SuSE lancia il suo Linux sui desktop

La nota distribuzione tedesca, fino ad oggi soprattutto focalizzata sul mercato aziendale, annuncia un Pinguino dedicato ai sistemi desktop e capace di far girare MS Office

Roma - Seguendo un trend in crescita, trainato da distribuzioni come Mandrake Linux, RedHat Personal, LindowsOS, Xandros Desktop e diverse altre, la tedesca SuSE ha deciso di uscire dal suo abituale terreno di business, ossia il mercato dei server, e tastare "la solidità" del segmento desktop.

SuSE ha infatti annunciato di voler lanciare, durante il primo trimestre del 2003, una nuova versione della propria distribuzione chiamata SuSE Linux Office Desktop e dedicata al mercato delle piccole e medie aziende. Il sistema operativo è basato sulla recentissima versione 8.1 di SuSE Linux e su alcuni tool, quali quelli di CodeWeavers, per far girare sotto Linux alcune delle più utilizzate applicazioni per Windows, come MS Office e Lotus Notes.

Attraverso il software Acronis OS Selector SuSE rende poi possibile l'installazione sullo stesso PC di più sistemi operativi. Il disk manager di Acronis è in grado di far convivere su di una stessa partizione diversi sistemi operativi e avviarli da qualsiasi area del disco.
SuSE sostiene di aver deciso di entrare sul mercato desktop in seguito alla crescente richiesta da parte dei propri clienti di soluzioni basate su Linux per l'ufficio e le workstation.

L'azienda tedesca includerà nella propria distribuzione desktop tutti i classici applicativi di produttività presenti sul canale open source, fra cui StarOffice e Evolution. Uno dei pezzi forti di SuSE è poi YasT2, il rinnovato tool di configurazione e amministrazione del sistema riconosciuto da più parti come uno dei migliori nella sua categoria.

SuSE Linux Office Desktop verrà venduta da un prezzo raccomandato di 129 euro, una cifra che includerà 90 giorni di supporto tecnico.
85 Commenti alla Notizia SuSE lancia il suo Linux sui desktop
Ordina
  • che al mondo esistono più imbecilli che persone intelligenti.
    Ergo venderà di più chi avrà prodotti realizzati per venire incontro alle esigenze della maggioranza.
    Mi pare dunque chiaro che in tema di imbecillità la Microsoft è e sarà vincente, alle distro Linux non resta che adeguarsi oppure non preoccuparsi troppo delle vendite (vedi Debian, ecc...).
    Ciao
    non+autenticato
  • L'interfaccia kde3 e quella gnome2 sono infinitamente superiori alla ciufeca chiamata windows.

    Provare per credere, ecco un elenco delle caratteristiche, ignote ad un utente windows, che rendono migliore l'interfaccia di gnome2 o di kde. Naturalmente ci sarà chi obietterà "allora perchè la gente normale preferisce windows per la sua interfaccia?" la risposta ovvia è "perchè non ha mai provato a cambiare, ha solo creduto al FUD". Purtroppo la gente è stupida.

    Caratteristiche che l'interfaccia di win non ha:

    - Virtual desktop

    - possibilità di dividere le viste del file manager in sottofinestre e di salvare questa confiugrazione (in basso le icone, in alto le anteprime, a lato l'albero delle directory, e la cosa si può estendere)

    - possibilità di aggiungere al volo "note" che vengono visualizzate a lato del file manager quando si entra in determinate cartelle

    - web browser con tabbed browsing

    - possibilità di avere un pannello in un angolo dello schermo anzichè una enorme quanto vuota barra

    - possibilità di spostare le finestre prendendole da qualsiasi punto e non necessariamente dalla barra del titolo, tenendo premuto alt (perchè devo riuscire a centrare un'area che occupa si e no 32 delle 1024 righe dello schermo quando la finestra ne occupa i 3/4?)

    - possibilità di inserire nelle barre (o pannelli) sottopannelli che vengono fuori quando ci clicchi e che possono anche contenere applet, non solo icone e voci di menu

    - possibilità di eseguire più istanze contemporanee dell'interfaccia grafica

    - possibilità di personalizzare aspetto, numero e funzionalità dei bottoni sulla barra del titolo

    Ci sono molte altre cose che non mi vengono in mente, e stiamo parlando solo dell'interfaccia utente.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone

    >
    > - Virtual desktop
    >


    Hai ragionissima: ogni volta che torno in win, senza i virtual desktop mi sento in galera...

    non+autenticato
  • powertoys
    non+autenticato


  • - Scritto da: Z.e.r.o
    > powertoys

    Uahahahah! Ridicolo. I powertoys hanno una sola delle caratteristiche elencate: ti permettono di avere FINO A QUATTRO DESKTOP. Io di solito lavoro su tre righe e tre colonne, e ti garantisco che meno non bastano se ti ci abitui (sviluppi su un desk, vedi l'help accanto, dall'altra parte un terminale, sopra il browser ecc.) ma non è quello il punto:

    non vedo nessuna allusione ad un pager, che so, magari con le anteprime... che non ci sia la possibilità di averlo in windows? Mi ero dimenticato questa caratteristica: pager con anteprime ...
    non+autenticato
  • Sara come dici ma io ho sempre trovato tutte le implementazioni Kde e Gnome un pena le icone sono o troppo grosse o troppo piccole, un esempio su tutti: il multi schermo è miglior il sistema per confondersi le finestre sconfinano SEMPRE in un altro schermo e si è costretto ad andarle a cercare per clickare OK e poi fare il percorso a ritroso per andare a vedere dove si stava lavorando prima. Lo credo bene che su GNU/Linux ci sono + innovazioni ma questo non sempre si traduce in uso più comodo anzi dire proprio il contrario, in quando non sono stati fatti seri test di usabilità

    E poi questo Windows che va sparire è una delle più grosse stupidaggini che si sentono, e me sembra + facile che sparisca qualcuna di queste blasonate distro
    non+autenticato


  • - Scritto da: Il Mecenate
    > Sara come dici ma io ho sempre trovato tutte
    > le implementazioni Kde e Gnome un pena le
    > icone sono o troppo grosse o troppo piccole,

    puoi decidere la dimensione delle icone cliccando sul desktop e dando "proprietà del desktop". Ti sembra troppo difficile? Dio mio come state diventando inetti voi utenti windows.

    BTW a me piaciono cosìSorride

    > un esempio su tutti: il multi schermo è
    > miglior il sistema per confondersi le
    > finestre sconfinano SEMPRE in un altro
    > schermo e si è costretto ad andarle a
    > cercare per clickare OK

    Scusa, forse non hai letto la possibilità di spostare le finestre con alt+click in qualunque punto. Invece da win mi capita esattamente la stessa cosa che dici tu: la finestra sconfina a causa di mala programmazione e la barra del titolo si trova fuori dallo schermo. L'unica soluzione per spostarla a quel punto è chiuderla facendo alt+f4.

    Se invece ti riferisci alle popup, anche li per default kde passa al desk dove si è aperta una popup, quando si apre una popup, quindi è un problema superato. Si può anche decidere di avere le popup sempre nel desktop corrente, BTW.

    > e poi fare il
    > percorso a ritroso per andare a vedere dove
    > si stava lavorando prima.

    Attualmente kde funzinoa così:

    quando si apre una popup, switcha il desk e ti porta sulla popup.

    dopo aver cliccato e fatto quello che vuoi, devi per forza tornare al desk precedente, vero, però basta cliccare sulla barra delle applicazioni, che per default comprende quelle di tutti i desktop.

    Se questo comportamento ti fa schifo (a me ne fa un po'), puoi semplicemente impostare il settaggio "apri le popup nel desktop corrente".

    > Lo credo bene che
    > su GNU/Linux ci sono + innovazioni ma questo
    > non sempre si traduce in uso più comodo anzi
    > dire proprio il contrario, in quando non
    > sono stati fatti seri test di usabilità
    >

    Vai su www.gnome.org trovi talmente tanti test di usabilità da fare spavento, fatti con tutti i crismi.

    Non so di kde, ma credo anche li.

    > E poi questo Windows che va sparire è una
    > delle più grosse stupidaggini che si
    > sentono, e me sembra + facile che sparisca
    > qualcuna di queste blasonate distro

    Qualcuna si, anche se per ora non sembra, ma il progetto GNU va solo avanti, perchè il lavoro opensource resta alla comunità. E' questo il motivo per cui si può avere un ambiente veramente competitivo con gli altri, e non solo non lo si deve pagare, ma lo si può addirittura modificare per i propri scopi.

    non+autenticato


  • - Scritto da: Il Mecenate
    > Sara come dici ma io ho sempre trovato tutte
    > le implementazioni Kde e Gnome un pena le
    > icone sono o troppo grosse o troppo piccole,

    Fatica aggiustare le dimensioni eh ?

    > un esempio su tutti: il multi schermo è
    > miglior il sistema per confondersi le
    > finestre sconfinano SEMPRE in un altro
    > schermo e si è costretto ad andarle a
    > cercare per clickare OK e poi fare il
    > percorso a ritroso per andare a vedere dove
    > si stava lavorando prima.

    aah ? ma come mai a me queste cose non succedono mai ??

    > Lo credo bene che
    > su GNU/Linux ci sono + innovazioni ma questo
    > non sempre si traduce in uso più comodo anzi
    > dire proprio il contrario, in quando non
    > sono stati fatti seri test di usabilità

    http://developer.gnome.org/projects/gup/ut1_report...

    > E poi questo Windows che va sparire è una
    > delle più grosse stupidaggini che si
    > sentono, e me sembra + facile che sparisca
    > qualcuna di queste blasonate distro

    Opinioni.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Piratone
    > L'interfaccia kde3 e quella gnome2 sono
    > infinitamente superiori alla ciufeca
    > chiamata windows.

    Ma dico vuoi mettere il brivido quando fai un copia incolla da applicazioni diverse...
    non+autenticato

  • > Ma dico vuoi mettere il brivido quando fai
    > un copia incolla da applicazioni diverse...

    Selezioni col tasto sinistro, incolli col tasto centrale.

    Oppure, nelle applicazioni che hanno un menu "edit" fai copia in una e incolla nell'altra.

    Non vedo il problema.

    Ho appena provato per conferma, da gedit a kedit e ritorno, incolla tutto alla perfezione, sia con il mouse che con ctrl+c e ctrl+v

    Lo vedi che anche tu hai creduto al FUD senza verificare? Lo vedi che a fidarsi senza provare sulla propria pelle si ha tutto da perdere? E io che sto a dì da na vita se non "provate"?


    non+autenticato
  • probabilmente tu sei un'utente linux nuovo che fa l'hackerone, ma sappi che nelle prime versioni del kde era impossibile fare un copia/incolla decente, non parliamo di gnome che era come se non esistesse il copia incolla, alla fine lo potevi fare solo sulla console selezionando il testo e poi incollando col tasto destro, ma ste cose chi usa linux da 2 mesi e si crede esperto non le può sapere
    non+autenticato


  • - Scritto da: ...
    > probabilmente tu sei un'utente linux nuovo
    > che fa l'hackerone, ma sappi che nelle prime
    > versioni del kde era impossibile fare un
    > copia/incolla decente, non parliamo di gnome
    > che era come se non esistesse il copia
    > incolla, alla fine lo potevi fare solo sulla
    > console selezionando il testo e poi
    > incollando col tasto destro, ma ste cose chi

    Tasto centrale... Come si fa con tutti i sistemi Unix...altro che hackerone....




    non+autenticato
  • ora non fanno neanche finta di clonare un office nativo linurz, ti danno direttamente l'emulazione di office per win sotto linurz.

    mi a linuxari siete conciati proprio male.
    non+autenticato


  • - Scritto da: microtoxic
    > ora non fanno neanche finta di clonare un
    > office nativo linurz, ti danno direttamente
    > l'emulazione di office per win sotto linurz.
    >
    > mi a linuxari siete conciati proprio male.


    ok
    non+autenticato
  • - Scritto da: microtoxic
    > ora non fanno neanche finta di clonare un
    > office nativo linurz, ti danno direttamente
    > l'emulazione di office per win sotto linurz.

    Non lo emula, lo esegue, è diverso.

    >
    > mi a linuxari siete conciati proprio male.

    non direi, visto che possiamo scegliere tra *comprare* l'originale o usare gli altri.

    ciauz
    non+autenticato
  • scusa, ma c'e' gente handicappata che non e' degna di usare linux... e NOI gli offriamo una via di mezzo... che e' sempre meglio di Win... e per lo meno e' gratis...

    e inoltre... siccome tra un po' windows scomnparira', bisogna offrire un traghetto ai non iniziati
    non+autenticato
  • 129 euro non è gratis...

    AH si ma free non vuol dire gratis però tu hai detto gratis.

    Raga mettete meno ram nei vostri pc e + nel vostro cervello che è un mese che vi sento dire: monopolio, schermata blu, free, gpl senza tanta coerenza...
    non+autenticato
  • GPL non => software gratuito, ma => software libero.
    Immagino che il motivo di confunsione si sia generato da fatto che in inglese il termine free puó essere ambiguo. Ma chiunque abbia letto la GPL non avrá dubbi in proposito.
    Comunque per sw libero si intende sw a cui si puó accedere al sorgente e rimodificarlo e ridistribuirlo e copiarlo...

    Inoltre la GPL consente una ridistribuzione dei prodotti sotto pagamento, il che puó sembrare strano ma in realtá é comprensibile, tale spese dovrebbero ricoprire i costi di distribuzione o un servizio di assistenza o una garanzia che si vuole fornire.
    Ma attenzione, seguendo quanto dice la GPL si deduce che se un software é coperto dalla GPL se la sua distribuzione ad esempio da parte della SUSE costa ?100, posso decidere di redistribuirlo ad ?0. In quanto la GPL permette il diritto di copia e redistribuzione.

    Riporto la parte interessata della GPL:

    You may charge a fee for the physical act of transferring a copy, and
    you may at your option offer warranty protection in exchange for a fee.

    ed inoltre:

    For example, if you distribute copies of such a program, whether
    gratis or for a fee, you must give the recipients all the rights that
    you have. You must make sure that they, too, receive or can get the
    source code. And you must show them these terms so they know their
    rights.

    Questo é quanto.
    ciao
    /salpe
    non+autenticato
  • smettila di prendere acidi e vedrai che non dovrai aggiungere ram .... forse un qualche neurone si tornerà a fare vivo nel tuo cervello
    non+autenticato

  • > e inoltre... siccome tra un po' windows
    > scomnparira', bisogna offrire un traghetto
    > ai non iniziati

    Chiamami quando scenderà sotto il 95%...
    non+autenticato
  • tra un po' linux scomparirà, e non parlo giusto per dire una cacchiata, ma parlo perchè so come andrà a finire, tempo 2 anni, massimo 3 e vedete che fine che fa, per tutti quelli che ora rideranno, segnatevi sto post, poi controllate a tempo debito, vi passerà il sorrisino dalla bocca
    non+autenticato
  • ciao,
    sono un sostenitore di Linux fin dall'inizio però la politica commerciale di Suse non mi piace in quanto contamina il software GPL aggiungendo software proprietario impedendo così la distribuzione ed il download dei CD.
    Dunque se volete veramente sostenere lo spirito libero di Linux, utilizzate distribuzioni che contengono solo software GPL dove i CD sono scaricabili da internet senza limitazoni. Debian, RedHat, Mandrake et simila.

    Scusata ma 120 euro sono decisamente tanti per un un SO. Il modello di business di Linux è basato sul supporto tecnico e sui servizi, non sulla vendita di scatole contenenti CD.

    Capisco che Suse deve fare soldi però facendo così si sta tirando la zappa sui piedi.
    Sono molto più furbe aziende come Red Hat e Mandrake e il risultato si vede: sono tra le distribuzioni più usate !
    Siamo europei dunque in teoria bisognerebbe sostenere le distro europee (come lo è Suse) però finché sarà proprietaria secondo me il suo marketshare non crescerà oltre un certo punto.
    Dunque se volete scegliere una distro europea meglio Mandrake di Suse.

    Chi non è d'accordo con la mia linea ?

    non+autenticato
  • - Scritto da: linux
    > ciao,
    > sono un sostenitore di Linux fin dall'inizio
    > però la politica commerciale di Suse non mi
    > piace in quanto contamina il software GPL
    > aggiungendo software proprietario impedendo
    > così la distribuzione ed il download dei CD.

    Ciao, io sono un ormai affezionato SuSE dalla 5.3.
    Ti do ragione sulla tristezza di SuSE nello sviluppare software chiuso (non è la sola comunque) ma ti devo correggere sullo scaricamento cd (per quanto riguarda le distro); vai sul sito ftp.suse.com, e troverati tutte le distro compresa la 8.1

    e comunque guarda che fine ha fatto KDE...

    > Dunque se volete veramente sostenere lo
    > spirito libero di Linux, utilizzate
    > distribuzioni che contengono solo software
    > GPL dove i CD sono scaricabili da internet
    > senza limitazoni. Debian, RedHat, Mandrake
    > et simila.

    SuSE propone una linea dove puoi visonare anche software non GPL, è la sua caratteristica.
    Senza loro forse non avrei mai scoperto l'ottimo vmware ai suoi albori, è una scelta.

    > Scusata ma 120 euro sono decisamente tanti
    > per un un SO. Il modello di business di
    > Linux è basato sul supporto tecnico e sui
    > servizi, non sulla vendita di scatole
    > contenenti CD.

    Per quanto riguarda questo pacchetto devi capire che è pensato per gente che pretende la facilità windozziana in linux, questo viene proposto ad un costo, quello dell'impacchettamento e dei 90 gg di supporto (e rottura al telefono), non è poi tanto.

    Tutto il pacchetto è comunque assemblabile in maniera da un utente più esperto con la classica distro:
    Fai da te, spendi meno, vuoi il tutto fatto, paghi un piccolo obolo.

    Suse di solito da a corredo anche una massiccia documentazione cartacea in italiano fatta anche per chi parte da zero con linux.

    > Capisco che Suse deve fare soldi però
    > facendo così si sta tirando la zappa sui
    > piedi.

    Ma nooo dai, prende solo quelli che hanno soldi e non vogliono sbattersi.

    > Sono molto più furbe aziende come Red Hat e
    > Mandrake e il risultato si vede: sono tra le
    > distribuzioni più usate !

    va la che anche suse non scherzaOcchiolino

    > Siamo europei dunque in teoria bisognerebbe
    > sostenere le distro europee (come lo è Suse)
    > però finché sarà proprietaria secondo me il
    > suo marketshare non crescerà oltre un certo
    > punto.

    forse è meglio cosìOcchiolino

    > Dunque se volete scegliere una distro
    > europea meglio Mandrake di Suse.

    Naaah qui non mi trovi per niente daccordo!
    SuSE è comunque una distro eccezionale! il logo camaleontico riassume perfettamente quello che è: può essere usata con una facilità da neofita tutto automatizzato, pur mantenendo un discreto ordine (stile mandrake) o disabilitata completamente e manuale stile Slack.

    Grosso pregio di SuSE però soprattutto, è che non è un semplice taglia e cuci di quel che c'è in giro; SuSE si ripassa tutti i pacchetti che ti da e infatti nei sorgenti c'è sempre il loro diff aggiuntivo, inoltre è una delle più grandi contributrici al codice prova a vedere quanti progetti ha portato avanti spingendo a tutta forza (ISDN per farti un esempio...)

    >
    > Chi non è d'accordo con la mia linea ?
    >

    be,ioOcchiolino

    A proposito di SuSE, oggi in treno ho installato una SuSE 8.1 sul portatile di un mio amico in configurazione classica (suite office, applicativi vari, wine, server principali, KDE3).

    Tempo?

    Tratta Monza-Milano.

    In Centrale ha chiuso il Notebook con linux perfettamente installatoSorride))))

    Ciauz
    non+autenticato
  • Io utilizzo la SuSE e devo dire che è grandiosa; l'ho utilizzata all'inizio perchè mi dava dei manuali dove poter leggere come fare per iniziare e adesso utilizzo tutti i suoi prodotti business in azienda.
    Non ha paragoni.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Taro
    > Ti do ragione sulla tristezza di SuSE nello
    > sviluppare software chiuso (non è la sola
    > comunque) ma ti devo correggere sullo
    > scaricamento cd (per quanto riguarda le
    > distro); vai sul sito ftp.suse.com, e
    > troverati tutte le distro compresa la 8.1

    Sono principiante assoluto, ma a me sembra sia possibile installare soltanto via FTP (cioe' restando connessi) oppure su sistemi con Network Files System - non comunque su macchine singole

    Se voglio crearmi un cd o una dir di installazione su singolo PC, apparentemente _non_ posso farlo

    Leggete qui

    http://www.suse.de/en/private/download/suse_linux/...

    http://sdb.suse.de/sdb/en/html/lmuelle_suselinux_i...

    Un'altra soluzione a naso sembrerebbe il crearsi una mini rete casalinga: su un server tutti i pacchetti scaricati dal sito Suse e un servizio ftp, da cui installare il client -ma mi sembra decisamente macchinoso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Suseperplesso
    >
    > Sono principiante assoluto, ma a me sembra
    > sia possibile installare soltanto via FTP
    > (cioe' restando connessi) oppure su sistemi
    > con Network Files System - non comunque su
    > macchine singole
    >
    > Se voglio crearmi un cd o una dir di
    > installazione su singolo PC, apparentemente
    > _non_ posso farlo
    >
    > Leggete qui
    >
    > http://www.suse.de/en/private/download/suse_l
    >
    > http://sdb.suse.de/sdb/en/html/lmuelle_suseli

    Ti spiego subito l'arcano:

    La SuSE è una distro massiccia, la 8.1 per esempio viene fornita su 7 CD e/o 1 DVD.

    Sul server è presente il contenuto del DVD o dei (7 cd non spezzati).

    SuSE può essere installata a scelta da: CD - DVD - NFS - FTP - SMBfs - HARD DISK - clonando un pc già installato, etc

    Quindi, se vuoi ti scarichi la distro dal loro FTP già con le cartelle in ordine (ma sono un bel po' di GB) e le metti in una cartella dul disco e installi da lì, oppure ti ricrei i 7 CD e te lo fai da lì, oppure la installi direttamente dal loro FTP! Sorride
    Però non ti danno il supporto telefonico se hai problemi. (eh bhe)


    In alternativa con 70 Euro ti danno due manuali copiosi (primi passi e approfondito), 7 CD e 1 DVD nella pratica custodia, 90 giorni di supporto telefonico e un bello scatolozzo colorato che fa tanta scena insieme agli adesivini da piccicare se vuoi ^_^

    basta scegliereSorride

    >
    > Un'altra soluzione a naso sembrerebbe il
    > crearsi una mini rete casalinga: su un
    > server tutti i pacchetti scaricati dal sito
    > Suse e un servizio ftp, da cui installare il
    > client -ma mi sembra decisamente macchinoso


    anche, oppure nfs, oppure sulla stessa macchina dfa una partizione esistente; hai un sacco di scelta.
    non+autenticato
  • Taro disse:
    > Ti spiego subito l'arcano:
    (cut)

    Beh, che dire? Grazie mille per le preziose dritte e chiarificazioni, ora non mi resta che cimentarmi Sorride
    non+autenticato
  • > >
    > > Chi non è d'accordo con la mia linea ?
    > >

    Io...

    Ho acquistato la 7.1, la 7.2, la 7.3, la 8.0 e la 8.1 per i386 e la 7.3 per power pc e devo dire che la SuSE è sicuramente la migliore tra le distro commerciali, ogni volta ne è valsa la pena.

    Come quantità di sw è seconda solo a debian, e come aggiornamento compete con mandrake , della quale però non si può dire che sia assemblata con la stessa cura...

    Unica pecca è il lato estetico, che, come si sa, non è una specialità dei tedeschi Occhiolino (mdk 9.0 ad esempio ha fatto un lavoro migliore sull'aspetto visivo)

    Concludendo, SuSE è la migliore scelta per una distro completa, potente, aggiornata e facile da installare. Mi piace molto anche debian: + ostica da installare ma altrettanto ricca e potente.



    Ciao a tutti
    non+autenticato
  • oltre al fatto che se vuoi usare SUSE devi per forza spendere sopre i 90 euro mentre in edicola trove le distribuzioni Mandrake e RedHat (con rivista specializzata) sotto gli 8 euro, gran bella differenza per provare LINUX, senza considera i problemi di riconoscimento delle periferiche; lo scorso anno ho acquistato SUSE PRO 8.0, l'ho provata sul notebook (toshiba) e sul pc e non vi dico i problemi di configurazione dalla scheda video al modem, chiamo il supporto SUSE e mi rispondono in tedesco; vado in edicola trovo MAndralke, lo provo va liscio come l'olio (modem e scanner a parte), qualche giorno fa ho acquistato RedHat Magazine con SO anch'esso va benissimo (modem e scanner a parte). In conclusione ho accantonato SUSE forse adatta solo per grandi sistemi per divertirmi con RedHat ma visti i grandi problemi di incompatibilità con le periferiche e i winmodem preferisco usare Windows spendo di più ma non devo essere un programmatore per installare una periferica o preoccuparmi se lo scanner nuovo che voglio è riconosciuto da Linux.
    non+autenticato
  • Io.
    E se vai a vedere su linux.org c'è una notizia in cui si sottolinea il fatto che Stallman permetterà solo agli sviluppatori della cerchia interna di Gnome di usare software commerciale o pseudocommerciale nel futuro sviluppo del Window Manager.

    E' bello scoprire che c'è gente che prima combatte con il culo parato da migliaia di utenti invasati contro KDE solo perché usava delle librerie (QT) che erano commerciali per piattaforme su cui KDE non esiste neanche (Windows e Mac) e che poi quando incassa una percentuale (non ci vedo alcuna alternativa ad un cambio così radicale) se ne sbatte dei sostenitori e inizia a "giocare sporco".

    Intendiamoci, a me frega ben poco se un det software open usi delle librerie o dei tool che potrebbero essere closed o commerciali in altri ambiti, ma metterla in culo a tutti quelli che ci credevano è un altro paio di maniche.

    Questo quando si scopre che KDE League è un'azienda (senza) scopo di lucro che ha strani legami con il suo capo (che si becca 36.000 dollari l'anno per hostare il sito e alza non so quanti altri soldi con i gadget del gruppo) e con una situazione patrimoniale che (di fatto) la rende già da qualche anno associazione CON scopo di lucro (e con solo e unico reale conoscitore della situazione economica il presidente stesso a quanto sembra) e anche evasrice fiscale... E figuriamoci se i programmatori di KDE vedono mai qualche incentivo o se il suddetto presidente si sia mai preoccupato di fornire loro HW gratis per continuare a far arricchire LUI... (si parla di quasi 170.000 dollari l'anno che non sono pochi ma sono uno schiaffo a chi dedica il molto del suo tempo libero alla produzione di qualcosa che NON E' così disinteressato ed utopico come sembra).

    Insomma sta diventando tutto un bel magna magna.

    * CREDERO' CHE TU SOSTENGA VERAMENTE LA GPL SOLO QUANDO INIZIERAI A LAVORARE GRATIS *
    non+autenticato
  • > E se vai a vedere su linux.org c'è una
    > notizia in cui si sottolinea il fatto che
    > Stallman permetterà solo agli sviluppatori
    > della cerchia interna di Gnome di usare
    > software commerciale o pseudocommerciale nel
    > futuro sviluppo del Window Manager.

    e questa dove l'hai sentita? leggo che si e candidato alla gnome board... altro non vedo...

    > Intendiamoci, a me frega ben poco se un det
    > software open usi delle librerie o dei tool
    > che potrebbero essere closed o commerciali
    > in altri ambiti,

    l'avevo capito che non capisci niente, non ti preoccupare...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Z.e.r.o>
    > E se vai a vedere su linux.org c'è una
    > notizia in cui si sottolinea il fatto che
    > Stallman permetterà solo agli sviluppatori
    > della cerchia interna di Gnome di usare
    > software commerciale o pseudocommerciale nel
    > futuro sviluppo del Window Manager.

    da linux.org
    Richard Stallman runs for GNOME board again


    I've been working for GNOME since years before there was a GNOME. In 1983, while formulating plans for the GNU operating system, I decided it ought to include a window system. Later, around 1988, we obtained X, but we found out that X only did the lower-level half of the job, so I decided we needed to develop a free software desktop to do the rest of the job. After our desktop initiatives in 1990 and 1994/5 didn't produce a working desktop, I became aware of another desktop project based on a non-free library(*), and spoke to the community about the problem posed by that dependency. This inspired Miguel to launch our third desktop project, the one that succeeded: GNOME.


    (*) That library, Qt, is free software today. This change is probably partly the result of the energetic development of GNOME.


    allora ti traduco il succo visto che non sai l'inglese a quanto pare.

    stallman si candida per la presidenza di Gnome, e nell'articolo racconta come è nato gnome, ovvero all'inizio era basato su una qt closed (che poi col tempo grazie al mazzo fattosi da ottimi sviluppatori è diventata open).

    Non hai capito una mazza tu a quanto pare, gnome è 100% open, ha avuto in passato librerie closed, oggi rimpiazzate.

    stallman allora accettò che si usassero librerie closed, ma solo perché con le poche energie dell'epoca (95) quello si poteva fare, oggi per fortuna gnome è 100% open, e se stallman diventerà presidente, potrà finalmente competere degnamente con kde (che invece non è 100% open).

    fin qui i fatti
    poi IMHO gnome già oggi spacca il culo a kde, personalmente lo trovo più adatto a linux...
    ma questa è solo un'opinione

    ps
    un'altra volta se non sai l'inglese e leggi le notizie da un sito news inglese, usa il traduttore automatico di google che è meglio
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)