markvp

Yahoo rimuove certi risultati di ricerca

Sono quelli che il neopartner McAfee considera pericolosi. Il servizio è attivo di default anche in Italia ma può essere disattivato. Google ha scelto una via più morbida

Roma - Sarà l'effetto dei recenti botta-e-risposta tra Microsoft e Yahoo! e relativi terremoti azionari: Sunnyvale non demorde e presenta un accordo esclusivo con McAfee per utilizzare SiteAdvisor, per avvertire i netizen se si sta per visitare un sito pericoloso, dando vita a Yahoo SearchScan.

L'effetto di SearchScanSi tratta solo della prima di una serie di misure di sicurezza che Yahoo e McAfee stanno pianificando, spiega Tim Dowling, che in McAfee ha l'incarico di Vice President della divisione sicurezza Web. "È l'inizio di una partnership. Vediamo molte opportunità per lavorare insieme e rendere Internet più sicura", continua Downling.

L'accordo, ha precisato il dirigente, è circoscritto: solo Yahoo potrà impiegare SiteAdvisor nel proprio motore di ricerca. Ma cosa fa, esattamente, SearchScan?
Il siti ritenuti più a rischio vengono semplicemente rimossi dai risultati di ricerca. Yahoo contrassegnerà, comunque, anche quei siti meno pericolosi ma nei confronti dei quali è opportuno segnalare agli utenti la possibile presenza di rischi. Un esempio di "scatto" del meccanismo è visibile nella figura, ottenuta con questa ricerca, alla seconda pagina di risultati.

SiteAdvisor è normalmente disponibile come plugin per Firefox, ma Yahoo ha inteso implementarne una versione "industrializzata" direttamente nei propri server, così da scongiurare il pericolo di disattivazioni involontarie o malfunzionamenti locali nei PC degli utenti.

Dunque, SearchScan - anche se ancora è indicato come Beta - in Yahoo Italia è da ieri attivo per default ma, nelle opzioni, è possibile disattivarlo. Oltre all'Italia, gli altri paesi nei quali è possibile usufruire del servizio al momento sono America, Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

La rimozione dai risultati di ricerca di siti pericolosi, oggetto di ampie discussioni, viene da lontano: un treno su cui è già salito Google e che si sta ultimamente diffondendo come vera e propria politica dei motori di ricerca.

Marco Valerio Principato
4 Commenti alla Notizia Yahoo rimuove certi risultati di ricerca
Ordina
  • Nulla di fantascientifico nelle affermazioni di Marco.
    Gia' ora a Parma sui terminali pubblici delle biblioteche comunali it.city tra le altre cose ha messo un programma che censura la Banca d'Italia e le aste giudiziarie del Tribunale, entrambe notoriamente organizzazioni criminali.
    Quanto ai siti che insegnano a fare bombe o contengono manuali di addestramento per guerriglieri e terroristi, sono contrario a oscurarli, infatti fa parte integrante dell'addestramento delle piu' serie forze di polizia e reparti antiguerriglia e antiterrorismo studiare i manuali di addestramento del nemico. Non di rado esperti cosi' addestrati hanno piutato degli agguati semplicemente rendendosi conto che stavano per entrare in un luogo con una delle configurazioni tipiche tra quelle consigliate al nemico per un agguato. Ed anche il comune cittadino ha diritto a sapere queste cose. In Israele si insegna ai bambini a evitare i luoghi troppo frequentati quando sono pieni di gente, perche' e' la situazione preferita da terroristi arabi, meglio ripassare piu' tardi. Su questo punto sarebbe ora che le varie autorita' competenti si decidessero ad assumere una linea di condotta razionale e coerente. Un manuale online su come costruire una bomba puo' servire a un aspirante terrorista, ma puo' essere utile anche all'onesto cittadino, che quando in un negozio nota che qualcuno sta comprando due o tre prodotti che servono a fabbricare esplosivo puo' avvertire la polizia. E invece l'atteggiamento delle autorita' e' incoerente. A Parma l'assessore Monteverdi ha promosso un corso di autodifesa, ma non ne vuole sapere di diffondere un metodo facile e pratico di prendere nota dell'Identikit di un criminale, prima che il ricordo svanisca o si alteri (C4O2N5M7 potrebbe significare forma del capo di tipo 4, occhi 2, nas 5 e mento 7).
    Paolo
    non+autenticato
  • Io diffido per principio di chi vuol fare il mio bene mio malgrado, ora si rimuovono dai risultati di ricerca i siti "pericolosi" secondo una ditta di antivirus, domani cosa impedira' a iau' e gugle di bloccare quelli che esprimono opinioni sgradite a qualcun'altro, e ne verremo infornmati ?

    Vi ricordate ancora il tentativo di frattinizzazione dei termini pericolosi, "bomba" "antrace" "esplosivo" andavano oscurati... se iau' avesse agito in base a quel delirio quanti "pericolosi" siti sarebbero spariti dai risultati di ricerca, per esempio quelli delle "bombe alla crema" o delle "bionde esplosive"... ? Sorride

    Mauro
  • Magari sarà la volta buona che esce qualche nuovo motore di ricerca alternativo...
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Finché scrivono che il sito è pericoloso ma mi lasciano libero di scegliere ben vengano tali servizi!
    non+autenticato