanno che
    > farsene.
    > E' il solito problema di apple. Vende un prodotto
    > con potenzialità elevate ma castrato in partenza.
    >
    > Boh, incomprensibile...

    probabilmente è stato messo sul mercato solo perché era il periodo del media center e quindi non volevano essere assenti in quel settore...ma è finito per essere un prodotto fine a se stesso e comprato da pochi.
    ora lo hanno recuperato nella nuova strategia per i film online; che riescano a farlo diventare un buon prodotto poi è ancora da vedere.

    affaire à suivre
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trolled
    > probabilmente è stato messo sul mercato solo
    > perché era il periodo del media center e quindi
    > non volevano essere assenti in quel settore...ma
    > è finito per essere un prodotto fine a se stesso
    > e comprato da
    > pochi.
    > ora lo hanno recuperato nella nuova strategia per
    > i film online; che riescano a farlo diventare un
    > buon prodotto poi è ancora da
    > vedere.

    Mediacenter la apple tv? Ma se non ti permette neanche di vedere un divx?
    Apple tv è uno dei quoi prodotti che ti porti a casa e poi pensi "e mo che ci faccio?".
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > - Scritto da: Trolled
    > > probabilmente è stato messo sul mercato solo
    > > perché era il periodo del media center e quindi
    > > non volevano essere assenti in quel settore...ma
    > > è finito per essere un prodotto fine a se stesso
    > > e comprato da
    > > pochi.
    > > ora lo hanno recuperato nella nuova strategia
    > per
    > > i film online; che riescano a farlo diventare un
    > > buon prodotto poi è ancora da
    > > vedere.
    >
    > Mediacenter la apple tv? Ma se non ti permette
    > neanche di vedere un
    > divx?
    > Apple tv è uno dei quoi prodotti che ti porti a
    > casa e poi pensi "e mo che ci
    > faccio?".

    viste le scarse vendite il "che ci faccio" se lo chiedevano prima dell'acquisto...solo che ora lo vogliono sfruttare per vendere i dvd

    i divx li potevi vedere già subito la sua uscita sul mercato...bastava qualche piccolo accorgimento.

    preferirei tv di entrata usb e decoder divx incorporato: una semplice chiavetta usb da qualche giga mette fuori mercato questi prodotti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trolled

    > i divx li potevi vedere già subito la sua uscita
    > sul mercato...bastava qualche piccolo
    > accorgimento.
    Il semplice accorgimento sarebbe:
    smontare l'hd della appletv
    rimontarlo su un mac
    installarci perian, ecc.
    romontarlo su appletv?
    non+autenticato
  • - Scritto da: next
    > - Scritto da: Trolled
    >
    > > i divx li potevi vedere già subito la sua uscita
    > > sul mercato...bastava qualche piccolo
    > > accorgimento.
    > Il semplice accorgimento sarebbe:
    > smontare l'hd della appletv
    > rimontarlo su un mac
    > installarci perian, ecc.
    > romontarlo su appletv?

    se a te risulta insuperabile come ostacolo....
    non+autenticato
  • > se a te risulta insuperabile come ostacolo....
    Volendo l'AppleTv può diventare un vero e proprio Mac, anche se con poca memoria ram.

    A quel punto con l'AppleTv ci si fa quello che si vuole.
    non+autenticato
  • W la Baia !A bocca aperta
    Sono 6 mesi che non vado al cinema se non per Titoli che reputo meritino davvero !

    E comunque 14 dollari sono un botto se considerate che da me il cinema costa 7 euro il fine settimana e nei giorni festivi !
    non+autenticato
  • Io con tessera cineforum pago 5 € in 5 cinema della mia città, la tessera è annua e comprende 30 film (che difficilmente vedresti normalmente al cinema....troppo poco commerciali...per fortuna), quindi con circa 60€ all'anno mi vedo compresi nel prezzo 30 film, più uno sconto di 2 € ogni film che voglio vedermi nel circuito "normale". Il noleggio di un film costa circa 1.50 € per una serata....perchè cavolo dovrei spendere 15$ (che da noi saranno 15 €) per un film....e senza la confezione??

    Bhe, in Irlanda mi sono comprato "Qualcuno volò sul nido del cuculo" a 2 €....con confezione.
    non+autenticato
  • mah. l'unico vantaggio di un dvd "vero" ero proprio il materiale parecchio più resistenstente di quello masterizzato..

    non vedo proprio la convenienza.

    - Scritto da: Marco Marcoaldi
    > W la Baia !A bocca aperta
    > Sono 6 mesi che non vado al cinema se non per
    > Titoli che reputo meritino davvero
    > !
    >
    > E comunque 14 dollari sono un botto se
    > considerate che da me il cinema costa 7 euro il
    > fine settimana e nei giorni festivi
    > !
    non+autenticato
  • - Scritto da: floriano
    > mah. l'unico vantaggio di un dvd "vero" ero
    > proprio il materiale parecchio più resistenstente
    > di quello masterizzato..
    >
    >
    > non vedo proprio la convenienza.
    >
    >

    Uhm, credo allora che non sei mai stato negli Stati Uniti. È evidente che Apple sfrutti quel target di clienti potenziali che abitano nelle grandi città, dove le distanze sono 10 volte tanto quelle italiane.

    Per molti americani, andare a prendere un film significa talvolta fare 6 o 7 km, anche con traffico, con tutti i fastidi del caso.

    Con iTunes, a questi signori basta sedersi sul divano telecomando alla mano (e gli americani sono esperti), scegliere il film e guardarlo "in anteprima" sul mercato del videonoleggio o del Pay-per-view (o anche del TiVo).

    È chiaro anche che le majors stanno sperimentando nuove forme di guadagno e, con prezzi alti iniziali ma con una massiccia campagna pubblicitaria, vedrai come affioriranno poi offerte, sconti, punti fedeltà, ecc., e tanti andranno a comprare da iTunes.

    Pensi che tutte queste major e Apple abbiano, nei loro uffici marketing, dei precari italiani?
  • - Scritto da: Marco Marcoaldi
    > W la Baia !A bocca aperta
    > Sono 6 mesi che non vado al cinema se non per
    > Titoli che reputo meritino davvero
    > !
    >

    vero, ma per quanto mi riguarda non è il prezzo del film rispetto alla sua qualità (anche questo ha un ruolo certo) che mi tiene lontano dalle sale cinematografiche, bensì tutta quella orda di disturbatori che prende la sala cinema per il proprio salotto: e rumore da sgranocchiamento per tutto il film, e chi risponde al cellulare, e chi parla, ecc e questo mi infastidisce ancor più soprattutto se poi lo metto in relazione al prezzo del biglietto e alla qualità del film proiettato.

    > E comunque 14 dollari sono un botto se
    > considerate che da me il cinema costa 7 euro il
    > fine settimana e nei giorni festivi
    > !
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Marcoaldi
    > W la Baia !A bocca aperta
    > Sono 6 mesi che non vado al cinema se non per
    > Titoli che reputo meritino davvero
    > !
    >
    > E comunque 14 dollari sono un botto se
    > considerate che da me il cinema costa 7 euro il
    > fine settimana e nei giorni festivi
    > !

    checc'entra? il confronto non va mica fatto col cinema, ma casomai con i DVD
    non+autenticato
  • non capisco cosa c'entri paragonare il costo del biglietto del cinema con quello per il 'possesso' del file del film... il file te lo rivedi quante volte vuoi, il cinema è una tantum...e se già ci vai in due gli euri diventano 10-12-14...
    non+autenticato
  • >
    > E comunque 14 dollari sono un botto se
    > considerate che da me il cinema costa 7 euro il
    > fine settimana e nei giorni festivi
    > !

    Quanto spendi ad andarci con moglie e figli o con i tuoi amici?
    Quanto spendi di benzina e parcheggio o di tram o di taxi?
    Prova da andarci quando sei ammalato.
    Prova ad andarci quando le uniche ore che hai a disposizione sono quelle tra mezzanotte e le 7 del mattino.
    Prova ad andarci quando hai 2 bambini che, giustamente, vogliono vedere Iron Man e similaria.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)