Network Solutions, rivoluzione domini

VeriSign, che controlla Network Solutions, cederà il controllo del database dei domini .org e .net. Continuerà a gestire i .com almeno fino al 2007. E intanto fa partire le registrazioni dei domini Internet in 70 lingue

Network Solutions, rivoluzione dominiWashington (USA) - Gli accordi non sono ancora stati sottoscritti da tutte le parti coinvolte, ma pare ormai scontato che VeriSign la prossima settimana formalizzi la "cessione" del database dei domini.org e quello dei domini.net, due delle categorie di domini internazionali.

VeriSign, che controlla Network Solutions, azienda acquisita l'anno scorso e leader nel settore delle registrazioni dei domini internazionali, di fatto gestisce anche i database centrali dei domini.com.

Gli accordi che verranno firmati a partire dalla prossima settimana con l'ICANN e il ministero del Commercio americano prevedono la cessione del database dei.org già alla fine dell'anno prossimo mentre gli archivi e la gestione del.net passerà di mano a gennaio 2006.
VeriSign continuerà a gestire gli ambitissimi.com, i domini internazionali più diffusi, almeno fino alla fine del 2007. Ma l'ICANN ha già fatto sapere che intende garantire all'azienda la facoltà di poterli gestire anche dopo quella data.

Va detto che VeriSign non era obbligata a cedere il controllo dei database e sembra l'abbia voluto fare perché sta calando il suo "share" del mercato delle registrazioni e dunque diminuisce anche l'interesse nel gestire un sistemone oneroso. Ma l'azienda non ha alcun desiderio di uscire dal business del settore e ha lanciato la possibilità di registrare domini in 70 lingue.
TAG: domini
5 Commenti alla Notizia Network Solutions, rivoluzione domini
Ordina
  • La notizia è la dimostrazione del fatto che i domini .COM continueranno a contare (e valere) molto, a dispetto di chi li dava per morti. Mentre le altre due categorie (ORG e NET) non valgono un cazzo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: AB
    > La notizia è la dimostrazione del fatto che
    > i domini .COM continueranno a contare

    Assieme a quelli .tv

    > valere) molto, a dispetto di chi li dava per
    > morti. Mentre le altre due categorie (ORG e
    > NET) non valgono un cazzo.

    .org (no profit organization) non sono fatti per valere.

    Io ho un .org e ti assicuro che è una gran manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa che i providers italiani fanno in tutti i modi, da quando c'è google riesco ad usarli anche per i motori di ricerca.

    non+autenticato
  • CD, posso farti 2 domande?

    > Io ho un .org e ti assicuro che è una gran
    > manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa
    > che i providers italiani fanno in tutti i
    > modi,
    1).........in che senso ci speculano?

    da quando c'è google riesco ad usarli
    > anche per i motori di ricerca.
    2).........mi puoi dire come li usi?

    non+autenticato

  • Io invece ho un .caz e sono soddisfattissimo! Mi fa anche i bucato profumato...
    - Scritto da: CD
    > - Scritto da: AB
    > > La notizia è la dimostrazione del fatto
    > che
    > > i domini .COM continueranno a contare
    >
    > Assieme a quelli .tv
    >
    > > valere) molto, a dispetto di chi li dava
    > per
    > > morti. Mentre le altre due categorie (ORG
    > e
    > > NET) non valgono un cazzo.
    >
    > .org (no profit organization) non sono fatti
    > per valere.
    >
    > Io ho un .org e ti assicuro che è una gran
    > manna, nessuno mi ci ha mai speculato, cosa
    > che i providers italiani fanno in tutti i
    > modi, da quando c'è google riesco ad usarli
    > anche per i motori di ricerca.
    >
    non+autenticato


  • - Scritto da: Boggio
    >
    > Io invece ho un .caz e sono
    > soddisfattissimo!


    Per forza: sei finocchio!
    non+autenticato