Arriva Bush, e i cellulari... muti!

Polizia, forze speciali e misure di ultrasicurezza in ogni dove saranno impiegate in occasione della visita del capo di Stato americano. Per l'occasione, i telefoni cellulari saranno ridotti al silenzio

Roma - Comunicazione di servizio per i cittadini romani dotati di telefonino: in occasione della visita del presidente americano George Walker Bush, imponenti misure saranno adottate allo scopo di garantire la massima sicurezza dell'evento.

La capitale brulicherà di poliziotti, carabinieri, vigili urbani e militari. Lo scopo è di mantenere tutto sotto controllo e per questo motivo, in un raggio non ben precisato intorno al passaggio del corteo presidenziale, i telefoni cellulari saranno forzatamente ridotti al silenzio.

Dal momento in cui l'Air Force One atterrerà a Ciampino, cioè alle 16 di oggi, fino alle 13 di venerdì (orario previsto per la partenza), la città sarà coperta da uno scudo di protezione militare e tecnologico.
Come i telefoni cellulari, anche i dispositivi GPS saranno resi inoffensivi e inutilizzabili, attraverso l'utilizzo di una tecnologia a largo raggio che creerà un cono d'ombra intorno al presidente Bush.
5 Commenti alla Notizia Arriva Bush, e i cellulari... muti!
Ordina