Redditi online, stop definitivo

Il Garante per la privacy blocca l'ulteriore diffusione sui canali istituzionali dei redditi 2005 degli italiani. Che rimagnono comunque in circolazione

Roma - Non vi saranno ulteriori pubblicazioni ufficiali delle denunce dei redditi degli italiani. L'operazione trasparenza voluta dall'Agenzia delle Entrate ha incontrato poco fa lo stop ufficiale da parte del Garante della Privacy.

Come largamente anticipato su queste pagine, il Garante ritiene illegittima e contraria alle normative la diffusione di quei dati da parte dell'Agenzia, sia per le modalità con cui la pubblicazione è avvenuta che per le procedure che sono state seguite.

In una nota il Garante spiega che l'Agenzia dovrà far cessare definitivamente "l'indiscriminata consultabilità", tramite il sito, dei dati relativi alle dichiarazioni dei redditi per l'anno 2005.
I motivi addotti dal Garante vertono attorno al conflitto con il DPR 600/1973, che non attribuisce all'Agenzia l'autonomia di decidere la pubblicazione dei dati. Inoltre "per le dichiarazioni ai fini dell'imposta sui redditi, la legge prevede unicamente la distribuzione degli elenchi ai soli uffici territoriali dell'Agenzia e la loro trasmissione ai soli comuni interessati e sempre con riferimento ai contribuenti residenti nei singoli ambiti territoriali".

"L'inserimento dei dati in Internet, inoltre - specifica il Garante - appare di per sé non proporzionato rispetto alla finalità della conoscibilità di questi dati. L'uso di uno strumento come Internet rende indispensabili rigorose garanzie a tutela dei cittadini. L'immissione in rete generalizzata e non protetta dei dati di tutti i contribuenti italiani (non sono stati previsti "filtri" per la consultazione on line) da parte dell'Agenzia delle entrate ha comportato una serie di conseguenze: la centralizzazione della consultazione a livello nazionale ha consentito, in poche ore, a numerosissimi utenti, non solo in Italia ma in ogni parte del mondo, di accedere a innumerevoli dati, di estrarne copia, di formare archivi, modificare ed elaborare i dati stessi, di creare liste di profilazione e immettere ulteriormente dati in circolazione, ponendo a rischio la loro stessa esattezza. Tale modalità ha, inoltre, dilatato senza limiti il periodo di conoscibilità di dati che la legge stabilisce invece in un anno".

Tra gli altri problemi anche il non aver richiesto il parere preventivo allo stesso Garante che è invece richiesto dalle normative e il non aver previsto una "idonea informativa ai contribuenti" relativa alle forme della diffusione dei dati. A detta del Garante sulla materia in caso di revisione normativa si imporrà l'individuazione di "soluzioni che consentano un giusto equilibrio tra forme proporzionate di conoscenza dei dati dei contribuenti e la tutela dei diritti degli interessati".

Il Garante ha anche specificato che chi diffonderà ulteriormente quei dati rischia conseguenze civili e penali. "Resta fermo il diritto-dovere dei mezzi di informazione di rendere noti i dati delle posizioni di persone che, per il ruolo svolto, sono o possono essere di sicuro interesse pubblico - continua la nota - purché tali dati vengano estratti secondo le modalità attualmente previste dalla legge".

L'Autorità pubblicherà anche in Gazzetta Ufficiale il suo parere, parere che fornisce carburante a quelle associazioni che si sono scagliate contro la pubblicazione dei dati.

Ad imporsi a questo punto è evidentemente il fatto che i dati siano destinati a circolare comunque. I file con i dati delle denunce continuano infatti a girare sulle reti di scambio P2P e, se l'esperienza nella lotta alla pirateria sui contenuti può offrire uno spunto di riflessione, è ora difficile ritenere che gli utenti delle piattaforme di sharing decideranno di cancellare quelle informazioni e impedirne così la ulteriore diffusione. Senza contare la diffusa approvazione riscontrata in rete attorno all'operazione voluta dall'Agenzia.
30 Commenti alla Notizia Redditi online, stop definitivo
Ordina
  • Rotola dal ridere
    così i ladri hanno nomi e indirizzi dove ben dirigersi
    non+autenticato
  • Ormai piu' di meta' dei files che girano sul p2p, mulo e altro, sono stati taroccati e modificati, da chi e con quali scopi non si sa ma si puo' pensare di tutto, dal voler nascondere i redditi propri e di "amici" al voler attribuire redditi gonfiati a concorrenti e "nemici"...

    E visto che non c'e' alcun modo di sapere da quando circolano files falsi (puo' averlo gia' fatto il primo che li ha messi in p2p) di fatto sono diventati perfettamente inutili Sorride

    La rete si autoprotegge A bocca aperta A bocca aperta A bocca aperta

    Mauro
  • codice hash questo sconosciuto...
    non+autenticato
  • Circolare, prego!
    Circolare...

    Be' si`, si potrebbe discutere del fatto che se i dati possono essere falsificati, allora la ripresa della loro pubblicazione per vie ufficiali e controllate avrebbe certamente evitato questo rischio per il futuro: quelli dell'Agenzia sarebbero stati garantiti come dati corretti. Chiudiamo anche un'occhio su quella maggioranza di voti nei sondaggi online. Ovviamente non vale la pena di chiedere piu` approfonditamente il parere dei cittadini, perche` tanto i cittadini non sanno cosa vogliono. Resta fermo il diritto concesso ai media certificati, altro che quell'indisciplinata fogna globale che e` internet.

    L'incubo e` finito.
  • Lasciamo perdere i 300 o i 3000 precari basta fare i conti; la matematica si studia non la si ascolta ai concertini di grillo.Il Signor Grillino nazionale è alla gogna, si xchè da oggi molti si renderanno conto che con i 40euro di uno spettacolo potevo godermi una santa cena, che con i 10,20euro del DVD del v-day (guardabile su youtube)mi facevo 1 birra con gli amici e una serata al cinema, e per non dilungarmi troppo che con 235,00euro di Tutte le battaglie di Beppe Grillo mi compravo un viaggio lastminute a Sharm El Sheik.
    Da oggi lo si può ben leggere è SI un Signore con la S maiuscola perchè con i suoi 4.272.591 di EURO o 8.272.889.775,57 di Lire ormai ha poche balle (ad es. la solita solfa di skype... tutto gratis? fate i conti voi non con la grillotrice che divide e dimezza ma con la calcolatrice... si proprio quella) da raccontare o almeno per i molti illusi che ancora gli credono. Certo in italia sono molte le cose che non quadrano, come non quadra il Signor Grillo. E' troppo facile arringare le folle con il v-day dicendo e sparlando dei vari tronchetti dell'infelicità, dei psico nano quando invece potresti aprire un'azienda e dar da mangiare a 3000 e passa persone... Rimboccati le maniche alla vecchia maniera e non solo con il blablabla. Di blablabla ce se sono troppi e noi italiani vogliamo far ripartire questa italia non a parole ma con i fatti.
    Fallo oggi il v-day o meglio fatti un v-day privato con chi vuoi e finiscila di illudere la povera gente che alla 4 settimana non ci arriva. Vuoi far ridere la gente fai pagare 5euro il biglietto così se almeno mi annoio fumerò un pacchetto di sigarette in meno; altrimenti andrò a cena.
    non+autenticato
  • Cos'è invidia?

    Allora smetti di guardare la Litizzetto che ha 1,6 milioni di redditi, perché ogni volta che la guardi fa odiens e il suo cachet cresce in valore ogni volta che stipula contratti con le televisioni.

    Smetti anche di andare alle partite perché più la gente segue il calcio e più soldi ci girano intorno e più saranno pagati quegli analfabeti dei giocatori.
    non+autenticato
  • non mi sembra ti abbia obbligato a comprare il suo dvd, sai?
    non+autenticato
  • T'hanno già risposto.

    E poi penso che nessuno ha mai detto ( ne tantomeno Grillo ), che Beppe era un morto di fame.

    O era meglio se evadeva le tasse e cosi lo ritenevi povero in canna?

    La gogna dei contribuenti è stata una PORCATA, e la TESTA del ministro che ha dato l'autorizzazione dovrebbe già pendere nella piazza di Roma.

    Da che mondo è mondo, c'e' sempre stata la gogna dei delinquenti ( al massimo ). Noi invece come i soliti cog.lioni abbiamo fatto quella della gente onesta ( anche se nell'elenco sicuramente c'e' chi evade parzialmente le tasse ).
    non+autenticato
  • Quindi una persona che è milionaria non può dire qualcosa di giusto ? Ti riferivi a Berlusconi vero ?
    Bisogna capire quello che dice sia per noi corretto e non capire il reddito della persona.
    non+autenticato
  • Dobbiamo pubblicare gli elenchi, quanto ci costa attivare il servizio dentro il sito destinato ai servizi telematici autenticato ? troppo!! forse è meglio mettere le liste sul sito internet tanto lo hanno già fatto anche altri comuni sui propri siti e poi ci sono i giornali che lo pubblicano e fino ad oggi sia nei comuni che negli uffici per vedere gli elenchi cartacei non si è mai visto che registrassero chi sfogliasse quei tabulati e c'è pure chi li ha esposte in bacheca

    ma porcaccia della miseria perchè non hanno mai modificato quella norma sulla pubblicazione
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)