markvp

700 micron per un display privo di tutto

Ci si lavora da tempo ma ora la tecnologia AMOLED esce dai laboratori. Si parla di display alti neppure un millimetro, senza fili, senza pile, flessibili. E funzionano pure

Roma - Il passaporto potrà davvero venir definito elettronico: la novità che lo permetterà si chiama "active matrix display with organic light emitting diodes" (AMOLED) ed è un nuovo display OLED alto appena 0,3 millimetri.

il displayQuesto il risultato dei lavori di Samsung SDI e del costruttore tedesco di stampanti Bundesdruckerei, che hanno dimostrato come con la loro tecnologia si possano costruire display luminosissimi, interattivi, privi di contatti e alimentabili per induzione. Ma non basta: sono anche resistenti al calore, dunque è possibile plastificarli esattamente come un normale documento, sia a scopo protettivo che per impedire manomissioni e alterazioni.

C'è dell'altro: visto lo spessore, di soli 300 micron, il nuovo display è flessibile. Sovrapposto al "computer" che lo comanda, spesso altri 400 micron, fa un totale di 700, dunque sempre meno di un millimetro. Inserirlo nel portafogli non dovrebbe perciò apportargli alcun danno. Mancano le conferme ufficiali sul rilascio di questa nuova tecnologia, ma molti ritengono che l'oggetto sia quasi pronto per essere distribuito.
Il display si attiva attraverso l'energia fornita dal relativo lettore, senza alcun contatto galvanico. In questo modo, non occorre dotare il dispositivo di batterie. Secondo i costruttori, dal nuovo e-passaporto sarà possibile estrarre qualsiasi informazione, come ad esempio una ripresa video in movimento del relativo titolare. Altrettanto facilmente potranno reperirsi informazioni di tipo testuale, come l'indirizzo.

"Con la nostra innovativa tecnologia, che si potrebbe definire identificazione video in una scheda, contribuiremo a velocizzare le procedure di controllo ai confini delle nazioni e, allo stesso tempo, stiamo ponendo una pietra miliare nella protezione contro le falsificazioni", dice Ulrich Hamann, CEO di Bundesdruckerei.

Marco Valerio Principato

(fonti immagini qui e qui)
12 Commenti alla Notizia 700 micron per un display privo di tutto
Ordina
  • Il monitor o il passaporto ?
    guast
    1319
  • chissà come ci sarà rimasto male steve jobs...
    secondo me gli fa causa dicendo di aver depositato un brevetto futuribile su una cosa del genere 1 anno fa e poi gli spenna 25 bilioni di dollari.
    una cosa del genere potrebbe davvero uccidere il mercato del mac book air (speriamo)
    non+autenticato
  • trollata pietosa...Sorride ritenta
    MeX
    16902
  • Ok, lo schermo non e' alimentato...
    ma il "computer" spesso poco che alimenta lo schermo per induzione DEVE ESSERE ALIMENTATO...

    Quindi?

    Poi i dati saranno nel "computer" mica nello schermo, no????
    non+autenticato
  • Mi pare di capire che il tutto riceva l'alimentazione dal dispositivo che legge i dati. Insomma tu ti presenti al controllo passaporti, gli dai il gingillo, loro lo mettono nel lettore e lui si accende, permettendo di vedere la foto sullo schermo e importare i dati nel loro computer. A questo punto ovviamente dovresti avere anche a casa un lettore analogo, attaccato al tuo pc. Il problema sarebbe che non potresti leggere i dati del passaporto mentre te lo porti in giro. Ad esempio se dovessi leggere il numero di passaporto per scriverlo in una dichiarazione doganale o nella registrazione in un albergo, non sapresti come fare, dovresti ricordarlo a mente o scrivertelo a parte.
    Ma siamo sicuri che farne uno falso sarebbe più difficile che fare un finto passaporto cartaceo adesso? secondo me no....
    non+autenticato
  • Ma se devo attaccare il mio computerino a un lettore per alimentarlo allora tanto vale che nel lettore ci sia anche uno schermo, perchè dovrei portarmelo dietro se tanto non posso usarlo?
    Poi Perchè dovrei avere un computer nel portafoglio quando l'unica cosa che interessa in un passaporto sono i dati contenuti, tanto vale avere un qulache tipo di storage (magari un chiavetta usb).
    Non so, ma un display del genere non mi pare una genialata per i documenti digitali.
    Sarebbe bello farci degli schermi veri e propri piuttosto, d'altra parte l'articolo sulle prestazioni è piuttosto lacunoso...
    non+autenticato
  • semplice, sarà anche spesso meno di un mm, ma ha sempre due facce, una per il monitor, l'altra avrà dati in vista. come è adesso per le carte di identità elettroniche, da un lato ci sono i dati con foto, dietro invece della banda per la lettura digitale dei dati ci sarà il monitor. qualcuno si lamenta che a casa nn ha un lettore per la propria carta di identità elettronica?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gian1970
    > Ok, lo schermo non e' alimentato...
    > ma il "computer" spesso poco che alimenta lo
    > schermo per induzione DEVE ESSERE ALIMENTATO...
    >
    > Quindi?
    >
    > Poi i dati saranno nel "computer" mica nello
    > schermo, no????

    Hai presente una carta di credito oppure un bancomat con un piccolo chip su uno dei lati? Quello è il 'computer' che contiene i dati e che viene alimentato dall'energia trasmessa dal lettore. Non serve altro. La novità è lo schermo: i dati potranno essere anche visualizzati.
  • Gente...ricordate che le tecnologie non sono fini a se stesse, spesso si possono abbinare ad altre per dare vita ad un tutto!
    Esempio...il vestito che produce elettricita' puo' ANCHE alimentare i display diquesto tipo,oltre a ricaricare cellulari,palmari,TASER...Sorride
    Insomma,qui e' un tetris dell'innovazione,pu' incastri trovi e piu' riesci ad usare tecnologia.
    non+autenticato
  • il termine computer è usato a sproposito, IMHO. Piuttosto sarà assimilabile ad una flash memory con un po' di gingilli quali il driver della matrice RGB, l'alimentazione, il modulo di comunicazione wireless... non ha certo una CPU o cose del genere, non avrebbe il minimo senso!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 maggio 2008 12.55
    -----------------------------------------------------------
  • Il passaporto elettronico utilizza protocolli di autenticazione i cui algoritmi crittografici richiedono al chip capacità elaborative non banali.
    non+autenticato
  • Come sarà possibile alimentarli/trasmettere loro le immagini da visualizzare ?

    Con una valanga di circuiti dietro come succede con gli lcd attuali o trovando il modo di connetterli ai bordi ?

    Se fosse come spero, potremo avere gli schermi direttamente sui vetri come nei jumper di stargate atlantis