Lavoro IT, quando i clienti non pagano

C'è più di un motivo per cui una web agency può arrivare a bloccare il dominio del cliente. La situazione italiana è spesso drammatica. Ne parla un professionista che ora lavora, non a caso, in Spagna

Roma - Caro Punto Informatico, leggendo la lettera inerente alla questione dei sequestri dei siti, io invece voglio portare alla luce la mia esperienza di web developer trasferito o meglio, emigrato in Spagna, proprio per la totale inaffidabilità di parecchi dei miei clienti italiani.

Ho lavorato in Italia sulle piattaforme web dal 1998 come sviluppatore e grafico per parecchi anni, sia sviluppo in ambito web dalla pagina fatta in notepad fino alla pagina utilizzando i più sofisticati prodotti per lo sviluppo web (coldfusion) oltre ad aver fatto sviluppo per CMS personali: PHP Integrazioni Perl/CGI Python eccetera. Prima del passaggio alla legge ex Treu ora Maroni, la situazione era difficile ma non ingestibile per i professionisti, prima ovviamente dell'attuazione delle bodyrental e dei cosiddetti subappalti incrociati.

I Professionisti venivano pagati discretamente e l'ambiente clientelare era gestibile. Con l'avvento di queste leggi via via trasformavano i concetti di professionalità in problemi di riduzione costi grazie a queste cosiddette srl casereccie. E da lì per noi è cominciata la crisi.
I Motivi sono i seguenti.

In primis l'avvento del professionista pagato poco e maltrattato cominciava a diventare una realtà tristissima ma concretissima. Al vecchio cliente non gli importava più la qualità del lavoro o se la persona che produceva un appliance online sapeva cio' che faceva. Abbagliati dai grandi professionisti a poco prezzo, che certi commerciali di tali srl rifilavano ai miei ex clienti, cominciarono a seguire la via dei "saldi" sguarnendo di giorno in giorno il mio portafoglio clienti.

Risultato, dopo questa jungla tutta italiana della flessibilizzazione "co' a pummarola ingoppa" (flessibilizzazione completamente diversa rispetto alla Spagna), noi professionisti eravamo obbligati per non morire di fame ad essere richiamati allo stesso prezzo delle body rental e dei loro "sponsor" per aggiustare i casini che i nuovi professionisti ad un tot al chilogrammo inviano ai miei ex clienti.

Vi posso assicurare che orrori simili erano difficili da vedere: errori sintattici, copia e incolla di pezzi di codice malfunzionante, addirittura uno di questi "prodotti" produceva crash continui al webserver!

Secondo. I pochi professionisti che continuavano a sopravvivere nella giungla del nuovo web, dovevano affrontare ragazzini dal "frontpage facile", nipotini o "nipotine" (con le minigonne e non so se mi sono spiegato chiaramente) che gestivano il portale e che non sapevano assolutamente nulla di nulla, pensando che aver fatto un corso alla regione le metteva nelle possibilità tecniche di sapere cosa stavano facendo.
Tutto questo aggiunto alla difficoltà di competere liberamente con un mercato letteralmente "drogato" dai nuovi signori della IT dall'appaltino facile facile, e da questa mandria di forsennati tuttologi del web che stavano invadendo un mercato florido.

Leggendo la lettera di ieri, mi è venuto un pochino da ridere, leggendo frasi come "aggiustando pc... ho scoperto". Ai tempi miei quelli che aggiustavano i PC non avevano alcuna voce in capitolo, e oggi me ne dispiace per il mio mercato, mandano lettere su presunti siti web sequestrati (sembra l'anonima sarda del web) a quella persona consiglierei di pensare a fare il suo lavoro ed a evitare di trattare di cose che non puo' capire.

Molti miei ex colleghi che hanno agenzie serissime si ritrovano con IL TERRORE di fare un lavoro e di non essere pagati e ogni volta sentirsi dire: senti ma puoi aggiungermi questo? Che ti costa, e ogni volta continuano a pretendere gratis cose che dovrebbero pagare. Io non vado certo dall'idraulico e dopo aver pagato per aver cambiato un rubinetto gli vado a chiedere: visto che ci sei mi aggiusti anche la doccia gratis? Tanto che ti costa, sei già qua! Oppure bloccano tutto perché questi pagamenti a 120-180 giorni non arrivano mai. Insomma sparare a zero su tutto il settore mi pare un tantino esagerato, senza poi avere la visione di insieme che un professionista puo' avere.

Il problema è che in Italia tutti ormai si sentono professionisti, anche il ragazzino di 16 anni che fa il corsetto su come assemblare i PC, e tutto questo grazie anche a leggi appositamente create per creare vantaggi ai soliti e svantaggi a tutto il resto del nostro mercato.

Io ho deciso di trasferirmi qui in Spagna proprio perché ero stanco di tutto questa nuova mistificazione della flessibilità, che è tutta italiana e per nulla europea. Basta uscire dal proprio confine e chiedersi: come mai all'estero questo tipo di aziende da cantina snc non esistono? Come mai le agenzie qui fanno solo intermediazione tra voi e il cliente e non vi chiedono di firmare contratti con loro? Come mai che qui i professionisti vengono pagati come tali?

Se rispondete con sincerità a queste domande riuscirete a capire perché qualche web agency presa dal panico di non essere adeguatamente pagata blocchi l'accesso e i contenuti al sito.

Carlo C.
279 Commenti alla Notizia Lavoro IT, quando i clienti non pagano
Ordina
  • Ciao
    vi segnalo un servizio che permette ai Fornitori di votare i clienti.
    E' una novità interessante. Si chiama virtubuzz.com

    Questo, se utilizzato da un ampio numero di lavoratori autonomi, dovrebbe servire da deterrente ai comportamenti scorretti.

    Andrea
    non+autenticato
  • Io sto lavorando all'estero da quasi un paio d'anni e ho visto che alcune cose non sono così diverse.
    Invece dei body rental ci sono le recruitment agencies che non sono poi tanto diverse. Il subappelto esiste, anche se non ai livelli italiani.
    Però le cose funzionano meglio perchè c'è più trasparenza. Non mai ho dovuto fingere col cliente di far parte dell'azienda che ha preso il contratto.
    Nessuno si è mai sognato di truccare il mio curriculum nei vari passaggi fino al cliente finale.

    In Italia è tutto il contrario. Sono stati proprio questi imbrogli a far crollare il valore dei professionisti. Invece di pensare ai piccoli imprenditori che si affidano consapevolmente ai ragazzini pensate ai responsabili IT delle grandi aziende. Questi pagano un sacco di soldi per avere dei professionisti preparati e si ritrovano pieni di ragazzini alla prima esperienza. Agli fine degli anni '90 quando un responsabile riceveva un curriculum automaticamente sottraeva sei mesi di esperienza. Col passare del tempo la quantità di esperienza da sottrarre automaticamente è aumentata sempre di più. E' ovvio che adesso non si sognano più di pagare tanto per una persona che nel 90% non vale il costo, tanto vale prendere un ragazzino consapevolmente e pagarlo poco.

    In uno degli ultimi lavori che ho fatto in italia ho visto per caso un curriculum, consegnato al cliente, che avrebbe dovuto essere mio. Il commerciale della mia società, siccome non mi conosceva, non aveva perso tempo a farmi domande. Se lo era inventato di sana pianta attingendo dall'esperienza di un mio collega.

    Se proprio si volesse invocare una qualche legge per risolvere la situazione un albo professionale non servirebbe a niente, servirebbe disciplinare meglio i contratti:
    Se il cliente scopre che la persona che ha preso non ha l'esperienza dichiarata il contratto deve poter essere rescisso immediatamente.
    I commerciali che truccano i curriculum dovrebbero essere perseguibili per truffa, e le aziende dovrebbero essere responsabili dei danni in sede civile.
    Allora si che le cose cambierebbero.

    Anche all'estero queste cose possono succedere, ma le risolvono. Dove sto lavorando adesso l'Accenture ha mandato un gruppo di indiani, alcuni molto preparati, altri molto scarsi. Quelli scarsi dopo due mesi sono stati rimandati a casa.
    guast
    1319
  • Come per tutte le cose qua in itaglia il problema è essenzialmente politico.
    Noi viviamo in uno stato gestito (dire governato non mi va proprio) da gente che un giorno si alza dal letto e decide di comportarsi da "padre di famiglia" nei confronti del popolino, insegnando a questo come si vive, come ci si deve comportare, come pensare ecc.ecc.
    Il giorno dopo li troviamo tutti invischiati in porcherie che non si sposano per niente con l'idea che si dovrebbe insegnare alla gente come si vive.
    E' come se un porco volesse insegnare il bon ton a tavola !
    Il politico ruba, incassa la tangente, evade le tasse, prevarica su chi lo coglie in castagna e vuole il dovuto risarcimento, si fa le leggi su misura, così non deve neanche più preoccuparsi per i giorni futuri ecc.
    Il popolino, vede, assiste in modo impotente e quando è intraprendente li prende d'esempio riproponendo nel suo piccolo quello che ha imparato.
    Ecco come si arriva a queste conclusioni.
    D'altro canto chi vuole stare al suo posto ma non per questo è disposto a mettersi 90, progetta contromisure pratiche tipo far west come l'esempio dell'errore turk.
  • Percarita' io non dico che non ti manchi casa, amici e parecchie cose, pero' bisogna fare come stanno facendo molti ultimamente.
    Fuggire il piu' lontano possibile. Anche io l'ho fatto.
    Per i professionisti seri oggi e' l'unica alternativa.
    In italia negli ultimi anni come ha ribadito l'autore c'e una vera giungla.

    La realta' non e' i laureati conto i non laureati ne' combattere le caste con altre caste. Come e' stato ribadito da molti che il problema e' proprio il caos legislativo su cosa debbano fare i recruiter.
    Uno non si puo' svegliare la mattina creare una srl avere qualche contattino nella PA e guadagnare 600 euro al giorno solo perche' ha qualche raccomandazione ed e' ammanicato.
    Ovviamente questa situazione non puo' continuare.
    Io sono scappato. Vengo pagato bene non ci sono questi personaggi tragicomici con le catene d'oro da pappa, niente
    cialtroni che ti scocciano al telefono per quaranta minuti perche' non puoi non accettare la loro "meravigliosa occasione" a progetto e in subappalto.
    Tutta questa gente e' proprio triste, vivono sulle spalle di chi sa fare qualcosa perche' loro non sanno fare nulla.
    Sono fuggito e non me ne pento.
    Aspetto che altri facciano altrettanto. Quando non ci sara' nessuno da sfruttare forse le cose cambieranno.

    Per chi rimane: l'unica soluzione e' non regalare a queste persone la vostra professionalita' qualsiasi sia.
    Dite no.
    E' preferibile essere a casa che abbassarsi a questi inutili parassiti che vivono sulle spalle dell'amico parente con le commesse e poi sulle vostre.
    Con le zecche non si fanno accordi vanno solo sdradicati.
    Non fatevi fregare con la storia che sia divertente o perche' lo fate con passione.
    Questa gente fottervi lo fa per lavoro, voi dovete fare altrettanto io con questo lavoro ci vivo.

    Ma dubito che le cose cambieranno, per colpa della mancanza di palle di chi fa questo lavoro, laureati o meno.
    Io me ne sono andati.
    Per chi resta l'unica solo le mie condoglianze piu' sentite state percorrendo la lenta morte della vostra professionalita' svenduta per un piatto di lenticchie da gente che non meriterebbe nemmeno di pulirvi le mutande.

    Auguri
    non+autenticato
  • Sono perfettamente daccordo con l'autore della lettera.
    Io sono andato all'estero proprio per il problema dei Bodyerentallari soffittari-cantinari come dite voi.

    E' un continuo, li trovi dappertutto (catena d'oro al collo suv) voce suadente faccia da amiconi, ma l'unica cosa che vogliono e mettertela AL C^^O
    stipendi da fame, senza prospettive senza futuro.
    Sempre li stessi discorsi, il mercato e' ingessato, non possiamo aumentare lo stipendio eppure se ti azzardavi a presentare il tuo cv al cliente ti cacciavano a pedate dall'azienda dove svolgevi il lavoro.
    Io mi sono stancato e spero che tanti si stanchino come me.
    La mia felicita' all'estero e stato finalmente il non vedere quelle facciazze di miedda che sorridendo ti offrivano la polta come fosse cioccolata fondente.

    Io sono scappato e spero tanto che lo facciano altri.

    L'italia e un posto per fare turismo non per lavorare.
    Finche' ci saranno queste Body rental soffittare io rimango dove sono.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 44 discussioni)