Zero9, sicurezza per minori e genitori

L'azienda introduce il Parental Control per rendere controllabile l'uso dei contenuti per cellulare da parte dei minori

Milano - Sempre più minorenni utilizzano cellulari e smartphone, che aprono loro le porte ad ogni tipo di contenuto, "neutro" o vietato ai minori. ╚ in quest'ottica che Zero9, società attiva nella produzione di servizi e contenuti per la telefonia mobile, annuncia l'implementazione del Parental Control, uno strumento per controllare l'utilizzo dei contenuti per cellulare da parte dei minori.

Subito dopo la "Campagna Trasparenza", dove Zero9 ha comunicato la possibilità di disattivare i servizi richiesti in precedenza in modo semplice (basta inviare un SMS con la parola "stop") l'azienda mostra di voler proseguire con una filosofia di tutela dei clienti. Parental Control, spiega l'azienda, è finalizzato a tutelare i minori da un uso scorretto o improprio di contenuti audio/video.

"Zero9 garantirà quindi dei controlli tecnici accurati, per far sì che i minori non si registrino ad abbonamenti di contenuti non adatti alla loro età" ha dichiarato Raffaele Giovine, Amministratore Delegato di Zero9. "╚ sicuramente una nostra priorità, quella dell'implementazione del Parental Control, che per essere attivo sta attraversando una fase di testing accurata; ma la nostra attività, e siamo certi che lo sia, deve essere sicuramente affiancata da un altrettanto attento controllo e affiancamento del minore da parte dei genitori".
La soluzione permette ai genitori di impedire ai figli l'accesso ad un determinato servizio offerto da Zero9. Sarà necessario inserire in un'apposita pagina web il numero di cellulare del telefono affidato al minore, sul quale arriverà un numero PIN che dovrà essere inserito all'interno della stessa pagina web, così da poter disabilitare l'utenza all'accesso ai servizi.

Una disabilitazione che segue la stessa filosofia della disabilitazione via PIN annunciata da Telecom Italia fin dallo scorso anno e che - sempre su richiesta dell'utente e non automaticamente viene introdotta quest'anno in seguito a proteste e segnalazione di utenti e consumatori, nonché su disposizione dell'Authority TLC.