2009, VIA Isahia raddoppierà i core

L'anno prossimo il processore di nuova generazione adotterà un'architettura a doppio core e un processo produttivo a 45 nanometri. L'obiettivo di VIA è espandere significativamente il proprio business legato alle CPU

Taipei - Mentre la sua CPU francobollo, Isahia, si appresta a debuttare sul mercato, VIA ha lasciato trapelare qualche dettaglio in più sul futuro del proprio processore a bassissimo consumo. Come riporta DigiTimes, entro la fine del 2009 Isahia migrerà verso un processo produttivo a 45 nanometri e, nel corso dello stesso anno, adotterà un'architettura dual-core.

2009, VIA Isahia raddoppierà i coreSe per il momento non si conoscono altri dettagli tecnici sulla futura incarnazione di Isahia, sono state invece confermate le specifiche del chip che arriverà sul mercato nei prossimi mesi: esso avrà una frequenza di clock di 2 GHz, un FSB con clock compreso tra 800 e 1333 MHz, due cache L1 da 64 KB e una cache L2 da 1 MB. Il suo thermal design power (TDP), ancora non rivelato ufficialmente, dovrebbe essere di circa 25 watt. La CPU sarà prodotta da Fujitsu con un processo a 65 nm, ed utilizzerà lo stesso socket degli attuali processori C7.

Nella roadmap di Isahia figurano anche modelli con TDP compreso tra 1 e 10 watt e clock di 1 GHz o inferiore.
L'azienda prevede che il mercato riserverà ad Isahia un'accoglienza piuttosto calorosa: secondo le stime, per la fine dell'anno VIA dovrebbe aver venduto un numero di CPU doppio o persino triplo rispetto a quello del 2007.

Centaur Technology, la sussidiaria di VIA che ha sviluppato Isahia, afferma che il suo nuovo processore fornisce un livello di performance dalle due alle quattro volte maggiore rispetto a quelle del C7: ciò, secondo l'azienda, dovrebbe posizionare Isahia molto vicino al Core 2 Solo di Intel.

Sebbene molti vedano in Isahia un possibile concorrente di Intel Atom, Centaur ha ammesso che il TDP del proprio chip è più elevato di quello di Atom. La realtà è che i due processori corteggiano ambiti di mercato che si sovrappongono solo parzialmente, e oltretutto lo fanno con approcci molto differenti: Isahia, con la propria architettura superscalare ad esecuzione out-of-order, privilegia maggiormente le performance; Atom, con la sua più semplice architettura ad esecuzione in-order, privilegia invece il risparmio energetico.

(fonte immagine)
1 Commenti alla Notizia 2009, VIA Isahia raddoppierà i core
Ordina