markvp

La Russia vuole il suo TLD. Cirillico

Per orgoglio nazionale ma anche per ragioni di sicurezza, il Presidente Medvedev spinge per l'adozione del Top Level Domain ".rf". Rigorosamente in cirillico

Roma - Il Presidente russo Dmitrij Medvedev, nel quadro di un'iniziativa del Cremlino tesa a promuovere l'impiego della lingua russa, ha richiamato l'attenzione sull'opportunità di ottenere nomi a dominio in caratteri cirillici.

MedvedevLa preoccupazione del Cremlino deriva dalla graduale influenza nella nazione della lingua inglese e dei dialetti locali, che stanno pian piano prendendo il posto della lingua ufficiale: per l'autorità russa si tratta di una questione di orgoglio nazionale.

Secondo Medvedev, 300 milioni di persone parlano russo e ottenere un nome a dominio in cirillico sarebbe di grande aiuto al supporto della lingua. Un impegno che il Presidente ha sottolineato essere tra le proprie priorità personali.
Al congresso internazionale della stampa russa, il Presidente ha detto: "Dobbiamo far di tutto per assicurarci i nomi a dominio in cirillico. Si tratta di una questione seria - ha sottolineato Medvedev - cioè del simbolo dell'importanza della lingua russa, non di un semplice attrito con gli standard. Ritengo che abbiamo buone possibilità di ottenere riscontro dal mondo della Rete".

Ad oggi i siti Internet russi impiegano il normale alfabeto latino e i Top Level Domain di cui essi fanno uso sono il .ru e, in alcuni casi, il .su (ereditato da Soviet Union). Secondo alcuni esperti, ora il paese chiederebbe un TLD .rf, acronimo di Federazione Russa, ma scritto in cirillico.

La scelta deriverebbe anche da un'altra curiosa circostanza: sarebbe in effetti possibile limitarsi a traslitterare in cirillico il .ru, ma trasformandolo in caratteri latini si otterrebbe .py, che appartiene al Paraguay e, come spiegava il Guardian, ciò esporrebbe la Russia a qualche problema di sicurezza.

Alcune preoccupazioni riguardo all'iniziativa vengono dalle industrie, specie quella dell'intrattenimento: la diffusione di nomi a dominio in cirillico potrebbe rendere più difficoltoso controllare la legittimità dei contenuti in una sfera che, recentemente, ha assistito ad stretta più a fondo della morsa dei controlli.

Tuttavia il russo è una delle sei lingue principali delle Nazioni Unite ed è il sesto idioma più parlato al mondo dopo il mandarino, l'inglese, l'hindi, l'arabo e lo spagnolo.

Peraltro, sul funzionamento non dovrebbero esservi dubbi in quanto l'impiego di caratteri non latini è stato già sperimentato: la Cina ne fa regolarmente uso. Molto probabile, dunque, che il Presidente Medvedev riesca a breve termine nel suo intento.

Marco Valerio Principato

(fonte immagine)
9 Commenti alla Notizia La Russia vuole il suo TLD. Cirillico
Ordina
  • Se paesini minuscoli hanno il proprio TLD non vedo perché la russia non debba avere il proprio in cirillico, non mi sembra una bestemmia, anzi, secondo me è una questione talmente normale ed ovvia che non ci sarebbe nemmeno il bisogno di cotanta attenzione dei media
    non+autenticato
  • - Scritto da: OMG
    > Se paesini minuscoli hanno il proprio TLD non
    > vedo perché la russia non debba avere il proprio
    > in cirillico, non mi sembra una bestemmia, anzi,
    > secondo me è una questione talmente normale ed
    > ovvia che non ci sarebbe nemmeno il bisogno di
    > cotanta attenzione dei
    > media

    La Russia ha già il proprio TLD .ru
    Quello che ora vuole, è ottenere la standardizzazione dei nomi a dominio scritti con caratteri cirillici ( accessibili per lo piu' a coloro che hanno come settaggi della tastiera in cirillico o Windows Eastern Europe -non ricordo l'ISO... ).

    Lo fa per mostrare al mondo che è uno Stato primario e per puro interesse nazionalistico.
    Per questo i media si interessano di questa vicenda... se ci riescono, potrebbe essere poi la volta dei caratteri arabi...
    non+autenticato
  • Il latino è il tuo alfabeto, il cirillico il loro... quindi dove sta il problema? Ti offenderebbe pesantemente la famiglia avere un'altro ennesimo tld nel mondo? Appesantirà il tuo browser? La tua auto consumerà più benzina? Cosa? O è solo il gusto di lamentarti? Se gli arabi vogliono il loro TLD in lingua araba, che problemi ci sono? Mettono insieme 2 server dns e risolvono gli ip da se, mica lo devono chiedere a me ed a te
    non+autenticato
  • - Scritto da: OMG
    > Se gli arabi vogliono il loro TLD in lingua araba, che
    > problemi ci sono? Mettono insieme 2 server dns e
    > risolvono gli ip da se, mica lo devono chiedere a
    > me ed a te

    Uhm...
    Visione un po' semplicistica...

    Per essere raggiungibili da tutto il mondo, i TLD devono essere riconosciuti dai root servers, sulla rete DNS globale. Se si intendono invece pseudo-TLD del tipo ".onion" per Tor, è un altro discorsoSorride
  • Ho semplicemente detto che questa notizia è passata ai Tg russi 20 giorni fa +/-... se questo e' un commento da censurare, ci stiamo avvicinando vertiginosamente alla Cina ragazzi....
    non+autenticato
  • Ma avere entrambi le possibilità no?

    Cioè sia il dominio in caratteri latini che cirillici si risolvono verso lo stesso IP.

    Che problemi tecnici ci sarebbero?
    non+autenticato
  • Augh,

    come mai si "fa la guerra" per affermare la propria Lingua?

    Sappiamo DAVVERO determinare QUALE Lingua potrebbe essere "migliore" di un'altra?

    Oppure vogliamo continuare la nostra spirale discendente verso l'abisso BESTIALE dell'irrazionalità?

    Certo che qualcuno che continuativamente, da circa un secolo, vuole convincerci che SIAMO DEGLI ANIMALI.

    Purtroppo non è così: smettiamola di lasciare spazio alla violenza ed alla sopraffazione.

    Aiutandosi a vicenda si sopravvive meglio che combattendosi.

    Ho parlato

    Nilok
    Nilok
    1925
  • > Ho parlato
    ma non hai detto niente (soprattutto di comprensibile o sensato)

    ps
    a parte il fatto che scrivi e non parli, potresti cambiare il soprannome in Zarathustra, almeno quella frase avrebbe un senso
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nilok

    > Ho parlato

    potevi evitare
    non+autenticato