Alfonso Maruccia

Un tool di Google denuncerÓ violazioni alla neutralitÓ

A Mountain View vogliono scovare i provider che giocano con i filtri per limitare il file sharing e il traffico degli utenti

Roma - Partire lancia in resta all'attacco dei cattivi ISP che filtrano talune tipologie di traffico di rete, fregandosene della net neutrality e dei diritti degli utenti-consumatori. ╚ quello che si appresterebbe a fare Google: il moloch sembra ora convinto di dover sfruttare la propria posizione privilegiata in seno all'economia di rete per salvaguardare il diritto di tutti ad accedere a ogni tipo di contenuti.

Un comportamento cinicamente ambiguo o un afflato idealista teso a difendere quelle caratteristiche all'accessibilità che hanno portato Google ad essere il gigante che è oggi? Affronta l'inevitabile dilemma Richard Whitt, senior policy director della società intervenuto alla discussione "Innovation '08" ospitata presso la Santa Clara University, a poca distanza dalla città di San Francisco.

"Stiamo provando a sviluppare strumenti software", ha rivelato Whitt alla platea, "che permettano agli utenti di capire quello che sta succedendo sulle loro connessioni a banda larga" in modo da permettere loro di accorgersi dell'eventuale presenza di pratiche di traffic shaping da parte dei provider.
La posta in gioco è altissima, avverte il G-man, e non è limitata solo al recente affaire Comcast: "Le forze allineate contro di noi sono reali. Sono in circolazione da decenni. Il loro portafogli è bello gonfio. Hanno forti connessioni con Washington", sostiene Whitt, e per questo, per l'influenza che possono giocare sulle politiche di Capitol Hill, lo scontro andrebbe trasferito sull'unico campo dove ci sono ancora ampi margini di vittoria, vale a dire la tecnologia e il software di rete.

Non vengono forniti ulteriori dettagli sulle tempistiche di rilascio e sul tool in sé, ma Whitt ribadisce più volte la ferma intenzione di Google di puntare i piedi nella sempre scivolosa questione della net neutrality. Un'intenzione che arriva da lontano, ed è suffragata, a parere dell'executive di Mountain View, dallo stesso peso specifico dell'industria che è nata proprio grazie all'espansione del business della società.

"Siamo una società nata e cresciuta sull'innovazione - continua Whitt - Siamo nati dalla Internet di Silicon Valley. Abbiamo avuto la possibilità di dare per scontato il fatto che avremmo potuto innovare in rete senza il bisogno del permesso da parte di nessuno, nessun provider di connettività, nessun eventuale guardiano della rete che provasse a dirci cosa fare".

Ed è proprio in difesa di questo sacrosanto principio alla libertà di innovare e sviluppare nuovi servizi che si muovono decisi i piani alti di BigG, sordi anche alla non indifferente possibilità di salvaguardare l'attuale status quo - adottando una posizione molto più conservativa sulla net neutrality - e quindi la posizione privilegiata di Google stessa nel panorama del web attuale.

Tra gli intervenuti al panel californiano, l'esperto George Ou ha avuto qualcosa da ridire nei confronti della nuova iniziativa di Google. Ou, che si dice fortemente convinto del fatto che una rete non regolarizzata e "moderata" a-là Comcast costituirebbe la fine dello sviluppo e della diffusione di tecnologie video e VoIP, punta il dito sulla policy adottata da Mountain View in Cina, ove Google offre notoriamente risultati di ricerca monchi della terminologia invisa alla propaganda di regime del Partito del Popolo.

Più che neutrale, per Ou la rete dovrebbe essere piuttosto "trasparente", e l'errore di Comcast non è stato tanto voler mettere mano nei bit scambiati dai propri utenti quanto non aver espresso chiaramente, nei propri termini di servizio, la presenza del filtro sul traffico BitTorrent. Ma la trasparenza deve interessare tutti gli anelli della connettività, inclusi i provider di applicazioni come Google. E Google, a parere di Ou, è "'l'unica società americana in questo panel a fare cose ingiuste e a non raccontarlo alla gente". Google filtra i contenuti in Cina, osserva, altro che neutralità apodittica e salvaguardia dell'innovazione.

Whitt risponde però pacato alle accuse di Ou che il filtering di "alcuni termini di ricerca" sul motore cinese non ha nulla a che fare con la neutralità di rete, e che soprattutto in fondo alla pagina web del motore è indicato chiaramente che è attivo il filtro voluto dal governo. "Questa è trasparenza" dice Whitt.

Alfonso Maruccia
18 Commenti alla Notizia Un tool di Google denuncerÓ violazioni alla neutralitÓ
Ordina
  • non e' proprio un bel termine ...

    http://it.wikipedia.org/wiki/Moloch_%28divinit%C3%...

    --- Oggi il termine "Moloch" viene usato per designare un'organizzazione o un qualche ente volto alla distruzione ed all'oppressione. ---

    ciao
    non+autenticato
  • Augh,

    ora dovremmo aspettare l'opinione di goggle per sapere CHI filtra e CHE COSA....

    Peccato che a goggle non gli crede quasi più nessuno.

    Ecco il perchè di tutte queste iniziative volte a ricostruirsi l'immagine perduta.

    Ma credo che nemmeno Indiana Jones possa salvarli.

    Dovevano pensarci prima, potrebbero pensarci ora....SE solo volessero ritornare ad essere un VERO MOTORE DI RICERCA.

    Ma purtroppo si sono, da lungo tempo, trasformati in qualcos'altro....

    Ho parlato

    Nilok
    Nilok
    1925
  • > Ho parlato

    E sarebbe stato meglio se tu non l'avessi fatto. Occhiolino

    Cosa pretendi, che Google faccia *solo* il motore di ricerca? E poi perché?

    D'altra parte, non sei mica obbligato a "aspettare l'opinione di goggle per sapere CHI filtra e CHE COSA....".

    Non capisco proprio di cosa ti debba lamentare.

    Sei triste perché non ci sono alternative valide al motore di ricerca Google? Non ti piace Analytics? Spiega...
    non+autenticato
  • - Scritto da: obbligatori o
    > > Ho parlato
    >
    > E sarebbe stato meglio se tu non l'avessi fatto.
    > Occhiolino
    >
    > Cosa pretendi, che Google faccia *solo* il motore
    > di ricerca? E poi
    > perché?
    Purtroppo oltre al motore di ricerca ci sta solo Adsense, che fa solo il bene di Google e degli affiliati, non dei poveri blogger che mostrano la pubblicità.
    Grazie che i servizi sono legali, avete idea del giro di denaro dettato dalla pubblicità? Prendete come esempio il nostro presidente del consiglio.
    > D'altra parte, non sei mica obbligato a
    > "aspettare l'opinione di goggle per sapere CHI
    > filtra e CHE
    > COSA....".
    >
    > Non capisco proprio di cosa ti debba lamentare.
    >
    > Sei triste perché non ci sono alternative valide
    > al motore di ricerca Google? Non ti piace
    > Analytics?
    > Spiega...
    Google analytics è lo strumento più pericoloso di Google, pensate a quanti dati possiete Google attrraverso solo questo servizio. Se lo facesse MS tutti a dire: ci spiano , ecc, poichè è google, tutti tacciono. Sinceramente i dati di accesso al mio sito (inclusa la provenienza dei click, meglio tenersela stretta nel proprio db).
    non+autenticato
  • - Scritto da: j4w
    > Se lo facesse
    > MS tutti a dire: ci spiano , ecc, poichè è
    > google, tutti tacciono. Sinceramente i dati di
    > accesso al mio sito (inclusa la provenienza dei
    > click, meglio tenersela stretta nel proprio
    > db).

    Ah ah ah ah guarda ciccio che mamma M$ lo fa... esattamente come google e più di quest'ultima o pensi che quando il tuo pc si collega ad internet scambi con m$ soltanto i salutini???
    Loro sanno che sistema usi (HW) quali software usi (SW) quanto li usi e in che occasione, sanno esattamente quante licenze cracchate ai di Windows e a che ora vai a dormire la sera... usare uno snifferino sulla propria macchina ogni tanto farebbe bene ed eviterebbe le solite fesserie.
    non+autenticato
  • > - Scritto da: Nilok

    - Scritto da: Overture

    > Augh,

    En Taro

    >
    > ora dovremmo aspettare l'opinione di goggle per
    > sapere CHI filtra e CHE
    > COSA....

    conta più della tua

    >
    > Peccato che a goggle non gli crede quasi più
    > nessuno.

    si, infatti sono in liquidazione, si stanno vendendo le sedie

    >
    > Ecco il perchè di tutte queste iniziative volte a
    > ricostruirsi l'immagine
    > perduta.

    Il buon vecchio botulino l'hanno messo fuori legge, qualcosa si dovrà pur fare...

    >
    > Ma credo che nemmeno Indiana Jones possa salvarli.

    Logico, sta in pensione. Se tira ancora un colpo di frusta, gliene torna uno della strega...

    >
    > Dovevano pensarci prima, potrebbero pensarci
    > ora....SE solo volessero ritornare ad essere un
    > VERO MOTORE DI
    > RICERCA.

    In alternativa www.scientoooooloooogy.com va bene ?

    >
    > Ma purtroppo si sono, da lungo tempo, trasformati
    > in
    > qualcos'altro....

    Engram ?

    >
    > Ho parlato

    Ho risposto

    >
    > Nilok

    Overture
  • > ora dovremmo aspettare l'opinione di goggle per
    > sapere CHI filtra e CHE
    > COSA....

    mah, se riesci a produrre tool migliori di quelli di google sono prontissimo ad usarli.

    aspetto con fiduciaSorride
  • Se scarico un film ad alta definizione dal Giappone andrò più piano rispetto a un film scaricato da Agrigento. Anche qui c'è una violazione della net neutrality. Dovremmo poter scaricare alla stessa velocità indipendentemente dalla posizione geografica del server.
    Perché non si fa causa al Giappone allora, eh? Perché in Asia ci hanno con le palle in mano ecco perché.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Se scarico un film ad alta definizione dal
    > Giappone andrò più piano rispetto a un film
    > scaricato da Agrigento. Anche qui c'è una
    > violazione della net neutrality. Dovremmo poter
    > scaricare alla stessa velocità indipendentemente
    > dalla posizione geografica del
    > server.
    > Perché non si fa causa al Giappone allora, eh?
    > Perché in Asia ci hanno con le palle in mano ecco
    > perché.
    e' ora di andare a letto, bimbo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: anonimo
    > > Se scarico un film ad alta definizione dal
    > > Giappone andrò più piano rispetto a un film
    > > scaricato da Agrigento. Anche qui c'è una
    > > violazione della net neutrality. Dovremmo poter
    > > scaricare alla stessa velocità indipendentemente
    > > dalla posizione geografica del
    > > server.
    > > Perché non si fa causa al Giappone allora, eh?
    > > Perché in Asia ci hanno con le palle in mano
    > ecco
    > > perché.
    > e' ora di andare a letto, bimbo.

    Potrei essere tuo padre
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Se scarico un film ad alta definizione dal
    > Giappone andrò più piano rispetto a un film
    > scaricato da Agrigento.

    Complimenti, non hai capito un cazzo di cos'è la net neutrality!

    Ma la domanda è... sei così fiero della tua ignoranza da doverla ostentare qui?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vihai Varlog
    > - Scritto da: anonimo
    > > Se scarico un film ad alta definizione dal
    > > Giappone andrò più piano rispetto a un film
    > > scaricato da Agrigento.
    >
    > Complimenti, non hai capito un cazzo di cos'è la
    > net
    > neutrality!
    >
    > Ma la domanda è... sei così fiero della tua
    > ignoranza da doverla ostentare
    > qui?

    Ecco il secondo che non ha il senso dell'umorismo
    non+autenticato
  • http://en.wikipedia.org/wiki/Net_neutrality

    dai una letta, che mi sa che ne hai bisogno Sorride
  • - Scritto da: MircoM
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Net_neutrality
    >
    > dai una letta, che mi sa che ne hai bisogno Sorride

    Ecco il terzo
    non+autenticato
  • ma come non ho il senso dell'umorismo, se ti ho anche risposto con una faccina sorridenteSorride.

    vabe', io non avro' il senso dell'umorismo, ma tu permalosetto lo sei, eh?Con la lingua fuori
  • - Scritto da: anonimo
    > Dovremmo poter
    > scaricare alla stessa velocità indipendentemente
    > dalla posizione geografica del
    > server.

    Non credo centri molto la velocita' di scaricamento. Un server non puo' avere una banda infinita...
    non+autenticato
  • - Scritto da: jfk
    > - Scritto da: anonimo
    > > Dovremmo poter
    > > scaricare alla stessa velocità indipendentemente
    > > dalla posizione geografica del
    > > server.
    >
    > Non credo centri molto la velocita' di
    > scaricamento. Un server non puo' avere una banda
    > infinita...

    Solo 4 che hanno preso questo messaggio sul serio?
    Be' dai pensavo peggio considerata l'ottusità media della gente che gira qui dentro.
    non+autenticato
  • Te lo risolvo io il problema!
    Metti un PC in Giappone e uno in Sicilia e poi li colleghi uno con l'altro tramite una fibra ottica che passa per l'oceano indiano!
    Se vuoi fare ancor di più lo sbooooooooorone, stendi un'altra fibra che fa il giro opposto passando per l'atlantico e il pacifico e ti ritrovi un grande anello su cui puoi scriverai "Il Giro del Mono in 80 millisecondi"

    (ho qualche serio problema vero ?)

    :)
    non+autenticato