VIA: il Nano surclasserà l'Atom

Il chipmaker ha consegnato ai produttori di device le prime CPU basate sulla propria architettura di nuova generazione Isahia. Con Nano l'azienda taiwanese lancia il guanto di sfida all'Intel Atom sul mercato dei PC ultraportatili

Pechino - Dopo aver presentato, all'inizio dell'anno, la sua architettura di nuova generazione Isahia, VIA ha ora ufficialmente lanciato le prime CPU a basso consumo basate su tale architettura. Chiamati Nano, questi chip sono destinati a prendere il posto degli ormai attempati processori C7, oggi utilizzati soprattutto sui PC ultraportatili e sulle appliance consumer.

Nano l'Atom-killerNano, nome in codice CN, viene prodotto con un processo a 65 nanometri, ha una frequenza di clock compresa fra 1 e 1,8 GHz, e supporta un front-sisde bus VIA V4 di 800 o 1333 MHz (i modelli attuali hanno tutti un FSB di 800 MHz). La cache è di 64 KB quella di primo livello e di 1 MB quella di secondo livello, mentre il set di istruzioni supportato è l'x86-64 con estensioni MMX, SSE, SSE2, SSE3 e SSSE3. Il socket è lo stesso del C7: questo dovrebbe semplificare a OEM e produttori di motherboard la transizione verso il nuovo processore. Per le specifiche tecniche integrali si veda questo articolo di Wikipedia.

Nano è disponibile in due versioni: la serie "L", indirizzata ai sistemi desktop e mobile mainstream, e la serie ultra low voltage "U", studiata invece per i desktop con small form factor ed i dispositivi ultra mobile come i mini-note.
Il nuovo processore è appena stato consegnato agli OEM e ai produttori di schede madri, e VIA sostiene che i primi sistemi equipaggiati con Nano arriveranno sul mercato nel terzo trimestre dell'anno. Almeno inizialmente questo chip farà coppia con le schede madri in formato Mini-ITX: ciò significa che per vederlo sui notebook mainstream occorrerà attendere probabilmente la fine dell'anno o l'inizio del 2009.



Il lancio di Nano anticipa di pochissimi giorni l'introduzione ufficiale di Atom, la nuova CPU a bassissimo consumo di Intel che vede nel nuovo chip di VIA uno dei suoi più diretti rivali. I due processori, entrambi basati su di un'architettura x86 ed entrambi capaci di supportare le istruzioni a 64 bit, sono destinati a darsi battaglia soprattutto nel segmento dei mini notebook e degli UMPC, dove sia Intel che VIA hanno già intrecciato diverse partnership commerciali.

VIA afferma che Nano è in grado di fornire performance dalle due alle quattro volte superiori a quelle del C7, questo conservando all'incirca lo stesso assorbimento energetico. Un così significativo incremento del rapporto performance per watt è da attribuire in larga parte alla nuova tecnologia di processo a 65 nanometri (il C7 utilizza circuiti a 90 nm) e all'adozione di un'architettura di tipo superscalare, con supporto all'esecuzione delle istruzioni fuori ordine (out-of-order), là dove C7 e Atom utilizzano invece un più semplice design in-order. La tecnica adottata da Nano, e utilizzata sulla quasi totalità dei processori desktop e server oggi sul mercato, permette al processore di riordinare le istruzioni in modo da massimizzare l'efficienza con cui queste vengono eseguite. A ciò si aggiunge il supporto a funzionalità macro-fusion e micro-fusion nonché più sofisticate funzioni di predizione dei salti (branch prediction).

Dal momento che l'esecuzione out-of-order richiede delle unità aggiuntive all'interno del processore, le stesse che hanno il compito di analizzare e riordinare il codice, generalmente l'implementazione di questa tecnica innalza i costi di sviluppo e produzione e i consumi energetici. Purtroppo VIA non ha ancora comunicato i prezzi di Nano, ed al momento è dunque impossibile fare confronti con Atom. È invece già possibile comparare i rispettivi valori di thermal design power (TDP), ossia di massimo consumo energetico: ammesso che i due produttori utilizzino un metro di misura equiparabile, da questo confronto sembra uscire nettamente vincitore il chip di Intel. Il TDP di Atom va infatti dagli 0,65 watt del modello a 800 MHz ai 2,4 watt del modello a 1,86 GHz, passando per i 2 watt dei modelli con clock compreso tra 1,1 e 1,6 GHz. Il TDP di Nano va invece dai 5 watt del modello a 1 GHz ai 25 watt del modello a 1,8 GHz.
57 Commenti alla Notizia VIA: il Nano surclasserà l'Atom
Ordina
  • misa c'è un errorino ^^
    non+autenticato
  • chiedo scusa, mi sono informato meglio e ho scoperto che esistono, sono un evoluzione delle SSE3
    non+autenticato
  • quale errore? SSSE3 è l'estensione di SS3
    Inoltre l'SSE4 sta per uscire e AMD ha annunciato l'SSE5.
    non+autenticato
  • Molto apprezzabile ed utile il processore via come i suoi precedenti c7 eden etc.. spesso i migliori sulle vecchie schede madri mini itx e per piccole applicazioni su micro dispositivi anche fanless, PERO' vedere nel 2008 questo tipo di tecnologia e questo tipo di potenza inevitabilmente fa' fare tre passi indietro nel tempo nel regno dell'hardware obsoleto riscoperto. Questo fatto e' piu' di un trend ormai con eeepc, mini-itx, nano, etc.. e' una ondata consolidata di hardware obsoleto che affianca le soluzioni ultranuove e iperperformanti di intel. Il mercato si sta spostando (lentamente) su dispositivi che hanno come (unico) punto di forza l'economicita' a discapito della performance.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Trantor
    > Molto apprezzabile ed utile il processore via
    > come i suoi precedenti c7 eden etc.. spesso i
    > migliori sulle vecchie schede madri mini itx e
    > per piccole applicazioni su micro dispositivi
    > anche fanless, PERO' vedere nel 2008 questo tipo
    > di tecnologia e questo tipo di potenza
    > inevitabilmente fa' fare tre passi indietro nel
    > tempo nel regno dell'hardware obsoleto
    > riscoperto. Questo fatto e' piu' di un trend
    > ormai con eeepc, mini-itx, nano, etc.. e' una
    > ondata consolidata di hardware obsoleto che
    > affianca le soluzioni ultranuove e
    > iperperformanti di intel. Il mercato si sta
    > spostando (lentamente) su dispositivi che hanno
    > come (unico) punto di forza l'economicita' a
    > discapito della
    > performance.

    Non vedo come possa essere negativo.
    Finalmente ci si scosta un minimo dalla mania di avere sempre più potenza, non importa a quali costi e consumi, per fare poi sempre le stesse cose.
    Mentalità dello spreco, ecco come si chiama. Lo stesso discorso vale per le automobili, e per un sacco di aspetti della nostra cultura cretina attuale.
    non+autenticato
  • > Non vedo come possa essere negativo.
    > Finalmente ci si scosta un minimo dalla mania di
    > avere sempre più potenza, non importa a quali
    > costi e consumi, per fare poi sempre le stesse
    > cose.
    > Mentalità dello spreco, ecco come si chiama. Lo
    > stesso discorso vale per le automobili, e per un
    > sacco di aspetti della nostra cultura cretina
    > attuale.
    Per una volta mi hai rubato le parole di bocca...Occhiolino
    non+autenticato
  • > Non vedo come possa essere negativo.
    > Finalmente ci si scosta un minimo dalla mania di
    > avere sempre più potenza, non importa a quali
    > costi e consumi, per fare poi sempre le stesse
    > cose.
    > Mentalità dello spreco, ecco come si chiama. Lo
    > stesso discorso vale per le automobili, e per un
    > sacco di aspetti della nostra cultura cretina
    > attuale.

    Balle, è negativo eccome, perchè prima cominciano a buttare sul mercato un prodotto innovativo con qualche difettuccio (vedi risoluzione troppo schermo bassa), qualche fesso fa l'cquisto in quanto folgorato dall'oggetto. Poi salta fuori lo stesso prodotto con una risoluzione dello schermo più funzionale, il fesso in azione allora comopra anche questo nuovo modello. poi si rende conto che con un hardware di dieci anni fa non riesce a fare tutte le cose che vorrebbe, anche solo aprire il power point di 5 mega per la presentazione significa un'imbarazzante attesa di decine di interminabili secondi ed ecco che dal cilindro magico salta fuori la stessa macchina con un processore di nuova generazione, atom! che ti apre il ppt in due secondi: puf paf! allora: 400 euro il primo pc, 600 euro il secondo e 800 euro il terzo, per un totale di 1800 euro! Ed il tutto senza nemmeno puntare sullo sviluppo della tecnologia, ma semplicemente ripercorrendo in nu anno dieci anni di tecnologia tirata fuori dal cassetto, se non è sprechismo questo, spiegatemi voi!
    non+autenticato
  • quoto in pieno. +1 per VIA!
  • Quotone
  • unico punto l'economicità? infatti l'eee è pesante 5kg è grosso come un comodino ed è brutto da vedere...per fortuna non ti occupi di marketing.
    non+autenticato
  • tu definiresti una soluzione ultranuova la reitroduzione in atom dell' esecuzione "in order" stile 486? mah...
  • - Scritto da: Trantor
    > nel 2008 questo tipo
    > di tecnologia e questo tipo di potenza
    > inevitabilmente fa' fare tre passi indietro nel
    > tempo nel regno dell'hardware obsoleto
    > riscoperto. Questo fatto e' piu' di un trend
    > ormai con eeepc, mini-itx, nano, etc.. e' una
    > ondata consolidata di hardware obsoleto che
    > affianca le soluzioni ultranuove e
    > iperperformanti di intel. Il mercato si sta
    > spostando (lentamente) su dispositivi che hanno
    > come (unico) punto di forza l'economicita' a
    > discapito della performance.

    Questa tendenza è progresso, altro che obsolescenza. Queste sono soluzioni nuove, non antiquate. La ricerca delle performance ad ogni costo è una tendenza superata. Da qualche anno, ormai, l'evoluzione è verso il miglioramento della qualità del prodotto in ogni suo aspetto, in modo particolare sull'uso delle risorse: si stano riducendo gli sprechi.
    Detto questo, le performance non sono certo calate. Esclusi alcuni videogiochi recenti, nessun software richiede desktop equipaggiati con CPU esageratamente voraci di risorse. Ovviamente facendo eccezione per Windows Vista.
    Non solo il mercato ha cambiato direzione, ma l'intero mondo produttivo dell'hardware.
  • Ma il bello è che in questo processo Micro$oft si ritrova un Vista che funziona solo sulle macchine che seguono il trend delle performance, e un XP vecchio e obsoleto sulle macchine che stanno seguendo il trend dell'ottimizzazione e della qualità intrinseca. Settore dove Linux ha il miglior sistema operativo.
    Credo che durante quest'anno e il prossimo ci sarà una diffusione di Linux senza precedenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma il bello è che in questo processo Micro$oft si
    > ritrova un Vista che funziona solo sulle macchine
    > che seguono il trend delle performance, e un XP
    > vecchio e obsoleto sulle macchine che stanno
    > seguendo il trend dell'ottimizzazione e della
    > qualità intrinseca. Settore dove Linux ha il
    > miglior sistema
    > operativo.
    > Credo che durante quest'anno e il prossimo ci
    > sarà una diffusione di Linux senza
    > precedenti.

    Sì, vabbè.
    XP vecchio ed obsoleto ? Ma che dici ?
    XP SP3 funziona perfettamente ed è aggiornato. Che c'entra quando è uscita la prima versione? Nulla!
    non+autenticato
  • ...come sempre. La nuova revisione di Atom multi-core uscirà fra pochi mesi. Intel non sta certo ferma a guardare e su Atom ha investito ingenti risorse, usciranno revisioni anche più rapidamente di Centrino (Core,Core2...)
    non+autenticato
  • Gia'. Peccato che di Atom ce ne siano pochini in giro (fai un salto al Bias per vedere quanti produttori hanno soluzioni embedded basate su Atom _realmente_ disponibili), per cui se Via riuscira' a mettere sul mercato (in produzione reale) la nuova piattaforma, una fetta del mercato se la accaparrera' sicuramente
    non+autenticato
  • Si, e gli Step B3 salgono fino al doppio del B2 su tutti i test, ma poi risalgono di pochi punti percentuale quando gli dicono di dover fare lo stesso confronto con i processori della Intel.

    Cambia disco.
  • forse ti è sfuggita la piccola differenza tra processore out-of-order (come appunto il nano) e in-order (come l' atom)?
    L' atom un modello di esecuzione che si usava non so quanti anni fa (mi pare che l' ultimo processore di intel che faceva così fosse il 486).
    Poi alla fine solo la prova sul campo dirà chi è meglio, io sono contento che esista un' alternativa, magari in certi contesti sarà meglio l' atom, in altri il nano, basta saper scegliere in maniera informata.
  • - Scritto da: chojin
    > ...come sempre. La nuova revisione di Atom
    > multi-core uscirà fra pochi mesi. Intel non sta
    > certo ferma a guardare e su Atom ha investito
    > ingenti risorse, usciranno revisioni anche più
    > rapidamente di Centrino (Core,Core2...)

    Atom consuma meno, ma sulla carta (e non solo) le prestazioni sono inferiori. In attesa di test completi, quelli già effettuati lo confermano.

    Che un'azienda faccia investimenti sui propri prodotti non è una notizia, ma la normalità. Pensi che VIA non investa per lo sviluppo?
  • - Scritto da: www.aleksfalcone.org
    > - Scritto da: chojin
    > > ...come sempre. La nuova revisione di Atom
    > > multi-core uscirà fra pochi mesi. Intel non sta
    > > certo ferma a guardare e su Atom ha investito
    > > ingenti risorse, usciranno revisioni anche più
    > > rapidamente di Centrino (Core,Core2...)
    >
    > Atom consuma meno, ma sulla carta (e non solo) le
    > prestazioni sono inferiori. In attesa di test
    > completi, quelli già effettuati lo confermano.

    Sulla carta anche le CPU AMD "4-core nativi" dovrebbero essere superiori ai 4-core Centrino Core non-nativi di Intel.. tuttavia all'atto pratico non è affatto così. Quindi...

    > Che un'azienda faccia investimenti sui propri
    > prodotti non è una notizia, ma la normalità.
    > Pensi che VIA non investa per lo
    > sviluppo?

    Visti i risultati di VIA possono investire quanto vogliono ma i loro prodotti resteranno inferiori.
    non+autenticato
  • > Sulla carta anche le CPU AMD "4-core nativi"
    > dovrebbero essere superiori ai 4-core Centrino
    > Core non-nativi di Intel.. tuttavia all'atto
    > pratico non è affatto così.

    in base a quale legge dovrebbero essere superiori?

    > Visti i risultati di VIA possono investire quanto
    > vogliono ma i loro prodotti resteranno
    > inferiori.

    lol, brucia che con 100 ingegneri VIA ha fatto un processore che fa più dei tanto strombazzati Atom, per non parlare poi della piattaforma completa (quella che offre attualmente Atom è una ciofeca)...
    non+autenticato
  • - Scritto da: demi
    > > Sulla carta anche le CPU AMD "4-core nativi"
    > > dovrebbero essere superiori ai 4-core Centrino
    > > Core non-nativi di Intel.. tuttavia all'atto
    > > pratico non è affatto così.
    >
    > in base a quale legge dovrebbero essere superiori?

    Se correttamente ingegnerizzati ovviamente sarebbe migliori i core nativi di un'architettura multi-core basata accoppiano dei dual-core.
    Ed infatti Intel con la imminente architettura Nehalem avrà CPU 4-core e 8-core nativi, e per quanto si sa le prestazioni sono aumentante tantissimo rispetto al core Penryn.
    Il problema è tutto di AMD che non ha una qualità di progettazione adeguata per rilasciare prodotti nè al pari nè superiori a quelli in Intel.


    > > Visti i risultati di VIA possono investire
    > quanto
    > > vogliono ma i loro prodotti resteranno
    > > inferiori.
    >
    > lol, brucia che con 100 ingegneri VIA ha fatto un
    > processore che fa più dei tanto strombazzati
    > Atom, per non parlare poi della piattaforma
    > completa (quella che offre attualmente Atom è una
    > ciofeca)...

    Sì, vabbè. Vedrai che VIA non venderà tanto, anche perchè i suoi prodotti mini-ITX a basso consumo costano un patrimonio e non sono per nulla competitivi sul mercato. Prestazioni superiori adesso con la nuova architettura? Tutta da dimostrare.
    non+autenticato
  • > Se correttamente ingegnerizzati ovviamente
    > sarebbe migliori i core nativi di un'architettura
    > multi-core basata accoppiano dei dual-core.
    >
    > Ed infatti Intel con la imminente architettura
    > Nehalem avrà CPU 4-core e 8-core nativi, e per
    > quanto si sa le prestazioni sono aumentante
    > tantissimo rispetto al core Penryn.
    >
    > Il problema è tutto di AMD che non ha una qualità
    > di progettazione adeguata per rilasciare prodotti
    > nè al pari nè superiori a quelli in
    > Intel.

    Che vuoi dire "correttamente ingegnerizzati", i processori hanno due architetture diverse con i loro pro e contro, con i processori AMD che vanno molto forte in ambiti pesantemente multi-thread, ma pagano in ambito desktop.

    Nehalem risolve il gap che c'è con AMD in ambito server, ricopiandone alcune caratteristiche che permettono al Phenom di andare molto forte. Non sperare che Nehalem sia tantissimo più potente di Penryn, anzi in alcuni ambiti potrebbe pagare dazio, e potrebbe esserci una differenza molto piccola rispetto all'attuale architettura.

    Siamo abbastanza Off-Topic, comunque se non sei il solito fanboy e sei interessato ad una discussione tecnica, ti consiglio la lettura di questo bell'articolo:
    http://www.anandtech.com/weblog/showpost.aspx?i=44...


    > Sì, vabbè. Vedrai che VIA non venderà tanto,
    > anche perchè i suoi prodotti mini-ITX a basso
    > consumo costano un patrimonio e non sono per
    > nulla competitivi sul mercato. Prestazioni
    > superiori adesso con la nuova architettura? Tutta
    > da dimostrare.

    VIA non può vedere tanto, per il semplice motivo che non ha le capacità produttive di Intel... finché Intel non uscirà con la nuova piattaforma e continuerà ad affiancare i vecchi chipset ad Atom, VIA sarà molto avvantaggiata.

    Per quanto riguarda le prestazioni, già ci sono benchmark in giro che mettono a confronto le due cpu. Dai benchmark che girano, VIA Nano sarà veloce più del doppio rispetto al C7, ha un rapporto performance/watt migliore degli ultimi core2 e sarà clock-to-clock più veloce di Atom (circa il 30% sugli interi, mentre nei FP la differenza è poca)...
    Non occorrerà comunque aspettare molto per aver confronti completi in vari ambiti di utilizzo e poter fare una comparazione seria ed obiettiva delle prestazioni e del consumo rispetto ad Atom.
    non+autenticato
  • - Scritto da: demi
    > > Se correttamente ingegnerizzati ovviamente
    > > sarebbe migliori i core nativi di
    > un'architettura
    > > multi-core basata accoppiano dei dual-core.
    > >
    > > Ed infatti Intel con la imminente architettura
    > > Nehalem avrà CPU 4-core e 8-core nativi, e per
    > > quanto si sa le prestazioni sono aumentante
    > > tantissimo rispetto al core Penryn.
    > >
    > > Il problema è tutto di AMD che non ha una
    > qualità
    > > di progettazione adeguata per rilasciare
    > prodotti
    > > nè al pari nè superiori a quelli in
    > > Intel.
    >
    > Che vuoi dire "correttamente ingegnerizzati", i
    > processori hanno due architetture diverse con i
    > loro pro e contro, con i processori AMD che vanno
    > molto forte in ambiti pesantemente multi-thread,
    > ma pagano in ambito
    > desktop.

    Quello che hai scritto non vuol dire nulla.


    > Nehalem risolve il gap che c'è con AMD in ambito
    > server, ricopiandone alcune caratteristiche che
    > permettono al Phenom di andare molto forte. Non
    > sperare che Nehalem sia tantissimo più potente di
    > Penryn, anzi in alcuni ambiti potrebbe pagare
    > dazio, e potrebbe esserci una differenza molto
    > piccola rispetto all'attuale
    > architettura.

    Sì, vabbè. Si vede che sei tanto fanatico di AMD da non vedere la realtà.


    > Siamo abbastanza Off-Topic, comunque se non sei
    > il solito fanboy e sei interessato ad una
    > discussione tecnica, ti consiglio la lettura di
    > questo
    > bell'articolo:
    > http://www.anandtech.com/weblog/showpost.aspx?i=44

    Qui il fanatico sei tu. Un articolo del 2004 ?

    Questo è un articolo su Nehalem http://www.anandtech.com/showdoc.aspx?i=3264&p=2

    Da dove avresti dedotto che sarà inferiore agli AMD lo sai solo tu. AMD è alla frutta, in forte crisi finanziaria dopo aver acquisito ATI e non riesce a tirar fuori nulla di innovativo. Ti sfugge il fatto che gli attuali Penryn non hanno nessuna inferiorità rispetto agli AMD, è esattamente il contrario. Ed in AMD sono terrorizzati da Nehalem che aumenterà questa inferiorità di molto, specie Nehalem EX 8-core.
    non+autenticato
  • > > Che vuoi dire "correttamente ingegnerizzati", i
    > > processori hanno due architetture diverse con i
    > > loro pro e contro, con i processori AMD che
    > vanno
    > > molto forte in ambiti pesantemente multi-thread,
    > > ma pagano in ambito
    > > desktop.
    >
    > Quello che hai scritto non vuol dire nulla.

    quello che hai scritto vuol dire che non capisce niente di architetture...

    > > Nehalem risolve il gap che c'è con AMD in ambito
    > > server, ricopiandone alcune caratteristiche che
    > > permettono al Phenom di andare molto forte. Non
    > > sperare che Nehalem sia tantissimo più potente
    > di
    > > Penryn, anzi in alcuni ambiti potrebbe pagare
    > > dazio, e potrebbe esserci una differenza molto
    > > piccola rispetto all'attuale
    > > architettura.
    >
    > Sì, vabbè. Si vede che sei tanto fanatico di AMD
    > da non vedere la realtà.

    Fanatico di AMD, perché? Perché so meglio di te come è fatto e funziona un processore?


    > Qui il fanatico sei tu. Un articolo del 2004 ?
    >
    > Questo è un articolo su Nehalem
    > http://www.anandtech.com/showdoc.aspx?i=3264&p=2

    Ma non sai neanche aprire un collegamento ipertestuale?

    lol, l'articolo del 2004 non sò dove tu l'abbia visto, ma hai le allucinazioni, ti spiego come devi fare:
    vai nel post, troverai il link all'articolo (circa a metà post), dovrai posizionarti col mouse sopra e poi cliccarci su, ti si aprirà l'articolo (datato 12 maggio 2008)... pensi di riuscirci o è troppo difficile?


    > Da dove avresti dedotto che sarà inferiore agli
    > AMD lo sai solo tu. AMD è alla frutta, in forte
    > crisi finanziaria dopo aver acquisito ATI e non
    > riesce a tirar fuori nulla di innovativo. Ti
    > sfugge il fatto che gli attuali Penryn non hanno
    > nessuna inferiorità rispetto agli AMD, è
    > esattamente il contrario. Ed in AMD sono
    > terrorizzati da Nehalem che aumenterà questa
    > inferiorità di molto, specie Nehalem EX
    > 8-core.

    poi mi citi la parte dove ho detto che che i Phenom vanno più forte dei Penryn o di Nehalem?
    Forse hai difficoltà di comprensione, ma io ho detto (cerco di spiegartelo con parole semplici): gli ultimi processori AMD sono costruiti in modo da andare bene in ambiti di multi-threading estremo, quindi in ambito server/cluster dove si sfrutta al massimo il multiprocessore. Nei computer desktop fanno schifo (meno potenza FP, meno cache, algoritmi di predizione meno efficaci di Intel) e non possono essere sfruttati a dovere. Nei serve multi-via AMD distrugge letteralmente i processori Intel, anche gli ultimi Xeon basati su Penryn, e con Nehalem Intel risolve proprio i "problemi" in quest'ambito ricalcando di fatto le scelte fatte da AMD.


    "AMD è alla frutta" è la classica frase copyright dei fan-boy... fai un pò tu
    non+autenticato