C'è un po' di open source in Adobe LifeCycle

L'imminente aggiornamento al software di Adobe per l'automazione dei processi aziendali contiene un repository dal cuore open source. Tra le altre novità, un tool per condividere modelli 2D e 3D in formato PDF

Santa Clara (USA) - Ieri Adobe ha annunciato un aggiornamento alla propria suite di strumenti per l'automazione dei processi aziendali, LiveCycle, estendendone le funzionalità per mezzo di un content repository open source e di nuovi converter PDF.

LiveCycle ES (Enterprise Suite) è una soluzione server integrata che abbina acquisizione dati, protezione delle informazioni, creazione di documenti, gestione dei processi e servizi relativi ai contenuti per semplificare la creazione e la distribuzione di web application business-oriented. Grazie a questo software, che rappresenta un componente chiave all'interno della famiglia di prodotti enterprise di Adobe, la società californiana afferma che le aziende possono ridurre significativamente il consumo di carta, accelerare la capacità decisionale e garantire la conformità ai requisiti normativi.

La nuova versione di LiveCycle ES, la Update 1, include due nuovi componenti LiveCycle Content Services ES e LiveCycle PDF Generator 3D ES. Il primo, sviluppato in collaborazione con Alfresco Software e basato su un nucleo di codice open source, consente di creare processi o applicazioni connessi ai contenuti aziendali preesistenti. Ad esempio, un'azienda può creare un sistema per mettere in comunicazione i produttori con i fornitori di componenti, o per collegare una banca ad altre società di intermediazione finanziaria.
PDF Generator 3D ES è invece uno strumento indirizzato all'industria manifatturiera che consente alle aziende di condividere modelli grafici 2D e 3D in formato PDF. Adobe afferma che questo componente è compatibile con oltre 40 software di CAD.

LiveCycle ES è compatibile con la piattaforma J2EE di Sun e, come tale, può essere eseguito su qualsiasi application server Java. L'ambiente di sviluppo è basato sulla piattaforma open source Eclipse, mentre per la gestione del formato Flash il software si appoggia al framework Adobe Flex. Per la distribuzione dei contenuti dinamici e interattivi, LiveCycle si avvale anche delle tecnologie XML, HTML, Ajax ed AIR.

Adobe ha fatto sapere che LiveCycle ES Update 1 sarà disponibile sul mercato a partire da luglio.
4 Commenti alla Notizia C'è un po' di open source in Adobe LifeCycle
Ordina