Gaia Bottà

Fuori il porno da Scribd

Le immagini scabrose allontanano i publisher e attentano all'integrità dei più giovani. Gli utenti hanno pochi giorni per salvare il salvabile

Roma - Scribd è un servizio nato con l'intento di permettere ai netizen di postare e condividere documenti, di conferire visibilità alle proprie presentazioni, di disseminarle in rete embeddandole in siti e blog. È diventato un ricettacolo di pornografia, un coacervo di corpi aggrovigliati. La dirigenza non ci sta e annuncia l'epurazione: non ci sarà più spazio per il porno.

Cambieranno le condizioni di utilizzo del servizio: agli utenti sarà proibito l'upload di immagini e testi equivoci. La motivazione? L'erotismo più spinto inficia il valore di Scribd per la comunità scientifica che alimenta il servizio, rischia di distrarre gli studenti che vi attingono e rischia di scatenare la disapprovazione dei genitori degli utenti più giovani. Ma soprattutto, allontana coloro che caricano documenti, la linfa vitale del servizio: non sembrano disposti a veder comparire e diffondere il distillato di anni di lavoro accanto alle immagini di donnine procaci e di dettagliate istruzioni per migliorare le propria virilità.

Molti dei gruppi più nutriti sono quelli dedicati alla condivisione del materiale erotico. Da Scribd avevano in passato dichiarato di accogliere con favore i contenuti per adulti, a patto però che fossero opportunamente segnalati come tali in modo che gli utenti evitassero di imbattersi in pornografia indesiderata.
Ora, il cambio di fronte. Gli utenti hanno tempo fino al 21 maggio per salvare il porno a cui sono affezionati, per archiviare i documenti più pruriginosi: la rimozione avrà presto inizio. Il traffico di Scribd subirà un arresto? TechCrunch ritiene che ciò sia improbabile: la pornografia è stata una killer application del servizio che non ha però sbaragliato l'utilità della condivisione di documenti. Ma c'è chi suggerisce che YCombinator, l'azienda creatrice di Scribd, stia meditando di scindere le due attività, dando vita ad un servizio che ospiti pornografia user generated formato documento. (G.B.)