Capture the Flag, UniMi in finale. Ma senza fondi

Un team dell'UniversitÓ milanese si Ŕ qualificato per il prestigioso concorso annuale di hacking organizzato da DEFCON. I ragazzi possono vincere, ma mancano i soldi per la trasferta. Microsoft Italia conferma a PI: una parte la pagheremo noi

Milano - L'Università degli Studi di Milano (UniMi) è tornata a sfidare le più prestigiose università di tutto il mondo su hacking e sicurezza. Lo ha fatto partecipando alle qualificazioni per il concorso Capture the Flag (CTF) di DEFCON, dove UniMi è riuscita ad entrare nella rosa dei sette team che il prossimo agosto si affronteranno in una sorta di campionato del mondo di hacking.

Con il "nome di battaglia" Guard@MyLAN0, la squadra del Computer and Network Security Lab (LaSeR) di UniMi si è qualificata terza su 371 team partecipanti. La sfida finale è in programma dall'8 al 10 agosto a Las Vegas in occasione di DEFCON 16, prossima edizione della più celebre convention al mondo di hacker.

"Per quanto ne sappiamo, Guard@MyLan0 è il primo team italiano ad essere riuscito nell'impresa di qualificarsi al turno finale del DEFCON CTF", si legge sul sito di UniMi. Lo scorso anno questa stessa università è riuscita a vincere il CTF organizzato dall'Università californiana di Santa Barbara: un contest molto importante ma non altrettanto prestigioso di quello indetto da DEFCON.
Il team Guard@MyLan0 è composto in larga parte dagli stessi membri che lo scorso anno, con il nome di Chocolate Makers, vinsero appunto il CTF.
Purtroppo la partecipazione dei talentuosi ragazzi di UniMi all'evento è in forse: il motivo è la mancanza di fondi per compiere la trasferta transoceanica. Se non troverà al più presto uno sponsor, la squadra milanese potrebbe essere costretta ad abbandonare la sfida, vanificando così tutti gli sforzi fin qui compiuti per qualificarsi all'importante evento statunitense.

"Se siete interessati a sponsorizzare la nostra squadra, scriveteci a defcon08@security.dico.unimi.it. Grazie!". Questo l'accorato appello che campeggia sul sito del LaSeR dedicato al CTF.

Come riporta il giornalista Gigi Tagliapietra sul proprio blog, il denaro necessario per la partecipazione deve coprire il viaggio e il soggiorno di una decina di persone: una somma che evidentemente va oltre le possibilità economiche della università statale lombarda. Sullo stesso blog si riporta anche che Microsoft avrebbe dato la sua disponibilità a finanziare almeno in parte la spesa: Punto Informatico sta contattando la filiale italiana della società per saperne di più.

Update (ore 17,35) - Barbara Minotti, dell'ufficio stampa per la divisione Online Service Group di Microsoft Italia, ha confermato a Punto Informatico che la filiale italiana di BigM si è assunta l'impegno di accollarsi una parte delle spese necessarie per la trasferta a Las Vegas dei 12 membri del team Guard@MyLan0. Al momento l'entità del contributo pecuniario non è ancora stata fissata: l'azienda sta infatti chiudendo il proprio budget, e deve valutare le risorse finanziarie ancora disponibili. Maggiori dettagli sul contributo verranno forniti entro la fine della settimana. Nel frattempo, c'è ancora spazio per altri sponsor.

125 Commenti alla Notizia Capture the Flag, UniMi in finale. Ma senza fondi
Ordina
  • IMHO...

    Ragazzi che si sbattono ed arrivano ad alti livelli tecnologici... AVERCELI! io gestisco delle società in ambito ITC e vi assicuro che trovare gente di talento è difficile!
    Scandaloso è che l'università non trovi i fondi quando di sprechi ne fa e parecchi in cose inutili.
    BTW... Non metterei l'hacking alla gogna anche perchè è grazie a chi "ci prova" che i sistemi vanno via via migliorandosi e la tecnologia evolve. E il "potere" acquisito da un Hacker non è detto che debba per forza essere un male, potrebbe un domani per esempio lavorare proprio in un azienda che tratta tematiche di security, quindi bravi ai giovani italiani, continuate così e non date retta a chi vi dice che è tutto nero e negativo, ci osa e lavora sodo riesce SEMPRE!
  • - Scritto da: cparmy
    > IMHO...
    >
    > Ragazzi che si sbattono ed arrivano ad alti
    > livelli tecnologici... AVERCELI! io gestisco
    > delle società in ambito ITC e vi assicuro che
    > trovare gente di talento è
    > difficile!

    eccomi qua sono 50k all'anno puoi pagare?
    si?
    no? Allora per favore degnaci almeno di stare zitto.
    Perche' c'e' la gente di talento il problema e che c'e' gente che vuole il genio a 1000 euro al mese a progetto.
    Ecco perche' stiamo emigrando


    > Scandaloso è che l'università non trovi i fondi
    > quando di sprechi ne fa e parecchi in cose
    > inutili.

    l'universita' si? e perche' non vi siete mosse voi care aziende italiane alla fervente ricerca di talenti?
    Perche' non li avete sponsorizzati voi invece della Microsoft
    state zitti che fate piu' bella figura.
    I talenti ci sono, se si potesse dire altrettanto di molte aziende ICT italiane!
    O lei ci vuole venire a dire che i suoi dipendenti li paga il giusto?

    > BTW... Non metterei l'hacking alla gogna anche
    > perchè è grazie a chi "ci prova" che i sistemi
    > vanno via via migliorandosi e la tecnologia
    > evolve. E il "potere" acquisito da un Hacker non
    > è detto che debba per forza essere un male,

    e' un male che non si voglia pagare in italia eh?


    > potrebbe un domani per esempio lavorare proprio
    > in un azienda che tratta tematiche di security,
    > quindi bravi ai giovani italiani, continuate così
    > e non date retta a chi vi dice che è tutto nero e
    > negativo, ci osa e lavora sodo riesce
    > SEMPRE!

    Si e voi quanto vorreste pagare per un ragazzo di talento?
    5 euro buoni pasto e tante pacche sulle spalle?
    state zitti che fate piu' bella figura
    In queste aziende conosco uno dei maggiori ragazzi di talento nella security
    1300 euro al mese
    per favore state zitti che e' meglio!
    Io mi auguro che la maggior parte dei talenti se ne vadano
    rimanendo con i dipendenti che meritate

    Ah visto che gestisci tante aziende ITC INCOMINCIA A CHIAMARE BENE COL NOME SUO QUELLO CHE GESTISCI

    ICT NON ITC!


    http://it.wikipedia.org/wiki/ICT
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 09 giugno 2008 20.35
    -----------------------------------------------------------
  • Si ottimo ... ma i suoi dipendenti li paga col solito fisso di 800 euro??
    non+autenticato
  • brao gufo te e i tuoi avete spaccato!! portami una cartolina da las vegas!!! (se vi finanziano!!) se non ci andate è una vergogna!!
    non+autenticato
  • Mi dispiace dirlo, amo il paese dove sono nato, sono costretto a beccarmi la pioggia inglese, ma l'Italia su molte cose non e' troppo diversa dal terzo mondo.

    Ragazzi (riferito al team di UniMI) se aprite un account su paypal vi verso volentieri qualche sterla di contributo (capisco che in questo periodo gli euro sarebbero meglio)!
    non+autenticato
  • E' vergognoso che in italia la ricerca e' considerata una spesa inutile da tagliare e la cultura e' un accessorio che non serve a chi lavora sul serio.
    Trovo assurdo che a finanziare un'iniziativa del genere debba essere un'azienda privata, personalmente se fossi in chi partecipa al torneo rifiuterei l'offerta, non tanto perche' proviene dalla brutta e cattiva Microsoft, quanto come forma di protesta nei confronti di chi non finanzia l'universita' e la ricerca. Per quanto riguarda microsoft bisogna dire che si e' dimostrata intelligente da finanziare chi vale e sfrutta economicamente la situazione, con del ritrono di immagine.
    E chiederei alla Microsoft di finanziare con quei soldi un bel torneo un ctf in italia, per diffondere un certo tipo di cultura anche dalle nostre parti.
    Concludo facendo i complimenti ai membri della squadra, e augurando loro con ormai poche speranze che le cose possano migliorare, l'eccellenza italiana non puo' essere trattata in questo modo.
  • - Scritto da: Paggio
    > E' vergognoso

    Mah, mi sa che il furbissimo sistema Italia si impegna per fare concorrenza ai Cinesi (o ad altri paesi a basso costo manodopera) per produrre roba a bassissimo valore aggiunto (chesso' bulloni? scatole per i fiammiferi? ecc. ecc.), sara' per questo che abbiamo gli stipendi piu' schifosi del mondo occidentale e non si accontenteranno fino a che avremo un potere di acquisto sui 50 euro, allora finalmente saremo un paese in crescita e potremo competere sui peluche da 50 cent ciascuno ...

    Fare concorrenza sulle tecnologie e sui brevetti e' troppo stupido no? Affossiamo la ricerca orsu' e passiamo stipendioni agli ordinari e associati con il tasso di pubblicazioni piu' pietoso al mondo.
    non+autenticato
  • Ma dico io: Il paese sta sprofondando, si parla di innovazione di capacita' di sostegno alla innovazione all'informatica e questi ragazzi non trovano nessuno che gli dia i soldi per un viaggio in aereo e un albergo?
    Mamma mia italia stai messa proprio con le pezze al sedere.


    La microsoft: Sponsorizzati da una azienda americana (guarda caso) Ma io mi chiedo le aziende di informatica italiane sono rimaste solo quelle del subappaltino in soffitta a 800 euro a progetto?
    Mamma mia io sento puzza di crack!

    Complimenti alla microsoft e' la prima volta che per me fa qualcosa di decente per l'hacking etico.
    CIAO
  • - Scritto da: Spectator
    > Ma dico io: Il paese sta sprofondando, si parla
    > di innovazione di capacita' di sostegno alla
    > innovazione all'informatica e questi ragazzi non
    > trovano nessuno che gli dia i soldi per un
    > viaggio in aereo e un albergo?
    >
    > Mamma mia italia stai messa proprio con le pezze
    > al
    > sedere.
    >
    >
    > La microsoft: Sponsorizzati da una azienda
    > americana (guarda caso) Ma io mi chiedo le
    > aziende di informatica italiane sono rimaste
    > solo quelle del subappaltino in soffitta a 800
    > euro a
    > progetto?
    > Mamma mia io sento puzza di crack argentino!
    >
    > Complimenti alla microsoft e' la prima volta che
    > per me fa qualcosa di decente per l'hacking
    > etico.
    > CIAO

    X per la redazione: guardate che Las Vegas e' IN NEVADA
    E NON IN CALIFORNIA.
    PERCHE' NON MI RISULTA NESSUNA SAN FRANCISCO IN NEVADA INVECE.
  • - Scritto da: Spectator
    > Ma dico io: Il paese sta sprofondando, si parla
    > di innovazione di capacita' di sostegno alla
    > innovazione all'informatica e questi ragazzi non
    > trovano nessuno che gli dia i soldi per un
    > viaggio in aereo e un albergo?
    >
    > Mamma mia italia stai messa proprio con le pezze
    > al
    > sedere.
    >
    >
    > La microsoft: Sponsorizzati da una azienda
    > americana (guarda caso) Ma io mi chiedo le
    > aziende di informatica italiane sono rimaste
    > solo quelle del subappaltino in soffitta a 800
    > euro a
    > progetto?
    > Mamma mia io sento puzza di crack!
    >
    > Complimenti alla microsoft e' la prima volta che
    > per me fa qualcosa di decente per l'hacking
    > etico.
    > CIAO

    Ti stupisci per un mancato finanziamento di un viaggio ? Guarda che conosco personalmente dei ricercatori all'unimi... vengono pagati con mesi di ritardo; certi mi dicono che devono andare dal padrone di casa ad elemosinare un posticipo per il pagamento dell'affitto...
    non+autenticato
  • > Ti stupisci per un mancato finanziamento di un
    > viaggio ? Guarda che conosco personalmente dei
    > ricercatori all'unimi... vengono pagati con mesi
    > di ritardo; certi mi dicono che devono andare dal
    > padrone di casa ad elemosinare un posticipo per
    > il pagamento
    > dell'affitto...


    Lo so, eccome se lo so, pero' io personalmente continuo a stupirmi. Se uno non si stupisce piu' ha perso la speranza e a questo non mi rassegno.

    Come diceva qualcuno per il momento se non vuoi morire di fame sono aperte le porte dell'espatrio ma cavolo, non conviene a nessuno, neanche a quelli che prendono gli stipendioni per fare poco o nulla, qualcuno dovra' pure guadagnare la pagnotta per tutti.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)