Microsoft Hyper-V all'ultima tappa

Microsoft ha messo a disposizione del pubblico la seconda release candidate della tecnologia di virtualizzazione progettata per integrarsi con il neonato Windows Server 2008. Un passo dalla release finale

Redmond (USA) - All'inizio della settimana Microsoft ha rilasciato la Release Candidate 1 di di Hyper-V, il suo nuovo software di virtualizzazione progettato per integrarsi con il giovane Windows Server 2008. La RC1 segue a distanza di due mesi la RC0 e, secondo la roadmap ufficiale, si tratta dell'ultima versione di test di Hyper-V: ciò significa che la prossima sarà quella finale, o RTM (Release to Manufacturing), la cui data di rilascio resta al momento fissata per agosto.

Microsoft Hyper-V all'ultima tappaRispetto alla precedente RC, la nuova versione di Hyper-V introduce il supporto parziale ai sistemi operativi guest Windows 2000 Server SP4 (soltanto in emulazione e con un solo processore) e Windows 2000 Advanced Server SP4; semplifica l'installazione degli Integration Component per Windows Server 2008 SP1; aggiunge nuovi Integration Component per Linux che forniscono adesso anche l'integrazione del mouse; la possibilità di migrare le impostazioni IPv4 verso una nuova scheda di rete virtuale; e alcuni ritocchi estetici all'interfaccia grafica della Management Console.

Microsoft fa notare che dopo l'aggiornamento alla RC1 è necessario reinstallare gli Integration Component in tutte le macchine virtuali preesistenti. BigM ha inoltre avvisato gli utenti di System Center Virtual Machine Manager 2008 di non installare, per il momento, Hyper-V RC1: il motivo è dato da una grave incompatibilità tra i due software. Il team di sviluppo di VMM2008 ha promesso di rilasciare una patch in tempi brevi.
Hyper-V RC1 può essere scaricato da Microsoft Download e, presto, anche da Windows Update. I link alle varie versioni del software sono riportati in questo post del Windows Virtualization Team Blog.

Il settore della virtualizzazione corre velocissimo, e Microsoft ha una gran fretta di capitalizzare i grossi investimenti effettuati negli scorsi anni nel progetto Viridian, oggi noto col nome commerciale Hyper-V. La tecnologia Hyper-V, che BigM ha promesso di rilasciare nella sua versione finale entro sei mesi dal lancio - avvenuto ad inizio febbraio - della RTM di Windows Server 2008, verrà integrata nelle edizioni Standard, Enterprise e Datacenter del suo nuovo sistema operativo server.

Con Hyper-V Microsoft intende rinnovare la propria sfida alla leader del settore virtualizzazione, VMware, e contrastare l'ascesa di società come Virtual Iron, Parallels) e Citrix (che lo scorso anno ha acquisito XenSource). BigM si troverà anche a fronteggiare vecchie rivali come Oracle e Sun, che proprio di recente hanno lanciato soluzioni di virtualizzazione di classe enterprise - Oracle VM e Sun xVM - basate su tecnologie open source.

Hyper-V include la funzionalità Quick Migration, che consente agli amministratori di muovere rapidamente una macchina virtuale da un server fisico all'altro, la possibilità di mettere in cluster host di virtualizzazione in modo da garantire l'alta disponibilità, e la capacità di girare come ruolo in un'installazione Server Core (che non prevede interfaccia utente, supporto a MS.NET Framework e diversi altri componenti).
9 Commenti alla Notizia Microsoft Hyper-V all'ultima tappa
Ordina
  • Microsoft arriverà, con calma ma arriverà.
    VMWARE è il presente.
    XEN sarà il futuro!

    Citrix (attuale possessore di XEN) sta investendo in maniera furiosa integrando i suoi prodotti classici (Presentation Server & Co.) con il nuovo acquisto. Senza contare le strategie commerciali che consento alle piccole aziende di mettere in piedi una infrastruttura con 1 server (2 socket cpu quad core) con 4gb ram, completamente GRATIS!

    saluti
    non+autenticato
  • Hyper-v si presenta con una dotazione non proprio eccellente:

    la funzione quick migration NON e' assolutamente comparabile al VMotion di VMware.

    La gestione della memoria da parte dell' hypervisor e' francamente scadente, a parita' di RAM installata vware permette di far girare molte piu' VM (ovviamente c'e' anche molto altro come il memory baloom, memory tax etc che vmware piu' vantare, tecnologie gia' in uso ed ben collaudate).

    Suppurto OS un po limitato ed c'e' da ricordarsi che per installare hyper-v devi installare necesariamente windows server.

    Lavoro in questo campo ed sono in contatto giornaliero con societa' da tutto io mondo (principalmete zona europa) ed non mi pare che questo software abbia ricevuto buoni feedback. ANZI...
    non+autenticato
  • Assolutamente d'accordo.
    Anche XEN, che ho iniziato ad utilizzare qui in azienda ed appare solidissimo a livello hypervisor, è lontano anni luce da VMWare per quanto riguarda l'infrastruttura di gestione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mimmus
    > Assolutamente d'accordo.
    > Anche XEN, che ho iniziato ad utilizzare qui in
    > azienda ed appare solidissimo a livello
    > hypervisor, è lontano anni luce da VMWare per
    > quanto riguarda l'infrastruttura di
    > gestione.

    Dipende al programma che usi per la sua gestione.
    Ho avuto modo di giocherellare per lo piu' con orchestrator di novell e direi che e' ottimo.
    Certo, ha un costo di licenza, ma visto anche il target in questione, non e' assolutamente fuori mercato.
    Se hai occasione dagli un occhio, imho merita
  • - Scritto da: Zen
    > Hyper-v si presenta con una dotazione non proprio
    > eccellente:
    >
    Ma infatti la stessa MS ha detto che è un primo passo verso la virtualizzazione e che la strada è ancora lunga...
    non+autenticato
  • Lasciagli finire almeno l'hypervisor poveracci, poi inizieranno ad aggiungere le funzioni enterprise. Immagino che nemmeno Ballmer in preda ad un delirio di onnipotenza pensi di scalzare VMWare con una prima release. Certo VMWare deve continuare a spostare avanti l'asticella, quando Microsoft vuole entrare in un settore lo fa con una potenza di fuoco spaventosa.
  • - Scritto da: Gunny35
    > Certo VMWare deve
    > continuare a spostare avanti l'asticella, quando
    > Microsoft vuole entrare in un settore lo fa con
    > una potenza di fuoco
    > spaventosa.

    VMware ha appena rilasciato la versione in "hardware" su server HP e Dell (di IBM non sono sicuro) cioe' accendi il server fisico senza dischi e ti appare vmware ESXi pronto ad essere configurato per essere aggiunto a Virtual Center.

    Ad inizio 2009 rilascieranno ufficialmnete il cluster delle VM per esigenze di continuita' di servizio non sara' piu' necessario avvalersi di software che gestiscono piu' nodi in cluster ma saranno le intere macchine virtuali ad essere clusterizzate con tutte le applicazioni dentro qualsiasi esse siano.

    Microsoft deve ancora correre parecchio

    Tutto cio' e' bello per gli utenti!!! piu' concorrenza = migliore funzionalita' e prezzi piu' bassi

    cioa
    non+autenticato
  • > la funzione quick migration NON e' assolutamente
    > comparabile al VMotion di
    > VMware.
    >
    ed infatti è MS stessa a dirlo: la funzionalità equivalente a VMotion si chiama live migration ed è stata posticipata alla v2 di Hyper-V

    > La gestione della memoria da parte dell'
    > hypervisor e' francamente scadente, a parita' di
    > RAM installata vware permette di far girare molte
    > piu' VM (ovviamente c'e' anche molto altro come
    > il memory baloom, memory tax etc che vmware piu'
    > vantare, tecnologie gia' in uso ed ben
    > collaudate).
    >
    più che dal memory balooning (che può anche risultare nocivo), direi il transparent page sharing, che in moltissimi scenari di consolidamento server è decisamente + vantaggioso

    > Suppurto OS un po limitato ed c'e' da ricordarsi
    > che per installare hyper-v devi installare
    > necesariamente windows
    > server.
    >
    esattamente come per installare ESX devi installare (un kernel) Linux. Ogni hypervisor di tipo 1 installa, di fatto, un kernel.

    > Lavoro in questo campo ed sono in contatto
    > giornaliero con societa' da tutto io mondo
    > (principalmete zona europa) ed non mi pare che
    > questo software abbia ricevuto buoni feedback.
    > ANZI...
    bla bla bla... ESX è leader assoluto ed indiscusso? Certo, e vorrei ben vedere: non per niente è alla versione 3.5, mentre Hyper-V è ancora fermo alla 1.0
    Tu te lo ricordi ESX 1.0? Guarda che aveva moooooolte meno feature di Hyper-V 1 Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: pecos

    > Tu te lo ricordi ESX 1.0? Guarda che aveva
    > moooooolte meno feature di Hyper-V 1
    > Sorride

    Certo ai tempi non c'era nessuno da cui poter copiareOcchiolino
    non+autenticato