Dario Bonacina

Blackberry e Palm su, Apple gių

Un settore in fermento, con l'azienda canadese che sale e quella di Cupertino che scende. E poi c'č il terzo incomodo, che sembra mostrare cenni di ripresa. Motorola in picchiata

Roma - C'è fermento nel mercato USA degli smartphone: le quote di mercato del settore dei cellulari pluridotati e multifunzione stanno mutando, componendo un mix dinamico in cui si muovono nomi consolidati come RIM e new entry come Apple. Alle loro spalle c'è Palm, l'azienda che nel 2007 ha perso più terreno ma per la quale il 2008 sembra essere l'anno della ripresa.

Secondo quanto riferito da Money, le rilevazioni di IDC suggeriscono che il melafonino nel primo trimestre del 2008 si è assestato su una quota di mercato pari al 19,2 per cento del mercato USA degli smartphone. Č quasi un quinto della fetta di torta e non è affatto un cattivo risultato per un'azienda che fino ad un anno fa non era neppure presente sul mercato: secondo Apple, si tratta di 1,7 milioni di unità vendute a livello globale.

Tuttavia, se confrontato col 26,7 per cento conquistato nel quarto trimestre del 2007 (che include lo shopping natalizio), il risultato dei primi tre mesi di quest'anno evidenzia un trend negativo che prevedibilmente è destinato a scendere ancora nel trimestre in corso, dal momento che i consumatori sono in attesa della seconda generazione di iPhone (con supporto alla connettività 3G).
Parallelamente, questo periodo è stato molto più favorevole a RIM, che con i suoi BlackBerry è passata da una fetta pari al 35,1 per cento del mercato (ultimo trimestre 2007) al 44,5 per cento del periodo gennaio - marzo di quest'anno. Secondo Ramon Llamas, analista IDC, è il premio che il mercato ha dato al produttore canadese che offre una gamma prosumer (professional + consumer) in grado di andare oltre il target business - che rimane la clientela di riferimento - e rispondere alle esigenze di utenti più attenti a multimedialità e altre applicazioni.

Riconquista clienti anche Palm, che dal 7,9 per cento dell'autunno 2007 (ottobre - dicembre), un periodo decisamente non positivo per un pioniere del mondo degli smartphone, ha raggiunto il 13,4 per cento nel primo trimestre 2008. "Un ottimo risultato - commenta Llamas - Ha progressivamente guadagnato punti grazie al nuovo smartphone Centro". Certo non è il 23 per cento del primo trimestre del 2007, ma dimostra comunque un miglioramento significativo.

Ad impensierire i primi tre player del settore c'è Samsung, che dal 5,1 di fine 2007 è passata all'8,6 per cento del mercato nel trimestre gennaio - marzo 2008. In questa top five precipita invece Motorola, che dal 7,5 di fine 2007 è atterrata al poco rassicurante 2,6 per cento del primo trimestre 2008.

Dario Bonacina